AT&T, denuncia per le connessioni strozzate

Le autorità statunitensi trascinano in tribunale il colosso delle telecomunicazioni con l'accusa di aver ingannato milioni di utenti riguardo i presunti piani di connessione illimitati. AT&T fa l'offesa e risponde per le rime

Roma – La Federal Trade Commission (FTC) ha denunciato AT&T per le sue pratiche di throttling delle connessioni su rete cellulare, su utenze che avrebbero dovuto avere accesso “illimitato” alle risorse telematiche ma che venivano invece rallentate anche del 90 per cento nel trasferimento dati.

Il secondo maggior operatore mobile del paese è accusato di aver “ingannato” i propri utenti fornendo loro piani di connessione illimitati che illimitati non sono affatto, dice ancora la FTC: stando ai dati raccolti assieme alla Federal Communications Commission (FCC), si parla di 3,5 milioni di singole utenze “limitate” per 25 milioni di volte.

La risposta di AT&T non si è fatta attendere e utilizza toni altrettanto franchi per respingere le accuse di FTC al mittente : le illazioni della commissione sarebbero “prive di fondamento” e nulla hanno a che fare con le pratiche di “network management” adottate dalla corporation, AT&T è sempre stata “trasparente” con gli utenti e gestisce le proprie risorse di rete così da offrire il “miglior servizio possibile” per tutti i suoi sottoscrittori.

La questione del throttling dei dati (su mobile e non) continua a essere uno degli argomenti più spinosi nelle cronache tecnologiche dagli USA: Verizon Wireless ha ufficialmente annunciato l’abbandono di ogni piano di restrizione alle velocità su connessioni LTE, e qualora FTC avesse successo in tribunale AT&T sarebbe costretta a compensare gli utenti per l’inadempienza di contratto.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Liutprando scrive:
    OpenOffice
    Uso al 95 percento OpenOffice, lasciando "la suite per eccellenza" versione 2010 solo per i documenti che hanno una formattazione così complessa in origine (parlo di .doc e .docx) da costringermi ad usarla.Ormai scambio con gli altri studi documenti in .ods e per i fan di Office li converto in quel formato poco prima di scambiarli.Microsoffice non ha più niente di veramente interessante da aggiungere per gli studi come il mio dalla versione 2007.Non so negli altri settori, ma nel mio il cloud lo si fa su un proprio server sempre acceso, protetto passphrase, da firewall e antivirus e in https; e non lo si gestisce da una applicazione.Non vedo proprio perché dovrei mettere i miei documenti aziendali in server sconosciuti, sottoposti a regimi giuridici sconosciuti e gestiti da sconosciuti; una follia.Riconosco i meriti passati di M$, ma ora può vendere solo alle aziende che tiene in pugno, a governi compiacenti ed a qualche fanatico (e danaroso) dell'ultima release.
    • LuigiT scrive:
      Re: OpenOffice
      - Scritto da: Liutprando
      Uso al 95 percento OpenOffice, lasciando "la
      suite per eccellenza" versione 2010 solo per i
      documenti che hanno una formattazione così
      complessa in origine (parlo di .doc e .docx) da
      costringermi ad
      usarla.
      Ormai scambio con gli altri studi documenti in
      .ods e per i fan di Office li converto in quel
      formato poco prima di
      scambiarli.
      Microsoffice non ha più niente di veramente
      interessante da aggiungere per gli studi come il
      mio dalla versione
      2007.
      Non so negli altri settori, ma nel mio il cloud
      lo si fa su un proprio server sempre acceso,
      protetto passphrase, da firewall e antivirus e in
      https; e non lo si gestisce da una
      applicazione.
      Non vedo proprio perché dovrei mettere i miei
      documenti aziendali in server sconosciuti,
      sottoposti a regimi giuridici sconosciuti e
      gestiti da sconosciuti; una
      follia.
      Riconosco i meriti passati di M$, ma ora può
      vendere solo alle aziende che tiene in pugno, a
      governi compiacenti ed a qualche fanatico (e
      danaroso) dell'ultima
      release.Con esclusione delle ultime righe, non sbagliate ma eccessive, sottoscrivo in pieno, rievidenziando che già da varie release le aggiunte/modifiche sono per pochi o ne modificano l'usabilità, cosa che non a tutti è vantaggiosa.
      • MicroShit Supporter scrive:
        Re: OpenOffice
        Io, invece, quoto per intero il commento di Liutprando e mi piacerebbe sapere cosa e come ci sarebbe di eccessivo nella pura e semplice descrizione della realta'.Al di la di questo, che non vuole essere una polemica ma una semplice domanda aggiungo un paio di link che penso interessanti:https://wiki.documentfoundation.org/Feature_Comparison:_LibreOffice_-_Microsoft_Officehttp://www.pcworld.com/article/2042552/review-libreoffice-4-liberates-you-from-microsoft-office.html
Chiudi i commenti