Amazon scommette sull'Italia: 1600 assunzioni

Amazon si prepara ad aprire in Italia 2 nuovi centri di distribuzione, 7 centri di smistamento e ad assumere 1600 dipendenti a tempo indeterminato.
Amazon si prepara ad aprire in Italia 2 nuovi centri di distribuzione, 7 centri di smistamento e ad assumere 1600 dipendenti a tempo indeterminato.
Guarda 29 foto Guarda 29 foto

1600 dipendenti a tempo indeterminato in più: è questa la cifra della scommessa di Amazon in Italia. In un momento nel quale l’indecisione sul futuro e l’indeterminatezza del presente rendono tutto precario e di difficile lettura, il gruppo di Jeff Bezos sembra avere le idee chiare e, sulla scia dell’esperienza vissuta durante il lockdown, ecco fluire nuove risorse proprio sul nostro territorio.

Amazon, 1600 assunzioni a tempo indeterminato

Amazon ha chiuso il 2019 con 6900 dipendenti in Italia e chiuderà il 2020 con 8500 risorse umane sparse sulle 25 sedi esistenti. “Queste nuove opportunità di lavoro“, spiega il gruppo, “sono destinate a persone con ogni tipo di esperienza, istruzione e livelli di competenza in ambiti come lo sviluppo di software, la linguistica, la logistica, le risorse umane e IT presso il nostro Centro Direzionale di Milano, i Centri di Sviluppo di Torino e Asti; il nostro Servizio Clienti di Cagliari; i nostri Centri di Distribuzione, Depositi di Smistamento e magazzini Prime Now, in tutto il Paese“.

Amazon garantisce anche per la qualità del posto di lavoro stesso. Anche in questo caso i primi sei mesi del 2020 sono stati fondamentali, perché la logistica è stata enormemente sotto pressione e non sono mancati i casi di contagio a mettere a rischio i flussi di lavoro. Basti pensare ad esempio al fatto che nel momento più critico della curva della pandemia in Italia, il principale centro logistico Amazon sul nostro territorio era soltanto a pochi km da Codogno, tra i primi epicentri del problema. Il lavoro compiuto in termini di prevenzione ha consentito di portare avanti le operazioni e di garantire al Paese la consegna di quei beni essenziali per i quali il marketplace è sempre rimasto a disposizione.

I nuovi posti di lavoro offrono inoltre opportunità di crescita professionale, una retribuzione competitiva, e un pacchetto completo di benefit, tra cui l’assicurazione sanitaria privata contro gli infortuni e sconti per acquisti su Amazon.it a tutti i dipendenti. Nel 2019, Amazon ha pagato, in media, oltre 17,2 milioni di Euro al mese in remunerazioni e stipendi ai nostri dipendenti in Italia.

Amazon in Italia

Ora è venuto il momento di alzare la posta: pianificati 140 milioni di euro di investimento per la costruzione di due nuovi centri di distribuzione (Castelguglielmo/San Bellino, Veneto, e Colleferro, Lazio), rispettivamente il quinto e il sesto della serie. Già programmata, inoltre, l’apertura di sette nuovi depositi di smistamento (Catania, Cagliari, Genova, Pisa, Brescia, Parma e Milano). Già aperta la Regione AWS per il cloud, dilatando così il perimetro dell’offerta sia verso l’utenza consumer che verso le realtà aziendali.

Amazon è un potente motore di crescita per l’economia italiana. Attraverso l’innovazione, gli investimenti e la creazione di posti di lavoro, Amazon sta contribuendo alla trasformazione digitale del Paese – un processo che è diventato molto più che prioritario per sostenere l’economia in questi tempi impegnativi. In 10 anni abbiamo investito oltre 5,8 miliardi di Euro nell’economia italiana e nei suoi talenti, impiegando stabilmente migliaia di persone che ricevono fin dal primo giorno una retribuzione competitiva e benefit. Sono particolarmente orgogliosa di come il nostro team in crescita e il nostro investimento a favore di clienti e delle piccole imprese italiane contribuiscano alla prosperità dell’Italia, creando migliaia di posti di lavoro aggiuntivi attraverso effetti indiretti e aprendo nuove opportunità per colleghi, partner commerciali, provider di servizi e fornitori

Mariangela Marseglia, VP Country Manager Amazon.it

Fonte: Amazon
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 07 2020
Link copiato negli appunti