Apple-Samsung: ordinanze sul futuro?

Nella causa brevettuale che le vede coinvolte ciascuna chiede di vedere i rispettivi prototipi dei prossimi prodotti

Roma – Nella battaglia brevettuale che vede coinvolte Apple e Samsung sul banco delle prove vi è il futuro. Prima Cupertino e ora la sudcoreana, infatti, hanno chiesto al giudice che l’altra mostri le mostri i prossimi prodotti in modo da permettere di organizzare le future azioni legali .

A dare il via alle ostilità su questo fronte brevettuale era stata Apple, che aveva denunciato l’azienda sudcoreana presso i tribunali del Delaware accusandola di aver violato sue tecnologie relative all’interfaccia utente TouchWiz, alla confezione dei prodotti e al design di alcuni dispositivi (basati su Android), troppo simili a iPhone.

A questa Samsung aveva risposto contestandole 10 brevetti sia presso tribunali coreani, tedeschi e giapponesi che davanti alla corte del Distretto Nord della California.

Il giudice del Delaware ha già accettato la richiesta di Apple che obbliga Samsung a passarle i prossimi modelli smartphone e tablet della linea Galaxy . Fra questi Samsung Galaxy Tab 10.1, Galaxy Tab 8.9, Samsung Galaxy S2, Infuse 4G e Droid Charge. A rendere meno onerosa per la sudcoreana la richiesta di Cupertino, il fatto che alcuni di questi modelli erano già stati mostrati allo scorso Google I/O e che l’accesso sarà garantito solo al team di legali di Apple e non ai suoi ingegneri.

Ora è Samsung a chiedere l’accesso ai prossimi modelli di iPhone e iPad.
Entrambe si sono appellate alla necessità di monitorare i futuri device dell’avversaria per preparare una completa azione legale .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • umpa lumpa scrive:
    awwwwwww
    la guerra del futuro
  • Marco scrive:
    mah
    Chiunque abbia mai lavorato in quell'ambito sa benissimo che le informazioni veramente sensibili non sono in rete. O meglio, sono condivise in una rete FISICAMENTE scollegata da internet e dalla rete dei servizi generali. Gli harddisk, poi sono custoditi in cassaforte e vengono collegati ai pc solo quando vengono utilizzati! Quindi questa è la solita finta notizia creata per mettere paura all'opinione pubblica e "ammorbidire" le commissioni che decidono i finanziamenti ad un settore o ad un altro della difesa.saluti.
  • HuSkY scrive:
    prontezza di riflessi
    "anche perché riferisce di essere riuscita a chiudere di propria iniziativa la sua rete privata, in modo da bloccare l'acXXXXX anche agli intrusi"ha scollegato il cavo ethernet? (rotfl)
  • Cryon scrive:
    E.C.
    "Lieutenant Colonel" o "Sergente Colonnello"? :)
Chiudi i commenti