Apple, la legge non impone l'accesso agli iPhone

In un caso simile a quello di San Bernardino, un giudice sostiene che l'All Writs Act, brandito per forzare Cupertino a collaborare con la giustizia, non può essere interpretato in maniera tanto estensiva da forzarla a mettere a rischio la privacy degli utenti

Roma – Il caso non scuote la società civile come quello che ha per oggetto l’iPhone del killer di San Bernardino , ma le contingenze sono per certi versi analoghe: le forze dell’ordine hanno chiesto ad Apple di collaborare per fornire l’accesso ai dati conservati su un iPhone al centro di un caso giudiziario. Il giudice di New York incaricato di soppesare il contenzioso ritiene che Cupertino non debba assistere le forze dell’ordine nello sblocco del terminale.

Le differenze tra il caso di San Bernardino, che sta infiammando l’ opinione pubblica e il mercato , e questo caso che si sta dibattendo a New York esistono, ma giocano a favore delle ragioni di Apple. Il governo vorrebbe accedere ai dati ospitati sull’iPhone 5S, che monta iOS7, di un sospetto spacciatore che si è già dichiarato colpevole: a differenza del caso di San Bernardino, che coinvolge un iPhone 5C con iOS 9 e per cui ad Apple è stato chiesto di sviluppare un nuovo firmware per agevolare i tentativi di accesso dell’FBI, in questo caso ad Apple basterebbe agire come ha già fatto in passato, estraendo dati che non sono resi inaccessibile dal sistema di cifratura previsto sugli OS più recenti.
In comune con il caso si San Bernardino, e non solo , c’è però la leva normativa sulla base della quale gli inquirenti chiedono l’intervento della Mela, l’All Writs Act del 1789, e la determinazione con cui Apple si oppone all’intervento.

Il giudice di New York dubita appunto dell’ interpretazione estensiva di un testo legislativo del diciottesimo secolo , capace di “produrre risultati assurdi e non ammissibili” sia in termini di obblighi per le aziende private , sia in termini di discostamento rispetto alle intenzioni originarie del Congresso.
“In un mondo in cui tanti dispositivi, non solo smartphone, saranno connessi alla Internet delle Cose – riferisce il giudice, attento al dibattito nella community degli esperti di sicurezza – la teoria del governo secondo cui un contratto di licenza permetta di obbligare un produttore ad aiutare lo stesso governo a sorvegliare l’utente di questi prodotti sfocerebbe in una espansione virtualmente illimitata dell’autorità legale del governo, a violare surrettiziamente la privacy personale”.

Il giudice ha così respinto la richiesta del governo di accedere ai dati conservati sull’iPhone del sospetto, invitando il legislatore, necessariamente informato della tecnologia e delle sue implicazioni sulle vite dei cittadini, a discutere per trovare un valido punto di riferimento: “Come si debbano bilanciare gli interessi in gioco è una questione di importanza critica per la nostra società e dare una risposta è sempre più urgente, visto che la corrente di innovazione tecnologica fluisce in una maniera che era imprevedibile anche solo pochi decenni fa”.
C’è chi prevede che la decisione di New York possa evere implicazioni sul caso dell’iPhone di San Bernardino, che si sta discutendo in California.
Se il Dipartimento di Giustizia ha preannunciato l’appello per il contenzioso newyorchese, Apple ha preparato e diffuso il discorso che pronuncerà di fronte al Congresso, in programma per le prossime ore: “L’FBI ci sta chiedendo di indebolire la sicurezza dei nostri prodotti – riferirà il vice presidente e general counsel di Cupertino Bruce Sewell – hacker e cybercriminali potrebbero usare la stessa soluzione per attentare alla nostra privacy e alla nostra sicurezza personale. Costituirebbe un pericoloso precedente di ingerenza del governo ai danni della privacy e della sicurezza dei cittadini”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Uto Uti scrive:
    zero titulo
    Il mio medico scrive le ricette a pena e nessuno je dice 'n XXXXX...
  • pippo scrive:
    tracciabilità del farmaco
    In principio il codice a barre nelle confezioni farmaceutiche era usato per semplificare la gestione del magazzino, poi le fustelle adesive vennero usate per automatizzare la raccolta dei dati delle ricette spedite.Venivano stampate da tipografie ma poi si scopri la falsificazione per ottenere rimborsi senza neanche avere il farmaco in farmacia e quindi le fustelle le stampa solo il Poligrafico dello Stato.Metteranno la matricola ad ogni confezione farmaceutica? Oppure si faranno confronti automatici tra acquistati, venduti e resi dalle farmacie?
    • panda rossa scrive:
      Re: tracciabilità del farmaco
      - Scritto da: pippo
      In principio il codice a barre nelle confezioni
      farmaceutiche era usato per semplificare la
      gestione del magazzino, poi le fustelle adesive
      vennero usate per automatizzare la raccolta dei
      dati delle ricette
      spedite.

      Venivano stampate da tipografie ma poi si scopri
      la falsificazione per ottenere rimborsi senza
      neanche avere il farmaco in farmacia e quindi le
      fustelle le stampa solo il Poligrafico dello
      Stato.Basterebbe che in caso di frode, venisse stracciata la licenza della farmacia e impedito a quel farmacista di oprerare nel settore medico/sanitario per il resto della sua vita.Vedi come si fa in fretta a scoraggiare le truffe.
      Metteranno la matricola ad ogni confezione
      farmaceutica? Oppure si faranno confronti
      automatici tra acquistati, venduti e resi dalle
      farmacie?Possono risolvere in mille modi, se solo ci fosse la volonta' di risolvere.Evidentemente ci mangiano in troppi coi soldi dei farmaci: controllori e controllati.Bisogna applicare i dettami della sharia: taglio delle mani e lapidazione!
      • puntina scrive:
        Re: tracciabilità del farmaco
        E'già previsto il progetto per la tracciabilità completa del farmaco. In breve si passa da un bollino anti-falsificazione, più una ricetta numerata e in carta filigranata, ad un solo numero di serie sulla confezione del farmaco che viene tracciata in rete durante tutto il proXXXXX dalla produzione alla consegna finale del farmaco e a quel punto il codice della confezione viene abbinato alla corrispondente prescrizione.http://www.agenziafarmaco.gov.it/it/content/la-tracciabilit%C3%A0-del-farmaco
  • pippo scrive:
    Europeo
    Un sistema di prescrizione e ritiro dei farmaci valido in Italia.Meglio del precedente regionale ma ne vorrei uno valido in tutta Unione europea.
    • puntina scrive:
      Re: Europeo
      E' previsto dalle norme Comunitarie di arrivare ad una Sanità valida per tutti i cittadini UE in qualunque Stato della UE.Speriamo di essere operativi prima di venire multati per inadempienza.
  • rico scrive:
    il cartaceo è lo stesso?
    Oltre ai leggittimi dubbi di panda rossa, dalle prime immagini il cartaceo che si porta dietro il cittadino non è un "piccolo promemoria", è uguale alla ricetta rossa, solo che è in bianco e nero.Dove sarebbe l' "indubbio risparmio"?Inoltre il mio medico non ha mai avuto un "assistente di studio", a meno che non si definisca così una penna scanner, un PC e una veloce stampante per ricette. Il suo problema è la quota pazienti x medico, non le ricette.
    • maranric scrive:
      Re: il cartaceo è lo stesso?
      - Scritto da: rico
      Oltre ai leggittimi dubbi di panda rossa, dalle
      prime immagini il cartaceo che si porta dietro il
      cittadino non è un "piccolo promemoria", è uguale
      alla ricetta rossa, solo che è in bianco e
      nero.
      Dove sarebbe l' "indubbio risparmio"?Non crederai mica che il risparmio fosse da individuare nella carta per la ricetta rossa vero?Il risparmio è dato dalla tracciabilità delle prestazioni e farmaci prescritti..sono soldi pubblici e ovviamente con questo sistema i medici vengono controllati dato che tutte vengono spedite automaticamente al MEF. E non devono inserire le esenzioni a mano.
      Inoltre il mio medico non ha mai avuto un
      "assistente di studio"Errato. In Veneto metà dei medici di base ha un assistente di studio.
      veloce stampante per ricette. Il suo problema è
      la quota pazienti x medico, non le
      ricette.Errato. La quota pazienti per medico è fissata (1500) e piu' il medico ne ha, piu' guadagna. Quindi per lui non è un problema, è un guadagno.
      • Matteo scrive:
        Re: il cartaceo è lo stesso?
        - Scritto da: maranric

        Non crederai mica che il risparmio fosse da
        individuare nella carta per la ricetta rossa
        vero?
        Il risparmio è dato dalla tracciabilità delle
        prestazioni e farmaci prescritti..sono soldi
        pubblici e ovviamente con questo sistema i medici
        vengono controllati dato che tutte vengono
        spedite automaticamente al MEF. E non devono
        inserire le esenzioni a mano.

        sono almeno 2 anni che il medico fa le ricette elettronicamente per la tracciabilità delle prestazioni e dei farmaci prescritti. Boh!
        • maranric scrive:
          Re: il cartaceo è lo stesso?

          sono almeno 2 anni che il medico fa le ricette
          elettronicamente per la tracciabilità delle
          prestazioni e dei farmaci prescritti.
          Boh!Beh la notizia è che ora questa cosa è applicata forzosamente a tutta Italia. Sarebbe interessante applicare lo stesso concetto anche che so, per la raccolta differenziata...alcuni al Nord diranno "eh beh? sono 10 anni che la facciamo noi!" ma al sud sarebbe una vera novità in molte regioni..
          • Matteuccio Salvinotti e Galan scrive:
            Re: il cartaceo è lo stesso?
            - Scritto da: maranric
            Beh la notizia è che ora questa cosa è applicata
            forzosamente a tutta Italia. Sarebbe interessante
            applicare lo stesso concetto anche che so, per la
            raccolta differenziata...alcuni al Nord diranno
            "eh beh? sono 10 anni che la facciamo noi!" ma al
            sud sarebbe una vera novità in molte
            regioni..Huela bauscia!Ma secondo te la valle d'aosta è al sud e la sardegna al nord?No giusto per sapere perchè risulta che la sardegna è davanti alla valle d'aosta per raccolta differenziata.e Cagliari raccoglie (pro capite e quindi in rapporto agli abitanti) più di Milan (che l'è un gran Milan ma la madunina non l'aiuta abbastanza in questo caso)... :DN.B.Cagliari è più o meno all'altezza di Cosenza (è abbastanza a sud?)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • maranric scrive:
            Re: il cartaceo è lo stesso?

            No giusto per sapere perchè risulta che la
            sardegna è davanti alla valle d'aosta per
            raccolta
            differenziata.Sicilia, calabria, basilicata, puglia sono sotto al 20 %
            e Cagliari raccoglie (pro capite e quindi in
            rapporto agli abitanti) più di Milan Qui non risulta http://dati.istat.it/Index.aspx?DataSetCode=DCCV_INDRACDIFF
            Cagliari è più o meno all'altezza di Cosenza (è
            abbastanza a
            sud?)A parte che siamo paurosamente off topic, confrontare la differenziata al Nord rispetto al Sud è un pelino azzardato..e non basta qualche sardo virtuosismo a cambiare la statistica..
          • bubba scrive:
            Re: il cartaceo è lo stesso?
            cmq la cosa DI GRAN LUNGA piu' importante di questa roba forzosa elettronica e' che finalmente anche gli esseri umani potranno leggere il contenuto di una ricetta. Si, perche' (e credo sia proprio un obbligo della facolta' di medicina) e' noto a tutti che i medici, A MANO, scrivono con una grafia che e' un incrocio tra la stenografia e il klingon! :P :P
          • panda rossa scrive:
            Re: il cartaceo è lo stesso?
            - Scritto da: bubba
            cmq la cosa DI GRAN LUNGA piu' importante di
            questa roba forzosa elettronica e' che finalmente
            anche gli esseri umani potranno leggere il
            contenuto di una ricetta.

            Si, perche' (e credo sia proprio un obbligo della
            facolta' di medicina) e' noto a tutti che i
            medici, A MANO, scrivono con una grafia che e' un
            incrocio tra la stenografia e il klingon! :P
            :PIo avevo proposto di usare le scansioni delle ricette mediche, ad un sito che si occupava di prodotti farmaceutici, da utilizzare come captcha. :D
          • Matteccio Salvinotti scrive:
            Re: il cartaceo è lo stesso?
            - Scritto da: panda rossa
            Io avevo proposto di usare le scansioni delle
            ricette mediche, ad un sito che si occupava di
            prodotti farmaceutici, da utilizzare come
            captcha.
            :DNahhh poi per interpretarlo ci vuole un algoritmo di demenza naturale! :D
          • Matteccio Salvinotti scrive:
            Re: il cartaceo è lo stesso?
            - Scritto da: bubba
            Si, perche' (e credo sia proprio un obbligo della
            facolta' di medicina) e' noto a tutti che i
            medici, A MANO, scrivono con una grafia che e' un
            incrocio tra la stenografia e il klingon! :P
            :PBeh si questo è vero (detto tra noi pure la mia calligrafia è piuttosto klingoniana) ma il punto è questo difetto sarà più "nordico o più sudicio?"Chiediamo a "maranic"?(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • Il fuddaro scrive:
        Re: il cartaceo è lo stesso?
        - Scritto da: maranric
        - Scritto da: rico

        Oltre ai leggittimi dubbi di panda rossa, dalle

        prime immagini il cartaceo che si porta dietro
        il

        cittadino non è un "piccolo promemoria", è
        uguale

        alla ricetta rossa, solo che è in bianco e

        nero.

        Dove sarebbe l' "indubbio risparmio"?

        Non crederai mica che il risparmio fosse da
        individuare nella carta per la ricetta rossa
        vero?
        Il risparmio è dato dalla tracciabilità delle
        prestazioni e farmaci prescritti..sono soldi
        pubblici e ovviamente con questo sistema i medici
        vengono controllati dato che tutte vengono
        spedite automaticamente al MEF. E non devono
        inserire le esenzioni a mano.



        Inoltre il mio medico non ha mai avuto un

        "assistente di studio"

        Errato. In Veneto metà dei medici di base ha un
        assistente di
        studio.


        veloce stampante per ricette. Il suo problema è

        la quota pazienti x medico, non le

        ricette.

        Errato. La quota pazienti per medico è fissata
        (1500) e piu' il medico ne ha, piu' guadagna.
        Quindi per lui non è un problema, è un
        guadagno.Confermo nella mia regione 60% ha l'assistente che prescrive i medicinali ho fa altro.
        • Il fuddaro scrive:
          Re: il cartaceo è lo stesso?
          - Scritto da: Il fuddaro
          - Scritto da: maranric

          - Scritto da: rico


          Oltre ai leggittimi dubbi di panda rossa,
          dalle


          prime immagini il cartaceo che si porta dietro

          il


          cittadino non è un "piccolo promemoria", è

          uguale


          alla ricetta rossa, solo che è in bianco e


          nero.


          Dove sarebbe l' "indubbio risparmio"?



          Non crederai mica che il risparmio fosse da

          individuare nella carta per la ricetta rossa

          vero?

          Il risparmio è dato dalla tracciabilità delle

          prestazioni e farmaci prescritti..sono soldi

          pubblici e ovviamente con questo sistema i
          medici

          vengono controllati dato che tutte vengono

          spedite automaticamente al MEF. E non devono

          inserire le esenzioni a mano.






          Inoltre il mio medico non ha mai avuto un


          "assistente di studio"



          Errato. In Veneto metà dei medici di base ha un

          assistente di

          studio.




          veloce stampante per ricette. Il suo problema
          è


          la quota pazienti x medico, non le


          ricette.



          Errato. La quota pazienti per medico è fissata

          (1500) e piu' il medico ne ha, piu' guadagna.

          Quindi per lui non è un problema, è un

          guadagno.

          Confermo nella mia regione 60% ha l'assistente
          che prescrive i medicinali ho fa
          altro.Correzione 80%.
          • il fuddaro scrive:
            Re: il cartaceo è lo stesso?
            - Scritto da: Il fuddaro
            - Scritto da: Il fuddaro

            - Scritto da: maranric


            - Scritto da: rico



            Oltre ai leggittimi dubbi di panda rossa,

            dalle



            prime immagini il cartaceo che si porta
            dietro


            il



            cittadino non è un "piccolo promemoria", è


            uguale



            alla ricetta rossa, solo che è in bianco e



            nero.



            Dove sarebbe l' "indubbio risparmio"?





            Non crederai mica che il risparmio fosse da


            individuare nella carta per la ricetta rossa


            vero?


            Il risparmio è dato dalla tracciabilità delle


            prestazioni e farmaci prescritti..sono soldi


            pubblici e ovviamente con questo sistema i

            medici


            vengono controllati dato che tutte vengono


            spedite automaticamente al MEF. E non devono


            inserire le esenzioni a mano.









            Inoltre il mio medico non ha mai avuto un



            "assistente di studio"





            Errato. In Veneto metà dei medici di base ha
            un


            assistente di


            studio.






            veloce stampante per ricette. Il suo
            problema

            è



            la quota pazienti x medico, non le



            ricette.





            Errato. La quota pazienti per medico è fissata


            (1500) e piu' il medico ne ha, piu' guadagna.


            Quindi per lui non è un problema, è un


            guadagno.



            Confermo nella mia regione <s
            60% </s
            ha
            l'assistente

            che prescrive i medicinali ho fa

            altro.

            Correzione 80%.Vabbeh...facciamo 75% e non se ne parla più? :D
      • Uto Uti scrive:
        Re: il cartaceo è lo stesso?
        No no, il risparmio è proprio sulla stampa delle ricette rosse: mica le fanno gratis.
    • puntina scrive:
      Re: il cartaceo è lo stesso?
      in breve, per punti:-il sistema ricetta elettronica è in funzione da vari mesi;-il risparmio nasce dal evitare il costo dei "ricettari rosa": carta filigranata anti-falsario; numerazione del singolo foglio, con matrice numerata: secondo alcuni enti di Governance Sanitaria costerebbe 0,80 euro a foglio!-la trasmissione online ai server della Agenzia delle Entrate di tutti i dati di farmaci prescritti (in tempo reale) è operativa da prima ancora del progetto TesseraSanitaria, cui fa capo la ricetta elettronica; e prima ancora erano i farmacisti a fare la scansione di tutte le prescrizioni e a trasmetterle -leggendo personalmente eventuali codici fiscali non intercettati dal software OCR;-il promemoria cartaceo non ha valore a sè stante, ma riporta il "numero di serie" della prescrizione. Attualmente il farmacista è tenuto ad averlo. In pratica, se quando entri in farmacia il sistema fosse offline, il farmacista può scaricare il farmaco "in differita" grazie al numero di serie della prescrizione. Ovviamente il numero di serie può essere usato una sola volta e scade entro un mese dalla emissione.- la novità dal primo marzo è semplicemente che ora ogni farmacia di Italia può applicare i ticket della Regione di residenza, ecco perché ora c'è "validità nazionale", prima si applicava la norma ticket della regione in cui era la farmacia, non di quella di provenienza del paziente. Non tutte le Regioni applicano le stesse norme di ticket sui farmaci;-il medico entra con le sue credenziali: di solito usa una Carta dei Servizi o la sua Tessera Sanitaria (che deve essere ovviamente abilitata per la funzione professionale) che abilitano il suo gestionale a "firmare digitalmente" la prescrizione; sono possibili anche accessi con credenziali username/password sul portale nazionale.
  • panda rossa scrive:
    Informazioni tecniche please
    Tutto cio' e' molto bello e mi sarei aspettato di leggerlo tal quale anche su novella 2000.Quello che vorrei leggere su PI, invece sono le specifiche del client in uso ai medici e ai farmacisti.Sara' web based, o e' il solito winclosed.exe?E l'autenticazione da parte di medici e farmacisti che tipo di chiave utilizza?Ci sara' modo anche da parte degli utenti di utilizzare questo client per poter vedere lo storico delle proprie ricette?E poi, lato server, questi dati saranno ben criptati, oppure saranno salvati in chiaro e accessibili da cani&porci via web sfruttando le inevitabili vulnerabilita'?Infine, tanto per XXXXXXXrci subito: chi ha sviluppato questa cosa e quanto e' costata.Grazie.
    • SalvatoreGX scrive:
      Re: Informazioni tecniche please
      - Scritto da: panda rossa
      Tutto cio' e' molto bello e mi sarei aspettato di
      leggerlo tal quale anche su novella
      2000.

      Quello che vorrei leggere su PI, invece sono le
      specifiche del client in uso ai medici e ai
      farmacisti.

      Sara' web based, o e' il solito winclosed.exe?

      E l'autenticazione da parte di medici e
      farmacisti che tipo di chiave
      utilizza?

      Ci sara' modo anche da parte degli utenti di
      utilizzare questo client per poter vedere lo
      storico delle proprie
      ricette?

      E poi, lato server, questi dati saranno ben
      criptati, oppure saranno salvati in chiaro e
      accessibili da cani&porci via web sfruttando le
      inevitabili
      vulnerabilita'?

      Infine, tanto per XXXXXXXrci subito: chi ha
      sviluppato questa cosa e quanto e'
      costata.

      Grazie.Guarda, domani vado dal mio medico e vedremo se salta fuori subito qualche vulnerabilità ;)
      • panda rossa scrive:
        Re: Informazioni tecniche please
        - Scritto da: SalvatoreGX
        - Scritto da: panda rossa

        Tutto cio' e' molto bello e mi sarei aspettato
        di

        leggerlo tal quale anche su novella

        2000.



        Quello che vorrei leggere su PI, invece sono le

        specifiche del client in uso ai medici e ai

        farmacisti.



        Sara' web based, o e' il solito winclosed.exe?



        E l'autenticazione da parte di medici e

        farmacisti che tipo di chiave

        utilizza?



        Ci sara' modo anche da parte degli utenti di

        utilizzare questo client per poter vedere lo

        storico delle proprie

        ricette?



        E poi, lato server, questi dati saranno ben

        criptati, oppure saranno salvati in chiaro e

        accessibili da cani&porci via web sfruttando le

        inevitabili

        vulnerabilita'?



        Infine, tanto per XXXXXXXrci subito: chi ha

        sviluppato questa cosa e quanto e'

        costata.



        Grazie.

        Guarda, domani vado dal mio medico e vedremo se
        salta fuori subito qualche vulnerabilità
        ;)No, non basta che tu vada dal medico.Devi andare dal medico, farti prescrivere il farmaco, e poi andare in farmacia e prendere il farmaco prescritto.Bisogna fare tutto il giro per capire se la funzionalita' minima c'e'.
        • SalvatoreGX scrive:
          Re: Informazioni tecniche please
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: SalvatoreGX

          - Scritto da: panda rossa


          Tutto cio' e' molto bello e mi sarei
          aspettato

          di


          leggerlo tal quale anche su novella


          2000.





          Quello che vorrei leggere su PI, invece
          sono
          le


          specifiche del client in uso ai medici
          e
          ai


          farmacisti.





          Sara' web based, o e' il solito
          winclosed.exe?





          E l'autenticazione da parte di medici e


          farmacisti che tipo di chiave


          utilizza?





          Ci sara' modo anche da parte degli
          utenti
          di


          utilizzare questo client per poter
          vedere
          lo


          storico delle proprie


          ricette?





          E poi, lato server, questi dati saranno
          ben


          criptati, oppure saranno salvati in
          chiaro
          e


          accessibili da cani&porci via web
          sfruttando
          le


          inevitabili


          vulnerabilita'?





          Infine, tanto per XXXXXXXrci subito:
          chi
          ha


          sviluppato questa cosa e quanto e'


          costata.





          Grazie.



          Guarda, domani vado dal mio medico e vedremo
          se

          salta fuori subito qualche vulnerabilità

          ;)

          No, non basta che tu vada dal medico.
          Devi andare dal medico, farti prescrivere il
          farmaco, e poi andare in farmacia e prendere il
          farmaco
          prescritto.

          Bisogna fare tutto il giro per capire se la
          funzionalita' minima
          c'e'.E se io non prendessi la ricevuta?Potrei andare ugualmente in farmacia e sperando che abbiano la cnnessione ad internet diano il farmaco?
          • panda rossa scrive:
            Re: Informazioni tecniche please
            - Scritto da: SalvatoreGX
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: SalvatoreGX


            - Scritto da: panda rossa



            Tutto cio' e' molto bello e mi
            sarei

            aspettato


            di



            leggerlo tal quale anche su novella



            2000.







            Quello che vorrei leggere su PI,
            invece

            sono

            le



            specifiche del client in uso ai
            medici

            e

            ai



            farmacisti.







            Sara' web based, o e' il solito

            winclosed.exe?







            E l'autenticazione da parte di
            medici
            e



            farmacisti che tipo di chiave



            utilizza?







            Ci sara' modo anche da parte degli

            utenti

            di



            utilizzare questo client per poter

            vedere

            lo



            storico delle proprie



            ricette?







            E poi, lato server, questi dati
            saranno

            ben



            criptati, oppure saranno salvati in

            chiaro

            e



            accessibili da cani&porci via web

            sfruttando

            le



            inevitabili



            vulnerabilita'?







            Infine, tanto per XXXXXXXrci
            subito:

            chi

            ha



            sviluppato questa cosa e quanto e'



            costata.







            Grazie.





            Guarda, domani vado dal mio medico e
            vedremo

            se


            salta fuori subito qualche vulnerabilità


            ;)



            No, non basta che tu vada dal medico.

            Devi andare dal medico, farti prescrivere il

            farmaco, e poi andare in farmacia e prendere
            il

            farmaco

            prescritto.



            Bisogna fare tutto il giro per capire se la

            funzionalita' minima

            c'e'.

            E se io non prendessi la ricevuta?
            Potrei andare ugualmente in farmacia e sperando
            che abbiano la cnnessione ad internet diano il
            farmaco?Questo lo puoi provare.La ricevuta la prendi, la tieni in tasca e la esibisci solo se il farmacista non e' in grado tecnicamente di completare la procedura dal suo lato.
          • Hop scrive:
            Re: Informazioni tecniche please
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: SalvatoreGX

            E se io non prendessi la ricevuta?

            Potrei andare ugualmente in farmacia e
            sperando

            che abbiano la cnnessione ad internet diano
            il

            farmaco?

            Questo lo puoi provare.
            La ricevuta la prendi, la tieni in tasca e la
            esibisci solo se il farmacista non e' in grado
            tecnicamente di completare la procedura dal suo
            lato.Ma a te non arrivava direttamente sulla tua stampante 3d di farmaci?Quella che sintetizza tutti gli ingredienti dall'aria... :D
        • maranric scrive:
          Re: Informazioni tecniche please

          Bisogna fare tutto il giro per capire se la
          funzionalita' minima
          c'e'.In Veneto la ricetta elettronica è una realtà da più di un anno...il resto d'Italia si è attivato ovviamente in ritardo.
          • bubba scrive:
            Re: Informazioni tecniche please
            - Scritto da: maranric

            Bisogna fare tutto il giro per capire se la

            funzionalita' minima

            c'e'.

            In Veneto alzate il gomito, si lo sappiamo :D
            la ricetta elettronica è una realtà da
            più di un anno...il resto d'Italia si è attivato
            ovviamente in
            ritardo.a parte gli scherzi anche in emilia si fa eh..... solo che la possibilita' di farle ANCHE a mano (a parte l'orrida grafia) assolve a un bisogno importante, che ovviamente sara' fanculato e diventera' una rottura di balle e di spreco di tempo non si sa per quanto tempo [immagino sinche' non saranno pronti per un gingillo usabile e sicuro su tablet, da far poi digerire a medici anche ottuagenari].... mi riferisco alle visite domiciliari (si agli anziani o ai veri malati, le fanno)
        • smarmaduk scrive:
          Re: Informazioni tecniche please
          già provato, funziona
    • maranric scrive:
      Re: Informazioni tecniche please

      Sara' web based, o e' il solito winclosed.exe?standard XML, specifiche open, software tutti quelli che ho visto closed
      Ci sara' modo anche da parte degli utenti di
      utilizzare questo client per poter vedere lo
      storico delle proprie
      ricette?No, solo tramite medico (almeno in Veneto)
      E poi, lato server, questi dati saranno ben
      criptati, oppure saranno salvati in chiaro e
      accessibili da cani&porci via web sfruttando le
      inevitabili
      vulnerabilita'?bisogna chiederlo a SOGEI
      Infine, tanto per XXXXXXXrci subito: chi ha
      sviluppato questa cosa e quanto e'
      costata.SOGEI ha sviluppato sta cosa su progetto iniziato 10 anni fa.. Non vedo perchè XXXXXXXrsi...porterà benefici dato che i medici non saranno piu' liberi di sparare a caso migliaia di ricette senza controllo. Vengono rimosse le false esenzioni, la scrittura manuale "da medico", è tutto tracciato. E' non è possibile falsificarla dato che il farmacista ha già i dati "reali" pienamente accessibili. Sul fatto che potesse esser studiata meglio si puo' discutere, sul fatto che sia un miglioramento questo è assolutamente fuori discussione.
      • SOGEI scrive:
        Re: Informazioni tecniche please
        - Scritto da: maranric

        Sara' web based, o e' il solito winclosed.exe?

        standard XML, specifiche open, software tutti
        quelli che ho visto
        closed



        Ci sara' modo anche da parte degli utenti di

        utilizzare questo client per poter vedere lo

        storico delle proprie

        ricette?

        No, solo tramite medico (almeno in Veneto)


        E poi, lato server, questi dati saranno ben

        criptati, oppure saranno salvati in chiaro e

        accessibili da cani&porci via web sfruttando le

        inevitabili

        vulnerabilita'?

        bisogna chiederlo a SOGEI


        Infine, tanto per XXXXXXXrci subito: chi ha

        sviluppato questa cosa e quanto e'

        costata.

        SOGEI ha sviluppato sub appaltato sta cosa su progetto
        iniziato
        10 anni fa.. Non vedo perchè XXXXXXXrsi...porterà
        benefici dato che i medici non saranno piu'
        liberi di sparare a caso migliaia di ricette
        senza controllo. Vengono rimosse le false
        esenzioni, la scrittura manuale "da medico", è
        tutto tracciato. E' non è possibile falsificarla
        dato che il farmacista ha già i dati "reali"
        pienamente accessibili. Sul fatto che potesse
        esser studiata meglio si puo' discutere, sul
        fatto che sia un miglioramento questo è
        assolutamente fuori
        discussione.Fixed! :D
      • m3rlino scrive:
        Re: Informazioni tecniche please
        Sono d'accordo meglio andare avanti che indietro.
    • Il fuddaro scrive:
      Re: Informazioni tecniche please
      - Scritto da: panda rossa
      Tutto cio' e' molto bello e mi sarei aspettato di
      leggerlo tal quale anche su novella
      2000.

      Quello che vorrei leggere su PI, invece sono le
      specifiche del client in uso ai medici e ai
      farmacisti.

      Sara' web based, o e' il solito winclosed.exe?Su questo ci sono dubbi.

      E l'autenticazione da parte di medici e
      farmacisti che tipo di chiave
      utilizza?Una chiave fatta in casa, dalla azienda amica del politico che l'ha commissionata!

      Ci sara' modo anche da parte degli utenti di
      utilizzare questo client per poter vedere lo
      storico delle proprie
      ricette?E no! Tu non ci ficchi il naso caro utente.

      E poi, lato server, questi dati saranno ben
      criptati, oppure saranno salvati in chiaro e
      accessibili da cani&porci via web sfruttando le
      inevitabili
      vulnerabilita'?Mettiti l'anima in pace su questo. Oltre a cani e porci, ci saranno pure gli scarafaggi che scorazzeranno in quei dati. (poveri noi utenti)

      Infine, tanto per XXXXXXXrci subito: chi ha
      sviluppato questa cosa e quanto e'
      costata.Nada segreto di Stato!

      Grazie.Prega per la nostra privacy, dora in poi sempre più violata!
Chiudi i commenti