Apple, FUD su Theora?

Una risposta di Steve Jobs a un blogger lascia trasparire le intenzioni di Cupertino di citare in giudizio gli sviluppatori del codec open source. Il tutto a favore di H.264. Sarà vero?

Roma – La progressiva, e per alcuni auspicata, fuoriuscita di Flash dal novero dei formati di riproduzione video online potrebbe prendere le forme di una vera e propria lotta di successione, se venissero confermate le intenzioni ventilate da Apple di citare in giudizio gli sviluppatori del codec OGG Theora per violazione di brevetto.

In un messaggio attribuito a Steve Jobs si legge infatti che “tutti i codec video sono tutelati da un brevetto e che attualmente si sta preparando un’azione legale nei confronti di Theora e altri simili open source”. Per il CEO di Apple il fatto che qualcosa sia open non gli garantisce l’immunità dal reato di violazione di brevetto.

L’email di Jobs era una risposta a una lettera aperta scritta da Hugo Roy, con la quale il blogger ricordava a Apple che l’adozione di un formato proprietario e chiuso come H.264 non sarebbe stata una scelta in linea con una visione largamente condivisa di un ambiente Web sostenuto esclusivamente da software libero.

La transizione verso HTML 5 guidata dal consorzio W3C continua ad alimentare la lotta tra codec, in cui si rispecchia l’ormai atavico scontro tra open source e formati proprietari: al momento è H.264, forte del sostegno di Microsoft, ma “scaricato” tuttavia da Mozilla e Opera, a farla da padrone mentre OGG Theora, pur mantenendo un trend di crescita, resta ancora indietro. Per gli addetti ai lavori l’appoggio di BigM a H.264 sancirebbe la sconfitta definitiva di OGG Theora, il quale però può contare , anche non in via ufficiale e con qualche distinguo, sulla forza di una gigante come Google.

C’è chi si chiede se Apple intenda seriamente trascinare Theora davanti al giudic,e e c’è invece chi è convinto che Jobs, il quale al momento non ha ancora smentito quanto riportato, voglia solamente diffondere paura, dubbi e incertezze per scoraggiare l’adozione di un formato che potrebbe presto incontrare diversi problemi di carattere legale. Oppure non averne mai.

Giorgio Pontico

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rb1205 scrive:
    oldfag here
    E c'ero il giorno in cui 4chan fu al centro della campagna elettorale americana. lulz were had.
  • il solito bene informato scrive:
    Quindi non è colpa sua...
    "Dal suo account di Facebook Palin, che nel corso del proXXXXX aveva testimoniato come la sua vita fosse stata negativamente influenza dal gesto (cut)"ah quindi lei non ha colpa se è una s******, c******* e *****na...
  • poiuy scrive:
    Domande e sicurezza
    Uno dei buchi più grossi legati alla sicurezza sono proprio le domande in caso tu ti dimentichi la password.Come dafault ti mettono domande del tipo: "Quale è il tuo colore preferito?".Mi dite a cosa serve esortare a password complicate e mettere come proposta delle domande a cui tutti quelli che ti conoscono possono (quasi) rispondere?Questa cosa non riesco proprio a caXXXXX...
    • il solito bene informato scrive:
      Re: Domande e sicurezza
      - Scritto da: poiuy
      Uno dei buchi più grossi legati alla sicurezza
      sono proprio le domande in caso tu ti dimentichi
      la
      password.
      Come dafault ti mettono domande del tipo: "Quale
      è il tuo colore
      preferito?".
      Mi dite a cosa serve esortare a password
      complicate e mettere come proposta delle domande
      a cui tutti quelli che ti conoscono possono
      (quasi)
      rispondere?
      Questa cosa non riesco proprio a caXXXXX...è tipico degli americani: hanno lucchetti e catenacci alle porte ma nascondono una copia delle chiavi di casa sotto il vaso dei fiori che sta sulla sinistra :-)
    • Marco scrive:
      Re: Domande e sicurezza
      - Scritto da: poiuy
      Uno dei buchi più grossi legati alla sicurezza
      sono proprio le domande in caso tu ti dimentichi
      la
      password.
      Come dafault ti mettono domande del tipo: "Quale
      è il tuo colore
      preferito?".
      Mi dite a cosa serve esortare a password
      complicate e mettere come proposta delle domande
      a cui tutti quelli che ti conoscono possono
      (quasi)
      rispondere?
      Questa cosa non riesco proprio a caXXXXX...Perche' scusa, tu alla domanda di sicurezza metti la risposta esatta, o piuttosto una risposta completamente non correlata ma che sei sicuro di ricordarti ?
      • Valeren scrive:
        Re: Domande e sicurezza
        Domanda: qual è il tuo colore preferito?Risposta che darebbe chiunque: il proprio colore preferito.Risposta di un utente esperto: il krakatoa a maggio.Dobbiamo mettere le percentuali della prima e della seconda tipologia?
      • Undertaker scrive:
        Re: Domande e sicurezza
        - Scritto da: Marco
        - Scritto da: poiuy

        Uno dei buchi più grossi legati alla sicurezza

        sono proprio le domande in caso tu ti dimentichi

        la

        password.

        Mi dite a cosa serve esortare a password

        complicate e mettere come proposta delle domande

        a cui tutti quelli che ti conoscono possono

        (quasi)

        rispondere?quoto
        Perche' scusa, tu alla domanda di sicurezza metti
        la risposta esatta, o piuttosto una risposta
        completamente non correlata ma che sei sicuro di
        ricordarti
        ?io batto i tasti a caso.tanto le password le memorizzo in modo sicuro (cosí devo ricordarne solo una, di 18 caratteri)
Chiudi i commenti