Android, nuova frontiera del malware mobile

Testimonianze sui forum Android evidenziano l'esistenza di una falla all'interno del marketplace dell'OS di Google: malware camuffati da app di sistema si fanno strada sui cellulari degli utenti. E magari polimorfizzano

Roma – Il Marketplace di Android conterrebbe una falla di tipo “zero-day”, poco nota ai più ed emersa dopo il bislacco tentativo di test di uno sviluppatore. Dai forum e i gruppi di discussione del mondo androide emerge la spiacevole novità in fatto di (in)sicurezza, grazie alla quale i cyber-criminali potrebbero teoricamente diffondere un malware con una velocità senza pari su tutti i dispositivi basati su Android.

Con buona pace del buttafuori per le app infette , l’exploit involontariamente scoperto dallo sviluppatore lenlight sembra essere capace di bypassare tutti i sistemi di sicurezza del Marketplace: il coder ha creato il mostro noto come “Karoges” provando a caricare una app di test sul il suo account, usando un pacchetto .apk “casuale” come contenitore per il suo test.

La app scaricata e poi modificata per il test era il video player ufficiale incluso in Android e, apparentemente, subito dopo averla immessa in rete, Karoges è finita su centinaia di migliaia di smartphone androidi senza possibilità alcuna di eliminarla dal sistema.

Gli utenti hanno cominciato a temere l’ennesima invasione di malware androide prima che lenlight spiegasse tutto il retroscena, scusandosi inoltre per la sua incapacità di offrire l’aiuto necessario a risolvere il problema.

L’eliminazione del player video farebbe scomparire Karoges dal sistema, ma a quanto pare l’exploit scoperto per sbaglio è già entrato a far parte dell’arsenale dei cyber-criminali attivi nel mondo mobile: due nuove app sospette (una denominata “Lovely Sky Live Wallpaper”, l’altra con un nome in cinese) hanno fatto la comparsa sugli smartphone degli utenti e in questo caso la cancellazione della app non funziona.

Non bastassero gli exploit sul marketplace moderato da Google, infine, Symantec ha individuato una nuova minaccia per Android distribuita esternamente allo store ufficiale: Android.Opfake è un malware “polimorfo” che prova a camuffare la sua vera natura modificando i file presenti nel pacchetto della app infetta.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paoloholzl scrive:
    Un po di fiducia ... attendere prego
    Le dichiarazioni sentite sono assolutamente condivisibili.Certo tutto dipenderà dalla concreta realizzazione che sia veramente in linea con quanto dichiarato.In ogni caso non fasciamoci la testa prima di essercela rotta.Lamentarsi ora non ha molto senso a mio parere, anzi ...
  • pippo cammello scrive:
    formato open
    immagino già il formato open che verrà utilizzato.Office Open XML, tanto è standard ISO/IEC 29500.peccato che nemmeno l'implementazione M$ rispettaal 100% lo standard....
    • lol scrive:
      Re: formato open

      immagino già il formato open che verrà utilizzato.
      Office Open XML, tanto è standard ISO/IEC 29500.
      peccato che nemmeno l'implementazione M$ rispetta
      al 100% lo standard....beh M$ lavora sempre nella fascia grigia degli standard, mirando allo "standard de facto"
  • iRoby scrive:
    Per ora la rete
    Intanto dateci una rete decente, che funzioni e sia veloce... Poi vedremo noi quali applicazioni farci andare su.In un altro post avevo messo quest'immagine, una media ADSL in Polonia, sfido chiunque in Italia ad avere questa banda. Notare anche il ping...[img]http://img59.imageshack.us/img59/3383/1705299971.png[/img]Stiamo messi male in quanto ad Internet. Ma il mio sospetto è che tenere questo paese indietro sia non nell'agenda digitale dei nostri politici, ma dei loro padroni, che non siamo certo noi votanti.Questo paese ha sempre arrancato su tutto, è stato tartassato e taglieggiato per decenni come fosse una specie di colonia dell'Alleanza Atlantica anglofona...Con una Germania che ci vorrebbe completamente romanizzati (come la Romania), per poterci colonizzare, e sfruttare a proprio piacimento.Profumo non è che un altro cameriere dei poteri finanziari che hanno già un programma su questo paese.E se il programma sarà di dotarlo di reti valide, sarà forse solo per la futura colonizzazione industriale e finanziaria che avrà bisogno di questi servizi quando qui lo status sociale sarà distrutto e saremo tutti stati trasformati in gente affamata disposta a farsi sfruttare in condizioni di lavoro da cinesi!
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Per ora la rete
      - Scritto da: iRoby
      In un altro post avevo messo quest'immagine, una
      media ADSL in Polonia, sfido chiunque in Italia
      ad avere questa banda. Notare anche il
      ping...Sfidi?Fastweb:Fibra ottica (FTTH), solo per gli edifici coperti direttamente dalla rete in fibra Fastweb (15 città italiane). Velocità: 100 Mbit/s in downlink - 10 Mbit/s in uplink (configurabili a seconda del piano sottoscritto).
      • iRoby scrive:
        Re: Per ora la rete
        Parliamo di ADSL consumer...
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Per ora la rete
          - Scritto da: iRoby
          Parliamo di ADSL consumer...Tu mi hai detto sfido ad avere questa banda, non sfido su ADSL consumer (fra l'altro l'importante è la banda che arriva non se ADSL o fibra o pincopallo) e comunque fastweb da tempo offre 100 megabit anche ai privati e non proprio a quattro gatti.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Per ora la rete
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: iRoby

            Parliamo di ADSL consumer...

            Tu mi hai detto sfido ad avere questa banda, non
            sfido su ADSL consumer (fra l'altro l'importante
            è la banda che arriva non se ADSL o fibra o
            pincopallo) e comunque fastweb da tempo offre 100
            megabit anche ai privati e non proprio a quattro
            gatti.4 gatti, peccato che la sua fibra ottica non sia cosi capillare, che anche nelle grandi città ci sono aree scoperte.Per non parlare che fastweb ha dei fastidiosi problemi di nat.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Per ora la rete
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            - Scritto da: iRoby


            Parliamo di ADSL consumer...



            Tu mi hai detto sfido ad avere questa banda, non

            sfido su ADSL consumer (fra l'altro l'importante

            è la banda che arriva non se ADSL o fibra o

            pincopallo) e comunque fastweb da tempo offre
            100

            megabit anche ai privati e non proprio a quattro

            gatti.

            4 gatti,
            peccato che la sua fibra ottica non sia
            cosi capillare, Affatto gli abbonati in fibra sono tanti
            che anche nelle grandi città ci
            sono aree
            scoperte.Grazie che scoperta. Lo sai che se vai a Londra, non in mezzo all'oceano, ci sono delle zone dove neanche se preghi in cinese ti danno una ADSL decente?
            Per non parlare che fastweb ha dei fastidiosi
            problemi di
            nat.Se fai il passaggio alla 100 megabit o sei nuovo abbonato ti danno l'ip pubblico e a parte questo il "fastidioso problema" non lo sente nessuno a parte chi vuole usare il suo PC con contratto da privato come servizio di hosting.
          • pulce scrive:
            Re: Per ora la rete
            mettila come vuoi, ma io fastweb non ce l'ho, perché non sono in una grande o media città, e londra non fa testo perché son messi solo un po' meglio di noi in GB, ma mica poi tanto (se bloccassero da noi come bloccano là ci sarebbe la rivoluzione..)
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Per ora la rete
            - Scritto da: pulce
            mettila come vuoi, ma io fastweb non ce l'ho,
            perché non sono in una grande o media città,Ok, ma l'argomento era: sfido chiunque in Italia ad avere questa banda
          • pulce scrive:
            Re: Per ora la rete
            beh, nell'europa dell'est hanno adsl che viaggiano di più delle nostre connessioni a cavo da 10 mbit.. non ti fa un po' incacchiare la cosa?
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Per ora la rete
            - Scritto da: pulce
            beh, nell'europa dell'est hanno adsl che
            viaggiano di più delle nostre connessioni a cavo
            da 10 mbit.. non ti fa un po' incacchiare la
            cosa?Non tanto perché la mia zona è coperta dalla fibra ottica da 12 anni.Però non bisogna neanche fare gli esempi con nazioni completamente diverse dalla nostra per dimensioni, densità di popolazione, età della popolazione e tipo di economia. Prendi ad esempio la Svezia, metà della popolazione sta a Stoccolma, è anche più semplice darla alla maggior parte della popolazione.
          • hermanhesse quello Tost0 scrive:
            Re: Per ora la rete
            Ah beh!Se sei a posto tu, siamo a posto tutti.Ma come razzo ragioni?
          • aggia scrive:
            Re: Per ora la rete
            Mi pare ragioni in maniera....ragionevole.Ad inizio discussione è stato proposto un paragone con un paese meno avanzato del nostro, su di un caso puntuale. Dr Staranamore ha risposto con un altro caso puntuale che smentisce il confronto con quel paese, e in generale ha ripostato anche il paragone con un paese economicamente più avanzato.Insomma, c'è poco da fare i talebani: la sfida dell'infrastruttura di rete nessuna l'ha ancora vinta appieno, e l'Italia come molti altri paesi ha zone di eccellenza come zone di totale abbandono.
          • iRoby scrive:
            Re: Per ora la rete
            Io vivo in pianura, tra Verona e Mantova. Da me ADSL nulla. Ho dovuto fare un contratto Hiperlan e i tagli sono 3/0,256, 5/0,384, 7/0,512, 20/1Mbit/s. Ci sono anche tagli simmetrici.Anche con quello minimo da 3M la sincronizzazione è 2,5M ma molto costante e stabile con ping <60ms. Migliore di tante ADSL spacciate per 7Mb ma che raramente superano i 3-4. Vodafone addirittura su 7M ti da 1,3-1,5 e pure molto instabili (su ADSL non su chiavetta) e con ping indecenti.Chi parlava di UK e Londra, vorrei ricordare che lì dove non arriva l'ADSL in zone cittadine, ci sono numerose reti civiche WiFi, perché non hanno avuto blocchi con leggi farlocche come le nostre che sono state studiate per non intaccare gli interessi delle TLC.Riguardo a fastweb è una minoranza di utenza che vive in aree urbane fortunate, tutte grandi città importanti e solo in zone dense di utenza professionale e aziendale o privata ma borghese.L'articolo di Profumo parla di sviluppo del paese. Ovvio che l'utenza professionale e commerciale ha tecnologie wireless Hiperlan e custom pre-Hiperlan e pre-Wifi, o HDSL, fibre ecc. Da prima che si diffondesse Internet capillarmente. E che anche adesso ha tecnologie e contratti che l'utenza consumer non ha se non si trova nelle aree commerciali/industriali e non può permettersi quei tagli di banda.
          • mmmm scrive:
            Re: Per ora la rete
            servizio di hosting? è una metafora? l'ip pubblico è utile per il P2P, utilizzato legalmente per varie cose, tipo le patch dei giochi senza caricare eccessivamente i server, per accedere dall'esterno al tuo pc in remoto, o videosorveglianza....Non che sia indispensabile sempre ma rende molto più semplici certe operazioni
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Per ora la rete
            - Scritto da: mmmm
            servizio di hosting? è una metafora? l'ip
            pubblico è utile per il P2P,Infatti con fastweb è noto che pochi utilizzino il p2p
            utilizzato
            legalmente per varie cose, tipo le patch dei
            giochi senza caricare eccessivamente i serverGuarda che bittorrent funziona anche con l'ip privato. Ma se proprio vuoi hai 20 ore di ip pubblico gratuite. A parte questo il tuo mi sembra proprio tirato per i capelli come esempio.
            ,
            per accedere dall'esterno al tuo pc in remoto, o
            videosorveglianza....
            Non che sia indispensabile sempre ma rende molto
            più semplici certe
            operazioniDai la videosorveglianza non interessa a nessuno. Se la devi fare per la ditta invece basta fare il contratto aziendale e ti danno sia l'ip pubblico che 100 megabit simmetrici.Mentre per il PC in remoto ci sono dei metodi per accedervi, comunque roba che interessa lo 0,0001% della popolazione.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Per ora la rete
          contenuto non disponibile
    • Massimilian o Uguccioni scrive:
      Re: Per ora la rete
      [img]https://lh6.googleusercontent.com/-2gfbyQP6qeQ/TzOMH_57LQI/AAAAAAAAEWQ/unGz2t8J3dI/s307/testdls.PNG[/img]Pronti.. adsl 20mb Telecom, su lan con 15 pc connessi regione: Marchecittà: Pesaro :)... quello che vorrei far notare, che è questi lavorano, si, sul digital divide, e ok, ma intanto lasciano l'infrattuttura la stessa di adesso.Quindi, ergo, aggiorneranno la nazione con una connessione obsoleta, per poi farne un upgrade ? O.o'Così spediamo 2 volte sul 40%...Ma poi vorrei far notare che lo stato è privo di infrastrutture proprie, in quanto il governo Prodi, all'epoca della privatizazione dell'allora Sip, svendette di fatto tutte le linee. Quindi di quali infrastrutture stiamo parlando ?a. costringeranno Telecom ad aggiornare le linee ?b. costringeranno gli operatori a connettere zone per loro poco interessanti ?c. lo stato creerà nuove linee per connettere il pese ?
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Per ora la rete
      contenuto non disponibile
    • crow scrive:
      Re: Per ora la rete
      Casa mia con ADSL tiscali.con Speedtest:11 Mb/s in down0.77 Mb/s in up22 pingCi sono connessioni anche superiori alla mia, basta avere la centrale più vicina.Saluti
  • sfontana scrive:
    open data
    ci sono un paio di passaggi che non mi sono chiari:1) "realizzazione di un'amministrazione pubblica trasparente ed efficiente che sfrutti le risorse del cloud computing per la condivisione di dati e risorse e l'adozione di standard "aperti e interoperabili"Sembra quasi che senza cloud computing non si possano condividere dati ed adottare standard aperti ed interoperabili; mah!2) "Si è preso il tempo per spiegare che il concetto di open data va oltre alla semplice intenzione di rendere disponibili i dati online: parte piuttosto dal principio che questi devono essere liberamente scaricabili in formati accessibili dagli utenti che in questo modo li possano "lavorare"."rendere disponibili i dati on-line" non significa già "liberamente scaricabili in formati accessibili dagli utenti che in questo modo li possano "lavorare" ?quindi, di che si parla ?
    • aggia scrive:
      Re: open data
      - Scritto da: sfontana
      "rendere disponibili i dati on-line" non
      significa già "liberamente scaricabili in
      formati accessibili dagli utenti che in questo
      modo li possano "lavorare"
      ?

      quindi, di che si parla ?No, non è proprio la stessa cosa. Un esempio: i dati di presenze turistiche in una Regione, possono essere "disponibili on-line" in una una relazione di resoconto, poniamo in formato pdf, scaricabile dal sitoBen altra cosa è pubblicare questi dati in un formato strutturato ed accessibile (niente di fantascientifico, pensiamo ad un .csv) così da renderli "liberamente scaricabili in formati accessibili dagli utenti che in questo modo li possano lavorare."
      • sfontana scrive:
        Re: open data
        visto così hai ragione.Ero partito dall'idea che parlando di Open Data, di default i dati fossero ... puri dati.S
        • aggia scrive:
          Re: open data
          - Scritto da: sfontana
          visto così hai ragione.
          Ero partito dall'idea che parlando di Open Data,
          di default i dati fossero ... puri
          dati.:)Aggiungo che questa idea pur essendo la principale forza degli OpenData, ne risulta anche il limite: la nozione di dato "puro" è solo teorica, ogni dato porta con se uno strato di semantica che ne determina il significato.Quindi l'accessibilità al dato tenderà ad un limite teorico, che però non può venire raggiunto.
  • Valeren scrive:
    Bene. Benissimo!
    La priorità sarà... Quale?Visto che per loro [ LORO ] non è l'infrastuttura ma il fatto che il 40% non sappia cosa farsene, che faranno?Suggeriranno l'uso nel varietà del sabato?Vorrei anche capire quel 40% di autoesclusi da dove l'abbiano determinato e come.Il passaggio al cloud equivale ad un suicidio, almeno l'open ma bisogna valutare bene il supporto.In ogni caso, nella migliore delle ipotesi non cambia nulla.Bella innovazione.
    • grubbolo scrive:
      Re: Bene. Benissimo!
      - Scritto da: Valeren
      Vorrei anche capire quel 40% di autoesclusi da
      dove l'abbiano determinato e
      come.Quel 40% è semplicemente la percentuale di Italiani che non ha acXXXXX a Internet.Profumo sostiene che non sia perché le reti fanno XXXXXX, perché l'ADSL non raggiunge nemmeno tutto il territorio nazionale, perché le Wi-Fi aperte siano una chimera, ma semplicemente perché il 40% degli Italiani (ovvero 20 milioni di persone circa) non sappia che farsene di quelle "ottime" infrastrutture che già ci sono...
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Bene. Benissimo!
      In realtà il cloud è un'ottima soluzione per la PA. Sono anni che esistono suluzioni di questo tipo (ben prima che il marketing inventasse la parola cloud che non vuol dire nulla). Il grosso problema ora sono i costi e le infrastrutture. Le PA in particolare gli enti locali hanno troppi dati per metterli in un server remoto, i costi di noleggio sarebbero spropositati. Inoltre con le linee che abbiamo la latenza di acXXXXX ai dati sarebbe imbarazzante...
  • lock3r scrive:
    Bah!
    Sai che risate quando non funzionerà niente e la gente sarà inferocita?:DW l'ItaGlia!
    • aggia scrive:
      Re: Bah!
      - Scritto da: lock3r
      Sai che risate quando non funzionerà niente e la
      gente sarà inferocita?...
      W l'ItaGlia!Se la cifra dell'Italia è nei commenti gnègnè, dubito che mai funzionerà qualcosa. Grazie lock3r, sei stato davvero utile.
      • Cosetto scrive:
        Re: Bah!
        - Scritto da: aggia
        - Scritto da: lock3r

        Sai che risate quando non funzionerà niente e la

        gente sarà inferocita?
        ...

        W l'ItaGlia!

        Se la cifra dell'Italia è nei commenti gnègnè,
        dubito che mai funzionerà qualcosa. Grazie
        lock3r, sei stato davvero
        utile.Aggia, Non che tu vinca nel confronto con lock3r, eh?
  • Trincialleg ra scrive:
    Prevedo ..
    .. il solito magna-magna all'italiana :(Che senso ha dare soldi a piccole o grandi imprese, quando il problema è infrastrutturale? Saranno sempre i soliti noti a prendersi i soldi pubblici, poii si lamentano per non ci sono mai fondi per niente.Sul "cloud" stendiamo un velo pietoso: le ultime vicende internazionali hanno dimostrato (non solo quelle del ciccio-mega, ma anche le varie intrusionipassate e presenti) che far custodire dati da altri su server che possono essere bucati o resi inaccessibili dall'oggi al domani, non c'è da fidarsi.P.S. a proposito di confiltti di interesse, il ministro Profumo è ancora consigliere di amministrazione di Telecom Italia?
    • Trincialleg ra scrive:
      Re: Prevedo ..
      Beh poi l'abuso di "buzzwords" è indicativo del fatto che "sotto il vestito niente", è tutto fumo markettaro e poca sostanza .. come altre cose di questo governo del resto ...
      • bubba scrive:
        Re: Prevedo ..
        - Scritto da: Trincialleg ra
        Beh poi l'abuso di "buzzwords" è indicativo del
        fatto che "sotto il vestito niente", è tutto fumo
        markettaro e poca sostanza .. come altre cose di
        questo governo del resto
        ...io odio le buzzwords, ma faccio notare che Tamburrino scrive "cloud computing" citando l'art. di Repubblica, ma in quell'articolo la mefistofelica buzz NON C'E. La paura del politico che poi finisce per alimentare il solito magnamagna e' SEMPRE giustificata (e la faccenda delle smart city dando i soldi al sud capisco che...) ... ma Profumo non e' come quel Xazzone di Stanca che aveva pescato fuori il berlusca a suo tempo.... il tempo dira' se gli tarpano le ali prima di cominciare, o qualcosa di buono lo combinera'...Certo questa frase pescata dal sudetto art di Repubblica, mi piace molto:Q: Lei punta molto sulla disponibilità dei dati pubblici: un sito nazionale c'è ma non è ancora decollato. Perché?A: "L'Open Data è un problema di cultura. Mettere un documento in Rete è utile solo se i dati sono scaricabili e riutilizzabili da tutti. Così i dati generano altri dati e può nascere un'economia di applicazioni civiche. Quante applicazioni per telefonino c'erano un anno fa? E oggi? E' una cosa che sai dove inizia ma non dove finisce".Uno pensa ai "dati" come se questi dovessero essere solo i numeri del censimento o robba simile... ma non e' affatto detto... c'e' tutta la faccenda museale & beni culturali propriamente detti che, volendo, potrebbe muoversi dallo status di "privatizziamo la cultura" di stampo Urbaniano (yikes, chi ricorda il ministro della galera per chi copia un bit?) che potrebbe avere uno scossone, per dire... se gli affamati del copyright & co fossero ridotti a + miti consigli
        • grubbolo scrive:
          Re: Prevedo ..
          - Scritto da: bubba
          Profumo non e' come quel Xazzone di Stanca cheStanca è stato (cito da Wikipedia perché non ho voglia di scrivere) "nel gruppo IBM sino al marzo 2001, ricoprendo incarichi in Italia, in Europa e negli Stati Uniti tra cui: presidente e amministratore delegato della IBM Italia, componente del comitato mondiale di gestione della società, vice-presidente del gruppo e, negli ultimi anni di attività in IBM, è stato presidente e direttore generale della società con sede a Parigi, responsabile delle operazioni nei paesi dell'Europa, Medio Oriente ed Africa."Tu che hai fatto per poterlo definire un caxxone pescato chissà dove?Non hai pensato che già a lui hanno tarpato le ali?
    • _bubu_ scrive:
      Re: Prevedo ..
      - Scritto da: Trincialleg ra
      .. il solito magna-magna all'italiana :(

      P.S. a proposito di confiltti di interesse, il
      ministro Profumo è ancora consigliere di
      amministrazione di Telecom
      Italia?Complimenti, bell'autogol :-PTipico commento all'italiana, potresti approfondire prima di insinuazioni maliziose...Per tua informazione: "In data 16 novembre 2011, il Professor Francesco Profumo, a seguito della sua nomina a Ministro dell'Istruzione, Università e Ricerca, ha rinunciato alla carica di Consigliere di amministrazione della società vista l'incompatibilità col nuovo incarico."(http://www.telecomitalia.com/tit/it/governance/board_of_directors/composition.html)
      • Trincialleg ra scrive:
        Re: Prevedo ..
        Ho fatto semplicemente una domanda ;)Quindi devo dedurre che se il suo cammino di governo lo portasse a schierarsi contro il gruppo societario di cui era parte fino al 16/11/2011 per avere uno sviluppo delle infrastrutture di rete più serio e più "europeo" non avrebbe alcun problema a farlo, no? O:)Per farla breve non vedo alcuna discontinuità tra questo governo e il precedente, se non il doppio della demagogia.E questa è la dimostrazione dei colleghi del ministro:http://www.futurolibero.it/?p=5360
      • Paolo T. scrive:
        Re: Prevedo ..
        Vero, si è anche fatto ricucire il filetto!
      • Federico Ponchio scrive:
        Re: Prevedo ..
        Per quanto riguarda la figlia della Fornero, il fatto che sia associata a 37 non mi sembra una cosa in se' scandalosa (nei paesi civili e' normale).Quello che e' scandaloso e' che chi scrive l'articolo prima di insinuare che sia una raccomandata (che puo' anche essere non dico di no) non sia andato a verificare il curriculum scientifico della ragazza: basta andare su google scholar e si trovano un 200 risultati, su riviste e convegni internazionali.Siamo un po' lontani dai 2 articoli su topolino di Brunetta...Ma quando va il sangue alla testa, si smette di ragionare.
    • Zucca Vuota scrive:
      Re: Prevedo ..
      - Scritto da: Trincialleg ra
      Sul "cloud" stendiamo un velo pietoso: le ultime
      vicende internazionali hanno dimostrato (non solo
      quelle del ciccio-mega, ma anche le varie
      intrusionipassate e presenti) che far custodire
      dati da altri su server che possono essere bucati
      o resi inaccessibili dall'oggi al domani, non c'è
      da
      fidarsi.Il cloud non è Megaupload!
      • Trincialleg ra scrive:
        Re: Prevedo ..
        Capisco, ma restano comunque gli stessi problemi di funzionalità, accessibilità e riservatezza.
        • Zucca Vuota scrive:
          Re: Prevedo ..
          - Scritto da: Trincialleg ra
          Capisco, ma restano comunque gli stessi problemi
          di funzionalità, accessibilità e
          riservatezza.I problemi che tu citi li hai anche con una soluzione on premise. Anzi... se prendi una PMI probabilmente hai pure poca competenza per gestire correttamente questi aspetti.Ovviamente parliamo di PAAS o IAAS.
Chiudi i commenti