Apple TV: cos'è e come funziona lo smart box di Apple

Apple TV: cos'è e come funziona lo smart box di Apple

Tutti parlano della Apple TV, ma di cosa si tratta, quanto costa e cosa offre all'utente? Scopriamolo subito in questa guida
Tutti parlano della Apple TV, ma di cosa si tratta, quanto costa e cosa offre all'utente? Scopriamolo subito in questa guida

Con il continuo aumentare dei servizi di streaming dedicati a film e serie TV, anche i dispositivi prettamente incentrati sulla riproduzione di tali contenuti stanno vivendo una seconda giovinezza. Apple in particolare, con la sua Apple TV, si preoccupa di offrire la stessa esperienza di utilizzo di iOS e iPadOS anche in salotto, grazie principalmente al sistema operativo sviluppato per il suddetto box. Quest’ultimo, sta prendendo sempre più piede anche in Italia e, per questo motivo, abbiamo deciso di dedicargli una guida approfondita.

Qualora foste quindi interessati all’acquisto, ma anche un po’ spaventati, come vedremo in seguito, dal prezzo, vi consigliamo di leggere con attenzione i paragrafi seguenti, poiché potreste scoprire anche funzioni innovative e perfettamente compatibili con i propri device mobile, iPhone, iPod touch e iPad fra tutti.

Apple TV: cos’è

apple tv

Partiamo quindi con un concetto un po’ più generale di Apple TV. Si tratta sostanzialmente di una scatolina nera, la quale dovrà essere connessa ad una fonte di alimentazione e al televisore preferito tramite un qualsiasi cavo HDMI (la cui versione potrebbe influire sulla qualità di riproduzione). Niente display o pulsanti, poiché per tutti i comandi sarà sufficiente sfruttare il telecomando incluso in confezione, oppure l’interfaccia “Remote” di iPhone e iPad, di cui parleremo tra qualche istante.

Una volta connessa al televisore, consentirà l’utilizzo di tvOS, il sistema operativo basato su iOS e creato appositamente per Apple TV. Questo proporrà molte funzioni comuni ad altri dispositivi dello stesso tipo, come ad esempio, la Fire TV Stick o la Chromecast con Google TV. Tuttavia, a completare il tutto, non mancheranno anche dei servizi esclusivi, ovviamente caratterizzati dall’essere gestiti direttamente da Apple.

In particolare, oltre all’utilizzo delle app di streaming più popolari, come Disney plus, RaiPlay, Prime Video, Netflix, Now TV e altri, si potranno giocare tutti i titoli disponibili nel catalogo di Apple Arcade, servizio di gaming in abbonamento disponibile su tutti i device dell’azienda di Cupertino. Per migliorare ulteriormente l’utilizzo di tale piattaforma però, non mancherà la possibilità di connettere, via Bluetooth, i controller wireless più popolari, come quelli di PS4, PS5, Xbox, oppure tutti quelli contrassegnati dalla certificazione di MFi (Made For iOS).

Da segnalare anche il supporto completo a Apple Music e Apple Podcast, servizi sempre concessi della stessa azienda e rispettivamente dedicati alla fruizione di contenuti musicali e audio in generale. Non possiamo poi non includere anche la piattaforma di Apple Fitness+, attualmente non disponibile in Italia, ma che presto potrebbe raggiungere anche il nostro Paese. Si tratta di un servizio in abbonamento direttamente connesso ad Apple Watch e Apple Music e che offre dei programmi di allenamento personalizzati e curati da Personal Trainer esperti.

Come vedremo anche in seguito, uno dei motivi principali per scegliere una Apple TV è ovviamente Apple TV plus, il servizio di streaming di film e serie TV originali Apple, anche se, almeno quest’ultimo, potrà essere utilizzato anche attraverso l’app dedicata ad altri dispositivi dello stesso tipo (Fire TV Stick, Chromecast con Google TV o alcune smart TV).

Tra le altre funzioni esclusive, includiamo ovviamente: Siri, attualmente non disponibile in Italia ma il suo arrivo sembra previsto entro la fine del 2021, HomeKit, per gestire dalla TV tutti i dispositivi domotici compatibili, audio surround offerto dall’utilizzo di due o più HomePod connessi via wireless (attualmente non disponibili in Italia è previsto entro la fine del 2021) e anche il supporto agli AirPods, AirPods Pro, AirPods Max e cuffie Beats per un ascolto più “intimo”.

Apple TV 4k B09333B7TK

Il modello “top di gamma” dell’azienda di Cupertino è la Apple TV 4K, caratterizzata da un chip più potente e dal supporto ad una qualità video più avanzata. In particolare, la presenza del SoC A12 Bionic, garantisce delle performance grafiche di alto livello, una navigazione fluida dell’interfaccia di tvOS e dei giochi di Apple Arcade e supporto più avanzato per le app in multitasking.

Ovviamente, come anticipa anche il nome, non manca la compatibilità con il 4K HDR ad alto frame rate, disponibile solo sulle TV 4K HDR e cavi HDMI 2.0 o 2.1. Tutto ciò, permette la fruizione di film e serie TV in Dolby Vision e, dove supportato, anche in Dolby Atmos, per una qualità audio ancora superiore.

Apple TV HD

Il sistema operativo incluso all’interno della Apple TV HD è lo stesso della Apple TV 4K, ma le performance e la qualità audio supportate sono ovviamene differenti. Non si va infatti oltre il Full HD a 1080p e quindi anche al supporto ai cavi HDMI 1.4.

All’interno è presente il SoC A8 con architettura a 64 bit, decisamente datato, ma comunque abbastanza potente da consentire una navigazione dell’interfaccia e delle funzioni principali abbastanza fluide. Tuttavia, c’é da segnalare il fatto che alcuni titoli di Apple Arcade non potranno essere giocati a causa di alcune specifiche richieste e non presenti su questo modello di Apple TV.

Apple TV 3 generazione

Piccola nota di merito anche per il box di terza generazione, la quale non risulta essere più prodotta e venduta da Apple, ma comunque ancora aggiornata in alcune funzioni. Non dispone di un App Store, e quindi delle applicazioni di streaming più popolari, ma permette l’utilizzo di AirPlay, per inviare i contenuti video da iPhone, iPad, iPod touch e Mac, e, soprattutto, la riproduzione dei contenuti di Apple TV plus.

Apple TV: costo

Per parlare del prezzo, dobbiamo prendere in considerazione solo i modelli 4K e HD, in quanto, come anticipato, la terza generazione non è più in commercio.

La Apple TV HD è disponibile solo nella versione da 32GB e con il telecomando di ultima generazione e il suo prezzo è di ,00 euro . Inclusi nel prezzo però, sono presenti tre mesi di abbonamento a Apple TV plus e tre mesi di abbonamento a Apple Arcade.

Apple TV 4K invece, è disponibile in versione da 32 GB a ,00 euro  e in quella da 64 GB a ,00 euro, sempre con inclusi il telecomando di ultima generazione, tre mesi di abbonamento a Apple TV plus e tre mesi di di abbonamento a Apple Arcade. In entrambi i casi, il cavo HDMI dovrà essere acquistato a parte.

Apple TV: come funziona

2021 Apple TV 4K

 

Il funzionamento della Apple TV è assolutamente semplicissimo, soprattutto per chi possiede già un dispositivo mobile della stessa azienda. Subito dopo la prima configurazione, e dopo aver inserito i propri dati relativi all’account Apple ID, apparirà il menu principale delle app, molto simile a quello presente su iPhone e iPad.

Per navigare nell’interfaccia sarà sufficiente utilizzare il telecomando incluso in confezione, il quale disporrà di pulsanti direzionali abbastanza chiari e precisi. Inoltre, grazie al supporto all’HDMI check dei televisori, sarà possibile utilizzare un solo telecomando per gestire (quasi) tutte le funzioni della TV.

L’esperienza di fruizione dei contenuti multimediali è resa ancora migliore dall’app Apple TV, all’interno della quale sarà possibile acquistare e noleggiare film, riprodurre i contenuti di Apple TV plus o Disney plus (catalogo in aumento con nuovi servizi di streaming integrati) e sottoscrivere nuovi abbonamenti ai “Canali”, come ad esempio StarzPlay.

Nota di merito anche per le opzioni di Picture in Picture, utile per continuare a vedere un contenuto anche mentre si naviga all’interno nell’interfaccia, del Centro di Controllo, perfetto per gestire i controlli di HomeKit o di AirPlay e il supporto al multi utente, così da creare uno spazio dedicato ad ogni membro della famiglia.

Apple TV e mirroring con AirPlay

Il mirroring sulla Apple TV avviene tramite AirPlay, disponibile su iPhone, iPad, iPod touch e Mac. Questo consentirà di inviare qualsiasi contenuto audio e video da un qualsiasi device alla TV, oppure di duplicarne lo schermo.

Per poter utilizzare AirPlay su iPhone, iPad e iPod Touch, sarà sufficiente accedere al centro di controllo, cliccare sull’icona “Duplica schermo” (due rettangoli sovrapposti) e scegliere il nome della Apple TV. Per inviare semplicemente i contenuti invece, basterà cliccare sull’icona di AirPlay nell’angolo in alto a destra del pannello dedicato alla riproduzione nel Centro di Controllo e scegliere il nome della Apple TV.

Su Mac invece, bisognerà accedere al Centro di Controllo in alto a destra del menu delle opzioni, cliccare su “Duplica schermo”, oppure sull’icona di AirPlay alla destra della sezione “Suono” e scegliere il nome della Apple TV.

Apple TV e HomeKit

Cliccando e tenendo premuto per qualche istante sul pulsante “TV” del telecomando, si accederà direttamente al Centro di Controllo della Apple TV, all’interno del quale saranno inclusi i dispositivi preferiti configurati nell’app “Casa” di iPhone e iPad.

Purtroppo, non sarà inclusa alcuna app dedicata a HomeKit, ma tutto sarà integrato nel sistema. Si potrà infatti utilizzare Siri per controllare tutte le luci e gli altri accessori e apparirà automaticamente sullo schermo una finestra dedicata alle telecamere di sicurezza o ai campanelli smart nel momento più opportuno.

Apple TV remote

Tra le novità più importanti delle Apple TV di ultima generazione c’è sicuramente il remote, completamente rivisto e migliorato rispetto alle versioni precedenti. Tra le caratteristiche più importanti, troviamo uno spessore più pronunciato per facilitarne l’impugnatura, il tasto Siri spostato sulla cornice destra come su iPhone e ben tre metodi di navigazione dell’interfaccia, tramite click o swipe.

I tasti presenti sulla superficie saranno: touchpad, click di selezione, frecce direzionali, muto, volume, play/pausa, Siri, TV, indietro e accensione/spegnimento. Da segnalare anche la presenza di un microfono integrato per interagire con l’assistente vocale. Il tutto funzionerà tramite tecnologia Bluetooth, ma si potranno sfruttare anche i raggi IR per modificare il volume del televisore.

Remote su iPhone

Una volta configurata la Apple TV, all’interno del centro di controllo apparirà l’icona del remote, molto utile per simulare le funzioni del telecomando direttamente dallo smartphone o dal tablet. In più, non mancherà la possibilità di far apparire una tastiera software, molto utile per digitare del testo senza doverlo fare manualmente dal telecomando. Si potrà sfruttare il microfono integrato nel dispositivo per utilizzare Siri, ma purtroppo, a causa della mancanza dei raggi IR, non si potrà modificare il volume del televisore.

Apple TV: le app disponibili

Sia Apple TV 4K che HD girano grazie a tvOS, sistema operativo basato su iOS e capace di supportare un App Store completamente dedicato alle app da salotto. Al suo interno non mancheranno infatti tantissimi giochi, applicazioni dedicati al fitness e, ovviamente, anche quelle dedicate alla riproduzione di film e serie TV. Tra le tante, citiamo: Netflix, RaiPlay, Discovery plus, RedBull TV e altre ancora. Ora però, concentriamo l’attenzione su alcune delle più utilizzate e scaricate.

Apple TV Plus

Apple TV+ presentazione Cook

Più volte abbiamo parlato di Apple TV plus in questo articolo e, in realtà, lo abbiamo fatto in maniera ancora più approfondita in una guida dedicata. Per questo motivo, qualora voleste sentir parlare ancora del suddetto servizio di streaming, consigliamo di raggiungerla cliccando su questo link.

Now tv app

Dopo tantissimi anni di richieste da parte degli utenti, finalmente Sky ha deciso di portare anche Now TV su Apple TV. Il suo funzionamento rimane sostanzialmente identico rispetto alla controparte dedicata alla Now TV Stick e i contenuti presenti saranno esattamente gli stessi di quelli previsti nel ticket acquistato.

Degne di nota sono tutte le produzioni originali Sky, Sky Italia e, soprattutto, quelle HBO, “importate” nel nostro Paese proprio dal suddetto network. Per scaricare l’app di Now TV sarà sufficiente cliccare su questo link.

Disney plus app

Disney+

Disney plus è indubbiamente una delle applicazioni di streaming più popolari al mondo, grazie soprattutto al catalogo ricco di produzioni Marvel, Disney, Fox, National Geographic e Star Wars. Inoltre, con l’arrivo del nuovo canale “Star”, anche alcuni dei titoli di Hulu potranno essere visti in Italia.

In più, almeno per il momento, l’app di Disney plus è l’unica ad essere integrata nell’applicazione “Apple TV”, funzione molto utile per avere un’unica coda di visualizzazione e per riprodurre tutti i contenuti preferiti senza dover passare da un’app all’altra. Disponibile per il download qui.

Amazon prime app

Infine, non possiamo che includere anche l’applicazione di Prime Video, ricca di produzioni originali Amazon. Il suo catalogo include anche diversi titoli in anteprima esclusiva e, a partire dalla metà del 2020, anche di film previsti per le sale cinematografiche, ma poi riportate nei servizi di streaming.

Su Prime Video sarà anche possibile sottoscrivere ulteriori abbonamenti ai “Canali”, oppure acquistare o noleggiare i film non disponibili gratuitamente con l’abbonamento Prime. L’applicazione può essere scaricata direttamente da questo link.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 30 ago 2021
Link copiato negli appunti