Banda larga, negli USA fanno i controlli

Banda larga, negli USA fanno i controlli

Ci pensa l'autorità TLC locale, che intende verificare se le velocità broad band dichiarate dai provider sono quelle di cui godono effettivamente i clienti
Ci pensa l'autorità TLC locale, che intende verificare se le velocità broad band dichiarate dai provider sono quelle di cui godono effettivamente i clienti

New York (USA) – Tutto il mondo è paese? Negli USA, proprio come in Italia, non mancano i provider che per guadagnare quote di mercato promettono prestazioni per la propria banda larga lontane dalla realtà, invitando i potenziali clienti a sottoscrivere contratti privi di vere garanzie di “velocità”.

Per questo l’Autorità TLC locale, la Commissione federale sulle Comunicazioni ha deciso di vederci chiaro, andando a valutare quali siano le prestazioni effettivamente offerte e come queste vengano pubblicizzate.

I funzionari del Garante hanno dichiarato che si intende considerare responsabili i provider per ogni eventuale “rappresentazione falsa o ingannevole” delle prestazioni dei servizi a banda larga. Una questione che secondo la FCC riguarda almeno 65 milioni di americani.

Non mancano i problemi: proprio come accade in Italia, molti provider promuovono i propri servizi come “in grado di arrivare” a certe velocità, nei fatti non garantendo nulla al cliente, che talvolta si ritrova con una qualità di connessione decisamente scadente e ben lontana dalle attese. Si tratta quindi di capire se, e in che modo, può essere imposta la trasparenza sul concetto di “banda garantita”, che solo alcuni contratti e fornitori offrono, ma che spesso è un dato del tutto trascurato nelle pubblicità e nell’informazione data al pubblico.

Non c’è dubbio che i risultati a cui arriverà la FCC statunitense saranno attentamente valutati anche al di fuori dei confini USA.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 14 feb 2007
Link copiato negli appunti