Anche Firefox con H.264. Con un fork

Appena lanciato un progetto su SourceForge che intende realizzare una versione non ufficiale del Panda Rosso. Capace di riprodurre nativamente i video già digeriti dalla concorrenza. Cercasi volontari

Roma – Per colmare la mancanza di un codec H.264 in Firefox, uno sviluppatore ha deciso di effettuare un fork del famoso browser open source. Chiamato Wild Fox , il progetto è attualmente poco più di una bozza su carta: il suo ideatore, Maya Posch, confida nell’aiuto di altri programmatori volontari per iniziare a lavorare sul codice.

È noto come, a differenza di avversarie quali Google, Apple e prossimamente anche Microsoft, Mozilla abbia scelto di escludere il supporto a H.264 dal proprio browser: oltre a non essere una tecnologia open source, caratteristica che cozza con i principi alla base di Firefox, H.264 è soggetto alle salate royalty di MPEG LA .

Sull’home page del progetto Wild Fox, ospitato su SourceForge, Posch fa notare come i brevetti alla base di H.264 siano validi “esclusivamente in un piccolo numero di paesi, inclusi USA e Corea del Sud”: ciò significa che nel resto del mondo, Europa compresa, è possibile utilizzare implementazioni aperte di H.264 senza violare la legge.

Lo sviluppatore intende basare Wild Fox sul codice delle build stabili di Firefox, a partire dall’attuale 3.6.3, e integrarvi quanto necessario per decodificare i video codificati H.264. Tra le opzioni valutate da Pochs c’è l’uso della libreria di codec Libavcodec , sviluppata in seno al celebre progetto open source FFmpeg, o di un framework multimediale generico come GStreamer , anch’esso open source: la prima soluzione permetterebbe agli autori del fork di aggiungere, se necessario, anche altri codec audio e video.

Agli sviluppatori interessati all’iniziativa, Pochs ha lanciato un appello: “Se avete familiarità con il codice sorgente di Mozilla e/o con il C++ e, in aggiunta a ciò, avete già avuto esperienze con le librerie multimediali, siete i benvenuti nel progetto”.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Imp3 scrive:
    cinquanta linQue
    Peccato che ne video, al minuto 1:34 si legga in italiano "Cinquanta linQue".Diciamo che hanno puntato sulla quantità delle traduzioni e non sulla qualità! ^_^
  • latinus scrive:
    Invito a difendere la lingua latina
    Non ho capito bene di che si parla . Quindi azzardo: ci state ad unirvi a me per invitare il Ministro a reintrodurre lo studio del latino nelle scuole medie almeno per un'ora alla settimana? Quanto meno: la Scuola garantisca delle lezioni gratis a coloro che andranno ai licei.Se ci state, fatemelo sapere per telefono ( 339 84 12 017) oppure per e-mail: rcnico@tin.it
  • Sgabbio scrive:
    E' il feticismo del copyright ?
    Dove zittisce video per 10 secondi di audio ?Ho di come la rimozione per copyright va a caso ?
    • angros scrive:
      Re: E' il feticismo del copyright ?
      Intanto, ti trovi gratis un bel po' di canzoni protette da copyright, e non è possibile fermarle: con un po' di fortuna, youtube sarà la tomba del copyright.
Chiudi i commenti