Apple Pay non finanzia i neo-nazisti

Cupertino si unisce alla lista - invero sempre più lunga - di aziende che si dichiarano non interessate a fare affari con i suprematisti bianchi. L'odio è un cancro che va abbattuto e non alimentato, dice il CEO Tim Cook

Roma – Anche Apple chiude i rubinetti ai siti che inneggiano al neo-nazismo di stampo americano, eliminando il supporto del servizio di pagamento Pay a quei portali specializzati nella vendita di merchandising a tema come t-shirt (“White Pride”), accessori, loghi nazisti e svastiche assortite. Cupertino è in prima linea contro chi diffonde l’odio in rete, stando a quanto sostiene il CEO Tim Cook.

La fine del supporto sulla piattaforma Pay ha coinvolto AmericanVikings.com e VinlandClothing.com , mentre un terzo sito di e-commerce neo-nazi (Behold Barbarity) era già finito off-line per conto suo. Apple ha giustificato formalmente la mossa qualificando i portali come siti inneggianti all’odio, alla violenza e all’intolleranza, un comportamento in plateale violazione delle “linee guida accettabili” stabilite da Cupertino.

Il responsabile di AmericanVikings.com Brien James non è parso particolarmente preoccupato della fine del supporto su Pay, anche considerando l’impatto limitato che il servizio di pagamento di Apple ha sugli affari rispetto alla concorrenza. Un’eventuale dipartita di PayPal, che in ogni caso ha già messo in conto la cosa, potrebbe forse avere un effetto molto diverso sulla fiducia del neo-nazi “pro-bianchi”.

Sia come sia Apple dice di voler giocare un ruolo di primo piano nel contrasto alla diffusione dell’ideologia neo-nazista americana in rete, con il CEO Tim Cook che condanna i fatti di Charlottesville e la dichiarata equidistanza del presidente Donald Trump dai nazisti e dai manifestanti che si sono opposti al loro corteo.

I neo-nazi e chi manifesta contro l’odio razziale non sono affatto la stessa cosa, ha detto Cook, e bisogna agire proattivamente contro il “cancro” dell’odio prima che possa fare ulteriori danni negli USA come nel resto del mondo . Cook cita Marthin Luther King e promette di far giocare a Apple un ruolo di primo piano nel contrasto all’odio in rete.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • bubba scrive:
    oltre xkcd...
    anche questa e' simpatica[img]http://pbs.twimg.com/media/DHZ59CKUQAAkRyn.jpg[/img]
    • Skywalker scrive:
      Re: oltre xkcd...
      C'è un errore nel sillogismo della vignetta.Nella prima striscia si parla di "tolleranza delle idee" ("Libertà di Parola").Nella seconda di tolleranza delle azioni, che a quanto me noto, non è prevista e non era prevista in nessuna legislazione di questo pianeta, Repubblica di Weimar inclusa.I "Non Tolleranti" (NSDAP/DNVP) nelle elezioni del 1933 vinsero regolarmente le elezioni (51,88%) ed espressero il loro cancelliere. I "Tolleranti" tendono a dimenticare spesso questa lezione storica: le loro idee non furono convincenti per la maggioranza della popolazione.La repressione "forzata" arrivò più tardo. grazie a leggi di limitazione della libertà susseguenti al rogo del Reichstag, anche quelle con il supporto della opinione pubblica. In origine contro il comunisti, per poi essere estese a tutti gli altri.Non c'è nessun paradosso: si può e di deve tollerare senza limite le idee altrui, ma non necessariamente i loro atti.Il problema "democratico" è che spesso atti "intolleranti" sono popolari e come tali tollerati.
  • oracolo scrive:
    liberta di provola
    Mi chiedo perché la cosiddetta libertà di parola viene concessa solo ad alcune bocche mentre ed ad altre no!Non c'è una parola libera buona e un'altra cattiva, per essere libera bisogna accettarle entrambe.
    • i ching scrive:
      Re: liberta di provola
      Perché gli umani sono fatti così, e se guardi in profondità in te troverai le stesse cose, magari in altre direzioni.Viviamo in un mondo di convenzioni, dove però le persone non si rendono conto che sono convenzioni e le scambiano per verità perché ci sono nate e cresciute in mezzo.E così non vedono l'evidenza che la mia verità è diversa dalla tua, che è diversa dalla sua...Alcuni però sono più svegli degli altri, e in genere li trovi nei posti di comando, e da lì guidano le masse dormienti, che credono di essere sveglie e padrone delle loro scelte...
  • labbalila scrive:
    imbecillus al potere
    Ci credo che è stata una decisione sofferta: cloudflare è un'azienda che preferisce il lato B dei suoi (tonti) clienti, e non è nemmeno in grado di svolgere bene il suo "lavoro", come recentemente dimostrato.
  • Il tecnorate ben informato scrive:
    Libertà di parola
    Credo che questa vignetta di xkcd ci stia a pennellohttps://imgs.xkcd.com/comics/free_speech_2x.png
    • c39133c9fb5 scrive:
      Re: Libertà di parola
      Non esattamente. Se bastava togliere la protezione per costringere il sito alla chiusura significa che c'era qualcuno intento ad eseguire attacchi DOS contro quel sito. Non c'è nessuna prova che quelli che eseguivano gli attacchi DOS fossere gli stessi che seguivano il sito.
    • Skywalker scrive:
      Re: Libertà di parola
      Quindi se io penso che tu sai un "asshole" perché ti accompagni ad una persona negra(1), sono libero di boicottarti ed impedirti di essere ospite del mio ristorante, indicandoti la porta.Non sono del tutto sicuro che funzioni così...Anzi, almeno in Italia sono CERTO che non funziona così: il Codice Civile dice che se io sono disposto a pagare il prezzo che tu esponi, tu sei tenuto a servirmi, senza poter fare distinzioni sul mio pensiero. Anche se il mio pensiero è che il sesso a pagamento tra 50enni e 13enni dovrebbe essere legalizzato. Anche se il mio pensiero è che lo spaccio di marijuana dovrebbe essere legalizzato. E se sei hai studiato Diritto Civile, sai che il Codice Civile italiano non è proprio uno dei più liberali...Ti dirò di più: organizzare boicottaggi ("a non acquistare gli altrui prodotti agricoli o industriali") avvalendosi di Associazioni (quindi non individualmente) è ancora reato in Italia. Di più, se lo si fa con minaccia (es. pubblicando foto ed indirizzi di un manifestante razzista, in violazione della GDPR), si va da due a sei anni.Io non sono democratico liberale solo quando gli altri la pensano come me.Lo sono sempre.Tutti possono dire il loro pensiero, anche quando dicono scemenze colossali (ad es. secondo me gli Antivax, i Suprematisti Bianchi, gli abbattitori privati di statue storiche), purché: - non passino dal "Dire" al "Fare" (es. organizzando associativamente boicottaggi, malmenando o minacciando)- non pretendano spazi che non paghino di tasca propria (e.g. niente sovvenzioni pubbliche)(1) Visto che già una volta qualcuno ha avuto da ridire sul termine, ricordo che "Nigger" è un termine offensivo solo nel mondo anglosassone. L'aggettivo italiano "XXXXX" invece, dal latino "niger", non ha mai avuto alcuna valenza negativa, significa solo "nero, scuro" e non sono disposto a cedere il controllo delle parole italiane ai razzisti. Giusto per fare un esempio, la rivista dei Comboniani si chiama "Nigrizia".
      • bubba scrive:
        Re: Libertà di parola
        - Scritto da: Skywalker
        Quindi se io penso che tu sai un "asshole" perché
        ti accompagni ad una persona negra(1), sono
        libero di boicottarti ed impedirti di essere
        ospite del mio ristorante, indicandoti la
        porta.

        Non sono del tutto sicuro che funzioni così...

        Anzi, almeno in Italia sono CERTO che non
        funziona così: il Codice Civile dice che se io
        sono disposto a pagare il prezzo che tu esponi,
        tu sei tenuto a servirmi, senza poter fare
        distinzioni sul mio pensiero. Anche se il mio
        pensiero è che il sesso a pagamento tra 50enni e
        13enni dovrebbe essere legalizzato. Anche se il
        mio pensiero è che lo spaccio di marijuana
        dovrebbe essere legalizzato. E se sei hai
        studiato Diritto Civile, sai che il Codice Civile
        italiano non è proprio uno dei più
        liberali...infatti.... ed e' cosi anche in quel caso. cloudflare non ha certo violato alcuna legge. non ha neanche censurato il sito nazi. non gli offre piu' il caching (leggi :puo' anche andare da qualcun'altro. o trasferirsi su .onion. O magari smettere di essere subnormali ;)Il perche' lo ha spiegato il ceo: in sintesi si era rotto i XXXXXXXX. non e' una nuova general rule e sa che questo avra' qualche conseguenza, e non sa se sia la cosa giusta da fare. cionondimeno dopo averli sopportati e "difesi" per anni [cfr: blackhat e speech vari], gli e' venuta la mosca al naso xche consideravano cloudflare "uno di loro"...
      • ... scrive:
        Re: Libertà di parola
        - Scritto da: Skywalker
        Quindi se io penso che tu sai un "asshole" perché
        ti accompagni ad una persona negra(1), sono
        libero di boicottarti ed impedirti di essere
        ospite del mio ristorante, indicandoti la
        porta.

        Non sono del tutto sicuro che funzioni così...

        Anzi, almeno in Italia sono CERTO che non
        funziona così: il Codice Civile dice che se io
        sono disposto a pagare il prezzo che tu esponi,
        tu sei tenuto a servirmi, senza poter fare
        distinzioni sul mio pensiero. Anche se il mio
        pensiero è che il sesso a pagamento tra 50enni e
        13enni dovrebbe essere legalizzato. Anche se il
        mio pensiero è che lo spaccio di marijuana
        dovrebbe essere legalizzato. E se sei hai
        studiato Diritto Civile, sai che il Codice Civile
        italiano non è proprio uno dei più
        liberali...

        Ti dirò di più: organizzare boicottaggi ("a non
        acquistare gli altrui prodotti agricoli o
        industriali") avvalendosi di Associazioni (quindi
        non individualmente) è ancora reato in Italia. Di
        più, se lo si fa con minaccia (es. pubblicando
        foto ed indirizzi di un manifestante razzista, in
        violazione della GDPR), si va da due a sei
        anni.

        Io non sono democratico liberale solo quando gli
        altri la pensano come
        me.
        Lo sono sempre.

        Tutti possono dire il loro pensiero, anche quando
        dicono scemenze colossali (ad es. secondo me gli
        Antivax, i Suprematisti Bianchi, gli abbattitori
        privati di statue storiche), purché:

        - non passino dal "Dire" al "Fare" (es.
        organizzando associativamente boicottaggi,
        malmenando o
        minacciando)
        - non pretendano spazi che non paghino di tasca
        propria (e.g. niente sovvenzioni
        pubbliche)


        (1) Visto che già una volta qualcuno ha avuto da
        ridire sul termine, ricordo che "Nigger" è un
        termine offensivo solo nel mondo anglosassone.
        L'aggettivo italiano "XXXXX" invece, dal latino
        "niger", non ha mai avuto alcuna valenza
        negativa, significa solo "nero, scuro" e non sono
        disposto a cedere il controllo delle parole
        italiane ai razzisti. Giusto per fare un esempio,
        la rivista dei Comboniani si chiama
        "Nigrizia".ti porto un esempio di quanto sia democratico punto informatico, occhio eh?"non mi piacciono i negri e preferirei che nessuno di essi calcasse il suolo Italiano". questo post sara' cancellato lunedi.
Chiudi i commenti