AMD, lo chiamavano Bulldozer

3,5 gigahertz, processo produttivo a 32 nm e un Turbo Core di seconda generazione, per le nuove CPU su cui scommette Advanced Micro Devices

Roma – Advanced Micro Devices sta preparando un vero e proprio Bulldozer con cui spianare la concorrenza. Durante l’International Solid-State Circuits Conference di San Francisco nuovi emersi nuovi dettagli sulle prestazioni di questa architettura basata su moduli CPU dual-core, per computer desktop ad alte prestazioni, server e workstation.

Il chipmaker si dichiara molto soddisfatto dei risultati ottenuti riprogettando la FPU (Floating Point Unit), quella parte del processore specializzata nei calcoli in virgola mobile.
Le CPU Bulldozer, realizzate con processo produttivo a 32 nanometri SOI, punteranno soprattutto a ridurre il consumo energetico e saranno compatibili con il socket delle nuove piattaforme server G34.

AMD ha lasciato intendere che il core della versione Orochi sarà in grado di operare al di sopra dei 3,5GHz, con la complicità del Turbo Core 2.0 che aumenterà le frequenze secondo il numero dei core sotto carico, restando comunque dentro il TDP massimo dichiarato. Le CPU saranno anche dotate di funzione Power Gating, in grado di spegnere selettivamente ciascun core X86 per risparmiare le forze.

Ogni modulo dual-core di Bulldozer sarà dotato di 213 milioni di transistor e 2 megabyte di cache L2, in una superficie di soli 31 mm. La condivisione di certe risorse (istruzioni fetch, FPU, cache L2 e unità di decodifica) tra i vari moduli consentirà di aumentare le prestazioni. Inizialmente, l’architettura AMD prevede di unire quattro moduli per arrivare a 8 core fisici ma più avanti arriveranno anche gli Opteron “Interlagos” con 12 e 16 core.

Roberto Pulito

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • cloudscape scrive:
    Re: riflessioni personali
    grazie mille anche del tuo parere ^^eh purtroppo fisica in italia non ha moltissimi sbocchi e anche questo mi aveva portato a considerare ingegneria, anche se comunque sarei disposto ad andare all'estero...comunque il fatto di apple/ibm era un esempio per spiegare meglio cosa intendevo ^^ non ho la pretesa di essere assunto da apple/ibm eheh
  • cloudscape scrive:
    ot - ingegneria elettronica
    Salve :)volevo chiedere a chi magari l'ha studiata o lo sa per lavoro...tutte queste ricerche (di questo articolo ma anche di altri, dove insomma si parla di scoperte nell'ambito della tecnologia che sta sotto tutti gli oggetti tecnologici) sono fatte da persone che hanno studiato ingegneria elettronica ? - chi studia ingegneria elettronica dopo può anche fare ricerca scientifica giusto? e cosa altro può fare un laureato in ingegneria elettronica?- per esempio un (ovviamente molto bravo) ingegnere elettronico può essere assunto da società come apple/ibm/altro per sviluppare l'hardware? (anche se questa non sarebbe proprio ricerca sarebbe sicuramente una cosa appassionante)scusate le domande, ma sono un indeciso sulla facoltà da scegliere (tra fisica e ingegneria principalmente) anche per il fatto che non so di preciso cosa fa ing. elettronica (cioè ho cercato molto su internet, ma le risposte di chi lo fa di lavoro o lo studia sono più utili ^^) perché io sono sempre stato orientato per fisica per il fatto di fare ricerca, ma anche lavorare in questo campo mi piacerebbe molto (ovviamente so che molto probabilmente dovrei andare all'estero)scusate la lunghezza, e grazie mille in anticipo a chi avrà la cortesia/conoscenza per rispondermi ^^ :)
    • Mark scrive:
      Re: ot - ingegneria elettronica
      Un consiglio, iscriviti a questo punto Fisica!
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: ot - ingegneria elettronica
      quoto con chi dice fisica, sto facendo Elettronica & TLC al primo anno a bologna... divertente però sono comunque per ora le stesse cose che ho fatto all'itis elettrotecnica... ma anche per questo credo cambierò l'anno prossimo per altri orizzonti, tra cui anche fisica visto che come vedo sempre più di insegnanti decenti ce ne sono sempre meno (sia superiori che università -momento gossip: stamattina ci fa "allora rivediamo come si scompone un vettore ne I tre componenti.. si dice I componenti", mentre 30 secondi e 23 ehm più tardi ha attaccato con "le componenti" come se nulla fosse-)in ogni caso non so da che zona tu provenga, ma io che sono del trevigiano ho notato che la figura dell'ingegnere (posso parlare per elettronica, elettrotecnica, automazione) per quello che fa nelle aziende è di qualche centimetro sopra al perito, se mi passi l'espressione.. nelle piccole aziende e nelle attività artigianali la differenza non si vede per niente per quanto ho potuto notare... se sei interessato ad un'attività di ricerca o insegnamento io penso consiglierei direttamente fisicaPotrei sbagliarmi, naturalmente ;)
      • cloudscape scrive:
        Re: ot - ingegneria elettronica
        intanto grazie mille ad entrambi per la risposta ^^mi avete fatto ricadere nel dubbio xD nono comunque ingegnere in una piccola azienda così non lo farei (nel senso non mi piacerebbe farlo), a me piace più fare ricerca, non necessariamente teorica (quindi fisica) ma anche come le cose descritte in questo articolo...sarà una scelta dura quando mi dovrò iscrivere...grazie mille per i pareri! =)
        momento gossip: stamattina ci fa "allora
        rivediamo come si scompone un vettore ne I tre
        componenti.. si dice I componenti", mentre 30
        secondi e 23 ehm più tardi ha attaccato con "le
        componenti" come se nulla
        fosselol
Chiudi i commenti