Android, il buttafuori non ci vede

Due ricercatori riescono ad aggirare il sistema di sicurezza aggiuntivo del marketplace androide evidenziando gravi difetti nell'ambiente di testing usato da Google

Roma – Dovrebbe servire come sistema di sicurezza aggiuntivo per la salvaguardia degli utenti e delle “app” legittime del marketplace Android, e invece pare proprio che Google Bouncer non sarà in grado di fermare i malware writer e i cyber-criminali che hanno colonizzano e inquinano l’ecosistema androide.

Evidenziano i non banali difetti strutturali di Bouncer Jon Oberheide e Charlie Miller, due ricercatori di sicurezza (Duo Security) che hanno fatto le pulci al sistema anti-malware scovando un metodo per aggirare i controlli voluti da Mountain View.

Oberheide e Miller hanno aperto una shell remota in comunicazione con Bouncer identificando il modello di dispositivo virtualizzato su cui Google fa girare la piattaforma, la build di Android montata e persino l’ambiente di virtualizzazione usato (QEMU).

Con la possibilità di avere a disposizione tutte queste informazioni, dicono i ricercatori, i cyber-criminali non dovrebbero metterci molto a identificare scappatoie da cui far passare le proprie creazioni e farle approdare sul marketplace: conoscendo l’ambiente virtualizzato e il tipo di dispositivo emulato, per esempio, sarebbe possibile progettare una app malevola in grado di “comportarsi bene” nella macchina virtuale per poi liberare tutto il suo carico distruttivo/criminale nel “mondo reale” dei dispositivi Android non virtuali.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • saverio_ve scrive:
    presentabili?
    Investire tutte queste risorse in cose inutili... mahE se ce la facessero sul serio ? Cosa troverebbero gli alieni ? Una civiltà dove ci sono guerre, genocidi, bambini che muoiono di fame; mentre in altre parti del pianeta si fanno le cene a base di burlesque e si gioca a lanciare messaggi nello spazio.Prima di cercare di conoscere civiltà aliene, mi sforzerei di essere più presentabile.
    • Funz scrive:
      Re: presentabili?
      - Scritto da: saverio_ve
      Investire tutte queste risorse in cose inutili...
      mah
      E se ce la facessero sul serio ? Cosa
      troverebbero gli alieni ? Una civiltà dove ci
      sono guerre, genocidi, bambini che muoiono di
      fame; mentre in altre parti del pianeta si fanno
      le cene a base di burlesque e si gioca a lanciare
      messaggi nello
      spazio.
      Prima di cercare di conoscere civiltà aliene, mi
      sforzerei di essere più
      presentabile."La prova dell'esistenza di vita intelligente nello spazio è che non ha mai cercato di contattarci"Bill Watterson, genio :D
    • Konig scrive:
      Re: presentabili?
      Fin dalla sua nascita il SETI ha presentato il fianco alle più diverse interpretazioni,le opinioni e i pareri personali di tutti quindi scorrono a fiumi.Mi riesce difficile considerarlo inutile,non fosse altro per il calcolo distribuito,una realtà costruita propio dal SETI con il quale collaborare a progetti di ricerca nei più svariati ambiti.Basta procurarsi l'apposito programma e il gioco e fatto,si può contrbuire al SETI o a un qualsiasi altro progetto di ricerca.Anche in campo tecnologico il SETI è all'avanguardia,al punto che l'esercito militare americano ha cominciato a dimostrare qualche interesse,per motivi diametralmente opposti ovviamente,il SETI dal canto suo non può opporre rifiuto più di tanto,vuoi per un discorso di soldi,che comunque la si pensi ci vogliono,vuoi perchè un netto rifiuto potrebbe comportare un atto di forza da parte dell'esercito e chissà con quali conseguenze magari la chiusura totale dell'intero progetto.Quindi chiariamo subito un concetto:è l'esercito militare che ha cercato il SETI,non il contrario,il SETI non ha mai fatto parte di un organo militare.Speriamo solo che il SETI non si faccia scippare la propia tecnologia per scopi meramente militari.Giustamente è stato fatto notare che viviamo in un mondo dove prevalgono guerre,genocidi,e senza andare tanto lontano,cè anche il vicino di casa che ti può accoppare in qualsiasi momento,o che si spendono miliardi di euro per un torneo di calcio in piena crisi economica,dove le nazioni che vi partecipano sono tutte a rischio fallimento,e non si investe un centesimo per le popolazioni che muoiono di fame o delle malattie più assurde,o che comunque dalle nostre non esistono più.Giusto,giustissimo,parole sacrosante,ma non credo che il SETI possa essere accusato di essere causa di tutto ciò,è un progetto in cui ci si può credere o meno,ma alla fine il SETI è solo uno dei tanti modi di fare ricerca,e tutta la ricerca in un modo o nell'altro si accomuna e in modi che non immaginiamo neanche,con un unico obbiettivo,il futuro.Ecco,io il SETI lo vedo in prospettiva futura,per quelle generazioni che verranno e che sicuramente potranno confrontarsi con una tecnologia più evoluta di quella attuale e che porterà sicuramente enormi vantaggi anche in altre ricerche.Però,secondo me,anche il vedere sempre e solo i lati negativi del genere umano non aiuta molto,considerando che nella ricerca,a livello mondiale,ci sono persone che lavorano concretamente per risolvere i problemi dell'umanità,anche se poi la realtà è che servirebbe anche dell'impegno politico,perchè comunque la ricerca non può tutto.Un altra cosa e concludo.Anche il mettersi davanti a un pc per criticare e basta,sinceramente,non mi sembra una gran prova di intelligenza,non tanto di fronte a un eventuale civiltà aliena,che,per inciso,potrebbe pure essere peggio di noi mentalmente parlando,ma anche e sopratutto verso i propi simili.Forse un modo per essere presentabili potrebbe essere un pò di volontariato,informatico o sul campo....secondo me potrebbe funzionare:))
  • prova123 scrive:
    Siete così sicuri ...
    che sia positivo ? Abbiamo già abbastanza problemi e adesso vogliamo caricarci pure gli alieni ?Guardate che ora il SETI ha finalità militari ... http://scienze.liquida.it/focus/2012/01/31/riapre-il-seti-progetto-per-la-ricerca-degli-extraterrestri/tanto per cominciare. :)
  • paul88 scrive:
    Alien
    Tranquilli... tranquilli... a suo tempo arriveremo... e quando arriveremo desidererete non averci mai incontrati... piccoli sorci terrestri!
  • ninjaverde scrive:
    PuffoBurlone
    C'è lo scienziato Puffo Burlone che fa gli scherzi con gli enigmi sul grano! :oE così SETI non trova nulla... :(Ma a parte gli scherzi, non è possibile che una civiltà conosca anche le modalità per viaggiare nello spazio in modi differenti da quello che comunemente conosciamo?Se un antico romano, o anche un personaggio del medioevo vedessero volare i caccia o i droni a cosa penserebbero?A) Che sono allucinazioni.B) Che sono Dei che volano o Angeli sui loro carri.C) Che sono scherzi di vecchietti burloni.(newbie)
  • iRoby scrive:
    Ma non avevano risposto?
    Scusate ma non avevano già risposto a Chilbolton?[yt]lGMeXnQDeBg[/yt]
    • embe scrive:
      Re: Ma non avevano risposto?
      http://www.cicap.org/new/articolo.php?id=273163
      • iRoby scrive:
        Re: Ma non avevano risposto?
        Ah vabbè risposta consistente quella del CICAP...Ma per cortesia, ma l'hai letta bene?
        • embe scrive:
          Re: Ma non avevano risposto?
          Era giusto riportare anche la versione del CICAP per completezza d'informazione... poi ognuno è libero di credere a quel che vuole.Personalmente ho ancora forti dubbi...
          • iRoby scrive:
            Re: Ma non avevano risposto?
            Dai, il CICAP è quello che ha liquidato tutto ciò che è rappresentato Adolfo Gustavo Roll il secolo scorso, col fatto che sono riusciti a riprodurre una delle sue abilità usando i trucchi di un prestigiatore.È un'istituzione di cretini il CICAP, che hanno poco a che fare col vero metodo scientifico.Perché partono dall'assunto che non è vero o è impossibile, e poi tutta la ricerca verte verso la dimostrazione di ciò. Anche a costo di piegare metodi e risultati.
  • TheQ. scrive:
    diranno qualcosa di interessante?
    uff ma perchè avete cancellato il commento sul grande fratello?! cercare di ascoltare la presenza di vita nell'universo è lo stesso concetto di base del grande fratello. Una serie di alieni rinchiusi, distanti dal telespettatore da ascoltare...(ovvero se tutti ascoltano e nessuno comunica, nessuno sente niente....)
  • Metal_neo scrive:
    Un po' troppa fantascienza
    Il progetto di per se è interessante, ma lo vedo in parte come spreco di risorse. Oltre al fatto che per ricevere un messaggio dovremmo trovarci al posto giusto e nel momento giusto. Oltre la fatto che se per puro caso altre civiltà riuscissero a ricevere un nostro segnale, a decifrarlo e rispondere ci vorrebbero così tanti anni che è più probabile che la nostra civiltà sia bella che andata.Ognuno è libero di dedicare come dedicare il proprio tempo risorse, ma una cosa brutta nel sistema del calcolo distribuito (BOINC&co) è che il progetto SETI ha un numero enorme di volontari che mettono le proprie macchine a disposizione. Sarbbe meglio se quelle ore di calcolo andassero verso altri progetti come quelli di worldcommunitygrid.
  • Skywalker scrive:
    Problema temporale
    Il Calcolo della probablità ci è favorevole nell'ipotesi che ci sia vita da qualche altra parte nello spazio.Il problema è che ci è sfavorevole nella loro individuazione.Nei 5 miliardi di anni del nostro sistema solare, NOI siamo in grado di inviare messaggi radio nello spazio abbastanza potenti da si e no 60/70 anni.L'ipotesi forte alla base di questa ricerca è che eventuali forme di vita su altri pianeti, una volta raggiunto il nostro livello di trasmissione, abbiano continuato indefinitamente a trasmettere nei successivi milioni di anni.E' forte tecnologicamente, perché non è detto che non esista una tecnologia migliore di comunicazione (chi ha detto subspazio?) che noi non abbiamo ancora scoperto ma loro si, abbandonando quella attuale.E' forte socialmente, perché ipotizza che la specie trasmittente non si estingua in tempi storici. D'altronde stanno cercando "vita intelligente": se si estinguono in 20/30 mila anni molto intelligenti non dovevano essere...
    • trollolo scrive:
      Re: Problema temporale
      Bhe mica sicuro che tra 20k anni noi saremo ancora qui per esempio :DCmq hai perfettamente ragione, puo darsi che un'altra forma di vita si sia gia evoulta ed estinata.In piu non so quale distanza riusciamo a coprire, penso si tratti cmq di una porzione piccola dell'universo.
    • scienziato scrive:
      Re: Problema temporale
      La formula di Drake è fuffa.
  • uno nessuno scrive:
    ...
    E se ci fossero i Visitors?
    • giorgio maria santini scrive:
      Re: ...
      in realtà, da bravi nerd, stanno cercando proprio la super gnocca di V (la nuova serie dei visitors)...poi pazienza che sotto sotto sia un rettilesi scherza eh
  • TheQ. scrive:
    yuuuuhuuuuu sono quiiiiii
    Poi dicono che il grande fratello non ha influenzato la società moderna...
  • Indeed scrive:
    Re: Io mi preoccuperei di più...
    System Error: The research will now shut down.
Chiudi i commenti