Autorità TLC, antipirateria al via

Il compito è improbo ma i sostenitori sono tanti e potenti, dalla BSA alla FIMI passando per la SIAE. La nuova divisione dovrà occuparsi della pirateria sui prodotti informatici e su quelli audiovisivi
Il compito è improbo ma i sostenitori sono tanti e potenti, dalla BSA alla FIMI passando per la SIAE. La nuova divisione dovrà occuparsi della pirateria sui prodotti informatici e su quelli audiovisivi


Napoli – L’Autorità TLC, come ampiamente previsto, ha “ufficializzato” il proprio impegno contro la pirateria sul software e sulla produzione audiovisiva avviando nelle scorse ore la propria “divisione antipirateria”.

A Napoli si è svolto un primo incontro a cui hanno partecipato il direttore dell’unità antipirateria, il giurista Giuseppe Corasaniti, e il commissario dell’Autorità TLC che si è occupato del provvedimento, Alessandro Luciano. Accanto a loro i rappresentati delle associazioni industriali interessate e da sempre impegnate contro il fenomeno della pirateria, come la Business Software Alliance (BSA), la FAPAV, cioè la federazione antipirateria audiovisiva, la FPM, la federazione antipirateria musicale e naturalmente la FIMI, la federazione delle industrie musicali.

Questo incontro e quelli che seguiranno, hanno spiegato fonti dell’Autorità, servono a determinare le strategie e il coordinamento che dovrà essere messo in campo per occuparsi di tutela del diritto d’autore. Il “comitato di consultazione” definirà le proprie strategie in collaborazione con la SIAE.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

03 06 2001
Link copiato negli appunti