ARM e IBM, partnership mobile

Ulteriore alleanza strategica tra i due colossi. Insieme realizzeranno dei chip a 14nm destinati a smartphone e tablet
Ulteriore alleanza strategica tra i due colossi. Insieme realizzeranno dei chip a 14nm destinati a smartphone e tablet

Il motore dei dispositivi mobile ha bisogno di prestazioni da fuoriserie, rapportate a consumi da utilitaria. Per riuscire a raggiungere questo compromesso, due scuderie differenti hanno scelto di unire gli sforzi. IBM ha una comprovata esperienza nella ricerca e sviluppo di semiconduttori, mentre ARM è semplicemente il leader attuale dei chip per smartphone. La partnership appena annunciata servirà ad accelerare il ritmo.

La precedente alleanza tra i due colossi era incentrata sulla produzione di wafer di silicio a 32 e 28 nanometri. Lo scopo di questa nuova missione è invece quello di produrre chip ARM based di nuova generazione, ancora più piccoli, realizzati con un processo produttivo a 14nm e completamente incentrati sul settore mobile.

Secondo IBM, per spingersi oltre e realizzare geometrie sempre più miniaturizzate il lavoro di squadra è diventato fondamentale. Il reparto Microelectronics di Big Blue metterà i suoi esperti al servizio della tecnologia ARM, per raffinare l’architettura attuale e rivoluzionare il mercato di smartphone e tablet.

La possibilità di utilizzare un die con dimensioni ancora più contenute, a parità di transistor, dovrebbe innanzitutto assicurare una maggiore durata della batteria sui device di domani. La road map di questo ambizioso progetto non è stata rivelata ma l’unione servirebbe proprio per tentare di arrivare al traguardo in tempi brevi.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 01 2011
Link copiato negli appunti