Apple e Google scivolano sulle strade di Hong Kong

Anche Google, così come fatto nei giorni scorsi da Apple, elimina dal proprio store un'applicazione legata alle proteste in corso a Hong Kong.
Anche Google, così come fatto nei giorni scorsi da Apple, elimina dal proprio store un'applicazione legata alle proteste in corso a Hong Kong.

Seppur geograficamente lontano, quanto sta accadendo a Hong Kong interessa da vicino i grandi nomi della Silicon Valley. L’eliminazione di due app dallo store cinese di Apple è stata seguita ieri dalla cancellazione di un altro software da parte di Google. Si tratta in questo caso di un gioco intitolato The Revolution Of Our Times (screenshot e descrizione più avanti nell’articolo) in cui è possibile simulare l’esperienza della protesta in corso.

Apple, Google e le app di Hong Kong

Secondo bigG, però, la misura non è stata attuata in seguito a una richiesta ricevuta da Pechino, bensì in conseguenza del fatto che costituisce una violazione delle policy: non è consentito monetizzare attraverso un’app basata su eventi tragici o conflitti. Anche la mela morsicata respinge le accuse di aver acconsentito alle pretese della Cina, affermando che la sparizione di HKmap Live è giustificata dalla natura stessa dell’applicazione che metterebbe in pericolo l’incolumità degli agenti di polizia impegnati nel tenere a bada i manifestanti. È quanto si legge in una nota redatta direttamente da Tim Cook e distribuita tra i collaboratori e i dipendenti di Cupertino.

Screenshot per l'app Revolution of Our Times eliminata dal Play Store di Google

The Revolution Of Our Times propone una formula basata su scelte da effettuare, ognuna delle quali in grado di direzionare il giocatore verso un percorso differente. Una sorta di avventura testuale vecchio stile, ambientata nelle strade di Hong Kong e con protagonista un giovane frustrato per il fallimento dei propositi del movimento Umbrella Revolution. Durante lo svolgimento è possibile migliorare skill, acquistare equipaggiamento (e armi), persino intrecciare relazioni amorose. Lo sviluppatore, Spinner of Yarns, ha devoluto l’80% dei proventi a Spark Alliance, un fondo che si occupa di fornire supporto legale ai manifestanti.

Fonte: HKFP
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti