Aste giudiziarie: l'equità di una firma digitale

Aste giudiziarie: l'equità di una firma digitale

La nuova disciplina delle aste giudiziarie impone l'uso di PEC e firma digitale, elementi che rendono questa opportunità più democratica e trasparente.
La nuova disciplina delle aste giudiziarie impone l'uso di PEC e firma digitale, elementi che rendono questa opportunità più democratica e trasparente.

Quando le maglie dell'economia si stringono ed eventi come quelli determinati dalla pandemia disseminano ostacoli sul mercato, uno degli ambiti nei quali vanno ad annidarsi opportunità è quello delle aste giudiziarie. I beni alienati vanno infatti all'incanto e chiunque ha oggi la possibilità di partecipare alle aste giudiziarie per portare avanti la propria proposta di acquisto. La differenza rispetto a pochi anni or sono è evidente: oggi non c'è più alcuna necessità di presentarsi fisicamente sul luogo dell'asta e all'ora indicata, trovandosi peraltro fisicamente compresenti agli altri contendenti. Poter fare tutto da remoto regala alle aste maggior sicurezza, maggior trasparenza, maggior equità e – soprattutto – maggior concorrenzialità.

Se è vero che chiunque può oggi partecipare, cercando online i dettagli dell'asta e decidendo in proprio come e se procedere all'offerta, è altrettanto vero che le nuove discipline del settore (DM 32/2015) impongono requisiti specifici per la validazione della documentazione presentata. Uno di questi requisiti ha un'importanza particolare, poiché funge da sigillo all'intero corpus documentale necessario: si tratta della firma digitale.

Aste giudiziarie: il valore della firma digitale

Il decreto a cui fa capo l'aspetto normativo legato alle aste giudiziarie prevede anzitutto alcuni punti cardinali che occorre capire a priori per poter portare avanti la proposta. Il passo fondamentale è quello nel quale il decreto indica l'obbligo di condurre le aste per via telematica, aprendo così un nuovo orizzonte per il settore, e fissa quindi la nomenclatura di base sulla quale si regge l'impianto complessivo:

  • operazioni di vendita telematica
    le attività compiute tra il momento della connessione degli offerenti al portale del gestore della vendita telematica e l'aggiudicazione o l'individuazione del migliore offerente“;
  • gestore della vendita telematica
    il soggetto costituito in forma societaria autorizzato dal giudice a gestire la vendita telematica“;
  • offerta per la vendita telematica
    l'offerta d'acquisto di beni mobili o immobili nella vendita telematica senza incanto o tramite commissionario ovvero la domanda di partecipazione alla vendita telematica all'incanto dei medesimi beni“;
  • portale del gestore
    il sistema telematico predisposto dal gestore della vendita telematica e accessibile agli offerenti e al pubblico tramite rete Internet ed al giudice o ad altri utenti legittimati tramite rete Internet o servizi telematici del Ministero […]; il portale deve essere munito di un valido certificato di autenticazione emesso da un certificatore accreditato per la firma digitale o da un certificatore riconosciuto a livello internazionale alla emissione di certificati di autenticazione per protocolli SSL/TLS“.

Vengono inoltre previste tre modalità specifiche di asta, differenti percorsi che determinano le diverse modalità di partecipazione possibili:

  • vendita sincrona telematica
    modalità di svolgimento dell'incanto o della gara nella vendita immobiliare senza incanto in cui i rilanci vengono formulati esclusivamente in via telematica nella medesima unità di tempo e con la simultanea connessione del giudice o del referente della procedura e di tutti gli offerenti“;
  • vendita sincrona mista
    modalità di svolgimento dell'incanto o della gara nella vendita immobiliare senza incanto in cui i rilanci possono essere formulati, nella medesima unità di tempo, sia in via telematica sia comparendo innanzi al giudice o al referente della procedura“;
  • vendita asincrona
    modalità di svolgimento delle vendite mobiliari senza incanto o tramite commissionario o della gara nella vendita immobiliare senza incanto in cui i rilanci vengono formulati, esclusivamente in via telematica, in un lasso temporale predeterminato e senza la simultanea connessione del giudice o del referente della procedura“.

Posti questi punti fermi, la documentazione va consegnata secondo modalità precise affinché la proposta possa essere considerata valida. Il primo punto fermo è la Posta Elettronica Certificata, che fissa nel tempo il momento del deposito; il secondo punto fermo è la Firma Digitale, che certifica sia l'identità del proponente che i contenuti della documentazione.

FIRMA DIGITALE
Scopri la migliore soluzione Aruba per le tue esigenze

Una normativa complessa, insomma, si risolve in una procedura estremamente semplice: una PEC ed una Firma Digitale sono il lasciapassare per accedere a nuove importanti opportunità sulle quali investire. La trasformazione digitale non è soltanto semplificazione ed efficientamento: è anche un viatico di equità e trasparenza che democraticizza l'accesso alle risorse e alle opportunità: è forse questa la rivoluzione più grande che l'era del digitale può portare avanti.

In collaborazione con Aruba
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 10 2021
Link copiato negli appunti