Baidu miete cervelli negli States

Il noto search engine cinese ha annunciato l'avvio di una campagna di reclutamento. Nel mirino non meno di trenta ingegneri della Silicon Valley: per espandere le proprie competenze tecnologiche

Roma – Si tratta di una decisione presa in vista di una forte espansione, almeno relativa alle capacità tecnologiche del suo staff . E probabilmente di una maniera efficace per ottenere un rapido innalzamento del suo profilo a livello globale. Baidu, ovvero il più noto motore di ricerca cinese, ha annunciato che farà la spesa all’estero, negli Stati Uniti.

Ma una spesa del tutto particolare , che mirerà a partire dal prossimo inizio di luglio alla raccolta delle menti più brillanti. Una trentina di ingegneri software che verranno prelevati dalla Silicon Valley, e a cui Baidu ha intenzione di affidare il comando di nuovi progetti legati al search .

“Baidu crede che il talento sia la chiave per il suo successo come azienda – ha spiegato all’agenzia di stampa Reuters il direttore per le risorse umane, Zheng Bin – E vogliamo dirigerci ovunque sia possibile trovare i migliori talenti, che siano qui in Cina o nella Silicon Valley”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti