App Store, disputa europea

Microsoft, Nokia, HTC e Sony Ericsson contestano anche al di qua dell'Oceano la registrazione dell'accostamento delle due parole da parte di Apple

Roma – Microsoft non vuole lasciare nulla di intentato nella sua battaglia contro la registrazione del marchio App Store da parte di Apple: dopo aver depositato un memoriale di opposizione e dato il via alle ostilità presso lo US Trade and Patent Office (USTPO), si è rivolta anche all’ Ufficio europeo marchi comunitari.

A richiedere formalmente una dichiarazione di invalidità del marchio Apple “App Store” e “Appstore” in Europa è stata per prima Amazon a aprile. Contro il suo appstore, peraltro, Apple aveva già depositato una denuncia per violazione di marchio.
HTC, Nokia, Sony Ericsson e Microsoft si sono unite ora alla sua azione.
La loro azione, dice un portavoce Microsoft “rappresenta l’ampiezza delle opposizioni contro l’assurda rivendicazione di esclusività di Apple”.

Negli States lo scontro tra Apple e Microsoft prosegue a suon di esperti linguisti e reciproche accuse di genericità (Cupertino rinfacciava a Redmond l’ipocrisia di aver in passato registrato Windows, Finestre).

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sgabbio scrive:
    La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
    http://www.downloadblog.it/post/14280/limewire-ha-pagato-105-milioni-alla-riaa-e-niente-e-per-gli-artisti La RIAA, infatti, ha già fatto sapere di voler reinvestire lintero importo ricevuto nella lotta alla pirateria informatica. Artisti e gruppi danneggiati dal download illegale non avranno alcun tipo di rimborso. Una decisione abbastanza singolare, considerando i motivi alla base della condanna di LimeWire: qual è ora la parte lesa?
    • Gasogen scrive:
      Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
      Morale della favola: i microfonisti vengono licenziati lo stesso :D
      • lol scrive:
        Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !

        Morale della favola: i microfonisti vengono
        licenziati lo stesso
        :Dhai, hai, hai, sempre in c**** ai microfonisti!
    • Enry scrive:
      Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
      - Scritto da: Sgabbio
      http://www.downloadblog.it/post/14280/limewire-ha-

      La RIAA, infatti, ha già fatto sapere di voler
      reinvestire lintero importo ricevuto nella lotta
      alla pirateria informatica. Artisti e gruppi
      danneggiati dal download illegale non avranno
      alcun tipo di rimborso. Una decisione abbastanza
      singolare, considerando i motivi alla base della
      condanna di LimeWire: qual è ora la parte
      lesa? ma sai almeno cos'è la RIAA.... vediamo se ci arrivi da solo almeno stavolta...
      • Shiba scrive:
        Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
        - Scritto da: Enry
        - Scritto da: Sgabbio


        http://www.downloadblog.it/post/14280/limewire-ha-



        La RIAA, infatti, ha già fatto sapere di
        voler

        reinvestire lintero importo ricevuto nella
        lotta

        alla pirateria informatica. Artisti e gruppi

        danneggiati dal download illegale non avranno

        alcun tipo di rimborso. Una decisione abbastanza

        singolare, considerando i motivi alla base della

        condanna di LimeWire: qual è ora la parte

        lesa?

        ma sai almeno cos'è la RIAA.... vediamo se ci
        arrivi da solo almeno
        stavolta...Un indizio: inizia per M e finisce per AFIA.
        • Enry scrive:
          Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
          - Scritto da: Shiba
          - Scritto da: Enry

          - Scritto da: Sgabbio





          http://www.downloadblog.it/post/14280/limewire-ha-





          La RIAA, infatti, ha già fatto sapere di

          voler


          reinvestire lintero importo ricevuto nella

          lotta


          alla pirateria informatica. Artisti e gruppi


          danneggiati dal download illegale non avranno


          alcun tipo di rimborso. Una decisione
          abbastanza


          singolare, considerando i motivi alla base
          della


          condanna di LimeWire: qual è ora la parte


          lesa?



          ma sai almeno cos'è la RIAA.... vediamo se ci

          arrivi da solo almeno

          stavolta...

          Un indizio: inizia per M e finisce per AFIA.Te lo concedo. E' carina. Ma non risponde alla domanda, ne aiuta Sgabbio a fare una figura migliore.
          • Un lettore scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Shiba

            - Scritto da: Enry


            - Scritto da: Sgabbio









            http://www.downloadblog.it/post/14280/limewire-ha-







            La RIAA, infatti, ha già fatto sapere di


            voler



            reinvestire lintero importo ricevuto nella


            lotta



            alla pirateria informatica. Artisti e gruppi



            danneggiati dal download illegale non
            avranno



            alcun tipo di rimborso. Una decisione

            abbastanza



            singolare, considerando i motivi alla base

            della



            condanna di LimeWire: qual è ora la parte



            lesa?





            ma sai almeno cos'è la RIAA.... vediamo se ci


            arrivi da solo almeno


            stavolta...



            Un indizio: inizia per M e finisce per AFIA.

            Te lo concedo. E' carina. Ma non risponde alla
            domanda, ne aiuta Sgabbio a fare una figura
            migliore.http://it.wikipedia.org/wiki/RIAAAh e di Wikipedia che toglie il lavoro ai venditori di enciclopedie cosa diciamo?
          • Enry scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
            - Scritto da: Un lettore
            - Scritto da: Enry

            - Scritto da: Shiba


            - Scritto da: Enry



            - Scritto da: Sgabbio














            http://www.downloadblog.it/post/14280/limewire-ha-









            La RIAA, infatti, ha già fatto sapere
            di



            voler




            reinvestire lintero importo ricevuto
            nella



            lotta




            alla pirateria informatica. Artisti e
            gruppi




            danneggiati dal download illegale non

            avranno




            alcun tipo di rimborso. Una decisione


            abbastanza




            singolare, considerando i motivi alla base


            della




            condanna di LimeWire: qual è ora la parte




            lesa?







            ma sai almeno cos'è la RIAA.... vediamo se
            ci



            arrivi da solo almeno



            stavolta...





            Un indizio: inizia per M e finisce per AFIA.



            Te lo concedo. E' carina. Ma non risponde alla

            domanda, ne aiuta Sgabbio a fare una figura

            migliore.

            http://it.wikipedia.org/wiki/RIAA

            Ah e di Wikipedia che toglie il lavoro ai
            venditori di enciclopedie cosa
            diciamo?diciamo che non glielo toglie.
          • Un lettore scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !


            Ah e di Wikipedia che toglie il lavoro ai

            venditori di enciclopedie cosa

            diciamo?

            diciamo che non glielo toglie.Come il download non lo toglie alla filiera.
          • Enry scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
            - Scritto da: Un lettore


            Ah e di Wikipedia che toglie il lavoro ai


            venditori di enciclopedie cosa


            diciamo?



            diciamo che non glielo toglie.

            Come il download non lo toglie alla filiera.Ma toglie i soldi a me; non pretenderai mica che io debba lavorare, per essere pagato?
          • Enry scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Un lettore



            Ah e di Wikipedia che toglie il lavoro ai



            venditori di enciclopedie cosa



            diciamo?





            diciamo che non glielo toglie.



            Come il download non lo toglie alla filiera.

            Ma toglie i soldi a me; non pretenderai mica che
            io debba lavorare, per essere
            pagato?ahahahah.... mammia mia.... una volpe proprio... ovviamente non ti ho risposto io... ma il solito idiota..... :-)
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
        The Recording Industry Association of America (RIAA) is the trade organization that supports and promotes the creative and financial vitality of the major music companies. Its members are the music labels that comprise the most vibrant record industry in the world. RIAA® members create, manufacture and/or distribute approximately 85% of all legitimate recorded music produced and sold in the United States.In support of this mission, the RIAA works to protect the intellectual property and First Amendment rights of artists and music labels; conduct consumer, industry and technical research; and monitor and review state and federal laws, regulations and policies. The RIAA® also certifies Gold®, Platinum®, Multi-Platinum and Diamond sales awards as well as Los Premios De Oro y Platino, an award celebrating Latin music sales.Contento ora? O ti serve una traduzione?
        • Enry scrive:
          Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
          - Scritto da: ciccio quanta ciccia
          The Recording Industry Association of America
          (RIAA) is the trade organization that supports
          and promotes the creative and financial vitality
          of the major music companies. Its members are the
          music labels that comprise the most vibrant
          record industry in the world. RIAA® members
          create, manufacture and/or distribute
          approximately 85% of all legitimate recorded
          music produced and sold in the United
          States.

          In support of this mission, the RIAA works to
          protect the intellectual property and First
          Amendment rights of artists and music labels;
          conduct consumer, industry and technical
          research; and monitor and review state and
          federal laws, regulations and policies. The RIAA®
          also certifies Gold®, Platinum®, Multi-Platinum
          and Diamond sales awards as well as Los Premios
          De Oro y Platino, an award celebrating Latin
          music
          sales.

          Contento ora? O ti serve una traduzione?Si mi serve una traduzione
          • Enry scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: ciccio quanta ciccia

            The Recording Industry Association of America

            (RIAA) is the trade organization that supports

            and promotes the creative and financial vitality

            of the major music companies. Its members are
            the

            music labels that comprise the most vibrant

            record industry in the world. RIAA® members

            create, manufacture and/or distribute

            approximately 85% of all legitimate recorded

            music produced and sold in the United

            States.



            In support of this mission, the RIAA works to

            protect the intellectual property and First

            Amendment rights of artists and music labels;

            conduct consumer, industry and technical

            research; and monitor and review state and

            federal laws, regulations and policies. The
            RIAA®

            also certifies Gold®, Platinum®, Multi-Platinum

            and Diamond sales awards as well as Los Premios

            De Oro y Platino, an award celebrating Latin

            music

            sales.



            Contento ora? O ti serve una traduzione?

            Si mi serve una traduzionedai... gianni e pinotto.... ancora? Ma annoi su.... guarda che ti diverti veramente con poco eh... :-)
        • Enry scrive:
          Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
          - Scritto da: ciccio quanta ciccia
          The Recording Industry Association of America
          (RIAA) is the trade organization that supports
          and promotes the creative and financial vitality
          of the major music companies. Its members are the
          music labels that comprise the most vibrant
          record industry in the world. RIAA® members
          create, manufacture and/or distribute
          approximately 85% of all legitimate recorded
          music produced and sold in the United
          States.

          In support of this mission, the RIAA works to
          protect the intellectual property and First
          Amendment rights of artists and music labels;
          conduct consumer, industry and technical
          research; and monitor and review state and
          federal laws, regulations and policies. The RIAA®
          also certifies Gold®, Platinum®, Multi-Platinum
          and Diamond sales awards as well as Los Premios
          De Oro y Platino, an award celebrating Latin
          music
          sales.

          Contento ora? O ti serve una traduzione?La risposta ce l'hai sotto il naso, ma dubito che tu riesca a vederla. Pazienza.
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
            Dai illuminami tu che non ho pagato la bolletta e mi hanno tolto la corrente per questo non vedo...
          • Enry scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
            - Scritto da: ciccio quanta ciccia
            Dai illuminami tu che non ho pagato la bolletta e
            mi hanno tolto la corrente per questo non
            vedo...a mo'... ma mi avete preso per il vostro tutor? ... ma falla finita va...
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: La RIAA non da nulla ai "danneggiati" !
            Eh.. certo... sai ... emani talmente tanta saggezza e conoscenza che non possiamo fare a meno di attingere alla fonte del tuo sapere, perdonaci o saggio
  • az Nock scrive:
    La cosa più triste è un'altra
    Ovvero è che agli utenti che hanno usato LimeWire non gliene può fregar di meno se il founder paga 105 milioni... Continuerà a scaricare come se nulla fosse, anche cambiando il client p2p.
    • ruppolo scrive:
      Re: La cosa più triste è un'altra
      - Scritto da: az Nock
      Ovvero è che agli utenti che hanno usato LimeWire
      non gliene può fregar di meno se il founder paga
      105 milioni... Continuerà a scaricare come se
      nulla fosse, anche cambiando il client
      p2p.Arriverà anche per loro il conto, non temere. Vista il menefreghismo che i pirati dimostrano, l'esito è scontato.
      • Shiba scrive:
        Re: La cosa più triste è un'altra
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: az Nock

        Ovvero è che agli utenti che hanno usato
        LimeWire

        non gliene può fregar di meno se il founder paga

        105 milioni... Continuerà a scaricare come se

        nulla fosse, anche cambiando il client

        p2p.

        Arriverà anche per loro il conto, non temere.
        Vista il menefreghismo che i pirati dimostrano,
        l'esito è
        scontato.Sì. Chi non merita i soldi, fallisce.
        • come scrive:
          Re: La cosa più triste è un'altra
          - Scritto da: Shiba
          Sì. Chi non merita i soldi, fallisce.Come i fantomatici artisti danneggiati visto che quei soldi non verranno usati per loro.
      • Darwin scrive:
        Re: La cosa più triste è un'altra
        - Scritto da: ruppolo
        Arriverà anche per loro il conto, non temere.
        Vista il menefreghismo che i pirati dimostrano,
        l'esito è
        scontato.Infatti e l'esito è già scritto:La gente continua a piratare, mentre gli idioti continuano a dare il pane alle major.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 maggio 2011 20.39-----------------------------------------------------------
        • Enry scrive:
          Re: La cosa più triste è un'altra
          Modificato dall' autore il 14 maggio 2011 20.39
          --------------------------------------------------
          • Darwin scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Enry
            I "ladri" continuano a piratare, quelli
            senza nessun rispetto per il lavoro degli
            altri continuano a piratare, quelli che
            ancora non capiscono che non tutto è dovuto ma
            che esistono anche dei doveri continuano a
            piratare, Credo che tu non conosca il significato della parola furto.
            mentre chi ama la musica e
            gli audiovisivi danno i loro soldi agli
            artisti .Chi ama la musica è anche contro il DRM.
            Le major sono quelle che fanno
            fare loro i dischi e li promuovono
            investendo su di loro, investimento che
            poi gli permetterà, grazie alle vendite,
            di fare tournee perchè conosciuti ai piu'.Le major sono quelle che oggi stanno uccidendo la musica attraverso il DRM.Tu sai cos'è? No? Informati.
            Sono semplici concetti alla portata di tutti.Nonostante siano alla portata di tutti non li conosci. E soprattutto non riesci a cogliere il fatto che questo modello sta portando alla morte della cultura libera relegandola ai soli possessori di denaro.Le tue stronz*ate sono concetti da Medioevo. Quando torni nel 2011 faccelo sapere.
            Diffondi questo su P2P che magari dai una svolta
            alla tua
            vita.Io non ho mai piratato un prodotto in vita mia. Non ne ho mai avuto bisogno. Se pensi che io sia un pirata solo perchè rido di fronte ai piagnistei delle major che ingrassano come maiali sulla pelle della cultura, hai toppato in pieno.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 maggio 2011 22.04-----------------------------------------------------------
          • Enry scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Darwin
            - Scritto da: Enry

            I "ladri" continuano a piratare, quelli

            senza nessun rispetto per il lavoro degli

            altri continuano a piratare, quelli che

            ancora non capiscono che non tutto è dovuto
            ma

            che esistono anche dei doveri continuano a

            piratare,
            Credo che tu non conosca il significato della
            parola
            furto.Furto è se non mi paghi la villa ai caraibi


            mentre chi ama la musica e

            gli audiovisivi danno i loro soldi agli

            artisti .
            Chi ama la musica è anche contro il DRM.Ma perchè? I DRM sono belli, e utili.
          • Darwin scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Enry
            Furto è se non mi paghi la villa ai caraibiPagatela da solo.
            Ma perchè? I DRM sono belli, e utili.Da quì si capisce la tua preparazione sull'argomento.
          • Enry scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Darwin

            - Scritto da: Enry


            I "ladri" continuano a piratare, quelli


            senza nessun rispetto per il lavoro degli


            altri continuano a piratare, quelli che


            ancora non capiscono che non tutto è dovuto

            ma


            che esistono anche dei doveri continuano a


            piratare,

            Credo che tu non conosca il significato della

            parola

            furto.

            Furto è se non mi paghi la villa ai caraibi






            mentre chi ama la musica e


            gli audiovisivi danno i loro soldi agli


            artisti .

            Chi ama la musica è anche contro il DRM.

            Ma perchè? I DRM sono belli, e utili.uno pozzo di scienza eh sto tipo... dai....
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra

            I "ladri" continuano a piratareScaricare non è rubare. Solo un bugiardo dice il contrario.
            , quelli
            senza nessun rispetto per il lavoro degli
            altri continuano a piratareQuale lavoro? Vendere le licenze? Non è lavoro, è truffa. E non merita nessun rispetto.
            , quelli che
            ancora non capiscono che non tutto è dovuto ma
            che esistono anche dei doveri continuano a
            piratareCerto, non è dovuto. Tu non hai il dovere di produrre. Se non vuoi che ascolti il tuo lavoro, non produrlo proprio e vivi sereno. Nessuno ti obbliga.
            , mentre chi ama la musica e
            gli audiovisivi danno i loro soldi agli
            artisti .Daglieli pure, chi te lo impedisce? Ma non pretendere che lo facciano anche gli altri.
            Le major sono quelle che fanno
            fare loro i dischi e li promuovono
            investendo su di loro, investimento che
            poi gli permetterà, grazie alle vendite,
            di fare tournee perchè conosciuti ai piu'.E allora, dov'è il problema? Con la tournee, recuperi l'investimento.Non con la vendita delle licenze.
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra

            Modificato dall' autore il 14 maggio 2011 20.39


            --------------------------------------------------
    • Enry scrive:
      Re: La cosa più triste è un'altra
      - Scritto da: az Nock
      Ovvero è che agli utenti che hanno usato LimeWire
      non gliene può fregar di meno se il founder paga
      105 milioni... eh beh certo perchè quei soldi chissà LimeWire con "l'idiozia di chi" li ha tirati su eh... tranquillo, non te lo spiego. ;-)Continuerà a scaricare come se
      nulla fosse, anche cambiando il client
      p2p.pagando l'altro "pappone di turno" che ti mette a pecora e tu lo fai entrare e uscire senza neanche accorgertene .... invece che autori, produttori e distributori che sono gli unici che meriterebbero di essere pagati per il loro lavoro.Tranquillo, non ti spiego neanche questo.
      • Enry scrive:
        Re: La cosa più triste è un'altra
        - Scritto da: Enry
        - Scritto da: az Nock

        Ovvero è che agli utenti che hanno usato
        LimeWire

        non gliene può fregar di meno se il founder paga

        105 milioni...

        eh beh certo perchè quei soldi chissà LimeWire
        con "l'idiozia di chi" li ha tirati su
        eh... tranquillo, non te lo spiego.
        ;-)

        Continuerà a scaricare come se

        nulla fosse, anche cambiando il client

        p2p.

        pagando l'altro "pappone di turno" che ti
        mette a pecora e tu lo fai entrare e uscire senza
        neanche accorgertene .... invece che autori,
        produttori e distributori che sono gli unici che
        meriterebbero di essere pagati per il loro
        lavoro.

        Tranquillo, non ti spiego neanche questo.x Az Nock.... se il tuo discorso era, diciamo così, di sconforto per la situazione, posso allora aver frainteso il tuo intervento. In quel caso il "non te lo spiego" significa semplicemente che non serve spiegartelo, e considera la mia risposta a livello generale, non riferita specificatamente a te. Se ho frainteso, scusa.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: La cosa più triste è un'altra

        eh beh certo perchè quei soldi chissà LimeWire
        con "l'idiozia di chi" li ha tirati su
        eh... tranquillo, non te lo spiego.
        ;-)....
        pagando l'altro "pappone di turno" che ti
        mette a pecora e tu lo fai entrare e uscire senza
        neanche accorgertene .... invece che autori,
        produttori e distributori che sono gli unici che
        meriterebbero di essere pagati per il loro
        lavoro.

        Tranquillo, non ti spiego neanche questo.Non lo spieghi perchè è una totale idiozia, visto che gli utenti non gli hanno dato soldi.
        • Enry scrive:
          Re: La cosa più triste è un'altra
          Hai ragione, è una idiozia, ma devi scusarmi: mia madre prendeva droghe pesanti, quando era incinta...
          • Enry scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Enry
            Hai ragione, è una idiozia, ma devi scusarmi: mia
            madre prendeva droghe pesanti, quando era
            incinta...daiii..... eccone un altro che pensa di essere furbo... ;-)
      • Guybrush Fuorisede scrive:
        Re: La cosa più triste è un'altra
        - Scritto da: Enry
        - Scritto da: az Nock[...]
        eh beh certo perchè quei soldi chissà LimeWire
        con "l'idiozia di chi" li ha tirati su
        eh... tranquillo, non te lo spiego.
        ;-)Pubblicità, naturalmente. Gli stessi soldi che avrebbero potuto finire nelle tasche degli editori, se questi avessero pensato a quel tipo di business. Invece che pensare a mantenere le loro rendite di posizione.
        Continuerà a scaricare come se

        nulla fosse, anche cambiando il client

        p2p.

        pagando l'altro "pappone di turno" che ti
        mette a pecora e tu lo fai entrare e uscire senza
        neanche accorgertene .... Perché il pappone di turno offre un servizio ad un prezzo conveniente.Domanda: meglio vendere 100.000 copie a 9,99$ o 10.000.000 a 0,09 ?Il monopolista risponde subito "la prima".
        invece che autori,
        produttori e distributori che sono gli unici che
        meriterebbero di essere pagati per il loro
        lavoro.Altra faccenda è la remunerazione di Autori, Produttori e distributori.Gli ultimi due so bene come guadagnano, ma mi sfugge il primo gruppo.In che modo gli autori percepiscono i loro compensi.Nel caso del software lo so e sono contento di acquistare software originale.In campo musicale invece:http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/ContentItem-52fcc1de-37ce-4f9c-961c-a67408c02ee0.htmlsono contento di andare ai concerti e seguire band & artisti dal vivo.Spiega perfavore: in che modo scoprire nuovi artisti e andare ai loro concerti danneggia questi ultimi? Che forse scaricando (youtube docet) e scoprendo qualcosa di altrimenti sconosciuto possa spendere i miei denari per qualcosa di diverso da quanto propinato attraverso tutti i media?Ah! Terribile sgarbo nei confronti delle major questo!GTFS
        • Enry scrive:
          Re: La cosa più triste è un'altra
          - Scritto da: Guybrush Fuorisede
          - Scritto da: Enry

          - Scritto da: az Nock
          [...]

          eh beh certo perchè quei soldi chissà LimeWire

          con "l'idiozia di chi" li ha tirati su

          eh... tranquillo, non te lo spiego.

          ;-)
          Pubblicità, naturalmente. Gli stessi soldi che
          avrebbero potuto finire nelle tasche degli
          editori, se questi avessero pensato a quel tipo
          di business. Invece che pensare a mantenere le
          loro rendite di
          posizione.


          Continuerà a scaricare come se


          nulla fosse, anche cambiando il client


          p2p.



          pagando l'altro "pappone di turno" che ti

          mette a pecora e tu lo fai entrare e uscire
          senza

          neanche accorgertene .... Perché il pappone
          di turno offre un servizio ad un prezzo
          conveniente.No, offre un servizio illegale e facendotelo pagare zero, proprio perchè illegale. E arricchendosi alle tue spalle nel frattempo.
          Domanda: meglio vendere 100.000 copie a 9,99$ o
          10.000.000 a 0,09
          ?
          Il monopolista risponde subito "la prima".


          invece che autori,

          produttori e distributori che sono gli unici che

          meriterebbero di essere pagati per il loro

          lavoro.

          Altra faccenda è la remunerazione di Autori,
          Produttori e
          distributori.
          Gli ultimi due so bene come guadagnano, ma mi
          sfugge il primo
          gruppo.

          In che modo gli autori percepiscono i loro
          compensi.Dovresti chiederlo a chi magari ha un contratto con una casa discografica o con un editore, così avresti la risposta che aspetti.
          Nel caso del software lo so e sono contento di
          acquistare software
          originale.
          In campo musicale invece:
          http://www.report.rai.it/dl/Report/puntata/Content
          sono contento di andare ai concerti e seguire
          band & artisti dal
          vivo.Quell'invece è superficiale. Perchè, non ho visto il link che sengali, ma immagino suggerisca disonestà nell'industria a scapito dell'autore/artista. Deprecabile quanto la pirateria.

          Spiega perfavore: in che modo scoprire nuovi
          artisti e andare ai loro concerti danneggia
          questi ultimi? Perchè dovrebbe danneggiarli? Io parlo di case discografiche che "puntano" investendo soldi sugli artisti, anche emergenti, ai quali la pirateria toglie sostanze che andrebbero per offrire un maggiore parco musicale. Tu parli di cercarsi col lanternino un artista e andare a seguirlo in un locale. Sono due cose differenti. Perchè se l'artista lo vedi invece a S.Siro. Allora dietro ha una casa discografica, o l'ha avuta. Che forse scaricando (youtube
          docet) e scoprendo qualcosa di altrimenti
          sconosciuto possa spendere i miei denari per
          qualcosa di diverso da quanto propinato
          attraverso tutti i
          media?No, è proprio lo "scoprire" che viene reso piu' difficile. Sia da parte delle case discografiche danneggiate, sia il "tuo" scoprire, che si restringe a dismisura. Poi puoi spendere i tuoi soldi per chi vuoi. La popstar del momento come lo sconosciuto che ti suona al bar sotto casa e a te piace la sua musica. Quelle sono scelte che non hanno niente a che vedere con la pirateria.

          Ah! Terribile sgarbo nei confronti delle major
          questo!No. Dicasi scelta personale di ognuno, spendere i propri soldi per premiare questo o quello. Ma parliamo sempre di addetti ai lavori, l'autore/l'artista e chi produce. Non chi ci lucra sopra facendo finta di offrirti un servizio. Pensi veramente che al tipo pesi pagare la mega multa? Ti è sfuggito il dettaglio che i soldi verrano presi da un paio di conti multimilionari? Arricchire chi ti piace come artista, produttore, distributore no... arricchire un perfetto sconosciuto che gongola distribuendo contenuti di altri senza alcun tipo di autorizzazione si? E poi magari mi dici che sei un fan della musica e che segui le band ai concerti. Le stesse che poi magari scarichi non dando loro il tuo apprezzamento.

          GTFS
          • krane scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Guybrush Fuorisede

            - Scritto da: Enry


            - Scritto da: az Nock

            [...]


            eh beh certo perchè quei soldi chissà LimeWire


            con "l'idiozia di chi" li ha tirati su


            eh... tranquillo, non te lo spiego.


            ;-)

            Pubblicità, naturalmente. Gli stessi soldi che

            avrebbero potuto finire nelle tasche degli

            editori, se questi avessero pensato a quel tipo

            di business. Invece che pensare a mantenere le

            loro rendite di

            posizione.


            Continuerà a scaricare come se



            nulla fosse, anche cambiando il client



            p2p.


            pagando l'altro "pappone di turno" che ti


            mette a pecora e tu lo fai entrare e uscire

            senza


            neanche accorgertene .... Perché il pappone

            di turno offre un servizio ad un prezzo

            conveniente.

            No, offre un servizio illegale e facendotelo
            pagare zero, proprio perchè illegale. E
            arricchendosi alle tue spalle nel frattempo.E quindi perche' anche i guitti canterini o le loro maior non possono altrettanto arricchirsi facendomelo pagare zero ???
          • Enry scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Enry

            - Scritto da: Guybrush Fuorisede


            - Scritto da: Enry



            - Scritto da: az Nock


            [...]



            eh beh certo perchè quei soldi chissà
            LimeWire



            con "l'idiozia di chi" li ha tirati
            su



            eh... tranquillo, non te lo spiego.



            ;-)


            Pubblicità, naturalmente. Gli stessi soldi che


            avrebbero potuto finire nelle tasche degli


            editori, se questi avessero pensato a quel
            tipo


            di business. Invece che pensare a mantenere le


            loro rendite di


            posizione.




            Continuerà a scaricare come se




            nulla fosse, anche cambiando il client




            p2p.




            pagando l'altro "pappone di turno" che ti



            mette a pecora e tu lo fai entrare e uscire


            senza



            neanche accorgertene .... Perché il
            pappone


            di turno offre un servizio ad un prezzo


            conveniente.



            No, offre un servizio illegale e facendotelo

            pagare zero, proprio perchè illegale. E

            arricchendosi alle tue spalle nel frattempo.

            E quindi perche' anche i guitti canterini o le
            loro maior non possono altrettanto arricchirsi
            facendomelo pagare zero
            ???Ma scelgono di offrire un servizio legale. Risponderti su cose così elementari è veramente imbarazzante.
          • krane scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Enry


            - Scritto da: Guybrush Fuorisede



            - Scritto da: Enry




            - Scritto da: az Nock



            [...]




            eh beh certo perchè quei soldi chissà




            LimeWire con "l'idiozia di chi"




            li ha tirati su eh... tranquillo, non




            te lo spiego.




            ;-)



            Pubblicità, naturalmente. Gli stessi soldi



            che avrebbero potuto finire nelle tasche



            degli editori, se questi avessero pensato



            a quel tipo di business. Invece che pensare



            a mantenere le loro rendite di posizione.




            Continuerà a scaricare come se





            nulla fosse, anche cambiando il





            client p2p.




            pagando l'altro "pappone di turno"




            che ti mette a pecora e tu lo




            fai entrare e uscire senza




            neanche accorgertene .... Perché il

            pappone



            di turno offre un servizio ad un prezzo



            conveniente.


            No, offre un servizio illegale e facendotelo


            pagare zero, proprio perchè illegale. E


            arricchendosi alle tue spalle nel frattempo.

            E quindi perche' anche i guitti canterini o le

            loro maior non possono altrettanto arricchirsi

            facendomelo pagare zero ???
            Ma scelgono di offrire un servizio legale.Le canzoni sono loro, potrebbero offrirle gratis e guadagnare con gli stessi metodo con cui accusano di arricchirsi quelli che le offrono gratis: nulla si crea e nulla si distrugge.
            Risponderti su cose così elementari è veramente
            imbarazzante.Tanto e' vero che non sei stato in grado di rispondere.
          • Guybrush scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Enry[...]
            Tanto e' vero che non sei stato in grado di
            rispondere.Risposta: guadagnano troppo poco.Eh... è un mondo difficile.GT
          • krane scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Guybrush
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: Enry
            [...]

            Tanto e' vero che non sei stato in grado di

            rispondere.

            Risposta: guadagnano troppo poco.
            Eh... è un mondo difficile.

            GTStrano, quando li denunciano e chiedono il rimborso dichiarano che hann guadagnato millantamilamiliardi.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra

            No, offre un servizio illegale e facendotelo
            pagare zero, proprio perchè illegale. E
            arricchendosi alle tue spalle nel frattempo.Mi sembra contradditorio... se fa pagare zero, come fa ad arricchirsi?
            No, è proprio lo "scoprire" che viene reso piu'
            difficile. Sia da parte delle case discografiche
            danneggiate, sia il "tuo" scoprire, che si
            restringe a dismisura. Poi puoi spendere i tuoi
            soldi per chi vuoi. La popstar del momento come
            lo sconosciuto che ti suona al bar sotto casa e a
            te piace la sua musica. Quelle sono scelte che
            non hanno niente a che vedere con la
            pirateria.E se preferissi non spendere i soldi per niente, e avere più difficoltà a "scoprire"?Tanto, quello che interessa a me nello specifico non è quello che interessa a te; occorre comunque cercare un po'.
            arricchire un perfetto sconosciuto che gongola
            distribuendo contenuti di altri senza alcun tipo
            di autorizzazione si?Non arricchisco nessuno, se non tiro fuori un soldo. Se qualcuno riesce ad arricchire lo stesso, senza togliere soldi a me, faccia pure.
          • Enry scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: uno qualsiasi

            No, offre un servizio illegale e facendotelo

            pagare zero, proprio perchè illegale. E

            arricchendosi alle tue spalle nel frattempo.

            Mi sembra contradditorio... se fa pagare zero,
            come fa ad
            arricchirsi?eh eh... prova a chiederlo a lui.



            No, è proprio lo "scoprire" che viene reso piu'

            difficile. Sia da parte delle case discografiche

            danneggiate, sia il "tuo" scoprire, che si

            restringe a dismisura. Poi puoi spendere i tuoi

            soldi per chi vuoi. La popstar del momento come

            lo sconosciuto che ti suona al bar sotto casa e
            a

            te piace la sua musica. Quelle sono scelte che

            non hanno niente a che vedere con la

            pirateria.

            E se preferissi non spendere i soldi per niente,
            e avere più difficoltà a
            "scoprire"?
            Tanto, quello che interessa a me nello specifico
            non è quello che interessa a te; occorre comunque
            cercare un
            po'.cerca cerca...



            arricchire un perfetto sconosciuto che gongola

            distribuendo contenuti di altri senza alcun tipo

            di autorizzazione si?

            Non arricchisco nessuno, se non tiro fuori un
            soldo. Se qualcuno riesce ad arricchire lo
            stesso, senza togliere soldi a me, faccia
            pure.Hmm... in questo momento stai "arricchendo" delle tue perle il forum di PI. e il sito stesso... ma non mi pare tu stia pagando. Dai che ce la fai...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra


            Mi sembra contradditorio... se fa pagare zero,

            come fa ad

            arricchirsi?

            eh eh... prova a chiederlo a lui.Mi dice che non ci guadagna, e quindi?

            E se preferissi non spendere i soldi per niente,

            e avere più difficoltà a

            "scoprire"?

            Tanto, quello che interessa a me nello specifico

            non è quello che interessa a te; occorre
            comunque

            cercare un

            po'.

            cerca cerca...
            Cerco... e trovo.E preferisco cercare un film su dieci siti, piuttosto che pagare qualche parassita che vende licenze.
            Hmm... in questo momento stai "arricchendo" delle
            tue perle il forum di PI. e il sito stesso...A me non costa nulla.Se ci guadagnano, tanto meglio: continueranno a offrirmi un servizio che mi è utile.Chi vende licenze, invece, che servizio offre?
          • Guybrush Fuorisede scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: uno qualsiasi[...]
            A me non costa nulla.
            Se ci guadagnano, tanto meglio: continueranno a
            offrirmi un servizio che mi è
            utile.

            Chi vende licenze, invece, che servizio offre?Ovvio: ti da il permesso di continuare a fare quello che stai facendo anche adesso, solo che devi anche pagare.GTFS
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            Ma come ca**o quoti? Tutto in grassetto, e senza staccare le tue frasi da quelle degli altri.Prova a rileggere il tuo post, e poi dimmi, onestamente, se ci capisci qualcosa.
          • Enry scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            Non ero io, ma il cretino che mi ha rubato il nick.
          • Guybrush scrive:
            Re: La cosa più triste è un'altra
            - Scritto da: Enry
            Non ero io, ma il cretino che mi ha rubato il
            nick.Registrati ed eviterai questo tipo di figure-di-madre.Dimostrerai a tutti che credi effettivamente a quello che dici e darai maggiore autorevolezza alle tue tesi.GT
  • spacevideo scrive:
    è ora che si inizia a pagare
    bene così, è arrivato il momento di cambiare rotta, questa gente deve pagare per il danno che produce.
    • La SIAE scrive:
      Re: è ora che si inizia a pagare
      - Scritto da: spacevideo
      bene così, è arrivato il momento di cambiare
      rotta, questa gente deve pagare per il danno che
      produce.Giusto. E se non l'ha ancora prodotto, sappiamo bene che lo produrrà prima o poi capito? Ergo, equo supporto, una vera mazzata tra capo e collo del pirata che gli farà passare la voglia, capito? :@Il pirata è un criminale e va trattato come un criminale capito? E forse pure peggio. :@Parola di SIAE
    • piacerebbea ncheame scrive:
      Re: è ora che si inizia a pagare
      piacerebbe anche a me pagare 5250000 volte meno del dovuto, quanto verrebbe a costare 1 canzone ?
      • ruppolo scrive:
        Re: è ora che si inizia a pagare
        - Scritto da: piacerebbea ncheame
        piacerebbe anche a me pagare 5250000 volte meno
        del dovuto, quanto verrebbe a costare 1 canzone
        ?Prova a farne una, così puoi sapere quanto verrebbe...
        • come scrive:
          Re: è ora che si inizia a pagare
          Chiunque con un minimo di creativita e qualche nozione di musica oggi puo fare una canzone e distribuila basta un PC ,un microfono e un account su youtube
          • Sgabbio scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            Sicuro ?
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Sgabbio
            Sicuro ?sicurissimo.
          • Sgabbio scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            Eppure c'è gente che ci riesce, strano vero ?
          • come scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            sta tranquillo il posto che intendi non mi intesessa te lo lascio volentiri.
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: come
            sta tranquillo il posto che intendi non mi
            intesessa te lo lascio
            volentiri.non intendo nessun posto.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare


            E non mangiarci, con quella canzone. A me

            interessa ascoltarla, non interessa affatto che

            tu ci mangi (soprattutto, se vorresti mangiare a

            mie

            spese)

            Ma se io non ci mangio con quella canzone tu non
            la potrai piu' ascoltare.... Non potrò più ascoltare una esecuzione dal vivo di quella canzone, ma posso sempre ascoltare la registrazione. Se ho già il file mp3, tale file non si cancella. Perciò, per una esecuzione dal vivo sono disposto a pagare. Per un mp3, no.
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: uno qualsiasi


            E non mangiarci, con quella canzone. A me


            interessa ascoltarla, non interessa affatto
            che


            tu ci mangi (soprattutto, se vorresti
            mangiare
            a


            mie


            spese)



            Ma se io non ci mangio con quella canzone tu non

            la potrai piu' ascoltare....

            Non potrò più ascoltare una esecuzione dal
            vivo di quella canzone, ma posso sempre
            ascoltare la registrazione. Se ho già il file
            mp3, tale file non si cancella.


            Perciò, per una esecuzione dal vivo sono disposto
            a pagare. Per un mp3,
            no.no, nel senso che ad un certo punto di canzoni non ne produco piu' se non ci mangio. E tu ad un certo punto non ascolti proprio niente di nuovo.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare

            no, nel senso che ad un certo punto di canzoni
            non ne produco piu' se non ci mangio.Va benissimo. Non produrne più.Del resto, se scarico una canzone, a me interessa quella canzone lì; non le canzoni che potresti produrre in futuro. Quindi, non mi cambia molto se non ne produci.Se voglio che tu produca altre canzoni, ti mando i soldi direttamente. Se non te li mando, vuol dire che a me non interessa.
            E tu ad un
            certo punto non ascolti proprio niente di
            nuovo.Vero: ad un certo punto. Mentre, se dovessi rinunciare a tutto ciò che non sono disposto a pagare, non potrei ascoltare più nulla di nuovo già adesso.
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: uno qualsiasi

            no, nel senso che ad un certo punto di canzoni

            non ne produco piu' se non ci mangio.

            Va benissimo. Non produrne più.
            Del resto, se scarico una canzone, a me interessa
            quella canzone lì; non le canzoni che potresti
            produrre in futuro. Quindi, non mi cambia molto
            se non ne
            produci.Ma se fai così io non potrò mai comprarmi una Rolls Royce! :'(:'(:'(
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: uno qualsiasi


            no, nel senso che ad un certo punto di canzoni


            non ne produco piu' se non ci mangio.



            Va benissimo. Non produrne più.

            Del resto, se scarico una canzone, a me
            interessa

            quella canzone lì; non le canzoni che potresti

            produrre in futuro. Quindi, non mi cambia molto

            se non ne

            produci.


            Ma se fai così io non potrò mai comprarmi una
            Rolls Royce!
            :'(:'(:'(ahhahaha.... dai che sei tutti noi...
          • Joe Tornado scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            Eh no ... è solo te !Registrati e falla finita !
          • Un lettore scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare

            no, nel senso che ad un certo punto di canzoni
            non ne produco piu' se non ci mangio. E tu ad un
            certo punto non ascolti proprio niente di
            nuovo.Vuol dire che le farà qualcun altro.
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Un lettore

            no, nel senso che ad un certo punto di canzoni

            non ne produco piu' se non ci mangio. E tu ad un

            certo punto non ascolti proprio niente di

            nuovo.

            Vuol dire che le farà qualcun altro.Dubito che quel "qualcun altro" si cui parli possa essere stupido quanto me. Come farà a cantare come me?
          • Un lettore scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Un lettore


            no, nel senso che ad un certo punto di canzoni


            non ne produco piu' se non ci mangio. E tu ad
            un


            certo punto non ascolti proprio niente di


            nuovo.



            Vuol dire che le farà qualcun altro.

            Dubito che quel "qualcun altro" si cui parli
            possa essere stupido quanto me. Come farà a
            cantare come
            me?Capiamoci bene: tu parli dei produttori e non dei cantanti che sempre più si allontanano dalle major per autoprodursi.
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Un lettore
            - Scritto da: Enry

            - Scritto da: Un lettore



            no, nel senso che ad un certo punto di
            canzoni



            non ne produco piu' se non ci mangio. E tu
            ad

            un



            certo punto non ascolti proprio niente di



            nuovo.





            Vuol dire che le farà qualcun altro.



            Dubito che quel "qualcun altro" si cui parli

            possa essere stupido quanto me. Come farà a

            cantare come

            me?

            Capiamoci bene: tu parli dei produttori e non dei
            cantanti che sempre più si allontanano dalle
            major per
            autoprodursi.Ma io non la so la differenza tra cantanti e produttori, cosa vuoi che ne sappia io, che sono un povero XXXXX che compra i cd?
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Un lettore

            - Scritto da: Enry


            - Scritto da: Un lettore




            no, nel senso che ad un certo punto di

            canzoni




            non ne produco piu' se non ci mangio. E tu

            ad


            un




            certo punto non ascolti proprio niente di




            nuovo.







            Vuol dire che le farà qualcun altro.





            Dubito che quel "qualcun altro" si cui parli


            possa essere stupido quanto me. Come farà a


            cantare come


            me?



            Capiamoci bene: tu parli dei produttori e non
            dei

            cantanti che sempre più si allontanano dalle

            major per

            autoprodursi.

            Ma io non la so la differenza tra cantanti e
            produttori, cosa vuoi che ne sappia io, che sono
            un povero XXXXX che compra i
            cd?daiiii..... stressante è .... scorprire di valere poco eh... su su....
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Un lettore


            no, nel senso che ad un certo punto di canzoni


            non ne produco piu' se non ci mangio. E tu ad
            un


            certo punto non ascolti proprio niente di


            nuovo.



            Vuol dire che le farà qualcun altro.

            Dubito che quel "qualcun altro" si cui parli
            possa essere stupido quanto me. Come farà a
            cantare come
            me?vaiii cosììì..... ci sei quasi....
          • asd scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            Certo ecco perche' ci sono in giro un sacco di canzoni insulse e del cavolo, anche se sei creativo devi saper usare gli strumenti e questo richiede tempo e studio.... certo anche io mi scarico fruity loops e faccio una base con 2 melodie, fare una vera canzone che ti rimanga impressa e' un'altra cosa... e' come dire che far eil batterista e' facile..... basta sbattere le bacchette.... non vi immaginate nenache quanto studio e anni ci volgiono per arrivare a un buonlivello, ma voi siete abituati al punta e clicca che vi rende subito maestri....
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: asd
            Certo ecco perche' ci sono in giro un sacco di
            canzoni insulse e del cavolo, anche se sei
            creativo devi saper usare gli strumenti e questo
            richiede tempo e studio.... certo anche io mi
            scarico fruity loops e faccio una base con 2
            melodie, fare una vera canzone che ti rimanga
            impressa e' un'altra cosa... e' come dire che far
            eil batterista e' facile..... basta sbattere le
            bacchette.... non vi immaginate nenache quanto
            studio e anni ci volgiono per arrivare a un
            buonlivello, ma voi siete abituati al punta e
            clicca che vi rende subito
            maestri....no, sono semplicemente abituati a non pensare con la propria testa. ;-)
        • Nome e cognome scrive:
          Re: è ora che si inizia a pagare
          Prova a farti un computer e poi ci dici cosa costa: più o meno di quelli che compri di solito?
        • piacerebbea ncheame scrive:
          Re: è ora che si inizia a pagare
          Cercavo solo di capire come mai chi "ha rubato" paga così tanto meno di chi legalmente acquista, mi vien da pensare che tra criminali ci si intende.A questo punto forse è meglio che gli autori mollino questa classe di produttori, che guardando solo al loro "piccolo" guadagno immediato soffocano gli autori in un mercato asfittico funzionale al loro(produttori) mantenimento di casta perpetuo. Finchè gli autori si venderanno in massa a chi li vende solo per il soldo, vedendo in loro l'unica strada percorribile, penso che le cose non potranno cambiare un granchè, in quanto organizzate al mantenimento di questa situazione.Pecui penso che se una persona volesse vivere di musica dovrebbe innnanzitutto tenersi alla larga da questi produttori, secondo me prima causa del declino del panorama musicale italiano.
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: piacerebbea ncheame
            Cercavo solo di capire come mai chi "ha rubato"
            paga così tanto meno di chi legalmente acquista,
            mi vien da pensare che tra criminali ci si
            intende.
            A questo punto forse è meglio che gli autori
            mollino questa classe di produttori, che
            guardando solo al loro "piccolo" guadagno
            immediato soffocano gli autori in un mercato
            asfittico funzionale al loro(produttori)
            mantenimento di casta perpetuo. e dove li trovano i soldi per produrre la loro musica/testi/etc...?Finchè gli autori
            si venderanno in massa a chi li vende solo per il
            soldo, vedendo in loro l'unica strada
            percorribile, penso che le cose non potranno
            cambiare un granchè, in quanto organizzate al
            mantenimento di questa
            situazione.Gli autori raggiungono accordi con gli editori/case discografiche etc...possono anche far da soli certo. Ma che fanno? Al momento molto poco.
            Pecui penso che se una persona volesse vivere di
            musica dovrebbe innnanzitutto tenersi alla larga
            da questi produttori, secondo me prima causa del
            declino del panorama musicale
            italiano.In quel caso non vivrebbe di musica. Almeno non ai giorni nostri. Domani non so...
          • krane scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: piacerebbea ncheame

            Cercavo solo di capire come mai chi "ha rubato"

            paga così tanto meno di chi legalmente acquista,

            mi vien da pensare che tra criminali ci si

            intende.

            A questo punto forse è meglio che gli autori

            mollino questa classe di produttori, che

            guardando solo al loro "piccolo" guadagno

            immediato soffocano gli autori in un mercato

            asfittico funzionale al loro(produttori)

            mantenimento di casta perpetuo.
            e dove li trovano i soldi per produrre la loro
            musica/testi/etc...?Ed io che pensavo bastasse l'arte... Li trovano dove li trovano tutti gli altri ?
            Finchè gli autori

            si venderanno in massa a chi li vende solo

            per il soldo, vedendo in loro l'unica strada

            percorribile, penso che le cose non potranno

            cambiare un granchè, in quanto organizzate al

            mantenimento di questa situazione.
            Gli autori raggiungono accordi con gli
            editori/case discografiche etc...I quali non gli danno i soldi che spettano loro, guarda il recente caso delle multe ottenute dalla RIAA che verranno reinvestiti invece di essere distribuiti, inoltre queste associazioni sono piene di debiti verso i cantanti.
            possono anche far da soli certo. Ma che fanno? Al
            momento molto poco.Questo perche' il sistema mafioso glie lo impedisce, ad esempio in italia devi pagare per andare a suonare nelle birrerie, questo limita il farsi conoscere.

            Pecui penso che se una persona volesse vivere di

            musica dovrebbe innnanzitutto tenersi alla larga

            da questi produttori, secondo me prima causa del

            declino del panorama musicale italiano.
            In quel caso non vivrebbe di musica. Almeno non
            ai giorni nostri. Domani non so...Infatti ad un certo punto proprio per evitare i parassiti diversi cantanti aprono la loro etichetta: da zerolandia ai dischi del mulo; perche' secondo te ?
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare

            e dove li trovano i soldi per produrre la loro
            musica/testi/etc...?Lavorando, magari?

            Pecui penso che se una persona volesse vivere di

            musica dovrebbe innnanzitutto tenersi alla larga

            da questi produttori, secondo me prima causa del

            declino del panorama musicale

            italiano.

            In quel caso non vivrebbe di musica. Almeno non
            ai giorni nostri. Domani non
            so...Non si vive di musica (a meno che tu non possa mangiarti gli spartiti). Se vuoi mangiare, o hai i soldi, o lavori come tutti.Io non accetto che tu viva di musica... a mie spese.
    • deactive scrive:
      Re: è ora che si inizia a pagare
      quello non e' far pagare. E' voler mettere qualcuno volontariamente sul lastrico, quando la parte lesa non ha avuto un danno altrettanto considerevole da giustificare tale sanzione.Brutta roba l'evoluzione eh? Prima o poi major e parassiti amici delle majors dovranno togliere le tende e lasciar spazio alla vera arte, quella non mercificata alla stregua di ovetto kinder.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 maggio 2011 17.18-----------------------------------------------------------
      • ciccio quanta ciccia scrive:
        Re: è ora che si inizia a pagare
        Ci vorrebbe il famoso bell'asteroide dei dinosauri...
        • Lucadiver scrive:
          Re: è ora che si inizia a pagare
          che cada però in punti precisi da colpire...eh? :-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 maggio 2011 22.56-----------------------------------------------------------
          • ciccio quanta ciccia scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            Ovviamente... asteroide pilotato via GPS!
      • Enry scrive:
        Re: è ora che si inizia a pagare
        Modificato dall' autore il 13 maggio 2011 17.18
        --------------------------------------------------
        • Sgabbio scrive:
          Re: è ora che si inizia a pagare
          - Scritto da: Enry
          e immagino sei tu a stabilirlo. eh si brutta cosa
          beccare i briganti... povero Toto
          Riina...I danni veramente reali non si possono stimare perchè difficilmente verificabili, sai com'è la storia fallace del " 1 download = mancato acquisto".Paragonare il ceo di limeware a toto riina è da scemi.
          Se ti sei evoluto cosi' meglio che restavi
          com'eri. Aspettiamo i XXXXXXXri allora a
          dipingere per le strade. E con loro pirati e
          artisti piratati. Sai che fila di madonarri viene
          fuori...Che visione veramente ristretta che hai dell'arte in se! Come se senza le mega corporazioni che stuprano gli artisti a livello economico, poi non si possa fare più nulla!Sai che la Riaa ha detto che non daranno un soldo agli artisti "danneggiati" e si terranno la cifra tutta per se ?
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Sgabbio
            - Scritto da: Enry


            e immagino sei tu a stabilirlo. eh si brutta
            cosa

            beccare i briganti... povero Toto

            Riina...

            I danni veramente reali non si possono stimare
            perchè difficilmente verificabili, sai com'è la
            storia fallace del " 1 download = mancato
            acquisto".

            Paragonare il ceo di limeware a toto riina è da
            scemi.d'altronde se hai a che fare con quelli devi pure farti capire.



            Se ti sei evoluto cosi' meglio che restavi

            com'eri. Aspettiamo i XXXXXXXri allora a

            dipingere per le strade. E con loro pirati e

            artisti piratati. Sai che fila di madonarri
            viene

            fuori...

            Che visione veramente ristretta che hai dell'arte
            in se! Come se senza le mega corporazioni che
            stuprano gli artisti a livello economico, poi non
            si possa fare più
            nulla!Diciamo che allargare il campo non ti fa fare una figura migliore. Inizia a capire le piccole cose... poi passi oltre. Un passo alla volta.

            Sai che la Riaa ha detto che non daranno un soldo
            agli artisti "danneggiati" e si terranno la cifra
            tutta per se
            ?Cattivoni. Se sapessi qual'è il ruolo della RIAA magari.... ti aiuterebbe.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: è ora che si inizia a pagare

          Se ti sei evoluto cosi' meglio che restavi
          com'eri. Aspettiamo i XXXXXXXri allora a
          dipingere per le strade. E con loro pirati e
          artisti piratati. Sai che fila di madonarri viene
          fuori...I pirati non andranno certo a dipingere per le strade. Gli artisti piratati, forse sì... così le loro opere saranno gratuite e visibili a tutti. Che è quello che vogliamo.
          • Enry scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Se ti sei evoluto cosi' meglio che restavi

            com'eri. Aspettiamo i XXXXXXXri allora a

            dipingere per le strade. E con loro pirati e

            artisti piratati. Sai che fila di madonarri
            viene

            fuori...

            I pirati non andranno certo a dipingere per le
            strade. Gli artisti piratati, forse sì... così le
            loro opere saranno gratuite e visibili a tutti.
            Che è quello che
            vogliamo.vuoi morire di fame in pratica. Contento tu...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: uno qualsiasi


            Se ti sei evoluto cosi' meglio che restavi


            com'eri. Aspettiamo i XXXXXXXri allora a


            dipingere per le strade. E con loro pirati e


            artisti piratati. Sai che fila di madonarri

            viene


            fuori...



            I pirati non andranno certo a dipingere per le

            strade. Gli artisti piratati, forse sì... così
            le

            loro opere saranno gratuite e visibili a tutti.

            Che è quello che

            vogliamo.

            vuoi morire di fame in pratica. Contento tu...No: io guadagnerò come ho sempre fatto.Chi pirata, secondo te come mangia? Di certo non mangia i files. Lavora, e mangia con quello. E il mio lavoro non viene toccato, anche se tutti piratano.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: è ora che si inizia a pagare
      Anche voi producete danni: drm, ostacolo allo sviluppo del web, file cancellati. Quanto doveste pagare? Inutile chiederlo, tanto non avete abbastanza soldi.
    • korn scrive:
      Re: è ora che si inizia a pagare
      Scommetto che hai anche esultato alla chiusura di Napster prevedendo con la tua sfera videotecomagica che tutto sarebbe tornato allo status quo precedente ed invece ....Lime in Italia contava come il 2 di picche quando comanda cuori a briscola e quindi credo che stanotte si riuscirà a dormire tranquillamente comunque...Aggiungo che in un sistema giudiziario come quello italiano una sentenza del genere ci avrebbe messo 30 anni prima di giungere a conclusione con buona pace del trasgressore che sarebbe sicuramente morto di vecchiaia prima quindi gioisci quanto vuoi caro videotechino che domani mattina tirerai su la serranda e sarà lo stesso deserto dei tartari di sempre....
      • age scrive:
        Re: è ora che si inizia a pagare
        - Scritto da: korn
        Scommetto che hai anche esultato alla chiusura di
        Napster prevedendo con la tua sfera
        videotecomagica che tutto sarebbe tornato allo
        status quo precedente ed invece
        ....No da quello che ha scritto da qualche parte, dice di aver aperto (o rilevato) lattività credendo che con la magia le major e i governi facessero sparire la pirateria.
      • Joe Tornado scrive:
        Re: è ora che si inizia a pagare
        (doppio post)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 13 maggio 2011 22.00-----------------------------------------------------------
      • Joe Tornado scrive:
        Re: è ora che si inizia a pagare

        Scommetto che hai anche esultato alla chiusura di
        Napster prevedendo con la tua sfera
        videotecomagica che tutto sarebbe tornato allo
        status quo precedente ed invece
        ....
        Ai tempi di Napster la compressione DivX era agli albori, nella migliore delle ipotesi la cosa è passata inosservata; nella peggiore, ne è rimasto dispiaciuto, essendone un affezionato "cliente" :)(scherzo, eh, Spacevi' !)
        • Sgabbio scrive:
          Re: è ora che si inizia a pagare
          Però c'è da dire che molte videoteche ci campavano con la pirateria fisica (come anche alcuni negozi del settore) vendono copia pirata di film, musica, software e programmi, sotto banco.Non dico che spacevideo abbia fatto questo in passato, eh ? Però la categoria di cui fa parte, ha sempre sfruttato questa cosa per fare un pò di soldini in nero.
          • Joe Tornado scrive:
            Re: è ora che si inizia a pagare

            Non dico che spacevideo abbia fatto questo in
            passato, eh ? Ovviamente, generalizzare non è possibile ...Però la categoria di cui fa parte,
            ha sempre sfruttato questa cosa per fare un pò di
            soldini in
            nero.'ccidenti ... le videoteche erano un ricettacolo di media pirata !
      • Sgabbio scrive:
        Re: è ora che si inizia a pagare
        Ma il bello del caso napster è che i simpaticono delle major avevano ingnorato le proposte commerciali che quella piattaforma aveva fatto per loro, preferendo schiacciare quest'ultimo.Per molto, viene considerato uno dei clamorosi errori delle major.
    • cognome scrive:
      Re: è ora che si inizia a pagare
      - Scritto da: spacevideo
      bene così, è arrivato il momento di cambiare
      rotta, questa gente deve pagare per il danno che
      produce.Ti meriti un bel "ruttone".Ti brucia il XXXX perchp il tuo videonoleggio non tira piu?Cosa credevi? Nulla è per sempre, nemmeno tua moglie :DCon simpatia: "babbeo" (rotfl)
      • Lucadiver scrive:
        Re: è ora che si inizia a pagare
        - Scritto da: cognome
        - Scritto da: spacevideo

        bene così, è arrivato il momento di cambiare

        rotta, questa gente deve pagare per il danno che

        produce.

        Ti meriti un bel "ruttone".
        Ti brucia il XXXX perchp il tuo videonoleggio non
        tira
        piu?
        Cosa credevi? Nulla è per sempre, nemmeno tua
        moglie
        :D

        Con simpatia: "babbeo" (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
    • Un lettore scrive:
      Re: è ora che si inizia a pagare
      - Scritto da: spacevideo
      bene così, è arrivato il momento di cambiare
      rotta, questa gente deve pagare per il danno che
      produce.Hanno varato una legge contro chi facendo cancellare file dal web fa perdere più tempo a chi li cerca? :) :) ;)
    • vgaber scrive:
      Re: è ora che si inizia a pagare
      sarebbe anche ora che tu usassi i congiuntivi,- Scritto da: spacevideo
      bene così, è arrivato il momento di cambiare
      rotta, questa gente deve pagare per il danno che
      produce.
  • La SIAE scrive:
    Troppo poco
    105 milioni di dollari? Ma cosa sono 105 milioni di dollari oggigiorno? :@ Un paio di automobili, qualche casa, qualche festino e sono già sparite... e il danno rimane! :@Troppo poco quindi e soprattutto poi il pirata se la cava solo con una multa? Ma stiamo scherzando? Ma sbattetelo in gattabuia e buttate la chiave capito? :@Parola di SIAE
    • Nonno Nanni scrive:
      Re: Troppo poco
      Se il mio troll preferito ♥
    • ruppolo scrive:
      Re: Troppo poco
      Prima della legge sul divieto di mettersi al volante tutti, e dico tutti, se ne fregavano di quanto alcool avevano in corpo guidando una macchina. Esattamente come tutti se ne son fregati di rubare il lavoro al prossimo, scaricando musica e film a sbafo. Ora il registro sta cambiando, e chi non l'ha capito farà la fine di quelli che, incuranti della legge, si sono beccati centinaia di euro di multa, patente sospesa e vettura pignorata.Voi continuate pure a delinquere come nulla fosse, ma non venite poi a piangere quando vi inchioderanno.
      • Shiba scrive:
        Re: Troppo poco
        - Scritto da: ruppolo
        Prima della legge sul divieto di mettersi al
        volante tutti, e dico tutti, se ne fregavano di
        quanto alcool avevano in corpo guidando una
        macchina. Esattamente come tutti se ne son
        fregati di rubare il lavoro al prossimo,
        scaricando musica e film a sbafo. Ora il registro
        sta cambiando, e chi non l'ha capito farà la fine
        di quelli che, incuranti della legge, si sono
        beccati centinaia di euro di multa, patente
        sospesa e vettura
        pignorata.

        Voi continuate pure a delinquere come nulla
        fosse, ma non venite poi a piangere quando vi
        inchioderanno.Ti sei dimenticato di quando era legale uccidere.
      • Polemik scrive:
        Re: Troppo poco
        Il punto fondamentale è che la stragrande maggioranza gente non è più disposta a strapagare musica e films. Quindi, anche se eliminassero totalmente il P2P, di certo le persone non si precipiterebbero al cinema o in negozio a comprare a man bassa. Il fatto è che con gli stessi soldi si va in pizzeria con la morosa e lì in cambio hai più calorie, che ti fanno andare avanti nella vita di una buona mezza giornata. Le onde sonore della musica e i fotoni dei film invece no, ti svuotano solo le tasche.
      • Nome e cognome scrive:
        Re: Troppo poco
        - Scritto da: ruppolo
        Prima della legge sul divieto di mettersi al
        volante tutti, e dico tutti, se ne fregavano di
        quanto alcool avevano in corpo guidando una
        macchina. eh già ... è tutto cambiato, sono anni che non si sente più parlare di incidenti causati dagli alcolici.Aggiornato come sempre il buon ruppolo.
      • Un lettore scrive:
        Re: Troppo poco

        macchina. Esattamente come tutti se ne son
        fregati di rubare il lavoro al prossimo,Parallelo trollesco fra potenziali assassini e persone che non danneggiano nessuno visto che attori e cantanti continuano la loro vita agiata.
        scaricando musica e film a sbafo. Ora il registro
        sta cambiando, e chi non l'ha capito farà la fine
        di quelli che, incuranti della legge, si sonoSi sta cambiando... UAHUAHUAH!http://www.downloadblog.it/post/14286/e-stata-violata-la-tecnologia-di-trident-media-guard-tmg-su-hadopi
      • Zero Tolerance scrive:
        Re: Troppo poco
        - Scritto da: ruppolo
        Prima della legge sul divieto di mettersi al
        volante tutti, e dico tutti, se ne fregavano di
        quanto alcool avevano in corpo guidando una
        macchina. Esattamente come tutti se ne son
        fregati di rubare il lavoro al prossimo,
        scaricando musica e film a sbafo. Ora il registro
        sta cambiando, e chi non l'ha capito farà la fine
        di quelli che, incuranti della legge, si sono
        beccati centinaia di euro di multa, patente
        sospesa e vettura
        pignorata.

        Voi continuate pure a delinquere come nulla
        fosse, ma non venite poi a piangere quando vi
        inchioderanno.Sei davvero un XXXXXne. Con tanto di certificato....
      • krane scrive:
        Re: Troppo poco
        - Scritto da: ruppolo
        Prima della legge sul divieto di mettersi al
        volante tutti, e dico tutti, se ne fregavano di
        quanto alcool avevano in corpo guidando una
        macchina. Esattamente come tutti se ne son
        fregati di rubare il lavoro al prossimo,
        scaricando musica e film a sbafo. Ora il registro
        sta cambiando, e chi non l'ha capito farà la fine
        di quelli che, incuranti della legge, si sono
        beccati centinaia di euro di multa, patente
        sospesa e vettura pignorata.E sai qual e' il bello ? Che gli incidenti non sono diminuiti.
        Voi continuate pure a delinquere come nulla
        fosse, ma non venite poi a piangere quando vi
        inchioderanno.
  • Funz scrive:
    Colpirne uno per educarne nessuno
    Cento milioni, un miliardo... che differenza fa, per il multato o per le major? Nessuna. Tanto non otterranno più di quanto il tizio possiede.E per i milioni di condivisori e scaricatori del mondo, cosa cambia? Niente.
    • panda rossa scrive:
      Re: Colpirne uno per educarne nessuno
      - Scritto da: Funz
      Cento milioni, un miliardo... che differenza fa,
      per il multato o per le major? Nessuna. Tanto non
      otterranno più di quanto il tizio
      possiede.
      E per i milioni di condivisori e scaricatori del
      mondo, cosa cambia?
      Niente.Cambia, cambia.Vista l'aria che tira, io sto cominciando a scaricare e condividere non solo la roba che mi interessa, ma pure quella che riveste un certo interesse e che potrebbe rischiare di sparire.E non credo di essere il solo a pensarla cosi...Il risultato e' che si scarica di piu', e si accumula di tutto, in modo da essere pronti per un possibile inverno o per il bunker in caso di catastrofe nucleare.
      • cognome scrive:
        Re: Colpirne uno per educarne nessuno
        Non ho parole per quello che leggo nell'articolo.Comunque questi signori fannulloni e sanguisughe non potranno mai entrare o comunque eliminare canali alternativi.Stanno colpendo solo la punta dell'iceberg.Per dirne una, ci sono sempre i newsgroup, ma non solo...il cretino che esulta per cosi poco, è proprio un "cretino".Vieni avanti CRETINO.;)
        • Enry scrive:
          Re: Colpirne uno per educarne nessuno
          - Scritto da: cognome
          Non ho parole per quello che leggo nell'articolo.
          Comunque questi signori fannulloni e sanguisughe
          non potranno mai entrare o comunque eliminare
          canali
          alternativi.
          Stanno colpendo solo la punta dell'iceberg.
          Per dirne una, ci sono sempre i newsgroup, ma non
          solo...

          il cretino che esulta per cosi poco, è proprio un
          "cretino".
          Vieni avanti CRETINO.
          ;)Ora fai posto al prossimo però...
      • ruppolo scrive:
        Re: Colpirne uno per educarne nessuno
        Ottimo, più scarichi e prima ti beccano.
    • ruppolo scrive:
      Re: Colpirne uno per educarne nessuno
      Quando sarai tu il colpito, capirai cose che non immaginavi avresti capito.
      • Shiba scrive:
        Re: Colpirne uno per educarne nessuno
        - Scritto da: ruppolo
        Quando sarai tu il colpito, capirai cose che non
        immaginavi avresti
        capito.Se è un ipocrita si pente e abbassa la cresta, se ci crede va avanti. Ma i venduti come te non possono capire.
        • Enry scrive:
          Re: Colpirne uno per educarne nessuno
          - Scritto da: Shiba
          - Scritto da: ruppolo

          Quando sarai tu il colpito, capirai cose che non

          immaginavi avresti

          capito.

          Se è un ipocrita si pente e abbassa la cresta, se
          ci crede va avanti. In quel caso è solo un XXXXX. E finisce li.Ma i venduti come te non
          possono
          capire.
          • Shiba scrive:
            Re: Colpirne uno per educarne nessuno
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Shiba

            - Scritto da: ruppolo


            Quando sarai tu il colpito, capirai cose che
            non


            immaginavi avresti


            capito.



            Se è un ipocrita si pente e abbassa la cresta,
            se

            ci crede va avanti.

            In quel caso è solo un XXXXX. E finisce li.In questo caso sei un uomo povero.
      • Enry scrive:
        Re: Colpirne uno per educarne nessuno
        - Scritto da: ruppolo
        Quando sarai tu il colpito, capirai cose che non
        immaginavi avresti
        capito.eh.... guarda ho qualche dubbio. :-) Ma si sa, poi frignano tutti allo stesso modo...
        • Sgabbio scrive:
          Re: Colpirne uno per educarne nessuno
          Certo...certo, non conosci le persone qui è pensi che facciano tutti come te ?
          • Enry scrive:
            Re: Colpirne uno per educarne nessuno
            - Scritto da: Sgabbio
            Certo...certo, non conosci le persone qui è pensi
            che facciano tutti come te
            ?Non ne ho bisogno io so di avere indubbiamente ragione.
          • Sindacato Pirati Anonimi scrive:
            Re: Colpirne uno per educarne nessuno
            - Scritto da: Enry
            Non ne ho bisogno io so di avere indubbiamente
            ragione.OK. Continua a metterti a pecori*a e a prenderlo nel cu*o come ti chiede il tuo padrone. Noi continuiamo a scaricare.
          • Enry scrive:
            Re: Colpirne uno per educarne nessuno
            - Scritto da: Sindacato Pirati Anonimi
            - Scritto da: Enry

            Non ne ho bisogno io so di avere indubbiamente

            ragione.
            OK. Continua a metterti a pecori*a e a prenderlo
            nel cu*o come ti chiede il tuo padrone. Noi
            continuiamo a
            scaricare.evidentemente non hai inteso, ma non importa...
          • Enry scrive:
            Re: Colpirne uno per educarne nessuno
            - Scritto da: Enry
            - Scritto da: Sgabbio

            Certo...certo, non conosci le persone qui è
            pensi

            che facciano tutti come te

            ?
            Non ne ho bisogno io so di avere indubbiamente
            ragione.Dai ancora con il giochetto di qualcuno che risponde al posto mio.... ahhaha.... daiii... veramente divertenti...
          • Enry scrive:
            Re: Colpirne uno per educarne nessuno
            Mi hanno clonato il cervello...
          • Enry scrive:
            Re: Colpirne uno per educarne nessuno
            - Scritto da: Enry
            Mi hanno clonato il cervello...ahahha immagino... sei uno spasso... :-)
      • Funz scrive:
        Re: Colpirne uno per educarne nessuno
        - Scritto da: ruppolo
        Quando sarai tu il colpito, capirai cose che non
        immaginavi avresti
        capito.Sai, scarico poco, quasi niente di quello che scarico ha dei licenziatari in Italia e niente di licenced viene dal P2P. Arriveranno a beccare qualche milione di italiani prima di me... fra qualche milione di anni, forse, con l'andazzo attuale :p.Oramai i maggiori scaricamenti che faccio sono quelli di Steam.
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Colpirne uno per educarne nessuno
      - Scritto da: Funz
      Cento milioni, un miliardo... che differenza fa,
      per il multato o per le major? Nessuna. Tanto non
      otterranno più di quanto il tizio
      possiede.
      E per i milioni di condivisori e scaricatori del
      mondo, cosa cambia?
      Niente.di fatto i distributori non vogliono saperne di abbonamenti e continuano la loro battaglia gia' persa per un supporto=tot. dollari...
    • Darwin scrive:
      Re: Colpirne uno per educarne nessuno
      Concordo in pieno
  • Sgabbio scrive:
    Vampiri
    Hanno chiesto un enormità per un danno inessistente...complimenti USA!
    • Lucadiver scrive:
      Re: Vampiri
      ma quello non è il paese più democratico al mondo? :D
    • ruppolo scrive:
      Re: Vampiri
      Anche tu hai bisogno di imparare come si sta al mondo.
      • Shiba scrive:
        Re: Vampiri
        - Scritto da: ruppolo
        Anche tu hai bisogno di imparare come si sta al
        mondo.Se tu contassi qualcosa, saremmo ancora al medioevo.
        • come scrive:
          Re: Vampiri
          - Scritto da: Shiba
          - Scritto da: ruppolo

          Anche tu hai bisogno di imparare come si sta al

          mondo.

          Se tu contassi qualcosa, saremmo ancora al
          medioevo.Se fosse per quelle persone saremmo ancora all eta della pietra.
      • Sgabbio scrive:
        Re: Vampiri
        Io so come si sta al mondo è so anche che c'è gente che piega la logica e la società al discapito di milioni di persone.Ruppolo riflettici un pò su.
        • ruppolo scrive:
          Re: Vampiri
          Quindi buttiamo al macero secoli di civiltà e torniamo alla legge del più forte? A quella del taglione?Oppure facciamo gli opportunisti? Dimmi tu...
          • Darwin scrive:
            Re: Vampiri
            - Scritto da: ruppolo
            Quindi buttiamo al macero secoli di civiltà e
            torniamo alla legge del più forte? A quella del
            taglione?

            Oppure facciamo gli opportunisti? Dimmi tu...Oppure verranno usati altri software che sfruttano il p2p? Dimmi tu...-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 14 maggio 2011 20.46-----------------------------------------------------------
          • Sgabbio scrive:
            Re: Vampiri
            Che cosa centra questo ? Lo vedi che non hai assolutamente capito la questione ?
    • Picchiatell o scrive:
      Re: Vampiri
      - Scritto da: Sgabbio
      Hanno chiesto un enormità per un danno
      inessistente...complimenti
      USA!beh hanno praticamante fermato il mercato "legale" del p2p ; un conto e' controllare un imprenditore che si e' buttato in quel mercato un conto e' controllare tutti gli "scaricatori" forse continueranno a colpire uno qua e uno la naturalmente sconosciuti mai personaggi conosciuti o gli stessi artisti che rpoclamano di difende.resta comunque un fato il mercato legale dischi-cd-dvd e' in via di estinzione il 90% delle persone impiegate verrà in ogni caso lasciato a casa...
      • Sgabbio scrive:
        Re: Vampiri
        cosi daranno la colpa al p2p :D
        • Picchiatell o scrive:
          Re: Vampiri
          - Scritto da: Sgabbio
          cosi daranno la colpa al p2p :Dbeh di fondo non hanno mai capito a mai capiranno che esistono Nmila soluzioni alternative per la distribuzione in rete... e al 99% della clientela importa poco della loro "legalità"....
Chiudi i commenti