Apple, notizie Flash

Verrà interrotto il precaricamento sui Mac del programma Adobe. Intanto anche per Java si punta agli aggiornamenti ufficiali rilasciati da Oracle. Mozilla, invece, è scettica sul Mac App Store

Roma – Una nuova email firmata Steve Jobs delinea il futuro di Java su Mac OS. Mentre per qualcuno ad essere ancora più chiaro è il futuro di Flash: che non arriverà più chiavi in mano sui Mac.

Lo sviluppatore Scott Fraser aveva scritto al CEO di Apple chiedendo specificatamente delucidazioni sul futuro della piattaforma Java in ambiente Apple: secondo quanto risulterebbe da una mail di risposta dello stesso Steve Jobs, Cupertino starebbe pensando proprio di interrompere la gestione diretta del proprio pacchetto Java. Già dal prossimo 10.7 Lion, Apple potrebbe semplicemente affidarsi agli aggiornamenti prodotti da Oracle e Sun. Che in ogni caso, ha dichiarato Cupertino, sarebbero sempre più aggiornati.

“Il programma Java che forniamo noi è sempre una versione indietro, non è il modo migliore per operare”, avrebbe scritto il CEO. La soluzione alternativa ora ipotizzata è che sia la stessa Oracle a rilasciare gli aggiornamenti di Java per Mac insieme a quelli per le altre piattaforme supportate. Anche se non viene specificato da Jobs nella sintetica risposta.

Nel frattempo Apple ha già riorganizzato il metodo con cui il Java runtime viene installato su Mac OS X, cambio che potrebbe facilitare il passaggio agli aggiornamenti Oracle.

Novità, intanto, arrivano anche sul fronte Flash , con uno sguardo sempre agli aggiornamenti: i nuovi MacBook Air non arriveranno nelle mani degli utenti con il programma precaricato. Ciò non significa , tuttavia, che il bando del prodotto Adobe dai dispositivi mobile con la Mela verrà esteso anche agli prodotti di Cupertino: il portavoce Bill Evans ha espresso la volontà che “gli utenti abbiano la versione più aggiornata del programma, e il modo migliore per assicurarlo è che provvedano loro stessi a scaricarlo direttamente dal sito di Adobe” (analogamente a quanto accade, ad esempio, sui PC con Windows).

Dopo il MacBook Air, toccherà quindi anche agli altri Mac rinunciare a flash preinstallato.

Anche se una passata risposta email di Jobs ne negava l’esistenza , intanto, muove i primi passi il Mac App Store per cui Cupertino avrebbe già divulgato le linee guida per gli sviluppatori. Con esse sono arrivati i primi giudizi negativi : il dirigente Mozilla addetto a Firefox, Mike Beltzner, le riterrebbe “non compatibili con il modo di sviluppare open beta di Mozilla”. E per sottolineare il suo punto ha anche linkato in un tweet un fumetto molto chiaro sulla sua visione dell’approccio imboccato da Cupertino. Con cui, dice, “gli utenti non vincono, gli autori non vincono. Il Web non vince”.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • v67 scrive:
    Cracker o hacker?
    Nel titolo cracker nel testo hacker, insomma un po di coerenza nel testo non guasterebbe.Al di la dei fatti il governo americano è molto abile a provocare gli eventi che poi giustificheranno una azione restrittiva nei diritti dei cittadini, lo hanno fatto dalla seconda guerra mondiale fino alle torri gemelle "iraq", simulano la ricezione di un attacco per poi attaccare loro, la solita solfa trita e ritrita.Sono i soliti giochetti che fanno abboccare i disinformati "da loro", tirando fuori il patriottismo americano atto solo a far soldi con le guerre, finche prima o poi la cina o la russia o semplicemente l'iran e la korea del nord non gli mollino sulla testa qualche atomica.Personalmente mi fanno schifo nella loro totale interezza!!!
  • jepessen scrive:
    Ma anche no...
    ...secondo me i governi non c'entrano. Si tratterà di qualche gruppo hacker in cerca di notorietà, grazie l'alta visibilità del sito di questo periodo. Il fatto che sia stato un attacco 'professionale' non mi dice niente, possono tranquillamente averlo detto anche se la falla era banale, per pararsi il sedere.
  • Sandro kensan scrive:
    Se vogliono assassinare Assange
    ...vuoi che non assoldino dei crackers che mettano in difficoltà wikileaks? Mi sembra quanto di più banale possa esserci. In fin dei conti sono abituati a fare colpi di stato nelle nazioni che non gradiscono, non si fermeranno certo di fronte alle leggi che valgono per gli altri e non per loro.
    • Ciccio87 scrive:
      Re: Se vogliono assassinare Assange
      Un nemico del genere non si uccide (anche perchè il movimento andrebbe avanti comunque), ma si mira a distruggerne l'immagine pubblica, a screditarlo
      • collione scrive:
        Re: Se vogliono assassinare Assange
        infatti hanno messo su il teatrino dello stupro di una donna da parte di Assangesolo che si sono arenati dopo 3 giorni :D
    • LuigiT scrive:
      Re: Se vogliono assassinare Assange
      Non tieni in conto che Assange si è assicurato :-)Vedi il fondo di questo articolo(http://punto-informatico.it/2960856/PI/News/usa-wikileaks-nel-mirino.aspx)CiaoLuigi
      • Sandro kensan scrive:
        Re: Se vogliono assassinare Assange
        - Scritto da: LuigiT
        Non tieni in conto che Assange si è assicurato :-)
        Vedi il fondo di questo
        articolo(http://punto-informatico.it/2960856/PI/Neè vero, ha una buona assicurazione ;)
Chiudi i commenti