Al via l'era di Office 365

In contemporanea con le altre sedi internazionali, Microsoft Italia ha presentano a Milano il servizio cloud per le aziende. Occhi puntati sulle PMI
In contemporanea con le altre sedi internazionali, Microsoft Italia ha presentano a Milano il servizio cloud per le aziende. Occhi puntati sulle PMI

Milano – “Siamo arrivati al punto in cui la collaboration incontra la produttività, al punto in cui Office si integra con il cloud”: non senza enfasi il presidente di Microsoft Steve Ballmer ha voluto presentare così Office 365. L’occasione è stata il lancio in contemporanea a livello mondiale dell’applicazione cloud destinata alle imprese. Un evento che, per la parte italiana, si è svolto nel pomeriggio di ieri a Milano, con una presentazione di Pietro Scott Jovane e Fabrizio Albergati, rispettivamente amministratore delegato e direttore divisione Information Worker di Microsoft Italia, prima appunto del collegamento via satellite con Ballmer.

L’accento dei due manager di casa nostra è stato incentrato in particolare sul segmento delle PMI (“che generano oltre il 70% del PIL italiano”, ha precisato Jovane), un focus che non è mancato nemmeno nelle parole del boss a livello mondiale della società. “Considerate le difficoltà per far quadrare i conti, che caratterizzano in questa fase molte PMI, l’accesso a soluzioni in abbonamento è il modo migliore per continuare a investire nell’innovazione”, ha aggiunto l’AD italiano. Il servizio è fruibile via Internet non necessitando di un software “in casa” e si integra con i cavalli di battaglia di Redmond lato aziende, da Office a SharePoint Online, da Exchange Online a Lync Online, alle Web Apps.

Visto dall’ottica dell’utente, con Office 365 la casella di posta diventa la porta d’accesso per una serie di servizi, come i contatti, il calendario e la messaggistica istantanea, da condividere a livello aziendale. I prezzi vanno da 1,79 a 25,5 dollari al mese per ciascun utente collegato al servizio.

Ballmer non ha fatto alcun cenno alle voci che lo vorrebbero in uscita dall’azienda, anzi ha ribadito di avere allo studio altri progetti innovativi per i prossimi mesi. Il lancio di Office 365 dovrebbe infatti dare il la a una serie di annunci in arrivo sul fronte mobile dei telefonini e dei tablet, oltre all’atteso Windows 8.
Non è mancato, infine, un cenno ai partner, una costante nelle strategie di Microsoft, che ha sviluppato un ecosistema che include, tra gli altri, system integrator e vendor di software.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

29 06 2011
Link copiato negli appunti