Assalto Capitol Hill: servono dati dei social media

Assalto Capitol Hill: servono dati dei social media

La commissione che indaga sull'assalto del 6 gennaio ha chiesto a 15 aziende di fornire numerose informazioni, inclusi i contenuti degli utenti.
La commissione che indaga sull'assalto del 6 gennaio ha chiesto a 15 aziende di fornire numerose informazioni, inclusi i contenuti degli utenti.

L’assalto a Capitol Hill del 6 gennaio è stato organizzato e coordinato tramite vari social media. La commissione istituita dal governo statunitense per indagare sull’accaduto ha chiesto a Facebook, Twitter e altre aziende di fornire tutte le informazioni relative all’assalto, incluse quelle relative alle elezioni presidenziali del 2020. I dati devono essere inviati entro il 9 settembre.

I social media devono fornire i dati

Il Select Commitee è stato istituito per esaminare fatti, circostanze e cause dell’assalto con l’obiettivo di suggerire eventuali leggi, procedure e regole da seguire per evitare che non accadano più simili attacchi alla democrazia degli Stati Uniti. La commissione ha già chiesto informazioni a varie agenzie governative, tra cui FBI, Dipartimento di Giustizia, Difesa, Interni e Sicurezza interna. Ora è il turno dei social media.

La commissione ha inviato una richiesta scritta a 15 aziende/piattaforme: 4chan, 8kun, Facebook, Gab, Google, Parler, Reddit, Snapchat, Telegram, theDonald.win, Tik Tok, Twitch, Twitter, YouTube e Zello. L’elenco è piuttosto lungo e include documenti, report, studi, analisi e altre informazioni relative a disinformazione, violenza estremista e interferenza straniera a partire da aprile 2020.

Le aziende devono inoltre fornire account, gruppi, utenti, post e altri contenuti che sono stati sanzionati, sospesi e rimossi dalla piattaforma. La commissione chiede anche informazioni sulle modifiche attuate per evitare la diffusione di fake news durante la campagna elettorale del 2020, oltre che prima e dopo il 6 gennaio 2021.

Facebook, Google e Snap hanno promesso la loro collaborazione. L’ex Chief Security Officer di Facebook (Alex Stamos) ha dichiarato che la commissione non può costringere le aziende a consegnare i contenuti degli utenti. Secondo Donald Trump (che ha denunciato Facebook, Google e Twitter), il Presidente Biden dovrebbe sfruttare il suo privilegio per bloccare la richiesta di informazioni alle agenzie federali.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 30 ago 2021
Link copiato negli appunti