AMD: stiamo tornando

Gli ultimi risultati di bilancio del chipmaker californiano hanno fatto ben sperare, in particolare per la forte domanda dei nuovi Fusion. Sunnyvale spiazzata solo dai bilanci stellari di Intel

Roma – Si tratta di risultati che hanno superato, anche se di poco, le iniziali previsioni degli analisti di mercato. Merito della nuova generazione di chip chiamata Fusion , presentata da Advanced Micro Devices (AMD) nel corso dell’ultima edizione del Consumer Electronics Show (CES) di Las Vegas.

La forte domanda della prima versione dei nuovi chip ha dunque portato i profitti a 8 centesimi di dollaro per azione, praticamente tra i 2 e i 3 centesimi in più rispetto alle previsioni degli analisti. I profitti netti registrati nel primo trimestre d’attività si sono assestati sui 510 milioni di dollari, oltre il 50 per cento in più rispetto allo stesso periodo nello scorso anno .

Le entrate complessive dell’azienda di Sunnyvale hanno fatto dunque registrare un aumento di 2,5 punti percentuali, per un valore complessivo di 1,61 miliardi di dollari . Decisamente in linea con quanto atteso dai principali osservatori di mercato. Che hanno poi sottolineato come AMD sia stata spiazzata solo dai rosei risultati ottenuti dalla rivale Intel.

Nel frattempo, il chipmaker californiano non ha ancora deciso chi sostituirà l’ormai ex-CEO Dirk Meyer, uscito da AMD all’inizio dello scorso gennaio perché in disaccordo sulle strategie annunciate dalla board nell’esplosivo mercato dei dispositivi mobile. I vertici della società starebbero attualmente vagliando i vari candidati.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gaglia scrive:
    A me onestamente pare sensato
    Non capisco quale sia il problema: le società che si occupano di raccogliere i dati degli exit poll, prima di diffondere i dati, non dovranno fare altro che aspettare qualche ora dopo la chiusura dei primi seggi per dare modo di chiudere anche quelli rimasti indietro a causa del fuso orario. Poi che lo facciano tramite radio, televisione o social media che differenza fa? La legge sarà anche vecchia e risalente a un'epoca in cui non c'era internet, ma se il principio di fondo è che gli exit poll possono influenzare chi ancora non ha votato, non vedo perché non dover includere Facebook e Twitter tra i possibili mezzi.Oppure rimettiamo in discussione questo principio e ce ne freghiamo degli exit poll, ma questa è un'altra storia.
    • Funz scrive:
      Re: A me onestamente pare sensato
      Anche a me pare sensato, ma non vedo cosa possano farci con siti residenti all'estero.
Chiudi i commenti