Apple, avvistata la self-driving car

A spiattellare su Twitter le foto del sistema di guida autonoma del colosso di Cupertino in test sulle strade della California è il cofondatore di un'azienda rivale nel settore delle driverless car. L'aspetto ancora spartano e le dimensioni ingombranti mettono in evidenza il ritardo accumulato rispetto ai competitor

Roma – Le attese auto senza pilota di Apple sono arrivate sulle strade della California.

Apple self-driving car

Non si dovrebbe trattare di veicoli targati Apple: Cupertino ha accantonato da mesi l’idea iniziale del Project Titan che prevedeva lo sviluppo di veicoli con la Mela, per concentrarsi esclusivamente sul software, installato da ultimo su tre SUV Lexus RX450h del 2015 che hanno ricevuto l’autorizzazione a circolare sulle strade a stelle e strisce.

Ad avvistare le macchine alla cui guida c’è il software di Cupertino è stato curiosamente un suo concorrente, MacCallister Higgings cofondatore della startup Voyage specializzata in self-driving, che in un tweet usa il soprannome “La cosa” e in effetti la prima cosa che salta agli occhi è che – evidentemente – Cupertino è ancora in una fase iniziale della sperimentazione in cui non c’è spazio per le sottigliezze: gli strumenti, le telecamere e gli altri sistemi di monitoraggio montati sulle Lexus adottate da Apple sono ancora molto ingombranti, molto più appariscenti di quelli montati sulle vetture su cui sta invece lavorando Waymo che sui suoi veicoli ha già minimizzato e semplificato design e dimensioni dei sensori, integrandoli in parte alla carrozzeria .


Apple, d’altra parte, si è messa in carreggiata nella corsa alla tecnologia del self-driving in ritardo rispetto alla folta concorrenza tra cui figurano, oltre a Google, realtà come Tesla, BMW, Honda, Ford e Nissan.

L’esordio del software per la guida senza pilota di Cupertino si appoggia quindi, come da attese, su hardware di parti terze : nelle auto in circolazione gli osservatori esperti hanno ora riconosciuto, tra l’altro, 6 sensori LIDAR della Velodyne che insieme a telecamere e altri dispositivi è mascherato da plastica bianca.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Franco Peci scrive:
    w3schools
    Non c'è già?Da sviluppatore dilettante mi rivolgo a w3schools.com.Ciao
    • Alvaro Vitali scrive:
      Re: w3schools
      Ma infatti tra i partner c'è anche W3C, che è lo stesso di W3Schools.
      • ulderico scrive:
        Re: w3schools
        - Scritto da: Alvaro Vitali
        Ma infatti tra i partner c'è anche W3C, che è lo
        stesso di
        W3Schools.What is W3Schools?...The site derives its name from the World Wide Web (W3), but is not affiliated with the W3C.https://www.w3schools.com/about/
Chiudi i commenti