Biciclette: addio alle rotelle

La fine di un'era di aspiranti ciclisti si materializza nella ruota giroscopica appena presentata a Las Vegas. Un futuro fatto di bici che si reggono in piedi da sole

Roma – Essere bambini significa innanzitutto imparare, a camminare, a correre, ad andare in bicicletta. Qui, le classiche rotelle agganciate alla ruota posteriore, per evitare le ancora più classiche sbucciature di gomiti e ginocchia. O, peggio, qualche osso rotto. Quello che finora è stato un must dell’infanzia potrebbe , tuttavia, nel prossimo futuro appartenere ai ricordi generazionali: un’azienda di San Francisco ha infatti presentato la prima ruota per bici che rimane in equilibrio senza supporti girevoli . Come dire, rotelle addio per sempre.

L’innovativa ruota è stata battezzata Gyrowheel , prototipo mostrato da Gyrobike alla recente edizione della fiera di Interbike a Las Vegas. Si tratta, in pratica, di un disco volano interno alla ruota stessa, capace di generare una forza motrice con effetto giroscopico. Il movimento del disco è indipendente da quello della ruota esterna, permettendo a tutta la bicicletta di rimanere più stabile sotto il peso e i movimenti del giovane guidatore .

Come mostrato durante la fiera, una volta lasciata andare la Gyrobici resta perfettamente in equilibrio per alcuni secondi, prima di pendere da un lato perché priva di un aspirante biker a direzionarla. Un biker in futuro ancora più esperto, dato che l’azienda statunitense ha parlato di una ruota capace di correggere e migliorare la prima tecnica di guida del bambino. La versione da 12 pollici di diametro (30 cm circa) sarà disponibile entro i primi di dicembre, mentre una più grande (16 pollici ovvero 40 cm circa) arriverà sul mercato entro la primavera del 2010.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • JackBahuer scrive:
    addio baia ma....
    addio pirati,vi ho sempre seguito sin dalla vs.nascita/morte e ne abbiamo fatte ri razzie. Ok vedrò di approdare su altri velieri.PIRATI 4EVER non mollate.Uniti verso altri lidi.Torrent il TOP
  • freeshare scrive:
    Nuovo blocco degli ISP
    Come c'era da aspettarsi dopo la sentenza della Cassazione, gli isp Italiani hanno ripreso a bloccare la Baia.Tiscali in particolare sta bloccando il routing verso l'IP 194.71.107.15Si accede solo via proxy.
    • redazione redige ahahah scrive:
      Re: Nuovo blocco degli ISP
      Cambia DNS, se bloccano il routing usa un proxy.Cmq PI ha riportato l'ennesima notizia presa papale papale senza verificare. L'IP suddetto è in Svezia, contrariamente a quanto dice la notizia che afferma che il sito è ora ospitato in Ucraina e che in Svezia non hanno piu risorse hosting.Ma oramai questa notizia è stata inabissata nel mischione di news nuove e vecchie decrepite, chi ci fa più caso? Neanche la fatica di mettere un post per chiarire.Bel giornalismo... non c'è che dire.
      • freeshare scrive:
        Re: Nuovo blocco degli ISP
        Come ho scritto sopra, il "se" lo puoi tranquillamente togliere: bloccano direttamente il routing.E' per questo che parlavo - appunto - di acXXXXX solo via proxy.Quanto alla notizia, in realtà è vera. Ma s'è trattato di una soluzione temporanea. Ora la Baia pare abbia risolto i problemi di hosting.Si sono "rifugiati" qui:http://www.cyberbunker.com/Fonte:http://torrentfreak.com/the-pirate-bay-relocates-to-a-nuclear-bunker-091006/
    • freeshare scrive:
      Re: Nuovo blocco degli ISP
      Up!Per correttezza d'informazione, aggiorno dicendo che Tiscali ha s bloccato il routing verso la Baia.Ora non esiste più alcun blocco, nemmeno a livello di DNS.Bye
  • Mario Rossi scrive:
    TPB è ancora in Svezia
    Ucraina? Porte sbarrate in Svezia?A me non sembra... che notizia è questa?http://whois.domaintools.com/194.71.107.15
  • angros scrive:
    E via con il malware
    Ok, si riempirà di banner con dialer, worms, virus, popup, tanto da far passare la voglia di visitarlo a chiunque non abbia almeno tre firewalls (o un sistema talmente sconosciuto che non esiste malware per esso)Addio, e grazie per tutto il pesce
    • Previsioni scrive:
      Re: E via con il malware
      Sai anche dirci i sei numeri della prossima estrazione del Superenalotto?
      • angros scrive:
        Re: E via con il malware
        Se li sapessi, non credi che me li giocherei io?
      • Number 6 scrive:
        Re: E via con il malware
        - Scritto da: Previsioni
        Sai anche dirci i sei numeri della prossima
        estrazione del
        Superenalotto?4, 8, 15, 16, 23, 42.
        • Bruno scrive:
          Re: E via con il malware
          un po' di originalità, dai!
        • Funz scrive:
          Re: E via con il malware
          - Scritto da: Number 6
          - Scritto da: Previsioni

          Sai anche dirci i sei numeri della prossima

          estrazione del

          Superenalotto?

          4, 8, 15, 16, 23, 42.Bravo, giocali, così oltre ad avere le stesse probabilità di vincita di qualunque altra serie di numeri, dovrai dividere l'eventuale vincita con altri cento furboni :D
    • Ugly Freaking Gawd scrive:
      Re: E via con il malware
      - Scritto da: angros
      Ok, si riempirà di banner con dialer, worms,
      virus, popup, tanto da far passare la voglia di
      visitarlo a chiunque non abbia almeno tre
      firewalls (o un sistema talmente sconosciuto che
      non esiste malware per
      esso)ROTFL, magari, così danno un po' una sfoltita al numero di ut0nti che usano sistemi e/o programmi colabrodo (rotfl)Tornando seri, ma tu 'ste cose le pensi veramente o hai esagerato con la peperonata?
      • angros scrive:
        Re: E via con il malware
        Per ora, mi sembra che nei siti russi e ucraini giri più malware che in altre sedi. Intendevo solo questo. Non mi sembrava di aver detto nulla di così grave... se qualcuno si sente offeso, chiedo venia.
        • markoer scrive:
          Re: E via con il malware
          E che c'entra? se non usi Windows e se non scarichi da siti pirata, te ne freghi... il malware se lo becca chi se lo merita! questo era il concetto :-)Russia e non Russia :-)BTW, tra Russia ed Ucraina c'è un abisso ;-)Cordiali saluti
        • Guybrush scrive:
          Re: E via con il malware
          - Scritto da: angros
          Per ora, mi sembra che nei siti russi e ucraini
          giri più malware che in altre sedi. Intendevo
          solo questo. Non mi sembrava di aver detto nulla
          di così grave... se qualcuno si sente offeso,
          chiedo
          venia.Be' non posso darti torto, ma se il sistema operativo che utilizzi e' ben configurato, qualunque tentativo si risolvera' in una richiesta di autorizzazione ad installare questo o quel programma. Basta prendere il nome del sito da cui proviene la richiesta e metterlo nella blacklist del browser, no?
        • freeshare scrive:
          Re: E via con il malware
          - Scritto da: angros
          Per ora, mi sembra che nei siti russi e ucraini
          giri più malware che in altre sedi.Si ma questo non dipende dal dato "geografico". Dipende da chi fa i siti e cosa ci mette "dentro".Che nei paesi dell'est ci siano più virus writer che nel resto del globo è un dato inconfutabile. Ma se tu acquisti uno spazio web o un server in Ucraina, mica il provider te lo da pieno di malware, come se si trattasse di optional inclusi nel prezzo. I contenuti li decidi tu e non altri.
    • Giambo scrive:
      Re: E via con il malware
      - Scritto da: angros
      Ok, si riempirà di banner con dialer, worms,
      virus, popup, Non capisco come spostando il tracker in un'altro paese, si possano "infettare" i torrents :)
      • angros scrive:
        Re: E via con il malware

        Non capisco come spostando il tracker in un'altro
        paese, si possano "infettare" i torrents
        :)Non mi riferivo ai torrents, ma al sito ed ai suoi sponsor: spesso, un provider più "permissivo" (che ti lascia realizzare un sito senza guardare troppo a quanto sia legale), non bada molto nemmeno a chi compra gli spazi pubblicitari, e spesso i siti di materiale piratato (ma anche quelli di abandonware) hanno sponsor che usano banner invasivi, o che cercano di infilare rogue programs o dialers.Certo, una volta che hai scaricato il file torrent, sei a posto, io mi riferivo soprattutto alla pagina di ricerca (comunque, se accedi con un sistema diverso da windows, non dovresti rischiare molto)
        • Giambo scrive:
          Re: E via con il malware
          - Scritto da: angros
          Non mi riferivo ai torrents, ma al sito ed ai
          suoi sponsor: spesso, un provider più
          "permissivo" (che ti lascia realizzare un sito
          senza guardare troppo a quanto sia legale), non
          bada molto nemmeno a chi compra gli spazi
          pubblicitari, e spesso i siti di materiale
          piratato (ma anche quelli di abandonware) hanno
          sponsor che usano banner invasivi, o che cercano
          di infilare rogue programs o
          dialers.Gli sponsor li sceglie TPB, mica il provider. Lui mette a disposizione la connettivita' e forse pure l'hardware.
          • Hert scrive:
            Re: E via con il malware
            - Scritto da: Giambo
            Gli sponsor li sceglie TPB, mica il provider. Lui
            mette a disposizione la connettivita' e forse
            pure l'hardware.appunto
    • caponord100 scrive:
      Re: E via con il malware
      Mitica frase che esprime perfettamente il concetto...peccato che l'80%della gente non ne' capisca il significato (sigh!)(guida galattica per autostoppisti)
Chiudi i commenti