Android in the AIR

Dopo Flash, anche Adobe Integrated Runtime sbarca sul market di Google. Prevista un ondata di applicazioni specifiche, tra utility nuove e porting da altre piattaforme
Dopo Flash, anche Adobe Integrated Runtime sbarca sul market di Google. Prevista un ondata di applicazioni specifiche, tra utility nuove e porting da altre piattaforme

Adobe continua a puntare sul sistema operativo Google destinato ai dispositivi mobile. Dopo il player Flash , ecco arrivare sull’Android Market anche la versione completa di AIR, noto ambiente di sviluppo per applicazioni e widget strettamente legati alla sfera del web 2.0, che non vogliono assolutamente dipendere da un browser.

Da questo momento, gli sviluppatori interessati potranno creare app tutte nuove (basate su tecnologie come Flex, HTML5, CCS3 e AJAX) o magari convertire su smartphone e tablet equipaggiati con OS Google tutti i lavori AIR già realizzati per altre piattaforme. La proposta Adobe AIR vanta del resto un’estrema facilità di programmazione ed una notevole elasticità cross-platform.

Tra i primi porting arrivati sullo store dell’androide troviamo Radar VideoCall . Si tratta di una sfiziosa utility peer to peer , uscita anche per Mac e Windows, che consente di videochiamare gli amici collegati all’account Twitter, passando dalla connessione WiFi o dalla rete dati.

Il download del runtime Adobe è disponibile gratuitamente ma AIR resta compatibile solo con i dispositivi che utilizzano la versione 2.2 del sistema operativo Android, nota come Froyo . Il file da scaricare pesa 5,65 MB compressi che diventano 16,3 MB ad installazione completata.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

12 10 2010
Link copiato negli appunti