Apple: dove sei di preciso?

Nuove policy per la privacy in iTunes Store: aggiunto un paragrafo per i dati di localizzazione degli utenti. Timori di alcuni osservatori

Roma – Nelle nuove policy per la privacy divulgate da Cupertino con il lancio del nuovo sistema operativo iOS 4, vi è un paragrafo aggiuntivo (“Servizi basati sulla posizione”) che, una volta sottoscritto il contratto (obbligatorio per accedere a iTunes Store), permette a Apple e a non meglio specificati “partner e licenziatari” di raccogliere utilizzare e condividere “dati precisi” sulla localizzazione: “inclusa la posizione geografica in tempo reale del tuo computer o dispositivo Apple”.

Il riferimento, sembra poi spiegare successivamente il paragrafo, dovrebbe essere a quelle applicazioni che richiedono l’accesso al posizionamento o a servizi come “Find My iPhone”. Inoltre in altre parti delle condizioni da sottoscrivere si specifica che i dati raccolti sono trattati anonimamente .

Tuttavia il fatto che non specifichi esattamente l’utilizzo che ne potrà fare di queste informazioni(a parte la dichiarazione di intenti di utilizzarle per “migliorare i servizi offerti”), né i partner che ne avranno accesso, nonché la concomitanza con l’esordio della piattaforma di Cupertino di advertising mobile iAd , non fanno ben sperare alcuni osservatori sulle intenzioni di Cupertino. Mentre altri osservano che una disposizione sostanzialmente equiparabile vi è già nelle condizioni di utilizzo per Android .

Inoltre, anche se nelle impostazioni dei dispositivi è stata aggiunta la possibilità di disattivare la localizzazione effettuata dalle applicazioni , ciò non implica che Apple non potrà in ogni caso e in alcun modo raccogliere e conservare tali tipi di dati.

Alla privacy, tuttavia, lo stesso Steve Jobs ha dedicato parte del suo intervento al D8: “Prendiamo estremamente sul serio la questione, tanto che abbiamo rifiutato l’accesso all’AppStore a numerose applicazioni che chiedevano troppe informazioni sull’utente”. L’intenzione – spiega – è rendere sempre chiaro cosa e quanto si sta chiedendo agli utenti .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • paul k scrive:
    certo
    piu siti saranno schiavi di facebook piu soldi andranno in tasca a zuckerberg che ipocrita!
  • sentinel scrive:
    Per me Fessbook è affascinante come...
    ...Un ananas con le ruote.Alla prossima "profezia" ;-)
    • Alessandro Marzini scrive:
      Re: Per me Fessbook è affascinante come...
      Occhio alle profezie che poi diventa Flopbook. L'unica cosa carina di facebook è smartville.Mi piacerebbe sapere quanti invece smettono di usare facebook.La mia profezia e' che invece tanti lo abbandoneranno e diventerà un sito pieno di spam e spazzatura pubblicitaria
      • diego mauricio scrive:
        Re: Per me Fessbook è affascinante come...
        - Scritto da: Alessandro Marzini
        Occhio alle profezie che poi diventa Flopbook.
        L'unica cosa carina di facebook è
        smartville.
        Mi piacerebbe sapere quanti invece smettono di
        usare
        facebook.
        La mia profezia e' che invece tanti lo
        abbandoneranno e diventerà un sito pieno di spam
        e spazzatura
        pubblicitariaMagari ma ne dubbito seriamente, io sono un dei pochi che ne è uscito e credimi non è semplice alcune volte resistere la tentazione di farci di nuovo una capatina, ormai FB stà diventando la nuova mail, o il nuovo punto di ritrovo centralizzato, una specie di mega centro commerciale, dove non hai bisogno di uscire a vedere com'è il mondo li fuori.Insomma mi preoccupa questa situazione, dove Google domina il search, facebook i social, ed Apple/Google la telefonia mobile.E con il povere MS a dominare solo windows, ormai mi fà quasi pena. Dov'è un bill gates quando serve??
        • Gosh scrive:
          Re: Per me Fessbook è affascinante come...
          - Scritto da: diego mauricio
          mi fà quasi pena. Dov'è un bill gates quando
          serve??In pensione :D
        • nessuno scrive:
          Re: Per me Fessbook è affascinante come...

          E con il povere MS a dominare solo windows, ormai
          mi fà quasi pena. Dov'è un bill gates quando
          serve??certo, ci mancherebbe solo quello adesso. Ma non ve lo siete mai chiesti come si sarebbe evoluta l' informatica senza la M$?
          • collione scrive:
            Re: Per me Fessbook è affascinante come...
            certoavremmo una pletora di architetture che va da x86 ad arm fino a mips e shaovviamente avremmo molti più tool per lo sviluppo multipiattaforma e penso che ci sarebbe stata una bell'accelerata pure sullo sviluppo delle tecnologie di binary translation, bytecode e runtime managed
          • Rover scrive:
            Re: Per me Fessbook è affascinante come...
            Mica si è posizionato nell'informatica armato di bazooka.E poi tutti a dire che apple è l'innovazione (confondendo marketing con informatica), Linux è il futuro, da almeno 10 anni (che è più o meno l'età di Google)Quindi MS è la società che negli anni del boom ha fornito un OS svincolato dal HW, user friendly, con un po' di problemi, e che ha avuto un ruolo determinante nella diffusione dell'informatica per tutti. I grandi innovatori o sono arrivati tardi o dormivano. Questo nel mondo consumer, perchè in quello entrprise MS la fa ancora ampiamente da padrone, e penso ancora per un pezzo. Per il semplice fatto che non ci sono alternative serie.
Chiudi i commenti