AMD: il futuro è nell'efficienza energetica

AMD: il futuro è nell'efficienza energetica

Sunnyvale promette incrementi record nell'efficienza energetica delle proprie CPU x86 da qui a pochi anni. I vantaggi, per gli utenti, saranno sia nelle prestazioni che nella durata della batteria dei sistemi mobile
Sunnyvale promette incrementi record nell'efficienza energetica delle proprie CPU x86 da qui a pochi anni. I vantaggi, per gli utenti, saranno sia nelle prestazioni che nella durata della batteria dei sistemi mobile

AMD non è ancora soddisfatta dell’efficienza energetica che caratterizza le sue ultime unità APU , tanto che la corporation pianifica di migliorare in maniera sensibile questo aspetto nel corso delle future generazioni di processori integrati (CPU+GPU).

Efficienza energetica AMD

Da qui al 2020, promette Sunnyvale, le APU saranno 25 volte più efficienti rispetto a quelle attuali. L’obiettivo viene internamente definito come “25×20”, ed è stato presentato dal Chief Technology Officer (CFO) di AMD in persona (Mark Papermaster) in occasione della conferenza China International Software and Information Service Fair (CISIS).

I 3 miliardi di computer e i 30 milioni di server x86 oggi in circolazione consumano rispettivamente l’1 per cento e l’1,5 per cento del fabbisogno elettrico mondiale di un anno, spiega AMD , per un costo economico stimato tra i 14 e i 18 miliardi di dollari.

Una efficienza energetica superiore di 25 volte a quella attuale porterebbe naturalmente a notevoli risparmi, senza parlare dell’incremento nelle prestazioni e nella durata della batteria per quei sistemi portatili (PC e non solo) che fanno uso dei processori x86.

AMD intende raggiungere l’obiettivo 25×20 attraverso un mix di progressi tecnologici inclusivi di miglioramenti architetturali, nuove tecniche nell’uso “intelligente” dell’energia elettrica e naturalmente un utilizzo esteso delle possibilità offerte dalla Heterogeneous System Architecture (HSA).

Alfonso Maruccia

fonte immagine

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 23 giu 2014
Link copiato negli appunti