iOS4, un iPhone tutto nuovo

Sarà rilasciato oggi l'atteso aggiornamento del firmware del Melafonino. Multitasking, zoom digitale e iBooks tra le principali novità. Ma non per tutti

Roma – Occorrerà attendere le 18, probabilmente, ovvero le 9 del mattino ora del Pacifico: il tempo di far aprire i call center d’oltreoceano per gestire eventuali disservizi, e la nuova release del sistema operativo mobile di Apple, ridenominata per l’occasione iOS 4 , dovrebbe fare il suo debutto sulla gran parte degli smartphone di Cupertino, senza dimenticare iPod Touch.

Tra le principali novità della nuova versione del software che equipaggia gli iPhone vale la pena citare senz’altro il multitasking : funzione da lungo tempo agognata dai possessori del Melafonino, costretti a vivere con il complesso di inferiorità per gli OS mobile altrui, all’epoca della presentazione Jobs ci tenne a precisare che lo iato si era reso necessario a causa delle limitazioni nell’implementazioni di tale tecnologia su altre piattaforme. Su Windows Mobile come su Android non sono poche le applicazioni sviluppate unicamente per tenere in ordine la RAM, proprio in virtù di software non particolarmente accorto nella gestione del multiprocesso: il risultato , spesso, è un consumo abnorme della batteria, che invece da Cupertino assicurano di essere in grado di evitare.

Sul piano delle funzionalità di base, Apple ha deciso anche di modificare per la prima volta il layout delle schermate di ingresso e quelle con la lista delle applicazioni: ora la Home “indosserà” lo stesso sfondo che fino a questo punto era visibile unicamente nella schermata di standby (quella a schermo bloccato), e fanno la loro comparsa anche le cartelle per poter organizzare i software scaricati per argomento o con qualunque altro criterio si desideri. Dovrebbero fare il loro debutto anche lo zoom 5x (digitale) per la fotocamera, messa a fuoco dinamica per i video (col tocco anche durante la ripresa), nonché una versione aggiornata dell’app per la posta elettronica (Mail).

Per quanto riguarda le applicazioni, infine, dovrebbe debuttare in giornata anche la nuova versione di iBooks : già presente su iPad, questa release dovrebbe girare anche su iPhone e diventare compatibile anche coi PDF. C’è molta attesa per quanto riguarda il mercato dei contenuti stampanti sui terminali Apple, visto il successo in ambito musicale di iTunes, anche se sembrerebbe che al momento gli editori si stiano concentrando essenzialmente su applicazioni stand-alone per i propri prodotti (in alcuni casi anche con un sostanziale successo ).

All’epoca della presentazione , è bene precisare, Apple rese noto anche non tutti i terminali fin qui commercializzati potranno giovarsi di tutte le nuove funzionalità . Fuori dalla partita dovrebbero restare iPhone EDGE (il primo uscito) e iPod Touch prima generazione: per questi terminali l’ultima release disponibile del software dovrebbe essere quella attualmente disponibile (3.1.X). iPhone 3G e iPod Touch 2G, usciti nel 2008, saranno compatibili con il nuovo iOS ma non potranno giovarsi ad esempio del multitasking. iPhone 3GS e iPod Touch 3G, entrambi messi in commercio nel 2009, dovrebbero risultare completamente compatibili con il nuovo firmware: unica eccezione, alcune applicazioni (come l’appena presentato iMovie) che sfruttano la maggiore potenza di calcolo del nuovo iPhone 4G o la sua fotocamera frontale (FaceTime, la videochiamata secondo Steve Jobs).

iPad , il tablet messo in commercio da poche settimane, monta già una release successiva di iOS: la 3.2. Per questo dispositivo, Apple ha già reso noto che l’aggiornamento a iOS 4 non avverrà prima dell’autunno: è lecito immaginare che ci siano motivazioni tecniche dietro questa scelta.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • kvLeJuqcNXr scrive:
    JzJOtqYTiqNN
    http://www.homeofcarolinacirclemall.com/diflucan.htm diflucan 71586 http://www.foodieindenial.com/baclofen.html baclofen overnight shipping :PPP http://www.homeofcarolinacirclemall.com/flexeril.htm flexeril 023100 http://www.foodieindenial.com/neurontin.html neurontin cheap 8082
  • iNpzRrpgMb scrive:
    imMiXGkFIm
    http://www.bloomquistestateservices.com/homeinsurance.htm home inspector insurance mej
  • Perplesso scrive:
    perplesso
    Non credo si questo il caso, secondo me e' come se tu lasci la porta aperta io faccio un sondaggio, busso per entrare, tu stai litigando con tua moglie e non mi senti... io entro e urlo scusate c'e' nessuno mentre te parli dei cz tuoi e dici a voce normale che sul tuo CC e lo dici e magari la banca che hai trovato che tua moglie ti sta fregando i soldi per comprarsi ... aggiungi qua cio' che vuoi io al che esco e vedo che non e' giornata... ma sti dati li ho sentiti non me ne faro mai niente ma li ho sentiti... mi pare che il mio esempio sia piu' o meno quello.Che ne dite ?
    • hp sucs scrive:
      Re: perplesso
      io sarei ancora + preciso, tu non entri in casa .. lui sta litigando con sua moglie, al pian terreno con le finestre aperte .. tu passi per strada e senti tutto! che colpa ne hai?
      • Rover scrive:
        Re: perplesso
        Se annoto in un bloc-notes quello che sento e me lo custodisco accuratamente qualche colpa temo di averla.Semmai non ho cattive intenzioni, però.....
        • panda rossa scrive:
          Re: perplesso
          - Scritto da: Rover
          Se annoto in un bloc-notes quello che sento e me
          lo custodisco accuratamente qualche colpa temo
          di
          averla.
          Semmai non ho cattive intenzioni, però.....Si, ma tu potresti addirittura essere al telefono con qualcuno altrove, mentre quelli gridano, quello al telefono sente e registra pure!Tu colpe non ne hai proprio.Quello che ha registrato anche se avesse colpa non ha violato proprio nulla che stava beatamente a casa sua, e magari lo hai chiamato tu.Quindi stiamo discutendo del nulla.
    • ... scrive:
      Re: perplesso
      Tecnicamente, per effettuare un censimento delle rete wi-fi non occorre memorizzare i pacchetti trasmessi e non occorre nemmeno memorizzare gli IP o i MAC address trovati in giro.
      • ullala scrive:
        Re: perplesso
        - Scritto da: ...
        Tecnicamente, per effettuare un censimento delle
        rete wi-fi non occorre memorizzare i pacchetti
        trasmessi e non occorre nemmeno memorizzare gli
        IP o i MAC address trovati in
        giro."tecnicamente" quello che TU trasmetti al pubblico e in pubblico non è privato.... non è che se ti metti a correre nudo per la piazza puoi denunciare il poliziotto che ti arresta per atti osceni per "violazione della privacy" e neppure la gente che passava dalla piazza!P.S.Lo stesso vale se la tua casa ha le pareti di vetro o se ti metti nudo al balcone se il luogo pur non essendo pubblico è "esposto al pubblico".
        • ... scrive:
          Re: perplesso
          A prescindere dalla legalità o meno del comportamento: se dico che voglio fare un censimento delle reti wi-fi NON mi serve memorizzare il traffico trasmesso da queste reti wi-fi. Poi se mentre faccio il censimento delle reti wi-fi voglio pure annotarmi se pioveva oppure c'era il sole posso anche farlo ma non è nè necessario nè attinente allo scopo.Spero di aver chiarito la mia opinione.
          • ullala scrive:
            Re: perplesso
            - Scritto da: ...
            A prescindere dalla legalità o meno del
            comportamento: se dico che voglio fare un
            censimento delle reti wi-fi NON mi serve
            memorizzare il traffico trasmesso da queste reti
            wi-fi. Poi se mentre faccio il censimento delle
            reti wi-fi voglio pure annotarmi se pioveva
            oppure c'era il sole posso anche farlo ma non è
            nè necessario nè attinente allo
            scopo.
            Spero di aver chiarito la mia opinione.Chiarssimo!Ma tutto ciò non ha nulla a che vedere con la privacy e ha invece molto a che vedere con l'ignoranza di chi svolge compiti importanti di tutela pubblica (garanti) e che avrebbe il sacrosanto DOVERE di :1) Non essere il primo tra gli ignoranti (dato il ruolo) anzi....2) Avere collaboratori competentissimi in materie tecnologiche.Non è detto che una persona debba avere da sola una competenza interdisciplinare totale (tecnologica da una parte e giuridica dall'altra).Basta che si senta in dovere di fare squadra (e scegliere gente competente con cui lavorare).Questo non può essere un "optional"...
  • Teone scrive:
    Intromissione governi e disinformazione
    Ma che bella opera di disinformazione- ma se una rete non è PROTETTA di cosa ci si stupisce?- è colpa di google se uno non protegge la sua rete DIFFONDENDO dati in ogni dove?- non è una raccolta SISTEMATICA- i dati erano senza interesse per google e finché rimanevano in google ok, ma perché i governi bramano tanto mettervi il naso?- io mi fido più di google che dei governipersonalmente poi, visto che la mia rete wireless è stata protetta fin dal primo momento, è invano che il governo cercherà miei dati personali
    • Googler scrive:
      Re: Intromissione governi e disinformazione
      Quoto...
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Intromissione governi e disinformazione
      - Scritto da: Teone
      Ma che bella opera di disinformazione

      - ma se una rete non è PROTETTA di cosa ci si
      stupisce?
      - è colpa di google se uno non protegge la sua
      rete DIFFONDENDO dati in ogni
      dove?

      - non è una raccolta SISTEMATICA
      - i dati erano senza interesse per google e
      finché rimanevano in google ok, ma perché i
      governi bramano tanto mettervi il
      naso?
      - io mi fido più di google che dei governi

      personalmente poi, visto che la mia rete wireless
      è stata protetta fin dal primo momento, è invano
      che il governo cercherà miei dati
      personali+1.
    • 1977 scrive:
      Re: Intromissione governi e disinformazione
      - Scritto da: Teone
      Ma che bella opera di disinformazione

      - ma se una rete non è PROTETTA di cosa ci si
      stupisce?Che ragionamento. Se lascio la porta di casa aperta, non questo questo tu devi sentirti in diritto di entrarci.
      • panda rossa scrive:
        Re: Intromissione governi e disinformazione
        - Scritto da: 1977
        - Scritto da: Teone

        Ma che bella opera di disinformazione



        - ma se una rete non è PROTETTA di cosa ci si

        stupisce?

        Che ragionamento. Se lascio la porta di casa
        aperta, non questo questo tu devi sentirti in
        diritto di
        entrarci.No, ma io busso comunque, chiedo permesso, e se nessuno mi ferma, entro.Se non vuoi che io entri, tieni la porta chiusa.Se la porta e' aperta la gente entra.
        • 1977 scrive:
          Re: Intromissione governi e disinformazione
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: 1977

          - Scritto da: Teone


          Ma che bella opera di disinformazione





          - ma se una rete non è PROTETTA di cosa ci si


          stupisce?



          Che ragionamento. Se lascio la porta di casa

          aperta, non questo questo tu devi sentirti in

          diritto di

          entrarci.

          No, ma io busso comunque, chiedo permesso, e se
          nessuno mi ferma,
          entro.
          Se non vuoi che io entri, tieni la porta chiusa.
          Se la porta e' aperta la gente entra.Sbagliato.
        • marco scrive:
          Re: Intromissione governi e disinformazione
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: 1977

          - Scritto da: Teone


          Ma che bella opera di disinformazione





          - ma se una rete non è PROTETTA di cosa ci si


          stupisce?



          Che ragionamento. Se lascio la porta di casa

          aperta, non questo questo tu devi sentirti in

          diritto di

          entrarci.

          No, ma io busso comunque, chiedo permesso, e se
          nessuno mi ferma,
          entro.
          Se non vuoi che io entri, tieni la porta chiusa.
          Se la porta e' aperta la gente entra.E vai in galera lo stesso , perche' hai violato la proprieta' privata.La porta aperta non significa: prego accomodati.
          • panda rossa scrive:
            Re: Intromissione governi e disinformazione
            - Scritto da: marco
            E vai in galera lo stesso , perche' hai violato
            la proprieta'
            privata.

            La porta aperta non significa: prego accomodati.Io non ho violato.Se busso, se chiedo permesso, e nessuno mi impedisce di entrare, non c'e' alcuna violazione.Il reato di violazione di domicilio presuppone un dolo da parte del violatore, che contro la manifesta intenzione del padrone di casa di non farlo entrare, entra lo stesso.Qui c'e' una porta aperta, quindi nessuna manifesta intezione di non far entrare estranei, sommata al fatto che io busso e chiedo permesso, e non ottengo alcuna risposta negativa, ne' leggo cartelli con "vietato entrare" o simili.Gli estremi per una violazione di domicilio non ci sono proprio.La prossima volta chiudi la porta!
          • Teone scrive:
            Re: Intromissione governi e disinformazione
            Le googlecar si muovono sul suolo pubblicoi dati trasmessi (magari a tutta potenza) da soggetti con reti sprotette attraversano il pubblico suolola violazione la commette semmai chi attraversa il pubblico suolo trasmettendo in chiaroma ogni scusa è buona per i governi, pur di farsi i fatti nostri e dare addosso a google per far passare in secondo piano l'opera di SPIONAGGIO che crederebbe di compiere con quei dati (neanche fossero trascrizioni integrali di conversazioni)
          • Alessandro Modica scrive:
            Re: Intromissione governi e disinformazione
            - Scritto da: Teone
            Le googlecar si muovono sul suolo pubblico

            i dati trasmessi (magari a tutta potenza) da
            soggetti con reti sprotette attraversano il
            pubblico
            suolo

            la violazione la commette semmai chi attraversa
            il pubblico suolo trasmettendo in
            chiaro

            ma ogni scusa è buona per i governi, pur di farsi
            i fatti nostri e dare addosso a google per far
            passare in secondo piano l'opera di SPIONAGGIO
            che crederebbe di compiere con quei dati (neanche
            fossero trascrizioni integrali di
            conversazioni)ti quoto in pieno!il problema non è google che esegue i suoi scanning per georeferenziare il territorio arricchendo le mappe con i piu disparati punti di interesse e durante questi scanning ci scappano informazioni sensibili che transitano in chiaro!se un utente accede alla propria banca online oppure acquista su ebay con carte di credito tramite una rete wifi wep o addirittura non protetta quindi in chiaro ... è matematico includere dati sensibili non protetti e di contro è praticamente impossibile filtrare informazioni potenzialmente confidenziali da quelle normale se entrambi sono nello stesso piano...cioè trasmesse in chiaro e preposte a essere lette anche per sbaglio.i governi hanno la grande occasione di recuperare informazioni private a costo zero incolpando in toto chi ha eseguito nella pratica tale raccolta, involontaria per i motivi esposti su!che bello schifo!diciamo che questo è uno dei primi tanti ostacoli che la google dovrà affrontare !! fatti valere!!
    • ... scrive:
      Re: Intromissione governi e disinformazione
      Non direi che si tratta di disinformazione: connettersi ad una rete non protetta è una cosa, ma sniffare i dati nella rete è un'altra.Secondo il tuo paragone della porta aperta, non solo l'estraneo è entrato in casa ma ha anche fotocopiato i documenti che avevi in casa/fatto foto dell'interno, è un po' diverso non credi?
Chiudi i commenti