Amazon, réclame veggenti

Il negozio digitale brevetta un sistema per predire le intenzioni degli utenti in base ai loro spostamenti. Lo scopo è la somministrazione di offerte pubblicitarie

Roma – Amazon ha ottenuto un brevetto su una tecnologia utile per veicolare pubblicità personalizzata in base alla prossima meta cui un utente di dispositivo mobile è presumibilmente destinato .

La questione del tracciamento e della geolocalizzazione chiama in causa la privacy degli utenti ed è al centro di accese discussioni e polemiche . D’altronde, il poter seguire nei loro spostamenti gli utenti attraverso la triangolazione del segnale telefonico oppure via GPS apre a diverse opzioni più o meno preoccupanti per la privacy degli utenti. E una di queste possibilità sembra essere stata brevettata da Amazon.

Il brevetto numero 8,073,460 , infatti, descrive un “sistema e metodo per fornire advertising basato sui percorsi seguiti attraverso dispositivi mobile”.

I dati geolocalizzati degli utenti di dispositivi mobile possono, secondo la tecnologia rivendicata da Amazon, poter essere analizzati per creare un modello dei spostamenti attraverso cui sembra possibile intuire la prossima destinazione di una persona.

Questa supposizione, naturalmente, ha bisogno di una serie sufficiente di dati consecutivi di spostamenti e può riguardare al massimo una meta già raggiunta oppure un negozio statisticamente legato agli altri già visitati in base a dati aggregati raccolti sugli utenti di un centro commerciale specifico.

In questo modo, comunque, è possibile veicolare contenuti pubblicitari e coupon adatti alla situazione e tagliati su misura dei percorsi dell’utente.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo scrive:
    Speriamo
    Speriamo che tutte queste cause e contro-cause basate sulla fuffa portino ad una vera e proprio rivoluzione delle Patents. Una riforma che impedisca di brevettare l'ovvio ed il generico, e che d'altra parte sia inflessibile e crudele contro chi viola una vera proprietà intellettuale.
  • alvaro scrive:
    era ora
    apple sta cominciando a prendere schiaffoni da tutte le parti...era ora brava samsung.
    • cotton scrive:
      Re: era ora
      beh a forza di tirarli agli altri per sostenere i propri prodotti a oltranza..... ora incomincia a prenderne...... ad ogni azione corrisponde...
    • Mela avvelenata scrive:
      Re: era ora
      - Scritto da: alvaro
      apple sta cominciando a prendere schiaffoni da
      tutte le parti...era ora brava
      samsung.E certo, così inizia una faida infinita...Mah, tanto a perderci sono sempre gli utenti finali!
Chiudi i commenti