BigG investe in startup

In linea con la strategia del CEO Eric Schmidt, Google acquisisce la società VoIP Gizmo5 e la rete pubblicitaria AdMob. All'orizzonte cambiamenti per GTalk e GVoice?

Roma – Secondo gli addetti ai lavori , Google avrebbe acquistato il servizio VoIP Gizmo5. Intanto ieri BigG aveva ufficialmente raggiunto un accordo per aggiudicarsi la rete pubblicitaria AdMob . Questa operazione varrebbe da sola 750 milioni di dollari (la terza per volume nella storia di Mountain View, dopo DoubleClick e YouTube), mentre la prima dovrebbe valerne “solo” 30.

Entrambe le mosse sembrerebbero confermare la strategia del CEO Eric Schmidt che prevede di ricominciare a investire pesantemente in startup, nonché la scommessa di BigG sul settore mobile.

Gizmo5, fondata dal padre di MP3.com Michael Robertson, già ha collaborato con Google nel 2006 per sincronizzare i suoi IM client con Google Talk: l’interesse di Mountain View sarebbe nato in quell’occasione. E sarebbe ora maturato con l’idea di integrare Google Talk con una tecnologia per effettuare chiamare da PC a telefono (che attualmente non possiede) e di creare così un servizio VoIP completo in combinazione con GVoice. Lanciando una grande sfida a Skype. E facendo sperare agli utenti chiamate praticamente gratuite.

Per occuparsi del settore della telefonia mobile anche AdMob avrà la sua utilità: si tratta di una rete pubblicitaria per apparecchi cellulari, una delle più grandi nel settore negli Stati Uniti e che opera principalmente con iPhone (voci circolate nelle scorse settimane volevano proprio Apple interessata alla sua acquisizione), ma anche con Android di Google.

Dichiara inoltre Susan Wojcicki di Google che il settore, ancora alle prime fasi di sviluppo, “ha un enorme potenziale, e AdMob ha già fatto eccezionali progressi in pochissimo tempo”. Non si sa ancora come Mountain View inserirà il team di 140 persone di AdMob nella propria struttura, ma BigG afferma che rappresenteranno un'”opportunità unica”.

Google ha inoltre sottolineato come non vi sia alcun rischio anticompetitivo: sono più di una dozzina le società che lavorano in questo mercato. Già nel 2007, peraltro, AOL aveva acquistato Third Screen Media, Microsoft ScreenTonic e Yahoo Actionality.

Claudio tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • borsista della locale universita scrive:
    Qualche chiarimento
    Ciao a tutti,ho lavorato al progetto di migrazione del Comune di Bologna, quindi provo a rispondere ad alcuni dubbi e a chiarire alcuni concetti, dato che ho letto parecchia confusione e molte leggende metropolitane.
    Perchè cambiare?Il Comune aveva Office 97, un prodotto vecchio di ormai 12 anni, per il quale anche gli stessi utenti erano insofferenti, in quanto coscienti dell'esistenza di strumenti dalle funzionalità più moderne e superiori.Microsoft stessa ha dismesso da tempo il supporto a Office 97, e per noi non era possibile acquistare nuove licenze.Inoltre per Office 97 non è garantito il funzionamento con i sistemi operativi più recenti (anche della stessa Microsoft).Come facciamo con i nuovi pc?Era ormai necessario prendere una decisione: Office 2007 o il grande passo verso OpenOffice.org?Anche se i costi sono l'argomento più diffuso in favore dell'open source, noi eravamo ben consci anche degli altri vantaggi: maggiore indipendenza da un singolo fornitore, possibilità di introdurre formati aperti, maggiore trasparenza verso il cittadino, e il fatto che parte dei soldi risparmiati per le licenze vengono reinvestiti nell'economia locale della città.
    In Comune si fanno solo "letterine"Magari.Un Comune è un universo complessissimo di servizi di ogni tipo: gestione del verde urbano e dei lavori pubblici, servizi cimiteriali, organizzazione di elezioni, matrimoni, nascite, procedure per l'avvio di attività produttive, polizia municipale, protezione civile, gestione di gare, contratti, personale, centrale acquisti di beni e servizi, gestione di scuole e palestre, spazi di quartiere, musei, servizi sociali... e mi fermo qui.Di conseguenza non esiste un "utente tipo", ma si va dal bibliotecario all'operatore degli sportelli sociali, dal tecnico del SIT al vigile urbano, all'impegato amministrativo. Tutti con abilità informatiche diverse (e non sempre in accordo con gli stereotipi comuni).Tutte queste attività richiedono una infrastruttura informatica adeguata, formata da applicazioni di ogni tipo, compresa la suite di produttività individuale che -vi assicuro- in diversi casi viene usata anche per funzioni "avanzate".La scelta di OpenOffice.org è stata fatta tenendo in conto di questo, ma del resto non siamo i primi, in quanto molti altri enti in Italia -seppure più piccoli del nostro- hanno intrapreso la stessa strada.
    Bisogna calcolare il TCO!Giusto. Il TCO non tiene conto delle sole licenze ma anche dei costi "a contorno": in questo caso la formazione su un nuovo prodotto, la comunicazione, il supporto, i costi "tecnici" per la distribuzione software su un parco macchine vasto e complesso, le eventuali personalizzazioni necessarie per certi utenti o certi dipartimenti.La scelta di Office 2007 piuttosto che OpenOffice.org, dal punto di vista di questi costi (escluse licenze) è *praticamente uguale*.Mettete Office 2007 in mano a una persona che ha usato il 97 per anni e si metterà le mani nei capelli.La formazione, il supporto, le personalizzazioni si sarebbero dovute fare *comunque* scegliendo Office 2007, se non di più!In generale, tutte queste voci di spesa sono valide per _qualsiasi_ migrazione massiccia di software, anche tra una versione e l'altra dello stesso, se ci sono grossi cambiamenti come in questo caso.Pertanto l'unica voce di spesa per cui sottolineare una differenza reale di costi tra le due scelte è quella delle licenze.
    OpenOffice.org in Beta perenneNon è così.Il ciclo di rilasci di OpenOffice.org è più breve di altri software, ma anche OpenOffice.org ha release stabili, a cui una struttura come la nostra si può tranquillamente affidare.Se invece per "Beta" si intende la costante segnalazione di bugfix o "issues" da risolvere, che poi vengono fixati in release successive allora beh... *ogni software* è in beta perenne! Non esiste un software senza bug, nè proprietario nè open.Se nei prodotti proprietari sembra che questo costante esame non ci sia è semplicemente perchè viene fatto internamente nell'azienda produttice, tra i pochi eletti che possono accedere al codice sorgente.
    Con l'open source i programmatori lavorano gratisL'economia dell'open source è basata principalmente sui servizi.Tra l'altro non è niente di nuovo! Ci sono numerose economie che si basano sul concetto di dare il prodotto gratis, per poi ricaricare sui servizi satellite. E' la scoperta dell'acqua calda.Come ha ricordato qualcuno, tipicamente (ma non sempre) alla base di queste economie ci sono beni che hanno un costo marginale basso o quasi nullo. E' il caso del software.Ci sono moltissime piccole aziende che campano grazie a formazione, consulenza, personalizzazioni e servizi software, anche non open. Poi nel loro lavoro finisco anche per sviluppare e rilasciare codice, semplicemente i soldi fanno un giro diverso.
    Supporto per prodotti Open SourceSun, Red Hat, IBM, Novell, Canonical sono esempi di grandi aziende che offrono supporto a prodotti open.Ci sono anche molte aziende italiane e PMI locali che fanno altrettanto, basta farsi un giro in rete.
    Tenere OO per 12 anni o spendere altri soldi per la 3.x?Come è già stato detto, la cifra 500.000 per un upgrade di versione è totalmente falsa e arbitraria.Migrare da 2.4 a 3.x, cosa che molto probabilmente faremo l'anno prossimo, è un passaggio software che non presenta le stesse necessità e caratteristiche di un passaggio a Office 97 a OpenOffice.org (o a Office 2007 se avessimo preso quella strada).E' molto, molto più semplice. Le differenze di uso e interfaccia non sono tali da giustificare gli interventi di supporto/comunicazione/formazione che sono stati fatti per questo primo passaggio.Anzi, grazie al costante miglioramento dei prodotti open e ai rilasci più frequenti saremo in grado di offrire ai nostri colleghi dei prodotti sempre aggiornati a costi minori.Federica Cenacchi.
    • Steve Robinson Hakkabee scrive:
      Re: Qualche chiarimento
      e ti affidi ad un'azienda/gruppo di sviluppatori che non percepisce una lira dal lavoro fatto. Quanto puo andare avanti? new o old-economy le regole sono sempre quelle. Se per contenere i costi Sun smette di sviluppare OOo che fate? Lo trovo un po un azzardo. Soprattutto rigurado le cosulenze, vero di fanno, ma non é la Sun a pigliare il soldo.NB nessuna critica al modello opensurce, anzi vada avanti lo sviluppo di applicazioni a concorrenza delle closed, non potremo che guadagnarci.
      • bollito scrive:
        Re: Qualche chiarimento
        - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
        e ti affidi ad un'azienda/gruppo di sviluppatori
        che non percepisce una lira dal lavoro fatto.
        Quanto puo andare avanti? new o old-economy le
        regole sono sempre quelle. Se per contenere i
        costi Sun smette di sviluppare OOo che fate? Lo
        trovo un po un azzardo. Soprattutto rigurado le
        cosulenze, vero di fanno, ma non é la Sun a
        pigliare il
        soldo.Lo stesso vale per la MS. Sono sempre aziende.E comunque lo vorrei proprio vedere questo famigerato supporto MS ad Office. Non rispondono per i bug di Windows, figuriamoci per quelli dell'Office.E comunque dietro ad openOffice non c'e' solamente la Sun.
        • ruppolo scrive:
          Re: Qualche chiarimento
          ----------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 novembre 2009 17.10-----------------------------------------------------------
          • bollito scrive:
            Re: Qualche chiarimento

            Non diciamo stupidaggini, ci sono aziende che
            operano da decenni con decine di migliaia di
            addetti, ci sono startup con 4 gatti e 5 pc
            assemblati in croce. In quali mani metteresti il
            comune di
            Bologna?Parli di questo come se nel comune di Bologna ci lavorassero delle scimmie.Stiamo parlando di una suite di ufficio.Inoltre secondo te ad esempio la gestione dell'anagrafe all'interno del comune e' fatta da una miltinazionale o da startup italiane con 4 gatti e 5 pc o peggio da societa' obsolete italiane che millantano di avere delle buone tecnologie che in realta' non funzionano?Sai su questo potrei dire la mia.Quindi questa cosa del supporto fa proprio ridere i polli.L'unica vera cosa importante in una PA e' che i formati utilizzati siano APERTI altroche'.
          • ruppolo scrive:
            Re: Qualche chiarimento
            - Scritto da: bollito
            Sai su questo potrei dire la mia.Siamo tutt'orecchi...
        • ruppolo scrive:
          Re: Qualche chiarimento
          - Scritto da: bollito
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

          e ti affidi ad un'azienda/gruppo di sviluppatori

          che non percepisce una lira dal lavoro fatto.

          Quanto puo andare avanti? new o old-economy le

          regole sono sempre quelle. Se per contenere i

          costi Sun smette di sviluppare OOo che fate? Lo

          trovo un po un azzardo. Soprattutto rigurado le

          cosulenze, vero di fanno, ma non é la Sun a

          pigliare il

          soldo.

          Lo stesso vale per la MS. Sono sempre aziende.Non diciamo stupidaggini, ci sono aziende che operano da decenni con decine di migliaia di addetti, ci sono startup con 4 gatti e 5 pc assemblati in croce. In quali mani metteresti il comune di Bologna?Sai qual'è il vero rischio? Il vero rischio è che se qualcosa non funziona con il software MS, dai la colpa a MS, se qualcosa non funziona con OO, la colpa è tua che lo hai spinto. E siccome questo è il paese dello scarica barile, ben pochi vogliono assumersi il rischio di una pedata sul XXXX.
          • bollito scrive:
            Re: Qualche chiarimento

            Sai qual'è il vero rischio? Il vero rischio è che
            se qualcosa non funziona con il software MS, dai
            la colpa a MS, se qualcosa non funziona con OO,
            la colpa è tua che lo hai spinto. E siccome
            questo è il paese dello scarica barile, ben pochi
            vogliono assumersi il rischio di una pedata sul
            XXXX.Bene qui hai centrato il punto. E' ora che la gente inizi a prendersi le sue responsabilità oltre che i soldini ogni mese.
      • VITRIOL scrive:
        Re: Qualche chiarimento
        - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
        e ti affidi ad un'azienda/gruppo di sviluppatori
        che non percepisce una lira dal lavoro fatto.Questa è una tua idea. I contributori di Sun, IBM, Novell, RedFlag e altri sono professionisti stipendiati.
        Quanto puo andare avanti? new o old-economy le
        regole sono sempre quelle. Se per contenere i
        costi Sun smette di sviluppare OOo che fate? Lo
        trovo un po un azzardo.OOo è un software libero, e non legato a specifiche piattaforme. Il suo codice è aperto, e utilizzabile tutti nel rispetto della LGPL, che è la licenza più libera che esiste. Il suo formato nativo, ODF, è aperto e standard ISO, non legato a una specifica applicazione. Mi sembrano garanzie adeguate.Se MS fallisce o smette di produrre Office? Se decide di non supportare più i vecchi formati binari? E' una situazione peggiore, ma non si vive con i se.SalutiVITRIOL
      • advange scrive:
        Re: Qualche chiarimento
        E di chi dovremmo fidarci?Di un'azienda come MS che infila un prodotto fallimentare dietro l'altro?Un'azienda che aveva previsto di licenziare 5000 persone nel 2009 e ne ha già licenziate 6000?E se fallisse?Chi porterà avanti lo sviluppo di Office?Nessuno può farlo: è un prodotto closed!Per non parlare dei formati: il .doc è un formato proprietario; il .docx è un formato che richiede milioni di pagine di spiegazioni e non fa riferimento ad alcuno standard.Affidarsi ad Office oggi è una follia: pur di diffonderlo l'azienda sviluppatrice ha ridotto del 70% i costi delle licenze, offre prezzi speciali agli studenti al solo scopo di rendere dipendenti fin da giovani, deve addirittura regalare alcune versioni del prossimo 2010.Quella del closed è una barca che affonda alla deriva in una mare in tempesta.
    • ruppolo scrive:
      Re: Qualche chiarimento
      Si è anche parlato molto sulla questione del eventuale costo di 3600 licenze di Office: costerebbero veramente 1 milione di euro?
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Qualche chiarimento
        - Scritto da: ruppolo
        Si è anche parlato molto sulla questione del
        eventuale costo di 3600 licenze di Office:
        costerebbero veramente 1 milione di
        euro?Si, se vai ai post sopra troverai il link ad una documentazione che parla di oltre 20 miliardi di lire spesi nel 2001 a livello centralizzato per 40.000 copie di office.... appunto i circa 300 euro di cui si parla oggi!Ma tu lo sai benissimo hai già risposto al mio post di cui sopra... quindi non si tratta di non voler fare un giro di google dma di tua malafede!
    • shevathas scrive:
      Re: Qualche chiarimento

      Il Comune aveva Office 97, un prodotto vecchio di
      ormai 12 anni, per il quale anche gli stessi
      utenti erano insofferenti, in quanto coscienti
      dell'esistenza di strumenti dalle funzionalità
      più moderne e
      superiori.un software ormai obsoleto e non più supportato.
      Era ormai necessario prendere una decisione:
      Office 2007 o il grande passo verso
      OpenOffice.org?
      in questo caso paradossalmente il passaggio a OO.org è meno oneroso, sia perché bisogna in ogni caso cambiare il sistema, sia perché M$ Office è diverso come GUI rispetto alle vecchie versioni.
      Anche se i costi sono l'argomento più diffuso in
      favore dell'open source, noi eravamo ben consci
      anche degli altri vantaggi: maggiore indipendenza
      da un singolo fornitore, possibilità di
      introdurre formati aperti, maggiore trasparenza
      verso il cittadino, e il fatto che parte dei
      soldi risparmiati per le licenze vengono
      reinvestiti nell'economia locale della
      città.spero non siano stati questi i motivi, sono la solita fuffa che propugnano nelle convenscion dove il discorso più profondo è OO.org è fico, M$ è il male.Tanto per dirne una; libertà da un singolo fornitore: quanto costerebbe teoricamente al comune di bologna farsi carico del mantenimento di OO.org se SUN e/o gli altri grossi che ci mettono le palanche decidono non investirci sopra ?In realtà si è legati al fornitore per il semplice motivo dei costi proibitivi che avrebbe una gestione "in casa" di un software complesso come OO.org.
      La scelta di Office 2007 piuttosto che
      OpenOffice.org, dal punto di vista di questi
      costi (escluse licenze) è *praticamente
      uguale*.logico visto che si tratta di un cambiamento abbastanza drastico e non di un aggiornamento/potenziamento/integrazione
      Pertanto l'unica voce di spesa per cui
      sottolineare una differenza reale di costi tra le
      due scelte è quella delle
      licenze.
      ma quanto avrebbe pesato la voce "licenze" rispetto ai costi del progetto ? ed in quanto tempo sarebbe avvenuto l'ammortamento.

      Sun, Red Hat, IBM, Novell, Canonical sono esempi
      di grandi aziende che offrono supporto a prodotti
      open.
      Ci sono anche molte aziende italiane e PMI locali
      che fanno altrettanto, basta farsi un giro in
      rete.
      anche per prodotti closed ci sono aziende che campano di supporto, sviluppo di applicazioni su piattaforma, personalizzazioni etc. etc.direi che closed/open sono pari per questo.
      Anzi, grazie al costante miglioramento dei
      prodotti open e ai rilasci più frequenti saremo
      in grado di offrire ai nostri colleghi dei
      prodotti sempre aggiornati a costi
      minori.
      hai fatto un intervento interessante ma certe frasi come quella di sopra mi sembrano più da convention pubblicitaria che da forum tecnico.
      • OldDog scrive:
        Re: Qualche chiarimento
        - Scritto da: shevathas

        Anche se i costi sono l'argomento più diffuso in

        favore dell'open source, noi eravamo ben consci

        anche degli altri vantaggi: maggiore
        indipendenza

        da un singolo fornitore, possibilità di

        introdurre formati aperti, maggiore trasparenza

        verso il cittadino,
        spero non siano stati questi i motivi, sono la
        solita fuffa che propugnano nelle convenscionPerché? Sono una pubblica amministrazione, ti chiedo di compilare una form in elettronico ma la form è in Word. Che cosa puoi fare? Compri la licenza di Word? Installi OpenOffice sperando legga bene il formato proprietario di Microsoft? Oppure dici alla pubblica amministrazione di usare un formato finale aperto, che non vincoli il cittadino?Sai che nelle scuole medie i testi di informatica parlano di Word ed Excel e gli esercizi scolastici prevedono tu risponda usando termini e funzioni di Word ed Excel? Ho dovuto spiegare all'insegnante che NO, io non avevo intenzione di piratare Word o comprarmelo apposta per i miei figli. Ha accettato che laboratorio di informatica è diverso da "Microsoft Attack!", e non per sminuire Office ma perché insegnare un concetto è diverso da istruire all'uso operativo di un tool. Ma sto divagando.
        Tanto per dirne una; libertà da un singolo
        fornitore: quanto costerebbe teoricamente al
        comune di bologna farsi carico del mantenimento
        di OO.org se SUN e/o gli altri grossi che ci
        mettono le palanche decidono non investirci sopra?
        In realtà si è legati al fornitore per il
        semplice motivo dei costi proibitivi che avrebbe
        una gestione "in casa" di un software complesso
        come OO.org.Cosa significa? Chi ha detto che se SUN si sgancia da OO allora Bologna deve farsi tutto il supporto OpenOffice in casa sua. Se c'è mercato, essendo aperto il codice può subentrare un concorrente. Se Microsoft cambia politica (per es. passa a solo noleggio di Office on-line) e NON vende i sorgenti NESSUNO può subentrare nel suo mercato.
        • shevathas scrive:
          Re: Qualche chiarimento

          Oppure dici alla pubblica amministrazione di
          usare un formato finale aperto, che non vincoli
          il
          cittadino?la legge impone questo.
          Cosa significa? Chi ha detto che se SUN si
          sgancia da OO allora Bologna deve farsi tutto il
          supporto OpenOffice in casa sua.
          rimani legato in ogni caso a chi fornisce OO.org, anche il passaggio da OO.org ad esempio a Koffice non è uno scherzo
          Se c'è mercato, essendo aperto il codice può
          subentrare un concorrente.subentrerebbe se avesse convenienza a subentrare e supportare il prodotto, questo è scontato.
      • advange scrive:
        Re: Qualche chiarimento

        Tanto per dirne una; libertà da un singolo
        fornitore: quanto costerebbe teoricamente al
        comune di bologna farsi carico del mantenimento
        di OO.org se SUN e/o gli altri grossi che ci
        mettono le palanche decidono non investirci sopra?Domanda davvero stupida: tanto stupida che me ne stimola un'altra ancora più stupida: quanto costerebbe al comune farsi carico del mantenimento di Office se MS decide di non investirci più su (ad esempio perché fallisce)?
        anche per prodotti closed ci sono aziende che
        campano di supporto, sviluppo di applicazioni su
        piattaforma, personalizzazioni etc. etc.
        direi che closed/open sono pari per questo.Con una piccola, sottile, irrilevante differenza: chi sviluppa per l'open sviluppa per la comunità; chi lo fa per il closed regala soldi al proprietario del SW.Ma questi sono dettagli...
      • kotaro scrive:
        Re: Qualche chiarimento
        - Scritto da: shevathas

        spero non siano stati questi i motivi, sono la
        solita fuffa che propugnano nelle convenscion
        dove il discorso più profondo è OO.org è fico, M$
        è il
        male.
        Tanto per dirne una; libertà da un singolo
        fornitore: quanto costerebbe teoricamente al
        comune di bologna farsi carico del mantenimento
        di OO.org se SUN e/o gli altri grossi che ci
        mettono le palanche decidono non investirci sopra
        ?
        In realtà si è legati al fornitore per il
        semplice motivo dei costi proibitivi che avrebbe
        una gestione "in casa" di un software complesso
        come
        OO.org.
        Con tutto il rispetto stai filosofeggiando perché la realtà e le esigenze sono proprio quelle che tu stai contestando.Il comune di Cagliari (tu vivi li, giusto?) è passato ad un database Oracle, quante aziende sarde sono certificate per fornire assistenza per questo prodotto?Io non ne conosco, quindi quella decisione sta finanziando aziende esterne, per il territorio l'investimento in db Oracle è una spesa.Tutto lecito ovviamente, ma se ci sono alternative disponibili nel territorio non mi sembra fuffa da convegno affermare che sceglierle comporti vantaggi per il territorio.Ed è innegabile che le tecnologie open source siano quelle più accessibile alla maggior parte delle aziende.Dalle tue parti ci dovrebbe essere AgileTec, tra le più importanti start-up in Europa, tratta, guarda caso, prodotti open source, quando una PA della zona sceglie prodotti open source non fanno una convetion, si mettono a lavorare.Fatti non convention.
        • shevathas scrive:
          Re: Qualche chiarimento

          Io non ne conosco, quindi quella decisione sta
          finanziando aziende esterne, per il territorio
          l'investimento in db Oracle è una
          spesa.direi che bisogna valutare bene i pro ed i contro di tutte le scelte. Magari una migrazione a postgres ci sarebbe potuta anche stare. Ma quante aziende sono certificate per fornire assistenza a postgres? Di certo non puoi chiamare il ragazzino del negozietto sotto casa.Secondariamente spesso l'esigenza fa nascere il mercato, se ho grosse aziende che usano il software "pippo" allora potrebbe essere conveniente per me investire in competenze sul software "pippo", indipendentemente dal fatto che pippo sia open o close.Quello che contestavo era l'enunciazione dei motivi della scelta del comune di bologna: vista la situazione attuale, considerati costi di migrazione e requisiti funzionali OO.org era più conveniente. Basta questo, è un motivo più che sufficiente senza dover cercare altri motivi.
          Tutto lecito ovviamente, ma se ci sono
          alternative disponibili nel territorio non mi
          sembra fuffa da convegno affermare che sceglierle
          comporti vantaggi per il
          territorio.
          se ci sono alternative presenti nel territorio che rispondono alle esigenze del committente. Se hai bisogno di un server "critico" sicuramente si cercheranno soluzioni diciamo livello "Certificate RedHat" non di certo si punterà ad un PC con Ubuntu.
          Ed è innegabile che le tecnologie open source
          siano quelle più accessibile alla maggior parte
          delle
          aziende.
          si però di contro le applicazioni e le tecnologie OS tendono a snobbare aree giudicate poco interessanti.Ci sono gazzilloni di CMS ma pochi applicativi di protocollo elettronico e/o di gestione documentale dimensionata per "grossi" volumi.C'è da considerare anche questo, se il tuo sistema di gestione documentale richiede Oracle giocoforza una volta che la licenza te la devi prendere tanto vale usarla anche per altro.
    • ruppolo scrive:
      Re: Qualche chiarimento
      Mi tolga una curiosità: quanto costano questi interventi mensili?http://punto-informatico.it/2749028/PI/News/windows-pericolo-viene-dai-font-embedded.aspxGiusto per capire quanto potrebbero risparmiare i contribuenti scegliendo un sistema che non ha bisogno di tali interventi.
    • kotaro scrive:
      Re: Qualche chiarimento
      Una curiosità, quali erano i tuoi compiti nel progetto di migrazione?
    • Klut scrive:
      Re: Qualche chiarimento
      Comunque grazie per l'intervento, a nome dei pochi che l'hanno letto con attenzione e trovato interessante e condivisibile:)
  • carlo.kramer scrive:
    La mia esperienza
    OpenOffice non è un'alternativa a MsOffice così come una Skoda non è un alternativa a una Bmw.Non voglio dire che MsOffice sia perfetto (perché non lo è), ma solo che non sono prodotti paragonabili e intercambiabili.OOo Writer ha grosse carenze nella creazione e gestione di indici analitici, il cerca e sostituisci è molto limitato rispetto al trova e sostituisci di MsOffice e i codici di campo (se non ricordo male OpenOffice li chiama comandi di campo) non possono memorizzare formattazioni né essere editati manualmente (credo che dipenda da ODF).Mancano del tutto opzioni di visualizzazione alternative a quella di stampa come la normale o la struttura; il confronto tra documenti è povero, spesso malfunzionante.E questi sono solo alcuni esempi.Se mancano funzioni non ci sono work around o extension che tengano.Ho provato a fondo sia la versione di Sun che quella di Novell. Ho anche usato Lotus Symphony...Mi sono arreso e son tornato al mio vecchio, ma completo Word 2002.Per alcuni compiti non metto in dubbio che possa essere un'alternativa, compatibilità permettendo (liberarsi dei formati Ms non può essere la priorità assoluta perché non si vive su di un isola...), ma a mio giudizio Microsoft in questo settore non ha rivali.Spero che possa migliorare e che ci sia una idea chiara sulla rotta da prendere.Studiare i vari settori di utilizzo (PA, PMI, editoria, uso accademico ecc...) e sviluppare soluzioni per questi utenti (un correttore di bozze avrà esigenze diverse rispetto a una segretaria).SalutiC.K.
    • panda rossa scrive:
      Re: La mia esperienza
      - Scritto da: carlo.kramer
      OpenOffice non è un'alternativa a MsOffice così
      come una Skoda non è un alternativa a una
      Bmw.Mettiamo in risalto che nel caso in questione la BMW sia pure gratis, mentre la skoda ti tocca pagarla.
      Non voglio dire che MsOffice sia perfetto (perché
      non lo è), ma solo che non sono prodotti
      paragonabili e intercambiabili.Boh... Servono per scrivere, servono per gestire un foglio elettronico.Paragonabili lo sono per forza.Se fossero intercambiabili non saremmo qui a discutere.
      OOo Writer ha grosse carenze nella creazione e
      gestione di indici analitici, ??? Quali carenze?
      il cerca e
      sostituisci è molto limitato rispetto al trova
      e sostituisci di MsOffice Ma sei fuori? OOo supporta pure le RE nel cerca e sostituisci.
      e i codici di campo
      (se non ricordo male OpenOffice li chiama comandi
      di campo) non possono memorizzare formattazioni
      né essere editati manualmente (credo che dipenda
      da
      ODF).La formattazione la applichi alla parte di documento che contiene il campo, che e' il modo corretto di procedere: mai mischiare il contenuto con il contenitore.Se poi MSO ti permette di fare cose deprecate non puoi certo considerarlo un pregio.
      Mancano del tutto opzioni di visualizzazione
      alternative a quella di stampa come la normale
      o la struttura; Vero. Ma ci si abitua.
      il confronto tra documenti è
      povero, spesso
      malfunzionante.Non ho capito. Che cosa intendi?
      E questi sono solo alcuni esempi.

      Se mancano funzioni non ci sono work around o
      extension che
      tengano.Se mancano funzioni le si implementano. E' una applicazione a codice aperto!E questo e' un vantaggio enorme rispetto alla scatola chiusa e non apribile.
      Ho provato a fondo sia la versione di Sun che
      quella di Novell. Ho anche usato Lotus
      Symphony...
      Mi sono arreso e son tornato al mio vecchio, ma
      completo Word 2002....che durera' finche' mamma sua non decidera' che tu debba passare a Office 2009 e i suoi magnifici ribbons.
      Per alcuni compiti non metto in dubbio che possa
      essere un'alternativa, compatibilità permettendo
      (liberarsi dei formati Ms non può essere la
      priorità assoluta perché non si vive su di un
      isola...), Proprio perche' non si vive su un'isola invece e' opportuno adottare tutti quanti uno standard e abbandonare le catene.
      ma a mio giudizio Microsoft in questo
      settore non ha rivali.Vabbe'...
      • VITRIOL scrive:
        Re: La mia esperienza
        - Scritto da: panda rossa

        Mancano del tutto opzioni di visualizzazione

        alternative a quella di stampa come la normale

        o la struttura;

        Vero. Ma ci si abitua.In ogni caso in Writer per visualizzare la struttura di un documento e per accedere velocemente alle varie sezioni si usa il Navigatore. Non è proprio un sostituto di vista struttura di Word, ma è comunque un altro modo di procedere spesso valido.SalutiVITRIOL
      • ruppolo scrive:
        Re: La mia esperienza
        - Scritto da: panda rossa
        Se mancano funzioni le si implementano.
        E' una applicazione a codice aperto!
        E questo e' un vantaggio enorme rispetto alla
        scatola chiusa e non
        apribile.No, non lo è.Chi fa la scatola chiusa ha tutto l'interesse a fare una nuova scatola da usare al posto della vecchia, così entrano ancora soldi. È quindi la fa, lavorando 8 ore al giorno, con l'obiettivo di finire il prima possibile. Inoltre esiste il "controllore delle scatole", che evita che tali scatole siano lasciate in balia di ragazzi brufolosi che tenderebbero a fare della scatola un gioco di società.
        • panda rossa scrive:
          Re: La mia esperienza
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: panda rossa

          Se mancano funzioni le si implementano.

          E' una applicazione a codice aperto!

          E questo e' un vantaggio enorme rispetto alla

          scatola chiusa e non

          apribile.

          No, non lo è.
          Chi fa la scatola chiusa ha tutto l'interesse a
          fare una nuova scatola da usare al posto della
          vecchia, così entrano ancora soldi. È quindi la
          fa, lavorando 8 ore al giorno, con l'obiettivo di
          finire il prima possibile. Certo, e gia' che c'e' ti impedisce di continuare ad usare la vecchia, cosi' tutto il tuo precedente lavoro va perso se non ti adegui e scuci.
          Inoltre esiste il
          "controllore delle scatole", che evita che tali
          scatole siano lasciate in balia di ragazzi
          brufolosi che tenderebbero a fare della scatola
          un gioco di società.E qui si vede come tu non sai come funzionano gli sviluppi all'interno di grosse societa':ci sono i dirigenti, che di sw non capiscono una favaci sono gli analisti, che di sw non capiscono una favaci sono i capi progetto, che di sw non capiscono una favaci sono i capi gruppo, che di sw non ci vogliono piu' capire una favae da questo livello in poi cominciano i sub-sub-sub appalti...quello che scrive effettivamente il codice e' un co-co-co-co che risiede in india, che viene pagato un paio di rupie al giorno e che non gli interessa minimamente quello che sta facendo (e i risultati si vedono).Tu paga e sii soddisfatto!
          • ruppolo scrive:
            Re: La mia esperienza
            - Scritto da: panda rossa
            Certo, e gia' che c'e' ti impedisce di continuare
            ad usare la vecchia, cosi' tutto il tuo
            precedente lavoro va perso se non ti adegui e
            scuci.Ti ricordo che il comune di Bologna sta andando avanti da 12 anni con lo stesso programma, il che corrisponde a un paio di ere geologiche fa.
            E qui si vede come tu non sai come funzionano gli
            sviluppi all'interno di grosse
            societa':
            ci sono i dirigenti, che di sw non capiscono una
            fava
            ci sono gli analisti, che di sw non capiscono una
            fava
            ci sono i capi progetto, che di sw non capiscono
            una
            fava
            ci sono i capi gruppo, che di sw non ci vogliono
            piu' capire una
            fava
            e da questo livello in poi cominciano i
            sub-sub-sub
            appalti...
            quello che scrive effettivamente il codice e' un
            co-co-co-co che risiede in india, che viene
            pagato un paio di rupie al giorno e che non gli
            interessa minimamente quello che sta facendo (e i
            risultati si
            vedono).Ora capisco perché il software MS fa XXXXXX...
            Tu paga e sii soddisfatto!Io pago quello Apple, il cui CEO è un illuminato lungimirante. E prova a negarlo...
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            Certo, e gia' che c'e' ti impedisce di
            continuare

            ad usare la vecchia, cosi' tutto il tuo

            precedente lavoro va perso se non ti adegui e

            scuci.
            Ti ricordo che il comune di Bologna sta andando
            avanti da 12 anni con lo stesso programma, il che
            corrisponde a un paio di ere geologiche
            fa.Finche' dura.Abbiamo gia' visto che cosa succede con il software proprietario e i DRM, col lettore di ebook.

            E qui si vede come tu non sai come funzionano
            gli

            sviluppi all'interno di grosse

            societa':

            ci sono i dirigenti, che di sw non capiscono una

            fava

            ci sono gli analisti, che di sw non capiscono
            una

            fava

            ci sono i capi progetto, che di sw non capiscono

            una

            fava

            ci sono i capi gruppo, che di sw non ci vogliono

            piu' capire una

            fava

            e da questo livello in poi cominciano i

            sub-sub-sub

            appalti...

            quello che scrive effettivamente il codice e' un

            co-co-co-co che risiede in india, che viene

            pagato un paio di rupie al giorno e che non gli

            interessa minimamente quello che sta facendo (e
            i

            risultati si

            vedono).

            Ora capisco perché il software MS fa XXXXXX...Lo capisci solo ora?

            Tu paga e sii soddisfatto!
            Io pago quello Apple, il cui CEO è un illuminato
            lungimirante. E prova a negarlo...Chi dice niente? Io ho tutti i DVD dei film Pixar!
          • ruppolo scrive:
            Re: La mia esperienza
            - Scritto da: panda rossa
            Finche' dura.
            Abbiamo gia' visto che cosa succede con il
            software proprietario e i DRM, col lettore di
            ebook.I DRM sono altra cosa. Che per mia esperienza personale, non mi hanno mai intralciato.Quanto al software proprietario, direi che milioni di famiglie vivono grazie ad esso.
            Chi dice niente? Io ho tutti i DVD dei film Pixar!:D
          • panda rossa scrive:
            Re: La mia esperienza
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            Finche' dura.

            Abbiamo gia' visto che cosa succede con il

            software proprietario e i DRM, col lettore di

            ebook.
            I DRM sono altra cosa. Che per mia esperienza
            personale, non mi hanno mai
            intralciato.Prima o poi tocchera' anche a te.
            Quanto al software proprietario, direi che
            milioni di famiglie vivono grazie ad
            esso.Addirittura milioni!
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: La mia esperienza
            e si somma solo adobe microsoft e autodesk con l'indotto...
          • ruppolo scrive:
            Re: La mia esperienza
            - Scritto da: panda rossa
            Prima o poi tocchera' anche a te.Certo, come prima o poi Apple fallirà, prima o poi il Mac sarà infestato di virus eccetera.A me non toccherà un bel niente, io ho fatto le scelte giuste: musica Apple con player Apple con con computer Apple. Apple, 32 anni sul mercato, un sfilza di successi, l'unica azienda al mondo che ha fatto il suo miglior trimestre in piena crisi mondiale, una azienda con oltre 23 miliardi di soldi liquidi in cassa, pronti per grandi progetti.

            Quanto al software proprietario, direi che

            milioni di famiglie vivono grazie ad

            esso.

            Addirittura milioni!Certamente, milioni di famiglie. Per essere leggermente più precisi, centinaia di milioni di famiglie.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 novembre 2009 23.08-----------------------------------------------------------
          • advange scrive:
            Re: La mia esperienza

            Quanto al software proprietario, direi che
            milioni di famiglie vivono grazie ad esso.Mentre il resto del mondo vive grazie al Free Sowftare.
          • ruppolo scrive:
            Re: La mia esperienza
            - Scritto da: advange

            Quanto al software proprietario, direi che

            milioni di famiglie vivono grazie ad esso.
            Mentre il resto del mondo vive grazie al Free
            Sowftare.Il resto del mondo muore di fame.Ricorda sempre: il 99% degli utenti, che sono quasi 1 miliardo, usa software PROPRIETARIO.
      • Steve Robinson Hakkabee scrive:
        Re: La mia esperienza
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: carlo.kramer

        OpenOffice non è un'alternativa a MsOffice così

        come una Skoda non è un alternativa a una

        Bmw.

        Mettiamo in risalto che nel caso in questione la
        BMW sia pure gratis, mentre la skoda ti tocca
        pagarla.
        Sostiene il contrario ed ha ragione OOo deve fare ancora un po di strada.Io uso la versione mac (e per i miei interessi basta e avanza) ma se dovessi fare una relazione ben fatta (esteticamente), con parecchie pagine useri sicuramente word e non OOo.Le prestazioni non sono minimamente paragonabili, MsW ha il turbo, OOo é una trabant.L'immediatezza, praticità d'utilizzo e help in linea sono un'altro punto a vantaggio del word.Insomma per la mia esperienza (poca) quando devo produrre qualcosa di fatto bene uso Word senza stare troppo a pensarci su.Anche perché a me lo stile sovietico fa venire male, uso mac, ho stile!
        • VITRIOL scrive:
          Re: La mia esperienza
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
          Insomma per la mia esperienza (poca) quando devo
          produrre qualcosa di fatto bene uso Word senza
          stare troppo a pensarci
          su.Mah, io ti assicuro che con OOo produco dei documenti che non hanno nulla da invidiare rispetto a tutti gli altri che vedo in giro, anzi.Temo che le tue difficoltà siano più che altro dovuto alla tua dichiarata inesperienza. OOo non è un clone di MS Office, quindi richiede un suo modo peculiare di lavorare.Che poi ci siano ampi margini di miglioramento sono più che d'accordo, ci mancherebbe. Quello sempre, mai accontentarsi.SalutiVITRIOL
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: La mia esperienza
            Per l'appunto, con word senza "sapere fare 2+2" produco buone cose, con OOo trovo difficoltà e macchinosità un po fastidiose.
          • VITRIOL scrive:
            Re: La mia esperienza
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            Per l'appunto, con word senza "sapere fare 2+2"
            produco buone cose, con OOo trovo difficoltà e
            macchinosità un po
            fastidiose.Vedi, dipende dai punti di vista. Anche Visual Studio può far crede di saper programmare anche ai non programmatori, ma alla fine fine tutti i nodi vengo al pettine :-)Io credo che una suite da ufficio si debba concentrare sulla correttezza formale dei documenti, incentivando l'utilizzo degli stili, dei modelli e di tutti gli strumenti che permettono di separare la logica del documento dalla formattazione. Credo che OOo attualmente su questo sia imbattibile, anche se inizialmente richiede all'utente più attenzione.Alla fine poi sono cose che pagano, perché il documento sarà un patrimonio riutilizzabile e facilmente manutenibile, e non un insieme di effetti speciali e formattazioni automatiche.SalutiVITRIOL
        • panda rossa scrive:
          Re: La mia esperienza
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
          Insomma per la mia esperienza (poca) quando devo
          produrre qualcosa di fatto bene uso Word senza
          stare troppo a pensarci
          su.Non dubito che tu possegga il tuo office originale che sei fiero di avere pagato in contanti!
        • advange scrive:
          Re: La mia esperienza

          Insomma per la mia esperienza (poca) quando devo
          produrre qualcosa di fatto bene uso Word senza
          stare troppo a pensarci su.Insomma hai dedicato gli ultimi anni della tua vita ad un SW, hai investito cioè ingenti somme in denaro (non dubitiamo che hai la tua brava licenza di Office originale) e soprattutto di tempo.Quello che ti frega è il tempo che gli hai dedicato: ti forma il cervello legandoti indissolubilmente ad esso.Ti fa sembrare "normale" quello che PER LUI è normale.La verità è che Office è uno dei programmi meno usabili al mondo.E' inusabile fin nei suoi fondamentali: l'organizzazione dei menù è assolutamente assurda, tanto che si sono dovuti inventare una totale riorganizzazione con Office 2007 e Ribbon. Su quest'ultimo è stato fatto un ottimo lavoro di organizzazione, peccato che si sono dimenticati di rendere il tutto personalizzabile.Altri fondamentali? Le scorciatoie da tastiera: Shift+F12 per salvare quando tutti i SW non MS usano CTRL+S; CTR+5( TN ) per selezionare tutto!!!! Utilissimo per chi la tastiera numerica non ce l'ha e, di nuovo, diverso da ogni altro prodotto SW (che utilizza sempre CTRL+A).E gli esempi sulle scorciatoie continuano...La verità è che Office è un prodotto difficile da usare e che crea un effetto lock-in (ti costringe ad usare i SUOI formati anziché i TUOI).Per cambiare prodotto devi necessariamente effettuare un investimento: quello del TUO tempo che puoi dedicare al TUO prodotto.
    • ruppolo scrive:
      Re: La mia esperienza
      - Scritto da: carlo.kramer
      (un correttore di
      bozze avrà esigenze diverse rispetto a una
      segretaria).Per questo Word è un prodotto sbagliato: vorrebbe accontentare entrambi.
    • carlo.kramer scrive:
      Re: La mia esperienza
      Rispondo brevemente solo ad alcune delle obiezioni:(scusatemi, ma sono di fretta)Indici analitici:- Niente riferimenti incrociati tra le voci.- Non si può avere più di un indice analitico diviso per argomenti (l'indice personalizzato non può essere usato perché non combina le voci identiche).- Il file di concordanza non indicizza il testo nelle note a piè pagina.Cerca e sostituisci:Spostare un segno di punteggiatura prima o dopo un richiamo di nota a piè pagina è impossibile.Modifica
      confronto documento- Non permette di selezionare cosa confrontare (formattazioni, commenti, testo, ecc...)- Salta le note a piè pagina.Non posso implementare le funzioni assenti perché non sono un programmatore.L'alternativa sarebbe aspettare e sperare?Il navigatore non sostituisce la visualizzazione struttura e normale:- Non include le note a piè pagina né il corpo del testo.- L'abituarsi o meno è posizione soggettiva.Con i docx non ho problemi: ho aggiunto il pacchetto di compatibilità.Ribbon non mi piace, ma non è che il progetto Renaissance mi esalti.
      Proprio perché non si vive su un'isola invece e'
      opportuno adottare tutti quanti uno standard e abbandonare le catene.Vero, ma non bisogna confondere l'ideale con il reale. Oggi non è così.Non volevo irritare nessuno, ho solo raccontato la mia esperienza.So bene che Word non è perfetto, ma attualmente mi da più possibilità di Writer.SalutiC.K.
    • advange scrive:
      Re: La mia esperienza
      - Scritto da: carlo.kramer
      OpenOffice non è un'alternativa a MsOffice così
      come una BMW non è un alternativa a una
      Skoda .Fixed for you
      [CUT]Complimenti per le tonnellate di inutili trollate senza senso che hai scritto.
  • vac scrive:
    Corsi??? Apprendimento???
    Corsi??? Apprendimento???Non ditemi che per l'utente passare da office 97 ad Open Office è così complicato!???Sicuramente + semplice del passaggio ad MS Office 2007...E poi anche l'installazione di Open Office è + semplice e veloce!
    • VITRIOL scrive:
      Re: Corsi??? Apprendimento???
      - Scritto da: vac
      E poi anche l'installazione di Open Office è +
      semplice e
      veloce!Volendo esistono anche versioni portatili, che non necessitano proprio di nessuna installazione.Ma anche la normale versione installabile è assolutamente rispettosa del sistema anche sotto Windows. Non sparge librerie dappertutto, non scrive le sue impostazioni nel registro, non ha nessun impatto sul sistema stesso. E se proprio poi lo si vuole disinstallare, si disinstalla davvero, non fa solo finta.SalutiVITRIOL
  • cicciuzzo scrive:
    qualche numero non quadra
    forse mi sono perso qualche cosa, ma nel caso di Bologna, 3600PC * 300 EUR fanno più di un milione di EUR - questo solo in licenze Office. E com'è che pure togliendole tutte (e genericamente passando a SW open source, che potrebbe includere più del solo Office) il budget si abbassa dal 2006 al 2010 di soli 200 mila EUR? Inoltre sono CERTO che il costo delle licenze su cosi tanti PC non avrebbero il costo pieno di una licenza singola...magari si potrebbe iniziare comperando una calcolatrice all'ingegnere? :-))
    • Massimo Carnevali scrive:
      Re: qualche numero non quadra
      I conti non tornano perchè quanto scritto dal giornalista è un sunto di una lunga chiacchierata dove si è parlato del progetto OO ma anche più in generale del progetto di inserimento del software libero al comune di Bologna. Il tutto condensato in 20 righe ha creato un po di confusione sui numeri che si riferiscono a progetti e ambiti diversi.
  • ruppolo scrive:
    Facciamo due conti?
    Questo comune aveva 3600 licenze di Office 97, quindi sono 12 anni di utilizzo senza aggiornamenti.Ora passano a OOO senza spendere 1 milione di euro, ma solo 40 mila euro all'anno per 2 anni.Domanda: è plausibile lasciare ora OOO così com'è per i prossimi 12 anni? Oppure bisogna cacciare altri 500 mila euro per aggiornamenti vari, da dare sempre alla borsista dell'università e alla Yacme?E poi, è vero che un comune se vuole 3600 licenze di Office paga 1 milione di euro?Secondo me, no. Per i grandi numeri esistono grandi sconti, esistono le site license, esistono le licenze a rinnovo annuale che comprendono gli eventuali upgrade.Il costo da valutare è il TCO, Total Cost of Ownership. In questo caso da calcolare su 12 anni, per vedere se questa soluzione open costa di più o di meno di una soluzione closed.Tanto per fare un esempio, un pacchetto di FileMaker Pro (un database) costa 349 euro.Ma se le licenze sono 3600, nello stesso luogo, costa 126 euro. Ma se si paga annualmente, il costo scende a 42 euro l'anno, aggiornamenti compresi.Non si pagano quindi 1.256.400 euro, ma 453.600 euro oppure 151.200 euro all'anno compresi gli aggiornamenti: una cifra, quest'ultima, meno impegnativa e certa.Se qualcuno ha i prezzi di Office per grossi volumi, ci faccia sapere quanto costa.
    • Nedanfor non loggato scrive:
      Re: Facciamo due conti?
      *Massì, diamo un po' sfogo alla vena di troll*Quanto ci costerebbe iWorks (con relativi costi di hardware e OS) nello stesso arco di tempo? Son curioso.
      • ruppolo scrive:
        Re: Facciamo due conti?
        - Scritto da: Nedanfor non loggato
        *Massì, diamo un po' sfogo alla vena di troll*

        Quanto ci costerebbe iWorks (con relativi costi
        di hardware e OS) nello stesso arco di tempo? Son
        curioso.Non ho i dati per fare questo conto. Certamente meno di Office, visto che il pacchetto costa una frazione.Se dovessi pianificare io, prevederei nei 12 anni 2 serie di macchine nuove, con iWork preinstallato. Preso così costa 59 euro ivato, quindi 118 euro nei 12 anni, senza costi di manutenzione. Quindi 424.800 euro, a cui possiamo aggiungere 40.000 euro di formazione, quindi 464.000 euro, compreso 1 aggiornamento.Il costo dell'hardware non lo considero, dato che la differenza si ripaga abbondantemente in meno interventi per guasti hardware/software e minor consumo energetico, dato che le macchine sono tutte Energy Star 5.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Nedanfor non loggato

          *Massì, diamo un po' sfogo alla vena di troll*



          Quanto ci costerebbe iWorks (con relativi costi

          di hardware e OS) nello stesso arco di tempo?
          Son

          curioso.

          Non ho i dati per fare questo conto. Certamente
          meno di Office, visto che il pacchetto costa una
          frazione.
          Se dovessi pianificare io, prevederei nei 12 anni
          2 serie di macchine nuove, con iWork
          preinstallato. Preso così costa 59 euro ivato,
          quindi 118 euro nei 12 anni, senza costi di
          manutenzione. Quindi 424.800 euro, a cui possiamo
          aggiungere 40.000 euro di formazione, quindi
          464.000 euro, compreso 1
          aggiornamento.
          Il costo dell'hardware non lo considero, dato che
          la differenza si ripaga abbondantemente in meno
          interventi per guasti hardware/software e minor
          consumo energetico, dato che le macchine sono
          tutte Energy Star
          5.Eh si meglio non considerare il costo dell'hardware...
          • DarkOne scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Eh si meglio non considerare il costo
            dell'hardware...(ROTFL)
        • Eretico scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Nedanfor non loggato

          *Massì, diamo un po' sfogo alla vena di troll*



          Quanto ci costerebbe iWorks (con relativi costi

          di hardware e OS) nello stesso arco di tempo?
          Son

          curioso.

          Non ho i dati per fare questo conto. Certamente
          meno di Office, visto che il pacchetto costa una
          frazione.... e OpenOffice ha costo zero, perciò è ancora più conveniente di iWorks.Tieni presente che sul Mac ho installato iWorks (che devo ancora testare la compatibilià con i documenti doc e excel, ma fra un po gli affiancherò OpenOffice o NeoOffice (sono indeciso tra i due) anche perchè ho intezione di installare Ubuntu a 64 bit (che adotta OpenOffice) in emulazione e su Win 7 (sempre in emulazione) sarà installato OpenOffice. Oltretutto è uno strumento che attualmente utilizzo molto come avrai potuto capire.
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Eretico
            ... e OpenOffice ha costo zero, perciò è ancora
            più conveniente di
            iWorks.Si, ma la differenza di prezzo non è tale da farsi mancare certe funzionalità.
            Tieni presente che sul Mac ho installato iWorks
            (che devo ancora testare la compatibilià con i
            documenti doc e excel, ma fra un po gli
            affiancherò OpenOffice o NeoOffice (sono indeciso
            tra i due)Installali entrambi, no?In ogni caso OpenOffice è nativo, NeoOffice è scritto in Java.
            anche perchè ho intezione di
            installare Ubuntu a 64 bit (che adotta
            OpenOffice) in emulazione e su Win 7 (sempre in
            emulazione) sarà installato OpenOffice.E a che serve averli su piattaforme emulate (o virtualizzate)?
            Oltretutto è uno strumento che attualmente
            utilizzo molto come avrai potuto
            capire.Li ho provati, e per quanto mi riguarda ho comprato iWork: anni luce avanti.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            Ma salva in odf ?
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Sgabbio
            Ma salva in odf ?No.Può salvare in PDF, Word (.doc), RTF e Text. Parlo di Pages, il "Word" del pacchetto.Il suo formato nativo, se ti interessa, è XML.
        • LuNa scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          Il costo dell'hardware non lo considero, dato che la differenza si ripaga abbondantemente in meno interventi per guasti hardware/software ...cambiando TUTTO il parco macchine allora si che COSTA MENO.ma dove le tiri fuori certe sparate ? dovrei cambiare tutte le macchine per metterci iWork ? dai ! non hai nemmeno considerato l'addestramento di TUTTI i dipendenti, non solo gli cambi il pacchetto applicativo, ma pure il sistema operativo, tutto in una volta ?certe volte sembra che dici le cose a caso, veramente.
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: LuNa
            Il costo dell'hardware non lo considero, dato che
            la differenza si ripaga abbondantemente in meno
            interventi per guasti hardware/software


            ...

            cambiando TUTTO il parco macchine allora si che
            COSTA
            MENO.
            ma dove le tiri fuori certe sparate ? dovrei
            cambiare tutte le macchine per metterci iWork ?
            dai !Non hai pensato che potrebbero essere quasi tutte obsolete?
            non hai nemmeno considerato l'addestramento
            di TUTTI i dipendenti, non solo gli cambi il
            pacchetto applicativo, ma pure il sistema
            operativo, tutto in una volta
            ?Questo accadrebbe anche passando a un Linux
            certe volte sembra che dici le cose a caso,
            veramente.Sembra, ma non è. Faccio il consulente da molti anni, i risultati a lunga scadenza di certe scelte li ho visti con i miei occhi.
          • LuNa scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            la differenza è che se anche ci mettessi linux, la macchina rimane quella. qui non si discuteva di macchina, di obsolescenza dell'hardware ma di obsolescenza delle licenze software e di costi da sostenere. come è evidente, il costo minore ce lo ha OOo (gratuito in quanto a licenza) che ha un costo diverso da comprare delle workstation mac (di certo non sarebbero laptop !) potentissime e inutili per lo scopo, oltre che (per quello che dovrebbero fare) costosissime.Apple non vende noccioline, non è Acer (e stavolta in questo sono d'accordo con te) e l'acquisto di un gingillo così va giustificato. Per scriverci con Word (amministrazione pubblica, in questo caso) basta il P2 con 256 Mb di Ram. Andare a cambiare tutte le workstation, in questo caso, Mac o non Mac, è una dispendiosa razzata.
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: LuNa
            la differenza è che se anche ci mettessi linux,
            la macchina rimane quella.Illuso. Open Office è un mattone da oltre 400MB, come qualsiasi altro software importante del 2009. E tu pensi di farlo girare su macchine di 12 anni fa? Ma nemmeno su macchine di 4 anni fa, gira, in modo decente!
            Per scriverci con Word (amministrazione pubblica,
            in questo caso) basta il P2 con 256 Mb di Ram.Può darsi, ma non con OpenOffice.
            Andare a cambiare tutte le workstation, in questo
            caso, Mac o non Mac, è una dispendiosa
            razzata.È quello che ogni azienda deve fare, investire in tecnologia e innovazione.
          • LuNa scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            d'accordo per la questione investire, ma i conti li hai fatti ?2299 (costo minimo di un pro) per 3600 postazioni ? hai IDEA di quanti soldi sono ? te lo dico io. sono 8 milioni di euro: per UNA sola amministrazione locale ?e non mi pare che Apple offra prezzi per volume, e se anche lo facesse, stiamo comunque parlando di cifre assolutamente SPROPOSITATE. qui stiamo discutendo di cifre nell'ordine delle centinaia di migliaia, tu mi parli di milioni. quello che proponi è improponibile (scusa il gioco di parole) ed in'oltre è fatto con i soldi pubblici. vagli a dire ad UN SOLO COMUNE (o provincia) che vuoi spendere 8 milioni di euro per rinnovare il parco macchine. minimo i cittadini (e avrebbero RAGIONE) ti mettono alla forca !
          • LuNa scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            ah, mi sono pure dimenticato i monitor. il conto cresce
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: LuNa
            d'accordo per la questione investire, ma i conti
            li hai fatti
            ?
            2299 (costo minimo di un pro) per 3600 postazioni
            ? hai IDEA di quanti soldi sono ? te lo dico io.
            sono 8 milioni di euro: per UNA sola
            amministrazione locale
            ?E perché mi tiri fuori il pro, una macchina che si giustifica solo per chi fa montaggi video e 3D?
            e non mi pare che Apple offra prezzi per volume,
            e se anche lo facesse, stiamo comunque parlando
            di cifre assolutamente SPROPOSITATE. qui stiamo
            discutendo di cifre nell'ordine delle centinaia
            di migliaia, tu mi parli di milioni. quello che
            proponi è improponibile (scusa il gioco di
            parole) ed in'oltre è fatto con i soldi pubblici.
            vagli a dire ad UN SOLO COMUNE (o provincia) che
            vuoi spendere 8 milioni di euro per rinnovare il
            parco macchine. minimo i cittadini (e avrebbero
            RAGIONE) ti mettono alla forca
            !Le cifre sono paragonabili.Un Mac mini, più che sufficiente non solo per Open Office ma per ben altro, ha un costo paragonabile ad un Dell, tipica macchina per ufficio. Con la differenza che consuma meno energia e occupa meno spazio.Forse non mi hai seguito quando ho detto che molto probabilmente sono da cambiare quasi tutte quelle 3600 macchine.
          • panda rossa scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: ruppolo
            Illuso. Open Office è un mattone da oltre 400MB,
            come qualsiasi altro software importante del
            2009. E tu pensi di farlo girare su macchine di
            12 anni fa? Ma nemmeno su macchine di 4 anni fa,
            gira, in modo
            decente!Ti stupirai di sapere che funziona egregiamente su un portatile compaq presario 1600, con DSL Linux, allora.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Nedanfor non loggato

          *Massì, diamo un po' sfogo alla vena di troll*



          Quanto ci costerebbe iWorks (con relativi costi

          di hardware e OS) nello stesso arco di tempo?
          Son

          curioso.

          Non ho i dati per fare questo conto. Certamente
          meno di Office, visto che il pacchetto costa una
          frazione.
          Se dovessi pianificare io, prevederei nei 12 anni
          2 serie di macchine nuove, con iWork
          preinstallato. Preso così costa 59 euro ivato,
          quindi 118 euro nei 12 anni, senza costi di
          manutenzione. Quindi 424.800 euro, a cui possiamo
          aggiungere 40.000 euro di formazione, quindi
          464.000 euro, compreso 1
          aggiornamento.
          Il costo dell'hardware non lo considero, dato che
          la differenza si ripaga abbondantemente in meno
          interventi per guasti hardware/software e minor
          consumo energetico, dato che le macchine sono
          tutte Energy Star
          5.Questo reply serve ad evitare che Ruppolo cancelli l'originale, visto che sostiene che non ha mai sostenuto che consigliava casomai di passare ad Hardware apple!
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Nedanfor non loggato


            *Massì, diamo un po' sfogo alla vena di troll*





            Quanto ci costerebbe iWorks (con relativi
            costi


            di hardware e OS) nello stesso arco di tempo?

            Son


            curioso.



            Non ho i dati per fare questo conto. Certamente

            meno di Office, visto che il pacchetto costa una

            frazione.

            Se dovessi pianificare io, prevederei nei 12
            anni

            2 serie di macchine nuove, con iWork

            preinstallato. Preso così costa 59 euro ivato,

            quindi 118 euro nei 12 anni, senza costi di

            manutenzione. Quindi 424.800 euro, a cui
            possiamo

            aggiungere 40.000 euro di formazione, quindi

            464.000 euro, compreso 1

            aggiornamento.

            Il costo dell'hardware non lo considero, dato
            che

            la differenza si ripaga abbondantemente in meno

            interventi per guasti hardware/software e minor

            consumo energetico, dato che le macchine sono

            tutte Energy Star

            5.


            Questo reply serve ad evitare che Ruppolo
            cancelli l'originale, visto che sostiene che non
            ha mai sostenuto che consigliava casomai di
            passare ad Hardware
            apple!Mi fa piacere, infatti nelle prime righe si legge la domanda di Nedanfor, alla quale ho risposto. E non c'è alcun consiglio, c'è solo un "se dovessi pianificare io".
    • Massimo Carnevali scrive:
      Re: Facciamo due conti?

      Domanda: è plausibile lasciare ora OOO così com'è per i prossimi 12 anni? Se ha funzionato per Office perchè non dovrebbe funzionare per OpenOffice ? :-)
      Oppure bisogna cacciare altri 500 mila euro per aggiornamenti vari, da
      dare
      sempre alla borsista dell'università e alla Yacme?Se la migrazione è costata 80.000 da dove deriverebbe questo 500.000 ?
      E poi, è vero che un comune se vuole 3600 licenze di Office paga 1
      milione di euro?Yes, catalogo Consip, Microsoft non ha fatto offerte economiche alternative, il progetto era pubblico.
      • ruppolo scrive:
        Re: Facciamo due conti?
        - Scritto da: Massimo Carnevali

        Domanda: è plausibile lasciare ora OOO così
        com'è per i prossimi 12 anni?


        Se ha funzionato per Office perchè non dovrebbe
        funzionare per OpenOffice ?
        :-)Perché Open Office è in beta perenne?


        Oppure bisogna cacciare altri 500 mila euro per
        aggiornamenti vari, da
        dare


        sempre alla borsista dell'università e alla
        Yacme?

        Se la migrazione è costata 80.000 da dove
        deriverebbe questo 500.000
        ?Da 12 anni di aggiornamenti continui.


        E poi, è vero che un comune se vuole 3600
        licenze di Office paga 1
        milione di
        euro?

        Yes, catalogo Consip, Microsoft non ha fatto
        offerte economiche alternative, il progetto era
        pubblico.Che vergogna!
        • Shiba scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Massimo Carnevali


          Domanda: è plausibile lasciare ora OOO così

          com'è per i prossimi 12 anni?





          Se ha funzionato per Office perchè non dovrebbe

          funzionare per OpenOffice ?

          :-)

          Perché Open Office è in beta perenne?Hai fatto un brutto sogno o cosa? Che ha di beta?
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Shiba
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Massimo Carnevali



            Domanda: è plausibile lasciare ora OOO così


            com'è per i prossimi 12 anni?








            Se ha funzionato per Office perchè non
            dovrebbe


            funzionare per OpenOffice ?


            :-)



            Perché Open Office è in beta perenne?

            Hai fatto un brutto sogno o cosa? Che ha di beta?La frequenza con cui rilasciano aggiornamenti e bug fix.
          • VITRIOL scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: ruppolo
            La frequenza con cui rilasciano aggiornamenti e
            bug fix.OOo non prevede service pack o patch, ma prevede aggiornamenti trimestrali, alternando feature release a bugfix release (quindi nuove funzionalità ogni sei mesi). Il fatto di poter contare complessivamente su aggiornamenti trimestrali mi pare che vada tutto a vantaggio dell'utente.Visto che MS Office costa caro, mi sembrerebbe improponibile proporre una nuova versione ogni sei mesi... a me questo sembra un vantaggio del software libero, non una limitazione.SalutiVITRIOL
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: VITRIOL
            a me questo sembra un vantaggio del
            software libero, non una
            limitazione.Dipende dal punto di vista.Dal punto di vista dell'utilizzo, è un vantaggio, dal punto di vista economico, è uno svantaggio. Perlomeno senza considerare gli effetti sui benefici economici derivanti dal utilizzare un programma aggiornato rispetto uno non aggiornato.
          • Shiba scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: VITRIOL

            a me questo sembra un vantaggio del

            software libero, non una

            limitazione.

            Dipende dal punto di vista.
            Dal punto di vista dell'utilizzo, è un vantaggio,
            dal punto di vista economico, è uno svantaggio.
            Perlomeno senza considerare gli effetti sui
            benefici economici derivanti dal utilizzare un
            programma aggiornato rispetto uno non
            aggiornato.Io non capisco per quale ragione OOo dovrebbe rimanere non aggiornato...
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Shiba
            Io non capisco per quale ragione OOo dovrebbe
            rimanere non
            aggiornato...Infatti anch'io lo aggiornerei, ma è una operazione che costa.A meno che non si faccia una installazione di un certo tipo... gli strumenti ci sono.
          • advange scrive:
            Re: Facciamo due conti?

            La frequenza con cui rilasciano aggiornamenti e bug fix.Ottima argomentazione.Mi spinge a farti una domanda: ci fai sapere quando uscirà dallo stato alfa il SO la cui licenza hai acquistato a 29 ?Te lo chiedo perché se OO che ha rilasci trimestrali è in beta immagino che Snow Leopard che ha avuto due bugfix importanti in due mesi è in versione alfa. Per altro farsi pagare per una alfa è la chiara dimostrazione che anche Apple copia da Windows :)
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: advange

            La frequenza con cui rilasciano aggiornamenti e
            bug
            fix.
            Ottima argomentazione.
            Mi spinge a farti una domanda: ci fai sapere
            quando uscirà dallo stato alfa il SO la cui
            licenza hai acquistato a 29
            ?
            Te lo chiedo perché se OO che ha rilasci
            trimestrali è in beta immagino che Snow Leopard
            che ha avuto due bugfix importanti in due mesi è
            in versione alfa. Per altro farsi pagare per una
            alfa è la chiara dimostrazione che anche Apple
            copia da Windows
            :)Quegli aggiornamenti si possono anche fare a meno di applicare. Il prodotto OS X 10.6.0 è definitivo, non alfa, non beta.Quando invece un OO 3.0 non è in grado di importare correttamente un file di MS Word, quella non è una funzione secondaria che si può tralasciare per 12 anni, e nemmeno per 12 settimane.
          • advange scrive:
            Re: Facciamo due conti?

            Quegli aggiornamenti si possono anche fare a meno
            di applicare. Il prodotto OS X 10.6.0 è
            definitivo, non alfa, non beta.E perché non lo sarebbe?Perché degli aggiornamenti di SL potremmo fare a meno?Non sono aggiornamenti anche di sicurezza?La compatibilità con Microsoft Exchange non è importante?Address Book può continuare a non funzionare in fase di editing?
            Quando invece un OO 3.0 non è in grado di
            importare correttamente un file di MS Word,
            quella non è una funzione secondaria che si può
            tralasciare per 12 anni, e nemmeno per 12 settimane.La compatibilità con Word migliora versione dopo versione: l'utilità di questa versione scema giorno per giorno, man mano che le vecchie versioni di Word (e magari Word stesso) si estinguono. D'altro canto Word non è compatibile con ODF: questa è una funzione FONDAMENTALE dato che ODF è uno standard da anni, mentre il .doc NO.Sto ancora aspettando di capire qual è la differenza tra i bugfix mensili di SL e quelli trimestrali di OO.
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: advange

            Quegli aggiornamenti si possono anche fare a
            meno

            di applicare. Il prodotto OS X 10.6.0 è

            definitivo, non alfa, non beta.
            E perché non lo sarebbe?
            Perché degli aggiornamenti di SL potremmo fare a
            meno?Perché non sono determinanti nel 99% dei casi.
            Non sono aggiornamenti anche di sicurezza?Certo, che puoi ignorare in toto, in tutte le versioni di OS X.Ci sono dettagli che ti sfuggono: in Windows gli attacchi avvengono, le falle vengono sfruttate, le botnet sono realtà. Su Mac tutto questo è ipotetico, potenziale.
            La compatibilità con Microsoft Exchange non è
            importante?No, non lo è nel 99,999% dei casi.
            Address Book può continuare a non funzionare in
            fase di
            editing?Certamente, perché non è vero che non funziona. Il problema si manifesta di rado. E non è certo un grosso problema, basta chiudere e riaprire. Io comunque non ho avuto il piacere di vedere nessuno dei problemi risolti da questi due aggiornamenti.

            Quando invece un OO 3.0 non è in grado di

            importare correttamente un file di MS Word,

            quella non è una funzione secondaria che si può

            tralasciare per 12 anni, e nemmeno per 12
            settimane.
            La compatibilità con Word migliora versione dopo
            versione: l'utilità di questa versione scema
            giorno per giorno, man mano che le vecchie
            versioni di Word (e magari Word stesso) si
            estinguono.Certamente, e quante versioni e in che arco di tempo sono avvenuti tali aggiornamenti?
            D'altro canto Word non è compatibile
            con ODF: questa è una funzione FONDAMENTALE dato
            che ODF è uno standard da anni, mentre il .doc
            NO.Certo.
            Sto ancora aspettando di capire qual è la
            differenza tra i bugfix mensili di SL e quelli
            trimestrali di
            OO.Che i primi li puoi saltare a piè pari, i secondi non te li puoi perdere.Ah, per la cronaca: già sperimentato su alcune aziende l'uso di open office e neo office. L'unico software che ho dovuto aggiornare ogni tre per due e ad ogni aggiornamento migliorava l'importazione di file .doc, funzione FONDAMENTALE, oggi come oggi.Certo, se no ci fosse questo problema di questo .doc del XXXXX, non ci sarebbe bisogno di stare costantemente aggiornati.Giusto per curiosità ho tenuto in funzione un server con 10.3.4 fino a qualche mese fa, 4 IP pubblici e firewall spento. Ovvero ANNI senza alcun tipo di aggiornamento. Ha sempre funzionato. Se fosse ancora acceso avrebbe battuto il record mondiale di uptime.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: Massimo Carnevali


          Domanda: è plausibile lasciare ora OOO così

          com'è per i prossimi 12 anni?





          Se ha funzionato per Office perchè non dovrebbe

          funzionare per OpenOffice ?

          :-)

          Perché Open Office è in beta perenne?
          Open Office è stabile qunato M$ office!




          Oppure bisogna cacciare altri 500 mila euro per

          aggiornamenti vari, da
          dare




          sempre alla borsista dell'università e alla

          Yacme?



          Se la migrazione è costata 80.000 da dove

          deriverebbe questo 500.000

          ?
          Da 12 anni di aggiornamenti continui.
          Aggiornamenti di che? Questi hanno pagato la transizione e la relativa formazione del personale, per aggiornare Open Office certo non occorrono simili cifre




          E poi, è vero che un comune se vuole 3600

          licenze di Office paga 1
          milione di

          euro?



          Yes, catalogo Consip, Microsoft non ha fatto

          offerte economiche alternative, il progetto era

          pubblico.
          Che vergogna!Che M$ si faccia pagare? Effettivamente...
        • advange scrive:
          Re: Facciamo due conti?

          Perché Open Office è in beta perenne?Quest'uomo oramai è al delirio.Purtroppo scoprire che i prodotti GPL sono infinitamente superiori a quelli di Apple è per lui inaccettabile.E' un mondo che gli crolla, le intere sue credenza, la sua fede svaniscono nel nulla.Capiamolo e stiamogli vicini
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: advange

            Perché Open Office è in beta perenne?
            Quest'uomo oramai è al delirio.
            Purtroppo scoprire che i prodotti GPL sono
            infinitamente superiori a quelli di Apple è per
            lui
            inaccettabile.Spara meno cagate, please. Prova solo Numbers e dopo sai come deve essere un foglio elettronico nel 2009. E non dimenticare chi lo ha inventato e su quale macchina è nato Excel.
            E' un mondo che gli crolla, le intere sue
            credenza, la sua fede svaniscono nel
            nulla.
            Capiamolo e stiamogli viciniAHAHHAHAHAHAHH (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)Ricordo ancore le parole di quello sbullonato di Ballmer: "Abbiamo messo [in Office] tutto quello che i nostri clienti ci hanno chiesto!". E fu così che i manuali messi uno sopra l'altro (quando ancora li stampavano) erano alti come 3 vocabolari della lingua italiana sovrapposti!E quella sarebbe una software house? Braccia sottratte all'agricoltura, loro e quegli svampiti che copiano 'sti prodotti!
          • advange scrive:
            Re: Facciamo due conti?

            Spara meno cagate, please. Prova solo Numbers e
            dopo sai come deve essere un foglio elettronico
            nel 2009. E non dimenticare chi lo ha inventato e
            su quale macchina è nato Excel.Numbers non lo conosco: esiste una versione per Linux? Se non costa troppo potrei provarla, giusto per farmi una cultura.Excel mi sembra un po' più avanti di OO Calc, anche se, personalmente, non ho mai usato le versioni avanzate di Excel.Per quanto mi ricordo i primi fogli di calcolo sono stati inventati da Lotus, ma potrei sbagliarmi (parlo della seconda metà degli anni '80).
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: advange

            Spara meno cagate, please. Prova solo Numbers e

            dopo sai come deve essere un foglio elettronico

            nel 2009. E non dimenticare chi lo ha inventato
            e

            su quale macchina è nato Excel.
            Numbers non lo conosco: esiste una versione per
            Linux? Se non costa troppo potrei provarla,
            giusto per farmi una
            cultura.
            Excel mi sembra un po' più avanti di OO Calc,
            anche se, personalmente, non ho mai usato le
            versioni avanzate di
            Excel.
            Per quanto mi ricordo i primi fogli di calcolo
            sono stati inventati da Lotus, ma potrei
            sbagliarmi (parlo della seconda metà degli anni
            '80).Sei troppo giovane per ricordare.Il foglio di calcolo è stato si inventato nella seconda metà, ma degli anni '70. VisiCalc, su Apple ][
          • advange scrive:
            Re: Facciamo due conti?

            Sei troppo giovane per ricordare.

            Il foglio di calcolo è stato si inventato nella
            seconda metà, ma degli anni '70. VisiCalc, su
            Apple ][Concordo: se è vero quello che dici o ero un infante o non ero proprio nato.
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: advange

            Sei troppo giovane per ricordare.



            Il foglio di calcolo è stato si inventato nella

            seconda metà, ma degli anni '70. VisiCalc, su

            Apple ][
            Concordo: se è vero quello che dici o ero un
            infante o non ero proprio
            nato.1979 :D
          • advange scrive:
            Re: Facciamo due conti?

            1979 :DDirei che ero un infante :)
    • pi_censura_ tutto scrive:
      Re: Facciamo due conti?
      - Scritto da: ruppolo
      Il costo da valutare è il TCO, Total Cost of
      Ownership. In questo caso da calcolare su 12
      anni, per vedere se questa soluzione open costa
      di più o di meno di una soluzione closed.Ahah hai ragione, facciamo un po' di conti... peccato che se RAGIONI, arrivi ad una conclusione OPPOSTA alla tua.Primo, il costo delle licenze è stato dichiarato apertamente (300 eur l'una), non vedo perchè avrebbero dovuto mentire, e perchè dovremmo mettere in discussione questa cifra. Quindi il totale è di 1 milione.Secondo, hanno speso 40.000 euro all'anno per la MIGRAZIONE, anche supponendo che ogni anno la cifra da spendere sia la stessa, in 12 anni fanno mezzo milione. Ma in realtà sappiamo benissimo che il costo di migrazione lo affronti una volta e per il futuro i costi di mantenimento di OpenOffice saranno circa uguali rispetto a quelli di Office.Terzo, a conti fatti hanno speso una minima frazione nel mettere OOo rispetto a comprare Office, ma anche se alla fine avessero SPESO DI PIU', come ITALIANI dovremmo essere FELICI che i soldi siano stati dati alle nostre aziende rispetto ad averli regalati ad una multinazionale straniera in regime di monopolio e fuorilegge.E quest'ultimo, mio caro, è il più importante e finché noi italiani non lo capiremo, rimarremo sempre una massa di capre ignoranti e succubi degli altri paesi stranieri.
      • tonino scrive:
        Re: Facciamo due conti?
        - Scritto da: pi_censura_ tutto
        - Scritto da: ruppolo

        Il costo da valutare è il TCO, Total Cost of

        Ownership. In questo caso da calcolare su 12

        anni, per vedere se questa soluzione open costa

        di più o di meno di una soluzione closed.

        Ahah hai ragione, facciamo un po' di conti...
        peccato che se RAGIONI, arrivi ad una conclusione
        come ITALIANI dovremmo essere FELICI che i
        soldi siano stati dati alle nostre aziende
        rispetto ad averli regalati ad una multinazionale
        straniera in regime di monopolio e
        fuorilegge.Parole sante, fratello. Abbasso l'imperialismo culturale americano fondato sulla coca cola e microsoft.Anche se spendessimo la stessa cifra, per assurdo, meglio investire in aziende d'informatica italiane che ti fanno da sistemisti, in più rilanci anche l'economia interna nazionale: quindi qualsiasi lavoro tu facessi, ne trai dei benefici indiretti.Viva l'economia reale, abbasso la finanza speculativa.leggete effedieffe (dot) com
        • zi_o_zio scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: tonino
          Anche se spendessimo la stessa cifra,No no, neglio se costa molto meno.Se no i cittadini si disinteressano e i politici si fanno le ville. @^ @^ @^ciao
      • ruppolo scrive:
        Re: Facciamo due conti?
        - Scritto da: pi_censura_ tutto
        Ahah hai ragione, facciamo un po' di conti...
        peccato che se RAGIONI, arrivi ad una conclusione
        OPPOSTA alla
        tua.Peccato che io non sia arrivato ad alcuna conclusione.
        Primo, il costo delle licenze è stato dichiarato
        apertamente (300 eur l'una), non vedo perchè
        avrebbero dovuto mentire, e perchè dovremmo
        mettere in discussione questa cifra.Per il semplice fatto che ha parlato di "prezzo pieno".
        Quindi il
        totale è di 1
        milione.

        Secondo, hanno speso 40.000 euro all'anno per la
        MIGRAZIONE, anche supponendo che ogni anno la
        cifra da spendere sia la stessa, in 12 anni fanno
        mezzo milione. Ma in realtà sappiamo benissimo
        che il costo di migrazione lo affronti una volta
        e per il futuro i costi di mantenimento di
        OpenOffice saranno circa uguali rispetto a quelli
        di
        Office.No, il costo di manutenzione di un Office 97 è pressoché zero, perché tale rimane.Mentre non avrebbe molto senso non aggiornare Open Office, quindi ci saranno dei costi.
        Terzo, a conti fatti hanno speso una minima
        frazione nel mettere OOo rispetto a comprare
        Office, ma anche se alla fine avessero SPESO DI
        PIU', come ITALIANI dovremmo essere FELICI che i
        soldi siano stati dati alle nostre aziende
        rispetto ad averli regalati ad una multinazionale
        straniera in regime di monopolio e
        fuorilegge.Concordo.
        E quest'ultimo, mio caro, è il più importante e
        finché noi italiani non lo capiremo, rimarremo
        sempre una massa di capre ignoranti e succubi
        degli altri paesi
        stranieri.Per forza, la classe politica manco sa cos'è, l'informatica. Qui inseriscono nel programma di studi della scuola dell'obbligo la materia "Windows" e "Office", prodotti commerciali. E la gente, che dovrebbe vomitare per questo, manco si scompone.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: pi_censura_ tutto

          Ahah hai ragione, facciamo un po' di conti...

          peccato che se RAGIONI, arrivi ad una
          conclusione

          OPPOSTA alla

          tua.

          Peccato che io non sia arrivato ad alcuna
          conclusione.


          Primo, il costo delle licenze è stato dichiarato

          apertamente (300 eur l'una), non vedo perchè

          avrebbero dovuto mentire, e perchè dovremmo

          mettere in discussione questa cifra.

          Per il semplice fatto che ha parlato di "prezzo
          pieno".
          Sono comunque 300 euro, e non sono il prezzo "pieno" vedi listino M$!

          Quindi il

          totale è di 1

          milione.



          Secondo, hanno speso 40.000 euro all'anno per la

          MIGRAZIONE, anche supponendo che ogni anno la

          cifra da spendere sia la stessa, in 12 anni
          fanno

          mezzo milione. Ma in realtà sappiamo benissimo

          che il costo di migrazione lo affronti una volta

          e per il futuro i costi di mantenimento di

          OpenOffice saranno circa uguali rispetto a
          quelli

          di

          Office.
          No, il costo di manutenzione di un Office 97 è
          pressoché zero, perché tale
          rimane.
          Mentre non avrebbe molto senso non aggiornare
          Open Office, quindi ci saranno dei
          costi.
          Non capisco questa tua affermazione... perchè dovrebbero aggiornare di continuo Open Office a costi rilevanti e invece tenersi senza aggiornamenti M$ Office...

          Terzo, a conti fatti hanno speso una minima

          frazione nel mettere OOo rispetto a comprare

          Office, ma anche se alla fine avessero SPESO DI

          PIU', come ITALIANI dovremmo essere FELICI che i

          soldi siano stati dati alle nostre aziende

          rispetto ad averli regalati ad una
          multinazionale

          straniera in regime di monopolio e

          fuorilegge.
          Concordo.E meno male!


          E quest'ultimo, mio caro, è il più importante e

          finché noi italiani non lo capiremo, rimarremo

          sempre una massa di capre ignoranti e succubi

          degli altri paesi

          stranieri.
          Per forza, la classe politica manco sa cos'è,
          l'informatica. Qui inseriscono nel programma di
          studi della scuola dell'obbligo la materia
          "Windows" e "Office", prodotti commerciali. E la
          gente, che dovrebbe vomitare per questo, manco si
          scompone.Ma se sei stato tu il primo ad iniziare una polemica in cui sembrava che l'amministrazione avesse fatto male ad adottare un prodotto open, al più avrebbe fatto bene a passare a prodotti Apple!Sei Ridicolo!
          • ciao scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            Funziona bene il tuo netbook ?La voce la senti bene o gracchia come l'iPhone ?
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Sono comunque 300 euro, e non sono il prezzo
            "pieno" vedi listino
            M$!Non ho il listino MS, per questo ho chiesto se qualcuno lo aveva. Parlo di listino prezzi su volumi, naturalmente.
            Non capisco questa tua affermazione... perchè
            dovrebbero aggiornare di continuo Open Office a
            costi rilevanti e invece tenersi senza
            aggiornamenti M$
            Office...Prima di tutto perché un prodotto commerciale, a differenza di uno gratuito, deve rispondere ad un minimo di requisiti di funzionalità, per cui viene immesso nel mercato in condizioni di rispondere alle aspettative di chi lo acquista, con un minimo di controllo qualità, per cui si può anche fare a meno di aggiornarlo. Secondo perché un major upgrade di un prodotto open sarebbe comunque gratuito, quindi il non sfruttare tale possibilità vanifica il principale vantaggio di un prodotto open.
            Ma se sei stato tu il primo ad iniziare una
            polemicapolemica?
            in cui sembrava che l'amministrazione
            avesse fatto male ad adottare un prodotto open,
            al più avrebbe fatto bene a passare a prodotti
            Apple!Ripeto, non ho tratto alcuna conclusione, e men che meno ho parlato di prodotti Apple.
            Sei Ridicolo!TU sei ridicolo.
          • advange scrive:
            Re: Facciamo due conti?

            Prima di tutto perché un prodotto commerciale, a
            differenza di uno gratuito, deve rispondere ad un
            minimo di requisiti di funzionalità, per cui
            viene immesso nel mercato in condizioni di
            rispondere alle aspettative di chi lo acquista,
            con un minimo di controllo qualità, per cui si
            può anche fare a meno di aggiornarlo. Dal libro dell'informatico folle.Ma dove le leggi queste notizie?Su Topolino?
            Secondo perché un major upgrade di un prodotto open
            sarebbe comunque gratuito, quindi il non
            sfruttare tale possibilità vanifica il principale
            vantaggio di un prodotto open.Se per te l'upgrade è un costo allora non farlo.Ma che ragionamenti fai?Devo aggiornarlo perché è gratis, ma aggiornarlo costa: come si fa ad arrivare a simili livelli di bassezza intellettuale?Ah, manutenere Office 97 ha un costo elevatissimo in termini di produttività; inoltre non è compatibile con ODF che è il formato del futuro. Quindi dovresti sviluppare o farti sviluppare un apposito plugin con costi enormi.Finiscila di barare.
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: advange
            Devo aggiornarlo perché è gratis, ma aggiornarlo
            costa: come si fa ad arrivare a simili livelli di
            bassezza
            intellettuale?Ma i tuoi due neuroni sono mai riusciti a incontrarsi e mettere al mondo una sinapsi?Prova a chiederti: l'acqua è gratis?
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Enjoy with Us

            Sono comunque 300 euro, e non sono il prezzo

            "pieno" vedi listino

            M$!
            Non ho il listino MS, per questo ho chiesto se
            qualcuno lo aveva. Parlo di listino prezzi su
            volumi,
            naturalmente.
            http://www.interlex.it/pa/neri.htmtanto per chiuderti una volte per tutte la bocca... Consip nel 2001 ha speso per 40.000 licenze di Office circa 20 miliardi delle vecchie lire, ossia 11 milioni di euro.... ossia i famosi 300 euro a copia!

            Non capisco questa tua affermazione... perchè

            dovrebbero aggiornare di continuo Open Office a

            costi rilevanti e invece tenersi senza

            aggiornamenti M$

            Office...
            Prima di tutto perché un prodotto commerciale, a
            differenza di uno gratuito, deve rispondere ad un
            minimo di requisiti di funzionalità,Ha ha ha ha.... stiamo paralado di microsoft o mi sono perso qualche cosa? per cui
            viene immesso nel mercato in condizioni di
            rispondere alle aspettative di chi lo acquista,
            con un minimo di controllo qualità, per cui si
            può anche fare a meno di aggiornarlo.Troppo divertente.... lo si è visto bene con Vista...
            Secondo
            perché un major upgrade di un prodotto open
            sarebbe comunque gratuito, quindi il non
            sfruttare tale possibilità vanifica il principale
            vantaggio di un prodotto
            open.
            Scusa e i costi di aggiornamento se il prodotto open è gratis, dove sono?

            Ma se sei stato tu il primo ad iniziare una

            polemica
            polemica?


            in cui sembrava che l'amministrazione

            avesse fatto male ad adottare un prodotto open,

            al più avrebbe fatto bene a passare a prodotti

            Apple!
            Ripeto, non ho tratto alcuna conclusione, e men
            che meno ho parlato di prodotti
            Apple.Ma se hai tirato fuori iWorks e consigliavi l'acquisto di hardware Apple!

            Sei Ridicolo!
            TU sei ridicolo.Non solo sei ridicolo, sei anche bugiardo!
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Enjoy with Us
            http://www.interlex.it/pa/neri.htm
            tanto per chiuderti una volte per tutte la
            bocca...Avevo solo chiesto, eh!
            Consip nel 2001 ha speso per 40.000
            licenze di Office circa 20 miliardi delle vecchie
            lire, ossia 11 milioni di euro.... ossia i
            famosi 300 euro a
            copia!Grazie, ora so dove finiscono i soldi che mi rapinano due volte l'anno.
            Ha ha ha ha.... stiamo paralado di microsoft o mi
            sono perso qualche
            cosa?Per quanto facciano XXXXXX i prodotti Microsoft, comunque sono sono meno in beta dei prodotti open.
            Troppo divertente.... lo si è visto bene con
            Vista...Infatti hai visto che non lo hanno aggiornato, lo hanno lasciato esattamente com'era, fino al 7.
            Scusa e i costi di aggiornamento se il prodotto
            open è gratis, dove
            sono?Eccone un altro...Anche te la domanda: l'acqua è gratis?
            Ma se hai tirato fuori iWorks e consigliavi
            l'acquisto di hardware
            Apple!Linkami il post dove avrei scritto che consigliavo hardware Apple.


            Sei Ridicolo!

            TU sei ridicolo.

            Non solo sei ridicolo, sei anche bugiardo!Bugiardo io? Il link, attendo il link.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Enjoy with Us

            http://www.interlex.it/pa/neri.htm

            tanto per chiuderti una volte per tutte la

            bocca...
            Avevo solo chiesto, eh!
            un giro di google no vero?

            Consip nel 2001 ha speso per 40.000

            licenze di Office circa 20 miliardi delle
            vecchie

            lire, ossia 11 milioni di euro.... ossia i

            famosi 300 euro a

            copia!
            Grazie, ora so dove finiscono i soldi che mi
            rapinano due volte
            l'anno.


            Ha ha ha ha.... stiamo parlando di microsoft o
            mi

            sono perso qualche

            cosa?
            Per quanto facciano XXXXXX i prodotti Microsoft,
            comunque sono sono meno in beta dei prodotti
            open.
            Hai link a queste tue affermazioni? Facciamo un esempio Firefox è meno stabile o meno efficente di IE 8?

            Troppo divertente.... lo si è visto bene con

            Vista...
            Infatti hai visto che non lo hanno aggiornato, lo
            hanno lasciato esattamente com'era, fino al
            7.
            Altra cosa non vera hanno rilasciato già da tempo, bem prima di windows 7 un Vista SP1, più innumerevoli patch minori!

            Scusa e i costi di aggiornamento se il prodotto

            open è gratis, dove

            sono?

            Eccone un altro...
            Anche te la domanda: l'acqua è gratis?Per Open Office non ho mai tirato fuori un centesimo, ne lo hanno fatto ad esempio le amministrazioni ospedaliere del Veneto...


            Ma se hai tirato fuori iWorks e consigliavi

            l'acquisto di hardware

            Apple!
            Linkami il post dove avrei scritto che
            consigliavo hardware
            Apple.




            Sei Ridicolo!


            TU sei ridicolo.



            Non solo sei ridicolo, sei anche bugiardo!
            Bugiardo io? Il link, attendo il link.aspetta che ora lo cerco, trovato!http://punto-informatico.it/b.aspx?ticks=633936453576250000&i=2747869&m=2750524#p2750524allora che fai ammetti di essere un bugiardo o devo dire che sei in malafede!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 novembre 2009 17.57-----------------------------------------------------------
          • advange scrive:
            Re: Facciamo due conti?

            Hai link a queste tue affermazioni? Facciamo un
            esempio Firefox è meno stabile o meno efficente
            di IE 8?Seguendo il ragionamento di Ruppolo FF è il prodotto più instabile dell'universo dato che riceve più di un aggiornamento al mese.Ah, inutile fargli notare che Snow Leopard è stato aggiornato 2 volte in 2 mesi: ti dirà che gli aggiornamenti di SL sono inutili!Se non ci credi ecco i due link:http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2747869&m=2748869#p2748869http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2747869&m=2750472#p2750472
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Enjoy with Us
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: Enjoy with Us


            http://www.interlex.it/pa/neri.htm


            tanto per chiuderti una volte per tutte la


            bocca...

            Avevo solo chiesto, eh!



            un giro di google no vero?che palle!



            Consip nel 2001 ha speso per 40.000


            licenze di Office circa 20 miliardi delle

            vecchie


            lire, ossia 11 milioni di euro.... ossia i


            famosi 300 euro a


            copia!

            Grazie, ora so dove finiscono i soldi che mi

            rapinano due volte

            l'anno.




            Ha ha ha ha.... stiamo parlando di microsoft o

            mi


            sono perso qualche


            cosa?

            Per quanto facciano XXXXXX i prodotti Microsoft,

            comunque sono sono meno in beta dei prodotti

            open.




            Hai link a queste tue affermazioni? Facciamo un
            esempio Firefox è meno stabile o meno efficente
            di IE
            8?Facciamo i confronti tra un prodotto commerciale a pagamento e uno open. Un prodotto completo, non una porzione, LA porzione che comoda a te!



            Troppo divertente.... lo si è visto bene con


            Vista...

            Infatti hai visto che non lo hanno aggiornato,
            lo

            hanno lasciato esattamente com'era, fino al

            7.



            Altra cosa non vera hanno rilasciato già da
            tempo, bem prima di windows 7 un Vista SP1, più
            innumerevoli patch
            minori!Ed è rimasto esattamente com'era.



            Scusa e i costi di aggiornamento se il
            prodotto


            open è gratis, dove


            sono?



            Eccone un altro...

            Anche te la domanda: l'acqua è gratis?

            Per Open Office non ho mai tirato fuori un
            centesimo, ne lo hanno fatto ad esempio le
            amministrazioni ospedaliere del
            Veneto...Certo, se lo sono installati da soli i medici, gli infermieri e le segretarie.






            Ma se hai tirato fuori iWorks e consigliavi


            l'acquisto di hardware


            Apple!

            Linkami il post dove avrei scritto che

            consigliavo hardware

            Apple.






            Sei Ridicolo!



            TU sei ridicolo.





            Non solo sei ridicolo, sei anche bugiardo!

            Bugiardo io? Il link, attendo il link.

            aspetta che ora lo cerco, trovato!

            http://punto-informatico.it/b.aspx?ticks=633936453Non so che link sia, mi porta a questo stesso post.

            allora che fai ammetti di essere un bugiardo o
            devo dire che sei in
            malafede!Né uno né l'altro.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: Enjoy with Us

            - Scritto da: ruppolo


            - Scritto da: Enjoy with Us



            http://www.interlex.it/pa/neri.htm



            tanto per chiuderti una volte per tutte la



            bocca...


            Avevo solo chiesto, eh!






            un giro di google no vero?
            che palle!
            Ti commenti da solo vedo!





            Consip nel 2001 ha speso per 40.000



            licenze di Office circa 20 miliardi delle


            vecchie



            lire, ossia 11 milioni di euro.... ossia i



            famosi 300 euro a



            copia!


            Grazie, ora so dove finiscono i soldi che mi


            rapinano due volte


            l'anno.






            Ha ha ha ha.... stiamo parlando di
            microsoft
            o


            mi



            sono perso qualche



            cosa?


            Per quanto facciano XXXXXX i prodotti
            Microsoft,


            comunque sono sono meno in beta dei prodotti


            open.








            Hai link a queste tue affermazioni? Facciamo un

            esempio Firefox è meno stabile o meno efficente

            di IE

            8?
            Facciamo i confronti tra un prodotto commerciale
            a pagamento e uno open. Un prodotto completo, non
            una porzione, LA porzione che comoda a
            te!Perchè Firefox non è un prodotto completo? Questa mi giunge nuova... in cosa IE 8.0 sarebbe più completo di ff?







            Troppo divertente.... lo si è visto bene con



            Vista...


            Infatti hai visto che non lo hanno aggiornato,

            lo


            hanno lasciato esattamente com'era, fino al


            7.






            Altra cosa non vera hanno rilasciato già da

            tempo, bem prima di windows 7 un Vista SP1, più

            innumerevoli patch

            minori!
            Ed è rimasto esattamente com'era.
            Non direi proprio, basta leggere le migliorie apportate sul sito di M$!





            Scusa e i costi di aggiornamento se il

            prodotto



            open è gratis, dove



            sono?





            Eccone un altro...


            Anche te la domanda: l'acqua è gratis?



            Per Open Office non ho mai tirato fuori un

            centesimo, ne lo hanno fatto ad esempio le

            amministrazioni ospedaliere del

            Veneto...
            Certo, se lo sono installati da soli i medici,
            gli infermieri e le
            segretarie.
            No ci ha pensato l'amministratore di rete, figura già stipendiata per gestire la rete e l'aggiornamento dei vari SO (basati per ora su Windows)... semplicemente ora aggiorna anche Open Office... con un costo prossimo allo Zero!











            Ma se hai tirato fuori iWorks e consigliavi



            l'acquisto di hardware



            Apple!


            Linkami il post dove avrei scritto che


            consigliavo hardware


            Apple.








            Sei Ridicolo!




            TU sei ridicolo.







            Non solo sei ridicolo, sei anche bugiardo!


            Bugiardo io? Il link, attendo il link.



            aspetta che ora lo cerco, trovato!




            http://punto-informatico.it/b.aspx?ticks=633936453

            Non so che link sia, mi porta a questo stesso
            post.




            allora che fai ammetti di essere un bugiardo o

            devo dire che sei in

            malafede!
            Né uno né l'altro.Scorri qualche post sopra e troverai il tuo post incriminato, a cui ho fatto un reply in modo che non possa essere modificato!
    • nome e cognome scrive:
      Re: Facciamo due conti?

      Se qualcuno ha i prezzi di Office per grossi
      volumi, ci faccia sapere quanto
      costa.Dipende da quanto vuoi scassare al commerciale ma su mille licenze arrivi come niente a poche decine di euro a licenza. Su grossi clienti ho visto fare tranquillamente sconti del 90% sul listino. Comunque questi passaggi all'open-source sono mosse elettorali, il vantaggio economico è praticamente nullo se gestite bene, se gestite male (leggi ti fai XXXXXXX dai consulenti) ci perdi.
      • iRoby scrive:
        Re: Facciamo due conti?
        Quindi si arriva al dumping pur di non cedere ad altri prodotti magari opensource vero?
        • Fabio scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: iRoby
          Quindi si arriva al dumping pur di non cedere ad
          altri prodotti magari opensource
          vero?Ancora con questo dumping? Mi spieghi per cortesia cosa intendi per dumping?Da quanto ho capito, per te il dumping e' fare uno sconto.
          • Nedanfor non loggato scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Fabio
            - Scritto da: iRoby

            Quindi si arriva al dumping pur di non cedere ad

            altri prodotti magari opensource

            vero?

            Ancora con questo dumping?
            Mi spieghi per cortesia cosa intendi per dumping?

            Da quanto ho capito, per te il dumping e' fare
            uno
            sconto.Uno sconto è ragionevole. Uno sconto del 50% sai perché lo fanno nei negozi di abbigliamento? Sai quant'è il guadagno netto nei negozi d'abbigliamento? Sai perché svalutare un proprio prodotto con lo scopo di impedire ad altri prodotti di diffondersi è un reato finanziario? Sai cosa sono gli Halloween Documents?
          • Fabio scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Nedanfor non loggato
            - Scritto da: Fabio

            - Scritto da: iRoby


            Quindi si arriva al dumping pur di non cedere
            ad


            altri prodotti magari opensource


            vero?



            Ancora con questo dumping?

            Mi spieghi per cortesia cosa intendi per
            dumping?



            Da quanto ho capito, per te il dumping e' fare

            uno

            sconto.

            Uno sconto è ragionevole. Uno sconto del 50% sai
            perché lo fanno nei negozi di abbigliamento? Sai
            quant'è il guadagno netto nei negozi
            d'abbigliamento? Sai perché svalutare un proprio
            prodotto con lo scopo di impedire ad altri
            prodotti di diffondersi è un reato finanziario?
            Sai cosa sono gli Halloween
            Documents?Se mi paragoni un oggetto fisico con un software allora mi sa che non ci hai capito nulla.Sai cos'e' un dumping? Mi sa di no, visto che eviti la risposta.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Facciamo due conti?
        - Scritto da: nome e cognome

        Se qualcuno ha i prezzi di Office per grossi

        volumi, ci faccia sapere quanto

        costa.

        Dipende da quanto vuoi scassare al commerciale ma
        su mille licenze arrivi come niente a poche
        decine di euro a licenza.
        Ma certo come no, quelli del CIPE sono tutti idioti, anzi dei corrotti, il 90% della licenza se lo intascano loro...
        Su grossi clienti ho visto fare tranquillamente
        sconti del 90% sul listino.

        cioè gli davano Office a 30 euro? Mi fai vedere qualche esempio, così lo giro al CIPE!
        Comunque questi passaggi all'open-source sono
        mosse elettorali, il vantaggio economico è
        praticamente nullo se gestite bene, se gestite
        male (leggi ti fai XXXXXXX dai consulenti) ci
        perdi.Si certo come no, visto che lo dici tu che manco ti registri...
        • nome e cognome scrive:
          Re: Facciamo due conti?

          cioè gli davano Office a 30 euro? Mi fai vedere
          qualche esempio, così lo giro al
          CIPE!Office ultimate studenti costa 52 euro, secondo te Microsoft non fa margine sulle licenze studenti? Su volumi si arriva tranquillamente sotto i 30 euro e comunque ho appena contrattato con Oracle l'acquisto di alcune licenze da 20.000 euro sono passati a 2.000, in cambio di un incontro con il loro commerciale per la presentazione di un nuovo prodotto... fatti 4 conti.
          Si certo come no, visto che lo dici tu che manco
          ti
          registri...Perché se lo dici tu che ti registri cambia qualcosa?
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: nome e cognome

            cioè gli davano Office a 30 euro? Mi fai vedere

            qualche esempio, così lo giro al

            CIPE!

            Office ultimate studenti costa 52 euro, secondo
            te Microsoft non fa margine sulle licenze
            studenti? Su volumi si arriva tranquillamente
            sotto i 30 euro e comunque ho appena contrattato
            con Oracle l'acquisto di alcune licenze da 20.000
            euro sono passati a 2.000, in cambio di un
            incontro con il loro commerciale per la
            presentazione di un nuovo prodotto... fatti 4
            conti.

            Non stiamo parlando di Office Educational e lo sai benissimo! E un'altra cosa fino ad oggi praticamente Office non aveva concorrenti, sono pronto a scommettere che non appena open Office incomicerà ad erodere quote di mercato significative M$ come per incanto taglierà i prezzi... spero che in questo caso intervengano prontamente le autority!

            Si certo come no, visto che lo dici tu che manco

            ti

            registri...

            Perché se lo dici tu che ti registri cambia
            qualcosa?Direi di si, visto che i 300 euro non me li sono inventati Io ma sono consultabili on line sul sito del Cipe...
        • ciao scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          Ma il netbook alla fine sei riuscito a comprartelo ? Ne vuoi uno usato pochissimo a 150 euro ?
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: ciao
            Ma il netbook alla fine sei riuscito a
            comprartelo ? Ne vuoi uno usato pochissimo a 150
            euro
            ?Non l'ha preso nuovo a quella cifra, figurati se lo prende usato...
          • ciao scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            E come diavolo fa a telefonare ??
          • ruppolo scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: ciao
            E come diavolo fa a telefonare ??Ma come, non sai che ha lo zaino pieno di tutti i dispositivi e relative batterie di scorta? Tra questi il cellulare da 30 euro!
          • ciao scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            Il mattino si alza 1 ora prima per preparare la valigia (rotfl)
      • Nedanfor non loggato scrive:
        Re: Facciamo due conti?
        - Scritto da: nome e cognome
        Dipende da quanto vuoi scassare al commerciale ma
        su mille licenze arrivi come niente a poche
        decine di euro a licenza.

        Su grossi clienti ho visto fare tranquillamente
        sconti del 90% sul listino.http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Cita_le_fonti
        • Fabio scrive:
          Re: Facciamo due conti?
          - Scritto da: Nedanfor non loggato
          - Scritto da: nome e cognome

          Dipende da quanto vuoi scassare al commerciale
          ma

          su mille licenze arrivi come niente a poche

          decine di euro a licenza.



          Su grossi clienti ho visto fare tranquillamente

          sconti del 90% sul listino.

          http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Cita_le_fonnon c'e' bisogno di fare esempi, chiunque lavora presso grosse realta', sa benissimo che gli sconti funzionano cosi'.L'azienda dove lavoravo prima (multinazionale) per Telecomitalia faceva il 97% di sconto.Quella attuale l'87%.Con un po di voglia si ottiene tutto.
          • Nedanfor non loggato scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Fabio
            - Scritto da: Nedanfor non loggato

            - Scritto da: nome e cognome


            Dipende da quanto vuoi scassare al commerciale

            ma


            su mille licenze arrivi come niente a poche


            decine di euro a licenza.





            Su grossi clienti ho visto fare
            tranquillamente


            sconti del 90% sul listino.




            http://it.wikipedia.org/wiki/Wikipedia:Cita_le_fon

            non c'e' bisogno di fare esempi, chiunque lavora
            presso grosse realta', sa benissimo che gli
            sconti funzionano
            cosi'.

            L'azienda dove lavoravo prima (multinazionale)
            per Telecomitalia faceva il 97% di
            sconto.
            Quella attuale l'87%.

            Con un po di voglia si ottiene tutto.Questo è il motivo per cui l'Italia è diventata un paese di XXXXX: tutti guardano la loro piccola realtà, non i fatti. IO VOGLIO I FATTI. Non me ne frega nulla delle tue aziende, voglio vedere quanto pagano le PA.PS. Piccola dritta: il software per le PA generalmente viene acquistato con contratti nazionali e, fidati, lo sconto non c'è su nulla, paghiamo tutto a prezzo pieno. Naturalmente non ci specula tanto la Microsoft quanto gli intermediari (che poi generalmente son dipendenti della presidenza del consiglio, ma qui non mi dilungo). Insomma dammi i fatti, non dei dati di aziende presso cui dici di aver lavorato, senza poi mostrare neanche uno stralcio di prova, per quanto alla fin fine non fossero inerenti al discorso generale.
          • Fabio scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            - Scritto da: Nedanfor non loggato
            Questo è il motivo per cui l'Italia è diventata
            un paese di XXXXX: tutti guardano la loro piccola
            realtà, non i fatti. IO VOGLIO I FATTI. Non me ne
            frega nulla delle tue aziende, voglio vedere
            quanto pagano le
            PA.La stessa pratica e' presente in tutti i paesi.I nomi non si fanno, MAI.Il listino presentato al CNIPA di un'azienda e' affar suo. Di certo non si viene a comunicare su un forum di PI le percentuali reali di sconto lol

            PS. Piccola dritta: il software per le PA
            generalmente viene acquistato con contratti
            nazionali e, fidati, lo sconto non c'è su nulla,
            paghiamo tutto a prezzo pieno. Naturalmente non
            ci specula tanto la Microsoft quanto gli
            intermediari (che poi generalmente son dipendenti
            della presidenza del consiglio, ma qui non mi
            dilungo). Insomma dammi i fatti, non dei dati di
            aziende presso cui dici di aver lavorato, senza
            poi mostrare neanche uno stralcio di prova, per
            quanto alla fin fine non fossero inerenti al
            discorso
            generale.Questo la dice tutta sulla tua conoscenza dei mercati informatici italiani.
          • nome e cognome scrive:
            Re: Facciamo due conti?

            PS. Piccola dritta: il software per le PA
            generalmente viene acquistato con contratti
            nazionali e, fidati, lo sconto non c'è su nulla,
            paghiamo tutto a prezzo pieno. Naturalmente nonXXXXXXXte. Il primo link che trovi su google.http://www.adobe.com/it/aboutadobe/volumelicensing/government/Tra i programmi di acquisto di multilicenze Adobe, CLP 5 è quello che offre i risparmi più consistenti. Gli enti pubblici ottengono risparmi particolarmente interessanti. Oltre a realizzare un risparmio consistente sul prezzo al dettaglio con l'ordine iniziale, potrete ottenere un livello di sconto uguale o migliore nel periodo di iscrizione biennale su tutti gli ordini di qualsiasi dimensione previsti dal programma.
            ci specula tanto la Microsoft quanto gli
            intermediari (che poi generalmente son dipendenti
            della presidenza del consiglio, ma qui non miCosa c'entra la incapacità o la malafede di chi acquista il software per conto della PA? Se uno si fa XXXXXXX o froda lo farà anche con software opensource.
            dilungo). Insomma dammi i fatti, non dei dati di
            aziende presso cui dici di aver lavorato, senza
            poi mostrare neanche uno stralcio di prova, per
            quanto alla fin fine non fossero inerenti al
            discorso
            generale.Sei una comica! Non troverai MAI documenti ufficiali in rete dove rivenditori parlano ufficialmente del 90% di sconto. Persone che ci lavorano ti dicono che su grossi ordini si arriva tranquillamente a sconti enormi, puoi fidarti o non fidarti ma è un dato di fatto.
          • p2p scrive:
            Re: Facciamo due conti?
            Non hai capito niente di come funzionano gli sconti se pensi che con la voglia si ottiene tutto.
    • iRoby scrive:
      Re: Facciamo due conti?
      - Scritto da: ruppolo
      Il costo da valutare è il TCO, Total Cost of
      Ownership. In questo caso da calcolare su 12
      anni, per vedere se questa soluzione open costa
      di più o di meno di una soluzione closed.Vedo che anche a te hanno inculcato questa XXXXXXX del TCO...Peccato che tutte le volte che l'azienda di Redmond ha provato a spiegarcelo, ha sempre barato. Ed è sempre stata smascherata.
      • ruppolo scrive:
        Re: Facciamo due conti?
        - Scritto da: iRoby
        - Scritto da: ruppolo

        Il costo da valutare è il TCO, Total Cost of

        Ownership. In questo caso da calcolare su 12

        anni, per vedere se questa soluzione open costa

        di più o di meno di una soluzione closed.

        Vedo che anche a te hanno inculcato questa
        XXXXXXX del
        TCO...

        Peccato che tutte le volte che l'azienda di
        Redmond ha provato a spiegarcelo, ha sempre
        barato. Ed è sempre stata
        smascherata."Spiegarcelo"?Il TCO si sperimenta sulla propria pelle.
        • shevathas scrive:
          Re: Facciamo due conti?

          "Spiegarcelo"?
          Il TCO si sperimenta sulla propria pelle.infatti dipende molto dalla situazione di partenza, quanti documenti sono nel formato X, quanto costa, come e quanto tempo serve per la conversione, quanti software si appoggiano al software Y, se e quanto costa riscrivere, o adattare, o comprare software nuovi per sostituire i predetti, quanto costa addestrare il personale sulla nuova piattaforma, per quanto tempo le due piattaforme debbano andare in parallelo.Non son stime di costi che si fanno in 30'
  • il signor rossi scrive:
    Ma perché la 2.4.2?
    la versione 3 è uscita da un po' ed è stabile... e sotto molti aspetti è parecchio migliorata. Vabbè, avranno fatto i loro test, comunque...
    • samu scrive:
      Re: Ma perché la 2.4.2?
      - Scritto da: il signor rossi
      la versione 3 è uscita da un po' ed è stabile...
      e sotto molti aspetti è parecchio migliorata.
      Vabbè, avranno fatto i loro test,
      comunque...perche' quando hanno iniziato la migrazione eradisponibile la 2.4.2 e hanno preparato tutto per quellaquando la migrazione sara' terminata l'aggiornamento alla3 sara' + semplice che non cambiare tutto in corso d'opera
    • kotaro scrive:
      Re: Ma perché la 2.4.2?
      - Scritto da: il signor rossi
      la versione 3 è uscita da un po' ed è stabile...
      e sotto molti aspetti è parecchio migliorata.
      Vabbè, avranno fatto i loro test,
      comunque...Prova a scrivere delle voci di capitolo con lo stile di paragrafo "intestazione1" senza numerazione, salva in doc e quindi visualizza il risultato su Office...Questo nella 3.1.1, nelle versioni precedenti c'è pure di peggio, almeno come compatibilità con office.
      • frugiata scrive:
        Re: Ma perché la 2.4.2?
        ma come ragioni?questi si sbattono per riuscire a far funzionare i formati CHIUSI di office con reingegnerizzazione e tu dai la colpa A LORO, quando dovrebbe essere palesemente il contrario, in quanto Mmicrosoft non avrebbe alcuna difficoltà a implementare i formati APERTI di openoffice.ringrazia che funzionano.
        • Nedanfor non loggato scrive:
          Re: Ma perché la 2.4.2?
          Mi spiace ma sono d'accordo con lui: purtroppo in una realtà produttiva ciò rappresenta un ostacolo ed un problema. Senza togliere nulla al mazzo che si fanno i programmatori.
        • kotaro scrive:
          Re: Ma perché la 2.4.2?
          - Scritto da: frugiata
          ma come ragioni?

          questi si sbattono per riuscire a far funzionare
          i formati CHIUSI di office con
          reingegnerizzazione e tu dai la colpa A LORO,
          quando dovrebbe essere palesemente il contrario,
          in quanto Mmicrosoft non avrebbe alcuna
          difficoltà a implementare i formati APERTI di
          openoffice.

          ringrazia che funzionano.No no, aspetta.Io non incolpo nessuno, scoraggio l'uso dei formati proprietari, comprendo non solo le difficoltà nel garantire la compatibilità con Office ma anche il non voler spingerla oltre certi limiti.Ma nelle migrazioni, te lo dico per esperienza, una delle cose più importanti è la compatibilità con i formati usati precedentemente.La compatibilità con il doc è un requisito importante e da questo punto di vista le versioni 3.x.x hanno qualche problema, la 3.1.1 meno delle precedenti, la 3.0 era inusabile.La cosa divertente è che anche con questi problemi non è semplice dire quale versione abbia la migliore compatibilità con i formati Office, si devono per forza fare delle prove sul campo. Se hanno iniziato con la 2.4.2 prima di passare alla 3.1.1 vorranno assicurarsi di ottenere solo vantaggi.
          • VITRIOL scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?
            - Scritto da: kotaro
            La cosa divertente è che anche con questi
            problemi non è semplice dire quale versione abbia
            la migliore compatibilità con i formati Office,
            si devono per forza fare delle prove sul campo.
            Se hanno iniziato con la 2.4.2 prima di passare
            alla 3.1.1 vorranno assicurarsi di ottenere solo
            vantaggi.Passare a OOo pensando di mantenere i formati proprietari MS è assolutamente insensato e irrealistico. Se si passa a OOo seriamente bisogna mettere in conto di passare anche a ODF, e usare la compatibilità coi formati binari solo col contagocce, quando non se ne può proprio fare a meno, e con tutte le attenzioni del caso.Ma la soddisfazione di riuscire a sganciarsi dal malefico lock-in di MS è impagabile...SalutiVITRIOL
          • kotaro scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?
            - Scritto da: VITRIOL

            Passare a OOo pensando di mantenere i formati
            proprietari MS è assolutamente insensato e
            irrealistico. Se si passa a OOo seriamente
            bisogna mettere in conto di passare anche a ODF,
            e usare la compatibilità coi formati binari solo
            col contagocce, quando non se ne può proprio fare
            a meno, e con tutte le attenzioni del
            caso.
            Ma la soddisfazione di riuscire a sganciarsi dal
            malefico lock-in di MS è
            impagabile...

            Saluti
            VITRIOLVerissimo ma ci sono 2 considerazioni che non hai fatto:1) Una PA ha un archivio documentale nel vecchio formato ed è spesso restia ad usarlo in sola lettura. Spesso il dipendente, per creare un nuovo documento, ne prende uno vecchio e vi apporta le modifiche necessarie. È un pessimo modo di lavorare, indipendentemente dalla suite usata, ma spesso è questa la realtà e, se non hai alle spalle il totale appoggio delle dirigenze, non puoi cambiarla e ci devi fare i conti.2) Non sempre puoi decidere quando usare il formato proprietario Office, se una amministrazione ha scambi di documenti con l'esterno non può decidere autonomamente di usare odf o pdf. Spesso questi scambi comportano anche un lavoro congiunto sul documento, qui le scelte non sono molte e la compatibilità diventa importantissima.Ovviamente sono state pensate strategie per risolvere ed affrontare questi problemi, ma alla fine la migrazione non può prescindere dalle persone coinvolte e più che informatica diventa un problema sociologico...
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?
            - Scritto da: kotaro
            Verissimo ma ci sono 2 considerazioni che non hai
            fatto:

            1) Una PA ha un archivio documentale nel vecchio
            formato ed è spesso restia ad usarlo in sola
            lettura.Per questo bisognerebbe addirittura imporre il pdf per i documenti archiviati.Quelli sono e nessuno li modifica.
            Spesso il dipendente, per creare un
            nuovo documento, ne prende uno vecchio e vi
            apporta le modifiche necessarie. È un pessimo
            modo di lavorare, indipendentemente dalla suite
            usata, ma spesso è questa la realtà e, se non hai
            alle spalle il totale appoggio delle dirigenze,
            non puoi cambiarla e ci devi fare i
            conti.Gli si spiega una volta che puo' fare copia e incolla in un documento nuovo, ed e' gia' un passo avanti.
            2) Non sempre puoi decidere quando usare il
            formato proprietario Office, se una
            amministrazione ha scambi di documenti con
            l'esterno non può decidere autonomamente di usare
            odf o pdf. La legge stabilisce che la P.A. debba utilizzare formati accessibili.Questo risolve al volo la tua obiezione.
            Spesso questi scambi comportano anche
            un lavoro congiunto sul documento, qui le scelte
            non sono molte e la compatibilità diventa
            importantissima.La P.A. ha il diritto/dovere di imporre il proprio modo di lavorare.Gli altri si adeguino.
            Ovviamente sono state pensate strategie per
            risolvere ed affrontare questi problemi, ma alla
            fine la migrazione non può prescindere dalle
            persone coinvolte e più che informatica diventa
            un problema sociologico...Ricorda che l'Italia e' fondamentalmente un paese agricolo.Chi non impara ad usare mouse e tastiera puo' riprendere in mano zappa e forcone.
          • shevathas scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?

            Per questo bisognerebbe addirittura imporre il
            pdf per i documenti
            archiviati.
            Quelli sono e nessuno li modifica.spesso c'è bisogno di inserire modifiche ed integrazioni su un vecchio documento, ad esempio una determina o un decreto. Copi la sfilza di visto, considerato, ritenuto e modifichi quelle poche righe che ti servono.
            Gli si spiega una volta che puo' fare copia e
            incolla in un documento nuovo, ed e' gia' un
            passo
            avanti.
            E a seconda dei casi avere problemi di formattazione, meglio un salva con nome.

            La legge stabilisce che la P.A. debba utilizzare
            formati
            accessibili.nella comunicazione con il privato cittadino. Per esigenze interne può usare il formato che gli pare.
            Ricorda che l'Italia e' fondamentalmente un paese
            agricolo.
            Chi non impara ad usare mouse e tastiera puo'
            riprendere in mano zappa e
            forcone.a me sembra che molti che filosofeggiano su mouse e tastiera non siano andati, dal punto di vista delle situazioni e delle problematiche di lavoro, molto avanti rispetto alla gestione dell'orticello di casa.
          • kotaro scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?
            - Scritto da: panda rossa


            Spesso il dipendente, per creare un

            nuovo documento, ne prende uno vecchio e vi

            apporta le modifiche necessarie. È un pessimo

            modo di lavorare, indipendentemente dalla suite

            usata, ma spesso è questa la realtà e, se non
            hai

            alle spalle il totale appoggio delle dirigenze,

            non puoi cambiarla e ci devi fare i

            conti.

            Gli si spiega una volta che puo' fare copia e
            incolla in un documento nuovo, ed e' gia' un
            passo
            avanti.Ciò non cambierebbe nulla, anzi il copia ed incolla è meno affidabile dell'esportazione da doc ed ho il sospetto che sia una delle maggiori cause degli errori che ho incontrato...Quando copi un testo formattato in un word proXXXXXr, ti stai portando dietro non solo il testo semplice ma anche tutte le informazioni sulla sua formattazione. Non l'ho verificato, ma è probabile che il testo copiato da documenti di MS Word venga contrassegnato, da openoffice, come elemento di testo word. Lo si dovrebbe vedere aprendo i file xml dell'odt.

            La legge stabilisce che la P.A. debba utilizzare
            formati
            accessibili.
            Questo risolve al volo la tua obiezione.
            Mettiamo le cose in chiaro, non parlo di teoria, parlo di pratica ed esperienza derivante da un progetto di migrazione, non sono io a porre obiezioni, è la realtà dei fatti a farlo.Tralasciando la normativa sull'accessibilità che in questo discorso non c'entra nulla (anche il doc è "accessibile"), se alla PA arriva un file word dal ministero, che fa? Glielo rispedisce indietro chiedendogli l'odt?Non sarebbe una cattiva idea ma non puoi imporre questo comportamento.

            La P.A. ha il diritto/dovere di imporre il
            proprio modo di
            lavorare.
            Gli altri si adeguino.
            La risposta è la stessa di sopra, non esiste una sola PA, esistono le PA ed una amministrazione pubblica non può imporre nulla alle altre se non è previsto de norme e leggi.

            Ricorda che l'Italia e' fondamentalmente un paese
            agricolo.
            Chi non impara ad usare mouse e tastiera puo'
            riprendere in mano zappa e
            forcone.Ti assicuro che chi non sa usare mouse e tastiera la ritrovi nelle PA. :D
        • Conformista informatico scrive:
          Re: Ma perché la 2.4.2?
          - Scritto da: frugiata
          ma come ragioni?

          questi si sbattono per riuscire a far funzionare
          i formati CHIUSI di office con
          reingegnerizzazione e tu dai la colpa A LORO,
          quando dovrebbe essere palesemente il contrario,
          in quanto Mmicrosoft non avrebbe alcuna
          difficoltà a implementare i formati APERTI di
          openoffice.

          ringrazia che funzionano. guarda che microsoft non ha propio nessuna intenzione di integrare non è questione di colpa, è questione di interesse economico capitalistico :D
      • ruppolo scrive:
        Re: Ma perché la 2.4.2?
        - Scritto da: kotaro
        - Scritto da: il signor rossi

        la versione 3 è uscita da un po' ed è stabile...

        e sotto molti aspetti è parecchio migliorata.

        Vabbè, avranno fatto i loro test,

        comunque...

        Prova a scrivere delle voci di capitolo con lo
        stile di paragrafo "intestazione1" senza
        numerazione, salva in docErrore, non si salva in doc. Mai. Si salva in formati ISO standard.
        • kotaro scrive:
          Re: Ma perché la 2.4.2?
          - Scritto da: ruppolo

          Errore, non si salva in doc. Mai. Si salva in
          formati ISO
          standard.Questo non devi dirlo, ad un cliente non puoi dire che una cosa non deve farla, puoi dirgli solo che è meglio non farla a meno di accettarne le conseguenze.Su questo, io, ho la coscienza apposto.
          • panda rossa scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?
            - Scritto da: kotaro
            - Scritto da: ruppolo



            Errore, non si salva in doc. Mai. Si salva in

            formati ISO

            standard.

            Questo non devi dirlo, ad un cliente non puoi
            dire che una cosa non deve farla, puoi
            dirgli solo che è meglio non farla a meno di
            accettarne le
            conseguenze.Cliente di chi? Tuo o M$.Io ai miei clienti spiego come funzionano i miei prodotti, non quelli degli altri.
          • kotaro scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?
            - Scritto da: panda rossa

            Cliente di chi?
            Tuo o M$.
            Io ai miei clienti spiego come funzionano i miei
            prodotti, non quelli degli
            altri.Non capisco la tua domanda, dovresti leggere i post precedenti...Se un cliente mi chiama e mi dice che vuole fare una certa cosa con il programma X sotto le condizioni Y, io posso solo informarlo delle conseguenze non posso obbligarlo ad usarlo sotto le condizioni Z. Ciò vale per qualsiasi cosa nel mondo del lavoro.Se il cliente di dice che vuole usare OpenOffice usando il formato doc, io posso solo informarlo delle conseguenze e se non cambia idea devo fare in modo, nei limiti del possibile, che la richiesta trovi soddisfazione.Potevo anche dire che no, non è possibile (che è falso) e il cliente sarebbe rimasto ad Office (o si sarebbe rivolto a qualcun'altro).
    • Massimo Carnevali scrive:
      Re: Ma perché la 2.4.2?
      Confermo, l'inizio del progetto è stato i primi mesi del 2008, se ben ricordo la 3.0 era appena uscita o stava per uscire per cui optammo per la versione stabile del momento, la 2.4.2 appunto. Abbiamo preferito mantenere un parco installato omogeneo durante la migrazione e pianificare il passaggio alla 3.x nel 2010.
      • kotaro scrive:
        Re: Ma perché la 2.4.2?
        - Scritto da: Massimo Carnevali
        Confermo, l'inizio del progetto è stato i primi
        mesi del 2008, se ben ricordo la 3.0 era appena
        uscita o stava per uscire per cui optammo per la
        versione stabile del momento, la 2.4.2 appunto.
        Abbiamo preferito mantenere un parco installato
        omogeneo durante la migrazione e pianificare il
        passaggio alla 3.x nel
        2010.Cosa usate come formato di salvataggio predefinito?
        • Massimo Carnevali scrive:
          Re: Ma perché la 2.4.2?
          Fino al completamento della migrazione il formato di default era il doc per mantenere la compatibilità con gli utenti non ancora migrati. Coglieremo l'occasione del passaggio alla 3.x per passare al default in odt.
          • kotaro scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?
            - Scritto da: Massimo Carnevali
            Fino al completamento della migrazione il formato
            di default era il doc per mantenere la
            compatibilità con gli utenti non ancora migrati.
            Coglieremo l'occasione del passaggio alla 3.x per
            passare al default in
            odt.Capito, la cosa mi lascia perplesso, "noi" abbiamo incontrato molti problemi con l'uso esclusivo del doc, o sarebbe meglio dire che abbiamo avuto molte lamentele per gli errori di formattazione. Sia chiaro, nulla di grave, nulla che non sia rimediabile da qualcuno che sappia usare un word proXXXXXr...Sto seriamente pensando che le differenze stiano, più che nella tecnica informatica, negli utenti del programma :(Potrei conoscere il suo ruolo nel progetto? All'inizio pensavo fosse "il borsista" che però si è già presentato, immagino, quindi, che faccia parte della Yacme.Nel caso, complimenti per il secondo sucXXXXX dopo quello di Genova.
          • Massimo Carnevali scrive:
            Re: Ma perché la 2.4.2?
            Sono il responsabile dell'area infrastrutturale ICT del Comune di Bologna http://it.linkedin.com/in/massimocarnevaliAbbiamo avuto problemi di formattazione ma direi niente che non potesse essere superato con un po di supporto telefonico o con una conversione del documento. Sicuramente il passaggio ad odt ci aiuterà molto da questo punto di vista.
  • Italo Vignoli scrive:
    Un paio di precisazioni
    Un paio di precisazioni:- i progetti Renaissance e Performance sono nati all'interno della comunità, e procedono con le inevitabili discussioni (in particolare, il progetto Renaissance è stato molto criticato dalla comunità italiana), ma porteranno a un progresso della suite- il progetto OOo4Kids nasce da un solo personaggio che non gode di grande popolarità all'interno della comunità, anche perché vuole imporre le sue idee al resto del mondo (e quando c'è riuscito ha creato dei danni che nel caso della versione nativa per Mac sono ancora visibili)- il progetto del mouse è nato da un'azienda esterna alla comunità, e ha fatto affermazioni - poi corrette - che hanno creato solo confusione e sollevato - nel migliore dei casi - ilarità- le critiche negative e capziose all'implementazione del formato ODF da parte di MS Office 2007 non sono arrivate dalla comunità italiana, che è allineata con l'Associazione PLIO, ma da esponenti di aziende ed enti internazionali
    • kotaro scrive:
      Re: Un paio di precisazioni
      - Scritto da: Italo Vignoli
      Un paio di precisazioni:
      - i progetti Renaissance e Performance sono nati
      all'interno della comunità, e procedono con le
      inevitabili discussioni (in particolare, il
      progetto Renaissance è stato molto criticato
      dalla comunità italiana), ma porteranno a un
      progresso della
      suiteDoverosa precisazione, dalla lettura dell'articolo si capiva il contrario, ovvero che Renaissance fosse un progetto imposto dall'esterno e non ben accetto dalla comunità.Detto questo, però, non credo proprio che ci sarà un progresso spendibile con il progetto Renaissance.Anzi, considero Renaissance una delle tante prove che mi fanno pensare ad una community di sviluppatori chiusa in se stessa e poco propensa ad ascoltare gli utenti della propria creatura.Il bugzilla di OpenOffice.org grida vendetta, li sono custodite centinaia di richieste di utenti che esprimevano non capricci ma proprie esigenze che il programma non era in grado di soddisfare. Queste richieste dovrebbero essere il driver dello sviluppo di OpenOffice, non progetti astratti che nascono dagli sviluppatori e che vengono aperti al resto della comunità solo avere un parere.Su bugzilla quanti bug report, quante richieste di feature sono marchiate con "oolater"?Non parlo da semplice utilizzatore di OpenOffice, parlo nelle vesti di uno che è stato coinvolto in un progetto ambizioso di migrazione alla suite libera che, a differenza dei casi di sucXXXXX citati nell'articolo, non godeva di un appoggio dei "piani alti", o la migrazione produceva un vantaggio nel lavoro degli impiegati oppure si sarebbe tornati ad Office.Quando ho spiegato, ad un dipendente, che con OpenOffice non poteva creare un "doc" con del testo verticale (o meglio, ci sono tante limitazioni) poco ci mancava che mi ridesse in faccia; non lo ha fatto, ha aumentato i margini della pagina, ha fatto la tabella più grande ed ha usato solo testo orizzontale. Nelle riunioni il suo commento sul programma fu negativo. Il relativo bugreport credo sia del 2005, un ooolater... Esiste anche una affollata discussione sulla mailing list causata da un incauto utente che cerco di proporlo come stopper...Altro esempio riguarda la possibilità di creare diagrammi di flusso su Calc. Può sembrare una cosa poco naturale (lo penso anche io) ma è un dato di fatto che alcune tipologie di documenti in uso nella comunità europea richiedono, per forza, questa funzionalità.Il relativo bugreport è chiuso in quanto gli sviluppatori non vogliono implementare questa funzionalità...Ci sarebbero mesi e mesi di esempi da fare, considero OpenOffice molto più razionale, nell'uso, di Office ma ho l'impressione che chi lo sviluppa non tenga conto di chi lo usa, cambiare questo aspetto sarebbe un vero rinascimento per questa suite.
  • Enjoy with Us scrive:
    Intanto aumentano le amministrazioni che
    ... adottano Open Office!E ci credo nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di postazioni dove si richiede la presenza di un word proXXXXXr generico e poco altro, compito che sicuramente Open Office svolge meglio del non compianto Works, direi quasi al livello di M$ office.... 300 euro a licenza è tanta roba hanno voglia di dire che sono niente rispetto alla formazione necessaria per il personale (ma chi l'ha mai vista questa formazione?)... intanto si fanno dei semplici conticini e ci si accorge che 3600 postazioni x 300 euro fanno 1.080.000 Euro.... mentre 0 euro x 3600 postazioni fanno 0 euro, ti ci paghi l'hardware di almeno metà delle postazioni...
    • iRoby scrive:
      Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
      OOo però non è tanto diverso da Office97.Cambiano solo le posizioni di alcuni menu e poco altro.
      • panda rossa scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        - Scritto da: iRoby
        OOo però non è tanto diverso da Office97.

        Cambiano solo le posizioni di alcuni menu e poco
        altro.Hai ragione, non e' tanto diverso: spiegami un po' come fare per salvare un documento in un formato standard con office 97!
        • il signor rossi scrive:
          Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
          - Scritto da: panda rossa
          Hai ragione, non e' tanto diverso: spiegami un
          po' come fare per salvare un documento in un
          formato standard con office
          97!oppure esportare in pdf! ;-)
          • pippo75 scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che


            oppure esportare in pdf! ;-)questo è facile :) . quello che vorrei in open-soffice è il correttore grammaticale :( .Sapete quello corrente a che punto è arrivato? E magari sapere dove trovare le distruzioni per installarlo.
          • VITRIOL scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: pippo75
            quello che vorrei in open-soffice è il correttore
            grammaticale :(Se proprio ci tieni...http://www.languagetool.org/SalutiVITRIOL
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: pippo75



            oppure esportare in pdf! ;-)


            questo è facile :) .

            quello che vorrei in open-soffice è il correttore
            grammaticale :(
            .

            Sapete quello corrente a che punto è arrivato? E
            magari sapere dove trovare le distruzioni per
            installarlo.Un word proXXXXXr senza correttore ortografico. Bello. Mi viene in mente WordStar...
          • VITRIOL scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.
            Bello. Mi viene in mente
            WordStar...Correttore ortografico e grammaticale sono due cose diverse.SalutiVITRIOL
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.
            Bello. Mi viene in mente
            WordStar...Imparare l'italiano e' troppo difficile?
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.

            Bello. Mi viene in mente

            WordStar...

            Imparare l'italiano e' troppo difficile?Intendi per uno che usa gli apostrofi al posto degli accenti? No, non credo...
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            - Scritto da: ruppolo


            Un word proXXXXXr senza correttore
            ortografico.


            Bello. Mi viene in mente


            WordStar...



            Imparare l'italiano e' troppo difficile?
            Intendi per uno che usa gli apostrofi al posto
            degli accenti? No, non
            credo...Allora il caso e' disperato, perche' oltre all'italiano bisognerebbe imparare pure la netiquette che prevede l'uso del subset ASCII-7 per tutti i post che si effettuano in rete.
          • iRoby scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            Io ci ho rinunciato da quando il web va a UTF-8 sono contemplati tutti i simboli di tutte le lingue...E sono contento perché posso scrivere in modo corretto.
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: iRoby
            Io ci ho rinunciato da quando il web va a UTF-8
            sono contemplati tutti i simboli di tutte le
            lingue...Il web andra' a UTF-8 ma internet non e' solo web.
            E sono contento perché posso scrivere in modo
            corretto.Il porblema non e' che tu possa scrivere in modo corretto, ma che chi ti legge, lo possa fare in modo corretto e non trovarsi di fronte a robaccia causata da errata transcodifica.
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: iRoby

            Io ci ho rinunciato da quando il web va a UTF-8

            sono contemplati tutti i simboli di tutte le

            lingue...

            Il web andra' a UTF-8 ma internet non e' solo web.


            E sono contento perché posso scrivere in modo

            corretto.

            Il porblema non e' che tu possa scrivere in modo
            corretto, ma che chi ti legge, lo possa fare in
            modo corretto e non trovarsi di fronte a robaccia
            causata da errata
            transcodifica.Se usi sistemi operativi obsoleti, il problema è tutto tuo.Il mio sistema supporta l'UTF da quando è venuto al mondo.
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            Se usi sistemi operativi obsoleti, il problema è
            tutto tuo.Se qualcuno usa sistemi obsoleti probabilmente non lo fa perche' e' contento ma per necessita' che non devono riguardare te.
            Il mio sistema supporta l'UTF da quando è venuto
            al mondo.Bravo. Allora tu sei il piu' bello di tutti e gli altri si arrangiassero...C'e' veramente un ecXXXXX di meschinita' oggi qui dentro.A cominciare da quell'altro articolo dove si discuteva dei non vedenti.Tutti quanti qui, siccome hanno il sistema bello, aggiornato, moderno e ci vedono benissimo, automaticamente pretendono che il mondo intero sia al loro livello...E pensare che proprio oggi c'e' un altro articolo sul digital divide.E' triste, ma la realta' e' che l'Italia e' ancora arretrata culturalmente, proprio anche da parte di coloro che dovrebbero essere un po' piu' informati, visto che frequentano questo forum tecnico.Pazienza quelli che scrivono con le k nel forum del grande fratello, ma qui...Che delusione.
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            Se usi sistemi operativi obsoleti, il problema è

            tutto tuo.

            Se qualcuno usa sistemi obsoleti probabilmente
            non lo fa perche' e' contento ma per necessita'
            che non devono riguardare
            te.Infatti non me ne può XXXXXXX di meno.

            Il mio sistema supporta l'UTF da quando è venuto

            al mondo.

            Bravo. Allora tu sei il piu' bello di tutti e gli
            altri si
            arrangiassero...Gli ignoranti è giusto che soccombano. È la legge della natura.
            C'e' veramente un ecXXXXX di meschinita' oggi qui
            dentro.
            A cominciare da quell'altro articolo dove si
            discuteva dei non
            vedenti.Non ho letto.
            Tutti quanti qui, siccome hanno il sistema bello,
            aggiornato, moderno e ci vedono benissimo,
            automaticamente pretendono che il mondo intero
            sia al loro
            livello...Non vederci bene non è una scelta. Usare sistemi del XXXXX, si. Lavorare per una multinazionale pluri-processata pluri-condannata, si. Lavorare per chi costruisce armi, si.
            E pensare che proprio oggi c'e' un altro articolo
            sul digital
            divide.

            E' triste, ma la realta' e' che l'Italia e'
            ancora arretrata culturalmente, proprio anche da
            parte di coloro che dovrebbero essere un po' piu'
            informati, visto che frequentano questo forum
            tecnico.Nessuno di quelli che frequentano questo forum sono contenti del digital divide, ma non abbiamo armi per combattere questo stato di cose. Se non i forconi.
            Pazienza quelli che scrivono con le k nel forum
            del grande fratello, ma
            qui...

            Che delusione.Possiamo sempre pensare a chi sta peggio.
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            Possiamo sempre pensare a chi sta peggio.Io lo faccio sempre.Tu invece no, a partire dal tuo menefreghismo per la netiquette.
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            Possiamo sempre pensare a chi sta peggio.

            Io lo faccio sempre.
            Tu invece no, a partire dal tuo menefreghismo per
            la
            netiquette.hai finito di arrampicarti sugli specchi? È dal 1982 che posto con il computer.
          • Il Druido scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            e chi usa tastiere americane ?
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: Il Druido
            e chi usa tastiere americane ?Chi usa tastiere americane le sa usare e quindi il problema non si pone.Accentate maiuscole: ÀÈÌÒÙ ÁÉÍÓÚAccentate minuscole: àèìòù áéíóúAccenti circonflessi: ÂÊÎÔÛ âêîôûDieresi: ÄËÏÖÜ äëïöüEnne con tilde: Ñ ñE poi c'era anche il modo di scrivere le o svedesi barrate, ma non me lo ricordo.La tastiera US e' la tastiera migliore in assoluto!
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Il Druido

            e chi usa tastiere americane ?

            Chi usa tastiere americane le sa usare e quindi
            il problema non si
            pone.

            Accentate maiuscole: ÀÈÌÒÙ ÁÉÍÓÚ
            Accentate minuscole: àèìòù áéíóú
            Accenti circonflessi: ÂÊÎÔÛ âêîôû
            Dieresi: ÄËÏÖÜ äëïöüFacciamo una hit parade di "a" con vari accenti?àáâãäåāăǎǟǡǻȁȃȧảấầẩẫậắằẳẵặCarine, no?
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            Facciamo una hit parade di "a" con vari accenti?

            àáâãäåāăǎǟǡǻȁ
            ȃȧảấầẩ
            ẫậắằẳẵặ

            Carine, no?Carine si, fino a quando non ho cliccato per rispondere, e gran parte dei tuoi accenti carini si sono trasformati in incomprensibili sequenze unicode, tanto per tornare al discorso iniziale che in ASCII-7 non si sbaglia mai.Prova anche tu a rispondere al tuo messaggio (o forse anche a questo)
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo


            Facciamo una hit parade di "a" con vari accenti?



            àáâãäåāăǎǟǡǻȁ

            ȃȧảấầẩ


            ẫậắằẳẵặ



            Carine, no?

            Carine si, fino a quando non ho cliccato per
            rispondere, e gran parte dei tuoi accenti carini
            si sono trasformati in incomprensibili sequenze
            unicode, tanto per tornare al discorso iniziale
            che in ASCII-7 non si sbaglia
            mai.

            Prova anche tu a rispondere al tuo messaggio (o
            forse anche a
            questo) Come vedi posso rispondere e gli accenti carini sono sempre lì :D
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            Come vedi posso rispondere e gli accenti carini
            sono sempre lì
            :DSi, ma diventano infruibili durante l'editing della risposta.E se lo diventano usando un bellissimo browser UTF-8 compatibile, prova a pensare a quello che succede con altri strumenti o screen readers.Tu introduci delle difficolta' del tutto gratuite a chi ha gia' i suoi problemi.
          • fruppolo fruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            ma va là che i macachi come lui manco sanno cos'è! evidentemente dio steve ha deciso che i suoi discepoli non debbano venirne a conoscenza...comunque spiegate a mr. macaco per cosa l'avete ripreso, mi sa che non l'ha ancora capito!
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: fruppolo fruppolo
            ma va là che i macachi come lui manco sanno
            cos'è!Il "macaco come lui" è stato pure co-sysop di uno dei nodi più importanti di fidonet, quindi... CUCCIA!
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: panda rossa


            Allora il caso e' disperato, perche' oltre

            all'italiano bisognerebbe imparare pure la

            netiquette che prevede l'uso del subset ASCII-7

            per tutti i post che si effettuano in

            rete.

            AHAHAHAHAHAHAH... la netiquette di 10 anni fa.
            Per di più riferita ad usenet ed email.
            Qui stiamo su un forum WEB se non l'hai notato. E
            siamo nel 2009.Tu ridi, ma tu non sei l'ombelico del mondo.E ridere della netiquette dimostra solo che tu non sai comportarti correttamente in una comunita' di rete, con tutto quanto ne consegue.
            In cima alle pagine di PI c'è:
            xml:lang="it"
            lang="it"

            content="text/html;charset=ISO-8859-1"
            /


            Il browser fa tutto da solo a meno che un utente
            estremamente frustrato non si incaponisca per
            *NON* farlo funzionare volontariamente
            :PSi, ma tu non tieni conto che qualcuno potrebbe prendere questi post, copiarli e spedirli via mail, o su usenet, o farne qualunque altro uso consentito dal sito, e tu non rispettando la netiquette, inserisci ostacoli in questo proXXXXX.Ma scemo io che sto pure a perdere tempo a spiegarti le cose...Hai ragione tu. Contento?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: unaDuraLezione

            Nella remotissima ipotesi che hai inventato,
            *OGGI* anche i client di usenet ed email
            supportano tutti i tipi di charset per cui il tuo
            scenario è fantasioso.Oggi, nella concreta ipotesi che ti ho prospettato, si puo' fruire di mail e usenet con strumenti DIVERSI dal computer, ma tu questo non lo comprendi.
            Semplicemente non hai perso l'abitudine di un
            tempo.Semplicemente sto rispettando la netiquette.
            Guarda che anche io scrivevo 10 anni or sono con
            l'apostrofo al posto dell'accento da piattaforme
            Solaris con tastiera inglese.E nessuno si era mai lamentato, suppongo.A differenza di oggi che hai smesso con le buone abitudini.
            Poi mi sono evoluto. al pari dei protocolli.E ti sei messo a violare la netiquette.
            Secondo te i cinesi devono scrivere su internet
            coi caratteri latini per essere indicizzati da un
            chissachì che sa leggere solo a 7bit?Se intendono farsi leggere dagli occidentali, si.A casa loro possono fare quello che vogliono.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: unaDuraLezione
            senti tagliamo corto la tua arrampicata:
            2) Se qualcuno crea un motore per mappare il
            forum di PI in usenet o altro, allora sarà *LUI*
            a doversi occupare delle differenze specifiche
            fra i due protocolli (es. mappando le accentate
            al volo in lettere più apostrofo), NON CHI
            SCRIVE, NE' CHI LEGGE.
            PUNTO.
            guarda che è davvero semplice eh...E' anche semplice scrivere NÉ con l'accento, e non fare uso di fittizi apostrofi.Oppure quando ti fa comodo scrivi usando le lettere accentate, mentre quando ti riesce difficile allora getti alle ortiche tutti i tuoi sani principi e subisci i limiti della tua tastiera?
          • advange scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            Guarda che non è un limite della tastiera: è un limite di Windows.Sei troppo abituato a Linux dove con caps-lock inserito la È ce l'hai subito.Cercare di comprendere i problemi degli utenti con cui parli!
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: advange
            Guarda che non è un limite della tastiera: è un
            limite di
            Windows.
            Sei troppo abituato a Linux dove con caps-lock
            inserito la È ce l'hai
            subito.
            Cercare di comprendere i problemi degli utenti
            con cui
            parli!Mi hanno appena preso tutti per pazzo qua in ufficio!Uno mi fa: "Ma che xxo hai da rotolarti per terra dalle risate in quel modo?"Cinquecento dollari in contanti per winsozzette e neanche funziona il caps lock sulle lettere accentate!Mi sto XXXXXXndo addosso dal ridere.... oh mamma mia!
          • advange scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            Non si fa così: non si ride delle disgrazie altrui.Hanno pagato 300 per un sistema operativo che non gli permette di scrivere facilmente "È".Comunque conto che per il 2020 anche questo sarà possibile.Pensa ai passi avanti che sta facendo Windows in questi anni.Hanno dato la possibilità di non usare l'utente root.Hanno messo una pseudo imitazione mal riuscita di sudo.Hanno organizzato le cartelle utente a la Unix.Hanno dato la possibilità di disinstallare un browser.Nella prossima versione per 300 avranno lo "/" come separatore delle directory.Con la 9 potranno crearsi un file con estensione AUX.Per la 10 ce la faranno a consentire di scrivere È senza ricorrere a strane combinazioni di tasti.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            contenuto non disponibile
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            epic fail
            Infatti non puoi opporre nessuna argomentazione
            al fatto che debba essere l'applicazione che fa
            da ponte fra protocolli diversi a doversi
            occupare dei
            dettagli.Non si parla di applicazione. Si parla di scrivere in rete.Stiamo scrivendo in rete non importa con quale applicazione.C'e' gente che legge la rete, non importa con quale applicazione, e se tu intendi rispettare questa gente, rispetti la netiquette, altrimenti stai potenzialmente rendendo inaccessibile quello che tu scrivi, a prescindere dal fatto che la tua applicazione supporta UTF-8.Non puoi sapere chi legge, sempre se ti frega qualcosa di quelli che leggono. Ma se non ti frega di quelli che leggono, che cosa scrivi a fare?
            Tu invece pretendevi che fossero gli utenti di
            uno dei protocolli ad occuparsene.. ROTFL.. è
            tlamente ridicolo che non capisco perché sto
            ancora qui a perdere
            tempo...Ecco, bravo, allora torna a giocare...
            Adesso cerca qualche errore di italiano nel mio
            testo, così hai qualcosa da
            risponderROTFLE' contrario alla netiquette di questo sito cercare gli errori nei messaggi.
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            E la netiquette non ha scadenza!
            E se ti sottopongo delle eventualita'
            nient'affatto remote circa i motivi per cui
            bisogna scrivere in ASCII-7, tu devi solo
            prendere atto, altro che
            specchi.
            C'e' gente che legge la rete, non importa con
            quale applicazione, e se tu intendi rispettare
            questa gente, rispetti la netiquette, altrimenti
            stai potenzialmente rendendo inaccessibile quello
            che tu scrivi, a prescindere dal fatto che la tua
            applicazione supporta
            UTF-8.Diamoci un taglio:http://tools.ietf.org/html/rfc1855DOVE STA SCRITTO che bisogna scrivere in ASCII 7bit?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            contenuto non disponibile
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            contenuto non disponibile
          • advange scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            Sì, ma sei riuscito a scrivere È?;)
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            Si, ma tu non tieni conto che qualcuno potrebbe
            prendere questi post, copiarli e spedirli via
            mail, o su usenet, o farne qualunque altro uso
            consentito dal sito, e tu non rispettando la
            netiquette, inserisci ostacoli in questo
            proXXXXX.Guarda che il mondo è andato avanti. Lo sai che tra poco si potranno registrare domini con caratteri di ogni tipo? Cinesi, cirillici, arabi...
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: panda rossa

            Si, ma tu non tieni conto che qualcuno potrebbe

            prendere questi post, copiarli e spedirli via

            mail, o su usenet, o farne qualunque altro uso

            consentito dal sito, e tu non rispettando la

            netiquette, inserisci ostacoli in questo

            proXXXXX.

            Guarda che il mondo è andato avanti. Lo sai che
            tra poco si potranno registrare domini con
            caratteri di ogni tipo? Cinesi, cirillici,
            arabi...Lo so. Ma questo non ci autorizza a postare messaggi in caratteri cinesi, cirillici o arabi.
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: ruppolo

            - Scritto da: panda rossa


            Si, ma tu non tieni conto che qualcuno
            potrebbe


            prendere questi post, copiarli e spedirli via


            mail, o su usenet, o farne qualunque altro uso


            consentito dal sito, e tu non rispettando la


            netiquette, inserisci ostacoli in questo


            proXXXXX.



            Guarda che il mondo è andato avanti. Lo sai che

            tra poco si potranno registrare domini con

            caratteri di ogni tipo? Cinesi, cirillici,

            arabi...

            Lo so. Ma questo non ci autorizza a postare
            messaggi in caratteri cinesi, cirillici o
            arabi.Ma XXXXXXXXXXXX, su :D
          • lroby scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.
            Bello. Mi viene in mente
            WordStar ...Mii.. che ricordi..WS4 è stato il mio primo Word ProXXXXXr per pc (la versione 4, la 6 faceva caxare)però era già qualche anno che usavo C1-TEXT 3.0 sull'Amiga ed era figo pure quello (simulava pure il rumore dei tasti battuti sulle vere macchine da scrivere ed il rumore del carrello che tornava a capo quando battevi invio)
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: ruppolo

            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.

            Bello. Mi viene in mente

            WordStar ...
            Mii.. che ricordi..WS4 è stato il mio primo Word
            ProXXXXXr per pc (la versione 4, la 6 faceva
            caxare)
            però era già qualche anno che usavo C1-TEXT 3.0
            sull'Amiga ed era figo pure quello (simulava pure
            il rumore dei tasti battuti sulle vere macchine
            da scrivere ed il rumore del carrello che tornava
            a capo quando battevi
            invio)http://www.freedownloadmanager.org/downloads/typewriter_sound_info/
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: lroby
            - Scritto da: ruppolo

            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.

            Bello. Mi viene in mente

            WordStar ...
            Mii.. che ricordi..WS4 è stato il mio primo Word
            ProXXXXXr per pc (la versione 4, la 6 faceva
            caxare)
            però era già qualche anno che usavo C1-TEXT 3.0
            sull'Amiga ed era figo pure quello (simulava pure
            il rumore dei tasti battuti sulle vere macchine
            da scrivere ed il rumore del carrello che tornava
            a capo quando battevi
            invio)MicroPro, altra vittima di Microsoft.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: ruppolo
            - Scritto da: pippo75





            oppure esportare in pdf! ;-)





            questo è facile :) .



            quello che vorrei in open-soffice è il
            correttore

            grammaticale :(

            .



            Sapete quello corrente a che punto è arrivato? E

            magari sapere dove trovare le distruzioni per

            installarlo.

            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.
            Bello. Mi viene in mente
            WordStar...Ma chi ha affermato una simile sciempiaggine? Open Office ha un correttore ortografico come M$ Office... anzi forse anche migliore!
          • Sgabbio scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            Infatti si parlava di quello "grammaticale" che da quel che so, su OO non c'è.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: Sgabbio
            Infatti si parlava di quello "grammaticale" che
            da quel che so, su OO non
            c'è.Veramente ruppolo parlava di correttore ortografico!
          • advange scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che

            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.
            Bello. Mi viene in mente
            WordStar...Un informatico che non conosce la differenza tra correttore grammaticale e correttore ortografico :D
          • ruppolo scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: advange

            Un word proXXXXXr senza correttore ortografico.

            Bello. Mi viene in mente

            WordStar...
            Un informatico che non conosce la differenza tra
            correttore grammaticale e correttore ortografico
            :DMai sentito parlare di correttore grammaticale.Se uno non conosce la grammatica, cosa scrive a fare? La grammatica la insegnano alle scuole elementari!
          • advange scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che

            Mai sentito parlare di correttore grammaticale.
            Se uno non conosce la grammatica, cosa scrive a
            fare? La grammatica la insegnano alle scuole elementari!Il correttore grammaticale è quella funzione di Word che tutti ignoriamo; quella che ti dà nel 99% dei casi suggerimenti inutili se non errati e nel restante 1% ti suggerisce di usare sinonimi.Onestamente in OO non ne sento la mancanza; ovviamente, se quella era la domanda, sì OO ha un correttore ortografico.
        • iRoby scrive:
          Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
          Inteso dal punto di vista dell'uso da parte dell'utente non delle funzionalità.Il mio commento voleva significare: dato che gli utenti di quelle P.A. sono già addestrati all'uso di Office97, OpenOffice non sarà molto più difficile.
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: iRoby
            Inteso dal punto di vista dell'uso da parte
            dell'utente non delle
            funzionalità.

            Il mio commento voleva significare: dato che gli
            utenti di quelle P.A. sono già addestrati all'uso
            di Office97, OpenOffice non sarà molto più
            difficile.Non c'è problema, nella PA l'addestramento di solito è il seguente, ti fanno vedere un paio di schermate del nuovo programma in un corso della durata max di 1 ora e con questo hanno risolto... sempre che trovino il tempo per organizzare detto corso!
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            contenuto non disponibile
      • attonito scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        - Scritto da: iRoby
        OOo però non è tanto diverso da Office97.

        Cambiano solo le posizioni di alcuni menu e poco
        altro.E quindi? nella maggiornaza dei casi, le funzioni necessarie vanno poco oltre quelle presenti in wordpad (grassetto, sottolineato, vari tipi di pont, etc).Per quanto mi riguarda, l'unica rottura di scatole ch mi dava openoffice (2.4.x) era la lentezza all'apertura: adesso invece con la versione 3.1.1 hanno risolto quella rogna e il sistema risponde meglio.
        • Enjoy with Us scrive:
          Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: iRoby

          OOo però non è tanto diverso da Office97.



          Cambiano solo le posizioni di alcuni menu e poco

          altro.

          E quindi? nella maggiornaza dei casi, le funzioni
          necessarie vanno poco oltre quelle presenti in
          wordpad (grassetto, sottolineato, vari tipi di
          pont,
          etc).

          Per quanto mi riguarda, l'unica rottura di
          scatole ch mi dava openoffice (2.4.x) era la
          lentezza all'apertura: adesso invece con la
          versione 3.1.1 hanno risolto quella rogna e il
          sistema risponde
          meglio.Veramente qualche piccolo appunto c'è, ad esempio la funzione per numerare le pagine...
          • VITRIOL scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: Enjoy with Us
            Veramente qualche piccolo appunto c'è, ad esempio
            la funzione per numerare le
            pagine...A me sinceramente sembra molto flessibile invece, dando all'utente il controllo totale. Comunque, se si vuole le funzionalità di numerazione di base accessibili con un clic, basta installare questa piccolissima estensione:http://extensions.services.openoffice.org/project/paginationSalutiVITRIOL
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: VITRIOL
            - Scritto da: Enjoy with Us


            Veramente qualche piccolo appunto c'è, ad
            esempio

            la funzione per numerare le

            pagine...

            A me sinceramente sembra molto flessibile invece,
            dando all'utente il controllo totale. Comunque,
            se si vuole le funzionalità di numerazione di
            base accessibili con un clic, basta installare
            questa piccolissima
            estensione:

            http://extensions.services.openoffice.org/project/

            Saluti
            VITRIOLGrazie del link, comunque per l'utente normale è sicuramente una procedura faragginosa rispetto a M$ Office! Speriamo che includano questa piccola estensione di default nelle prossime versioni.
      • advange scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        Questa è una vera fesseria.Attualmente, se ci limitiamo solo a Writer vs Word possiamo tranquillamente affermare che OO è due generazioni avanti ad Office.
    • Emanuele scrive:
      Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
      C'è da dire che il dato di 300 euro a licenza per un amministrazione pubblica ma anche per una azienda media è un dato errato.Amministrazioni pubbliche e aziende medie/grandi (es. ADR, Ferrovie, Thales, ecc.) concordano il costo unitario delle licenze in base al numero previsto per l'acquisto, in base ai piani/progetti aziendali che lasciano intravvedere a Microsoft e altri Vendor (leggi SUN, SAP, Oracle, ecc.) possibilità di guadagno nel breve/medio termine.Vi assicuro che il prezzo arrivano anche a poche decine di euro, se poi si compra Sharepoint anche di meno.Pensare che tali entità paghino una licenza office quanto la paga l'utente privato è sbagliato, far passare questo messaggio è indice di cattiva fede.Infine nel costo della licenza ci si mette anche il supporto e la consulenza, cosa non da poco e cose che non tutti gli attori nell'ambito dell'Open Source sono in grado di offrire e garantire.
      • iRoby scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        Mmmhh stiamo parlando di P.A. italiane, entità che pagano a 24, e anche 36 e 48 mesi. E alcune anche oltre.Se vendi a queste entità devi calcolare praticamente prima nell'offerta gli interessi...
        • kotaro scrive:
          Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
          - Scritto da: iRoby
          Mmmhh stiamo parlando di P.A. italiane, entità
          che pagano a 24, e anche 36 e 48 mesi. E alcune
          anche
          oltre.
          Se vendi a queste entità devi calcolare
          praticamente prima nell'offerta gli
          interessi...Da quanto ho visto io le PA non acquistano da Microsoft, è il cnipa che lo fa e che mette a disposizione un certo numero di licenze.
      • kotaro scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        - Scritto da: Emanuele
        C'è da dire che il dato di 300 euro a licenza per
        un amministrazione pubblica ma anche per una
        azienda media è un dato
        errato.
        Amministrazioni pubbliche e aziende medie/grandi
        (es. ADR, Ferrovie, Thales, ecc.) concordano il
        costo unitario delle licenze in base al numero
        previsto per l'acquisto, in base ai
        piani/progetti aziendali che lasciano
        intravvedere a Microsoft e altri Vendor (leggi
        SUN, SAP, Oracle, ecc.) possibilità di guadagno
        nel breve/medio
        termine.
        Vi assicuro che il prezzo arrivano anche a poche
        decine di euro, se poi si compra Sharepoint anche
        di
        meno.
        Pensare che tali entità paghino una licenza
        office quanto la paga l'utente privato è
        sbagliato, far passare questo messaggio è indice
        di cattiva
        fede.
        Infine nel costo della licenza ci si mette anche
        il supporto e la consulenza, cosa non da poco e
        cose che non tutti gli attori nell'ambito
        dell'Open Source sono in grado di offrire e
        garantire.Quanto hai detto è falso, office pro 2002 con aggiornamenti per 5 anni costava, qualche anno fa, tra i 200 e i 300 euro (non ricordo più il valore esatto) dopo i 5 anni gli aggiornamenti si pagano. Visto direttamente nel sito del cnipa.La versione 2007 veniva data a 600 euro, ma in questo caso non ho visto personalmente tale cifra che non considero attendibile.Semmai a ridurrei costi ci sono le copie pirata, prassi molto comune nelle PA.
      • Massimo Carnevali scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        Visto che sono chiamato in causa rispondo personalmente. Il prezzo indicato è quello ricavato dal listino Consip. Non esistono "sconti quantità" e Microsoft non ha fatto offerte alternative. Le uniche licenze "a poche decine di Euro" sono quelle delle scuole e della aule didattiche che godono del contributo educational.
        • ruppolo scrive:
          Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
          - Scritto da: Massimo Carnevali
          Visto che sono chiamato in causa rispondo
          personalmente. Il prezzo indicato è quello
          ricavato dal listino Consip. Non esistono "sconti
          quantità" e Microsoft non ha fatto offerte
          alternative. Le uniche licenze "a poche decine di
          Euro" sono quelle delle scuole e della aule
          didattiche che godono del contributo
          educational.Insomma non esiste uno sconto per una quantità di 3.600 licenze.Dov'è quel XXXXX che parla di gabbie?Altro che gabbia, qua c'è un palo su per il ....
        • Emanuele scrive:
          Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
          Forse avete capito male quello che intendevo o più sicuramente mi sono espresso male io.A parte il discorso PA, Microsoft come altri vendors (da mia esperienza personale passata e attuale di sicuro Microsoft, Oracle e SAP) accettano tranquillamente di dialogare con il cliente al fine di trattare il prezzo della singola licenza di office, sharepoint o della piattaforma Windows.Non c'è alcun listino fisso non trattabile.E il prezzo scende anche del fattore di cui avevo già accennato.Poi se alcuni enti PA italiani hanno aderito al listino riservato al pubblico oppure non hanno interpellato Microsoft Italia (le quali attività sono per oltre il 90% di puro advertising & marketing) oppure hanno fatto altri generi di accordi, peggio per loro (e per noi) dato che a questo punto è certo che chi è incaricato di acquistare le licenze non è ben informato.Poi è chiaro che nel mondo open source, il costo delle licenze rappresenta uno degli argomenti sui quali poter far leva, però raccontare balle o anche semplicemente verità parziali può aiutare a portare l'acqua al proprio mulino, perché ricordiamoci che SUN, IBM, e altri attori impegnati nell'open source fanno laudi guadagni con la consulenza e il support a prodotti gratis, quindi non sono da considerarsi santi e i loro nomi andrebbero scritti con tanto di simboli di dollari e euro (anche la vecchia lira ci sta bene...) come alcuni fanno solo per Microsoft.
          • panda rossa scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: Emanuele
            perché
            ricordiamoci che SUN, IBM, e altri attori
            impegnati nell'open source fanno laudi guadagni
            con la consulenza e il support a prodotti gratis,
            quindi non sono da considerarsi santi e i loro
            nomi andrebbero scritti con tanto di simboli di
            dollari e euro (anche la vecchia lira ci sta
            bene...) come alcuni fanno solo per
            Microsoft.Intanto pero' il prodotto e' gratis, e' libero, e' aperto, e chiunque potrebbe mettersi in concorrenza con loro per fare consulenza agli stessi prodotti.E poi basterebbe aggiungere un neurone nella testa di tutti gli impiegati amministrativi pubblici, per veder immediatamente raddoppiare le capacita' cerebrali degli stessi, e sperare che sappiano scrivere un testo in grassetto senza dover ogni volta aprire un ticket all'assistenza!
          • Enjoy with Us scrive:
            Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
            - Scritto da: Emanuele
            Forse avete capito male quello che intendevo o
            più sicuramente mi sono espresso male
            io.
            A parte il discorso PA, Microsoft come altri
            vendors (da mia esperienza personale passata e
            attuale di sicuro Microsoft, Oracle e SAP)
            accettano tranquillamente di dialogare con il
            cliente al fine di trattare il prezzo della
            singola licenza di office, sharepoint o della
            piattaforma
            Windows.
            Non c'è alcun listino fisso non trattabile.
            E il prezzo scende anche del fattore di cui avevo
            già
            accennato.
            Poi se alcuni enti PA italiani hanno aderito al
            listino riservato al pubblico oppure non hanno
            interpellato Microsoft Italia (le quali attività
            sono per oltre il 90% di puro advertising &
            marketing) oppure hanno fatto altri generi di
            accordi, peggio per loro (e per noi) dato che a
            questo punto è certo che chi è incaricato di
            acquistare le licenze non è ben
            informato.
            Poi è chiaro che nel mondo open source, il costo
            delle licenze rappresenta uno degli argomenti sui
            quali poter far leva, però raccontare balle o
            anche semplicemente verità parziali può aiutare a
            portare l'acqua al proprio mulino, perché
            ricordiamoci che SUN, IBM, e altri attori
            impegnati nell'open source fanno laudi guadagni
            con la consulenza e il support a prodotti gratis,
            quindi non sono da considerarsi santi e i loro
            nomi andrebbero scritti con tanto di simboli di
            dollari e euro (anche la vecchia lira ci sta
            bene...) come alcuni fanno solo per
            Microsoft.Si certo sono tutti scemi nelle PA... i prezzi sono quelli che ti sono stati riportati da più persone, di licenze office a poche decine di euro Io non ne ho mai viste neanche se per grandi volumi!
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        - Scritto da: Emanuele
        C'è da dire che il dato di 300 euro a licenza per
        un amministrazione pubblica ma anche per una
        azienda media è un dato
        errato.
        Amministrazioni pubbliche e aziende medie/grandi
        (es. ADR, Ferrovie, Thales, ecc.) concordano il
        costo unitario delle licenze in base al numero
        previsto per l'acquisto, in base ai
        piani/progetti aziendali che lasciano
        intravvedere a Microsoft e altri Vendor (leggi
        SUN, SAP, Oracle, ecc.) possibilità di guadagno
        nel breve/medio
        termine.
        Vi assicuro che il prezzo arrivano anche a poche
        decine di euro, se poi si compra Sharepoint anche
        di
        meno.
        Pensare che tali entità paghino una licenza
        office quanto la paga l'utente privato è
        sbagliato, far passare questo messaggio è indice
        di cattiva
        fede.
        Infine nel costo della licenza ci si mette anche
        il supporto e la consulenza, cosa non da poco e
        cose che non tutti gli attori nell'ambito
        dell'Open Source sono in grado di offrire e
        garantire.balle, i prezzi per la PA sono quelli altro che poche decine di euro a licenza, lo so perchè ho visto le vecchie fatture del 2001 per office (50 licenze appunto a circa 300 euro l'una, era stata scartata la licenza centrale da server legata ad un massimo di 30 postazioni attive contemporaneamente perchè il risparmio era limitato e i problemi legati alla gestione erano notevoli)!
    • ruppolo scrive:
      Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
      - Scritto da: Enjoy with Us
      ... adottano Open Office!
      E ci credo nella stragrande maggioranza dei casi
      si tratta di postazioni dove si richiede la
      presenza di un word proXXXXXr generico e poco
      altro, compito che sicuramente Open Office svolge
      meglio del non compianto Works, direi quasi al
      livello di M$ office.... 300 euro a licenza è
      tanta roba hanno voglia di dire che sono niente
      rispetto alla formazione necessaria per il
      personale (ma chi l'ha mai vista questa
      formazione?)... intanto si fanno dei semplici
      conticini e ci si accorge che 3600 postazioni x
      300 euro fanno 1.080.000 Euro.... mentre 0 euro x
      3600 postazioni fanno 0 euro, ti ci paghi
      l'hardware di almeno metà delle
      postazioni...Non è zero, sono 80 mila euro. E solo per Open Office.
      • kotaro scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Enjoy with Us

        ... adottano Open Office!

        E ci credo nella stragrande maggioranza dei casi

        si tratta di postazioni dove si richiede la

        presenza di un word proXXXXXr generico e poco

        altro, compito che sicuramente Open Office
        svolge

        meglio del non compianto Works, direi quasi al

        livello di M$ office.... 300 euro a licenza è

        tanta roba hanno voglia di dire che sono niente

        rispetto alla formazione necessaria per il

        personale (ma chi l'ha mai vista questa

        formazione?)... intanto si fanno dei semplici

        conticini e ci si accorge che 3600 postazioni x

        300 euro fanno 1.080.000 Euro.... mentre 0 euro
        x

        3600 postazioni fanno 0 euro, ti ci paghi

        l'hardware di almeno metà delle

        postazioni...

        Non è zero, sono 80 mila euro. E solo per Open
        Office.80 mila euro che sono rimasti nel territorio.
      • Enjoy with Us scrive:
        Re: Intanto aumentano le amministrazioni che
        - Scritto da: ruppolo
        - Scritto da: Enjoy with Us

        ... adottano Open Office!

        E ci credo nella stragrande maggioranza dei casi

        si tratta di postazioni dove si richiede la

        presenza di un word proXXXXXr generico e poco

        altro, compito che sicuramente Open Office
        svolge

        meglio del non compianto Works, direi quasi al

        livello di M$ office.... 300 euro a licenza è

        tanta roba hanno voglia di dire che sono niente

        rispetto alla formazione necessaria per il

        personale (ma chi l'ha mai vista questa

        formazione?)... intanto si fanno dei semplici

        conticini e ci si accorge che 3600 postazioni x

        300 euro fanno 1.080.000 Euro.... mentre 0 euro
        x

        3600 postazioni fanno 0 euro, ti ci paghi

        l'hardware di almeno metà delle

        postazioni...

        Non è zero, sono 80 mila euro. E solo per Open
        Office.80 mila euro ma hai una azienda di consulenza che ti segue passo passo e che fa anche operazioni di verticalizzazioni del software sulla tua realtà, altro che M$
  • Steve Robinson Hakkabee scrive:
    Tornerete tutti indietro...
    Al software (non tanto closed, il modello open puo essere vincente) ma a pagamento. Dove c'é un modello economico funzionante e non la "buona volontà" degli sviluppatori.Escludo dall'analisi i SO dove ci si puo mangiare sopra. Ma chi sviluppa OOo alla lunga di che vuoi che viva?
    • poiuy scrive:
      Re: Tornerete tutti indietro...
      Ma tu sai chi è che sviluppa OOo? Mai sentito parlare di SUN?La dipendenza da formati e prodotti proprietari andrebbe estirpata dalla ricerca scientifica... purtroppo i ricercatori una volta imparate le minime esigenze informatiche necessarie per il loro lavoro sono restii a cambiare...Non è che sia tutta colpa loro. Se un neo-ricercatore si trovasse ad usare OOo invece di Office fin dall'inizio, poi sarebbe restio a passare alla M$.Certo finché il prof di turno ti manda ".doc", a OOo ci passi male...
      • Steve Robinson Hakkabee scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        Vedremo con il tempo, più la cosa prende piede più costerà alla sun. Non essendo il fate bene fratelli verrà il momento dove ulteriori sviluppi saranno economicamente sconvenienti e a quel punto spero si passi ad un modello a pagamento. Ripeto non é una critica all'opensource.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          Seguendo questo principio, anche Firefox dovrebbe essere a pagamento.
          • panda rossa scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Sgabbio
            Seguendo questo principio, anche Firefox dovrebbe
            essere a
            pagamento.E pure le ambulanze, telefono azzurro, emergency, i donatori di sangue, gli scout, i vigili del fuoco, la protezione civile...Quanti XXXXXXXXX che prestano la loro opera gratis quando potrebbero invece farsi pagare!
          • pippo75 scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...

            E pure le ambulanze, telefono azzurro, emergency,
            i donatori di sangue, gli scout, i vigili del
            fuoco, la protezione civile...le ambulanze ci sono volontari e non, ma senza soldini non so quante ambulanze compri.gli scout, dovrei chiedere.i vigili del fuoco, pensavo fossero li per lavoro non per hobby.la protezione civile ha sia di ruolo che volontari, e sono sicuro che tutta l'attrezzatura l'ottengono gratis ( giusto ? )
          • Nedanfor non loggato scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: pippo75

            E pure le ambulanze, telefono azzurro,
            emergency,

            i donatori di sangue, gli scout, i vigili del

            fuoco, la protezione civile...

            le ambulanze ci sono volontari e non, ma senza
            soldini non so quante ambulanze
            compri.Non necessariamente vero. Le pagano le tasse per lo più, inoltre i volontari sono la maggioranza. Nella mia città se abbiamo un servizio di ambulanze dobbiamo ringraziare Croce Rossa e Misericordia, tutti volontari.
            gli scout, dovrei chiedere.Gli scout lo fanno o per hobby o per motivi religiosi.
            i vigili del fuoco, pensavo fossero li per lavoro
            non per
            hobby.Ci sono dei volontari anche lì.
            la protezione civile ha sia di ruolo che
            volontari, e sono sicuro che tutta l'attrezzatura
            l'ottengono gratis ( giusto ?
            )Manco per niente, purtroppo. Per le emergenze te la pagano lì per lì, poi ti chiedono di restituirgli a rate il prezzo intero o quantomeno una quota significativa. A seconda dell'associazione spesso come requisito c'è il possesso del materiale. Te lo dico perché volevo iscrivermi un annetto fa ma la burocrazia m'ha fatto passare la voglia, ed ora lavoro.Quindi l'analisi non mi sembra affatto sbagliata. Per di più progetti come OO.o nascono da aziende per fornire prodotti completi (ti dò il server con Solaris/OpenSolaris e hai già OpenOffice.org, senza dover dare soldi alla concorrenza) o per motivi pubblicitari ma, essendo open, ognuno degli utilizzatori può contribuire. Quindi è un progetto più che solido, il tempo lo dimostra.
          • Fabio scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Nedanfor non loggato
            - Scritto da: pippo75
            Quindi l'analisi non mi sembra affatto sbagliata.
            Per di più progetti come OO.o nascono da aziende
            per fornire prodotti completi (ti dò il server
            con Solaris/OpenSolaris e hai già OpenOffice.org,
            senza dover dare soldi alla concorrenza) o per
            motivi pubblicitari ma, essendo open, ognuno
            degli utilizzatori può contribuire. Quindi è un
            progetto più che solido, il tempo lo
            dimostra.Al momento il tempo ha dimostrato che SUN e' fallita.
          • VITRIOL scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Fabio
            Al momento il tempo ha dimostrato che SUN e'
            fallita.1) OpenOffice.org Sun2) Sun non è fallitaSalutiVITRIOL
          • Fabio scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: VITRIOL
            - Scritto da: Fabio


            Al momento il tempo ha dimostrato che SUN e'

            fallita.

            1) OpenOffice.org Sun
            2) Sun non è fallita

            Saluti
            VITRIOLE' vero SUN OpenOffice.org, ma e' la maggior finanziatrice.SUN non e' attualmente fallita solo per attesa di acquisto da Oracle.Se non va in porto ....... beh la vedo dura per SUN.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            Ma non è certo il finanziamento di progetti opensource la causa dei problemi finanziari di Sun...siamo seri...
          • Nedanfor non loggato scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Fabio
            Al momento il tempo ha dimostrato che SUN e'
            fallita.Non è fallita. FAIL.
          • Fabio scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Nedanfor non loggato
            - Scritto da: Fabio

            Al momento il tempo ha dimostrato che SUN e'

            fallita.

            Non è fallita. FAIL.Urka che perspicacia.Un pozzo di informazioni eh?
          • advange scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            Almeno, quando ti sm***ano in questo modo abbi la decenza di stare zitto!
        • Gattazzo scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
          Vedremo con il tempo, più la cosa prende piede
          più costerà alla sun. Non essendo il fate bene
          fratelli verrà il momento dove ulteriori sviluppi
          saranno economicamente sconvenienti e a quel
          punto spero si passi ad un modello a pagamento.
          Ripeto non é una critica
          all'opensource. Forse volevi dire TEMO? Ma da che parte stai?
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            non mi preoccupo se una suite d'ufficio viene messa a pagamento ma a 30/50 non a 300 o più come fa MS.Lo scopo per me é avere software migliore e più accessibile, il tutto rimanendo nella legalità. Se poi bisogna pagare una piccola cifra, per me va bene.
          • VITRIOL scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
            non mi preoccupo se una suite d'ufficio viene
            messa a pagamento ma a 30/50 non a 300 o più
            come fa
            MS.
            Lo scopo per me é avere software migliore e più
            accessibile, il tutto rimanendo nella legalità.
            Se poi bisogna pagare una piccola cifra, per me
            va
            bene.StarOffice costa circa 25 euro. Se pagare ti fa sentire più tranquillo lo puoi tranquillamente comperare :-)SalutiVITRIOL
          • abbello scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            http://contributing.openoffice.org/donate.htmlPerchè donare a OOo, no, eh? :)
      • il signor rossi scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        - Scritto da: poiuy
        Ma tu sai chi è che sviluppa OOo? Mai sentito
        parlare di
        SUN?esempio peggiore non potevi trovare, dato che sta fallendo! :-)
        Certo finché il prof di turno ti manda ".doc", a
        OOo ci passi
        male...questo è vero.
        • poiuy scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          Si, ma i programmatori non è che lo hanno sviluppato per beneficenza...Poi tra essere acquistato dalla Oracle e fallire c'è un po' di differenza...
          • Fabio scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: poiuy
            Si, ma i programmatori non è che lo hanno
            sviluppato per
            beneficenza...
            Poi tra essere acquistato dalla Oracle e fallire
            c'è un po' di
            differenza...No in questo caso non c'e' differenza.SUN ha un passivo enorme. Se Oracle non l'acquista, fallisce.Oracle e' l'ultima speranza per SUN.
          • VITRIOL scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Fabio
            Se Oracle non l'acquista, fallisce.Quindi attualmente non è fallita.
            Oracle e' l'ultima speranza per SUN.Veramente anche IBM si era dimostrata estremamente interessata all'acquisizione.SalutiVITIOL
          • Fabio scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: VITRIOL
            - Scritto da: Fabio


            Se Oracle non l'acquista, fallisce.

            Quindi attualmente non è fallita.


            Oracle e' l'ultima speranza per SUN.

            Veramente anche IBM si era dimostrata
            estremamente interessata
            all'acquisizione.

            Saluti
            VITIOLSi lo so, ma sarebbe la morte certa per SUN :PTra IBM e SUN c'e' praticamente sovrapposizione di tutto. Sarebbe il caso di dire che la compra per chiuderla ;)
          • VITRIOL scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Fabio
            Si lo so, ma sarebbe la morte certa per SUN :PNon ne sono tanto convinto, soprattutto per quanto riguarda OpenOffice. IBM ha investito molto nell'infrastruttura di Lotus Symphony, che si basa sul core di OOo. Questa infrastruttura è usata anche all'interno delle attuali versioni di Lotus Notes e Lotus Domino, e IBM è da tempo parte attiva della community (al contrario di Oracle, che comunque ha assicurato gli investimenti a riguardo).In pratica attualmente IBM trae molto vantaggio da OOo, e quindi suppongo che abbia tutto l'interesse a fare in modo che prosperi. In più è stata la prima mega azienda che ha completato la migrazione totale a formato ODF, quindi...SalutiVITRIOL
          • Fabio scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: VITRIOL
            - Scritto da: Fabio


            Si lo so, ma sarebbe la morte certa per SUN :P

            Non ne sono tanto convinto, soprattutto per
            quanto riguarda OpenOffice. IBM ha investito
            molto nell'infrastruttura di Lotus Symphony, che
            si basa sul core di OOo. Questa infrastruttura è
            usata anche all'interno delle attuali versioni di
            Lotus Notes e Lotus Domino, e IBM è da tempo
            parte attiva della community (al contrario di
            Oracle, che comunque ha assicurato gli
            investimenti a
            riguardo).
            In pratica attualmente IBM trae molto vantaggio
            da OOo, e quindi suppongo che abbia tutto
            l'interesse a fare in modo che prosperi. In più è
            stata la prima mega azienda che ha completato la
            migrazione totale a formato ODF,
            quindi...

            Saluti
            VITRIOLPer quanto riguarda OOo sono anche io dell'idea che la farebbe continuare. Ma gli altri settori di SUN li manderebbe al macello.Sono quelli che preoccupano di piu' in quanto c'e' il maggior numero di lavoratori.
          • advange scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            Quindi Oracle paga 7 miliardi di per un'azienda che sta fallendo.Dovresti avvisare gli azionisti di Oracle, oh sommo genio.
      • cicciuzzo scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        SUN chi?!?! Sono già falliti mi pare ...
    • Max1957 scrive:
      Re: Tornerete tutti indietro...
      Mai sentito parlare di Apache ?http://news.netcraft.com/archives/2009/11/overallc.png
    • pabloski scrive:
      Re: Tornerete tutti indietro...
      per ora andiamo avanti :D
    • poiuy scrive:
      Re: Tornerete tutti indietro...

      ... Dove c'é un modello economico funzionante e non la "buona volontà" degli sviluppatori.Eccolo qui l'errore concettuale: l'open source sconfessa l'idea che l'unico business proponibile sia quello dove vendo ogni istanza del software. Ci sono aziende che vendono servizi e non solo programmi. E non sono aziende piccole.Laddove un bene è facilmente replicabile, il modello di business che si applica ai beni non duplicabili (il pane ad esempio) è un modello non conveniente per la società e non necessariamente "funzionante".Per far funzionare questi modelli serve tanta coercizione (a suon di leggi, vedi copy-right) oppure abusi di posizione dominante...Pensate davvero che tanta gente comprerebbe Office se Open Office fosse lo standard nei computer degli utenti? Non è questione di quale dei due sia meglio, è solo una questione di "moda"...I beni duplicabili non sono come i beni non duplicabili ed i modelli di business che dominano sui beni di consumo hanno grosse difficoltà nel mercato di quelli duplicabili.Un software non è come un panino del Mac Donald... cerchiamo di caXXXXX questa cosa.Siete abituati ad andare al supermercato a comprare il pane, ma non siete (almeno non lo è la maggioranza) abituati ad andare al supermercato a compare software. Perché? Perché siamo tutti ladri?Lo evidenziava bene una pubblicità anti-pirateria: "Ruberesti mai la borsa a qualcuno?" (Risposta sottintesa no...) "Scaricheresti mai un mp3?" (Risposta sottintesa si...). Quindi la pubblicità terminava cercando di convincerti che è la stessa cosa... peccato che avessero così efficacemente dimostrato il contrario...Rubare è reato e implica sottrarre qualcosa a qualcuno, "piratare" è reato e basta.
      • ruppolo scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        - Scritto da: poiuy
        Rubare è reato e implica sottrarre qualcosa a
        qualcuno, "piratare" è reato e
        basta.Quindi se io mi faccio una copia del tuo hard disk, non ti ho rubato dati, musica , foto, password, idee, progetti..., giusto?
        • marco belli scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          non nel senso di rubato, io continuo ad usufruirne anche se tu li hai copiati.semmai, e qui mi arrabbio e ti denuncio, ti sei intrufolato nella mia privacy.
          • ruppolo scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: marco belli
            non nel senso di rubato, io continuo ad
            usufruirne anche se tu li hai
            copiati.

            semmai, e qui mi arrabbio e ti denuncio, ti sei
            intrufolato nella mia
            privacy.Ottimo, la pena è decisamente inferiore.Ad esempio prendo quel libro che hai scritto, lo faccio stampare e mi prendo i soldi delle vendite. Tanto come fai a dimostrare che l'hai scritto tu?
        • Gattazzo scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          - Scritto da: ruppolo
          - Scritto da: poiuy

          Rubare è reato e implica sottrarre qualcosa a

          qualcuno, "piratare" è reato e

          basta.
          Quindi se io mi faccio una copia del tuo hard
          disk, non ti ho rubato dati, musica , foto,
          password, idee, progetti...,
          giusto? Giustissimo, meno male che lo hai capito.Se qualcuno utilizza qualcosa che io continuo comunque ad utilizzare e di cui mantengo comunque il possesso, che male mi fa? Non a caso io condividevo l'intero contenuto dei miei tre HD, e se a qualcuno poteva essere utile ne ero assolutamente fiero. Mai pensato di lucrare su idee, progetti ed altro, non solo perchè sono un idealista, ma perchè ho sempre ritenuto più corretto ed onesto che il mio sostentamento dovesse derivare da attività lavorative richieste da chi ne aveva bisogno e per questo mi pagava, e non certo dal frutto dei miei hobby, delle mie passioni e del mio desiderio di rendere riutilizzabile da altri qualcosa che era stato utile a me e non era auspicabile che finisse con me! Ti sembro una bestia tanto rara?
          • ruppolo scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Gattazzo
            Ti sembro una bestia tanto rara?Oh no, solo un ipocrita.Ma puoi sempre smentirmi dandoci indirizzo IP, account e password del tuo PC, così veniamo a curiosare e prendere eventualmente quello che ci serve.
        • poiuy scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          No, ti stai impicciando di cose che non ti riguardano.Prendi il vocabolario, guarda la voce "spiare" e confrontala con quella di "rubare"...
          • ruppolo scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: poiuy
            No, ti stai impicciando di cose che non ti
            riguardano.
            Prendi il vocabolario, guarda la voce "spiare" e
            confrontala con quella di
            "rubare"...ahahahhahahahhahahahhha!!! spiare! sei uno spasso!
      • Steve Robinson Hakkabee scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        bel discorso sulla pirateria, ma su un software praticamente privo di assistenza come OOo su che modello economico si puo basare per mantenere i programmatori che lo sviluppano?
        • poiuy scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          Ti risulta che i programmatori di OOo non siano stati pagati?Privo di assistenza? In che senso?http://support.openoffice.org/index.htmlMa sai di cosa parli?Non ho parlato solo di pirateria, ho parlato sopratutto di modelli di business... è su quelli che mi dovevi contestare...
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            Per assistenza intendevo consulenze aggiuntive (tipo redhat per intederci), ho scritto in fretta sry. Ovvero dopo averti messo a disposizione OOo alla Sun cosa rimane in tasca?I programmatori sono stati certamente pagati e la banda per il download del programma anche (la banda sui grandi numeri diventa un costo non trascurabile) ma poi alla Sun che rimane? La gloria? Mi sembra un po poco. Più il progetto prende piede e più Sun dovrà investire soldi per farlo progredire. A che punto il tutto diventerà non sostenibile?
          • poiuy scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            Ho capito, vuoi assolutamente pagare Open Office ;)http://it.sun.com/practice/software/staroffice/P.S.
            Per assistenza intendevo consulenze aggiuntive (tipo redhat per
            intederci), ho scritto in fretta sry.Nel link sopra parlano anche di consulenze... tipo Red Hat. Non so se sono offerte "utili", ma presumo che se passi a StarOffice di supporto ne puoi avere quanto ne vuoi...
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            Staroffice é un modello chepuo funzionare (specie a quel prezzo) probabilmente usano OOo come via di promozione per Staroffice.Rimango nel campo delle opioni ovviamente.
      • Steve Robinson Hakkabee scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...

        I beni duplicabili non sono come i beni non
        duplicabili ed i modelli di business che dominano
        sui beni di consumo hanno grosse difficoltà nel
        mercato di quelli
        duplicabili.

        Un software non è come un panino del Mac
        Donald... cerchiamo di caXXXXX questa
        cosa.

        Siete abituati ad andare al supermercato a
        comprare il pane, ma non siete (almeno non lo è
        la maggioranza) abituati ad andare al
        supermercato a compare software. Perché? Perché
        siamo tutti
        ladri?
        Lo evidenziava bene una pubblicità
        anti-pirateria: "Ruberesti mai la borsa a
        qualcuno?" (Risposta sottintesa no...)
        "Scaricheresti mai un mp3?" (Risposta sottintesa
        si...). Quindi la pubblicità terminava cercando
        di convincerti che è la stessa cosa... peccato
        che avessero così efficacemente dimostrato il
        contrario...
        Rubare è reato e implica sottrarre qualcosa a
        qualcuno, "piratare" è reato e
        basta.Si insomma iTunes ha avuto sucXXXXX per caso...
        • Sgabbio scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee

          Si insomma iTunes ha avuto sucXXXXX per caso...Ha avuto sucXXXXX grazie alla diffusione degli ipod, oltre a non essersi piegati subito ai capricci della major.
    • gnulinux86 scrive:
      Re: Tornerete tutti indietro...
      Opensource non è sinonimo di gratis, non devi generalizzare, comunque io OpenOffice sarei disposto pagarlo purchè abbia un costo ragionevole.
      • lellykelly scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        dovremmo avere facilità nel reperire il credito e spenderlo, ma non è così. quanti sw che si usano ogni giorno andrebbero sostenuti con donazioni? 5 euro eh, mica chissà quanti, ma dovremmo essere in tanti, abituati ad usare la carta di credito e suprattutto poter disporre di queste somme.se uno va a scuola l'eventuale paghetta la spende in altro, chi lavora pur e i bimbi viziati invece non ci pensano neppure.
        • ruppolo scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          - Scritto da: lellykelly
          dovremmo avere facilità nel reperire il credito e
          spenderlo, ma non è così. quanti sw che si usano
          ogni giorno andrebbero sostenuti con donazioni? 5
          euro eh, mica chissà quanti, ma dovremmo essere
          in tanti, abituati ad usare la carta di credito e
          suprattutto poter disporre di queste
          somme.Infatti io sono ben contento di dare 0,79 centesimi a uno che ha sviluppato una bella applicazione per iPhone. Anche 3-4 euro, qualche volta.Per questo detesto di pirata queste applicazioni, sembra di rubare le monetine ad un povero.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: ruppolo

            Infatti io sono ben contento di dare 0,79
            centesimi a uno che ha sviluppato una bella
            applicazione per iPhone. Anche 3-4 euro, qualche
            volta.
            Per questo detesto di pirata queste applicazioni,
            sembra di rubare le monetine ad un
            povero.Infatti il sucXXXXX dell'app store sta nei prezzi bassi oltre ad una "assistenza" su ciò che scarichi.
      • boh. scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        lo sviluppa sun.paghi sun per darti assistenza tecnica-il cd + il manualelo faranno in pochi, ma qualcuno lo farà.peccato che sun non ci abbia mai pensato, pensava di sopravvivere solo con i server sparc-xeon
        • VITRIOL scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          - Scritto da: boh.
          lo sviluppa sun.Lo sviluppa la community, anche se da Sun arriva il maggior contributo. Altre grosse aziende che fanno parte della community sono ad esempio IBM, Novell e RedFlag.SalutiVITRIOL
      • Steve Robinson Hakkabee scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        Dovrebbe esserci un modello economico dove paghi non tanto per l'installazione dell'SW ma per l'abbonamento per gli aggiornamenti, sempre necessari, per 3 anni per esempio. Poi a livello di comunità di sviluppo, a chi ha collaborato, nella misura in cui lo ha fatto, va una certa quota.
        • poiuy scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          E' arrivato il genio dell'economia...
          • Steve Robinson Hakkabee scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            proposta caro mio... facile criticare...
          • poiuy scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            Direi che, poiché sono ignorante in economia, immaginarmi un modelli economici alternativi sia un lavoro al di sopra delle mie possibilità (e forse delle tue).Nonostante ciò vedo che ci sono delle aziende grosse (Google, IBM, SUN, ...) che stanno creando un mercato diverso, non perché "nobili", ma probabilmente perché convinte che portare a pagare i servizi e non i prodotti sia il futuro migliore per loro.Non a caso, diverse aziende nel mercato del "gaming" puntano ai MMORPG on-line, dove più che il gioco (client) paghi l'acXXXXX al loro server. Non solo, ma molte di queste permettono anche server alternativi e gratuiti. Sospetto che queste aziende sappiano fare bene il loro mestiere... indipendentemente da quello che ne penso io del loro modello di business...Se fossi così "geniale" da poter dirigere la SUN, forse non sarei qui a scrivere in questo post...
      • Geez scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        - Scritto da: gnulinux86
        Opensource non è sinonimo di gratis, non devi
        generalizzare, comunque io OpenOffice sarei
        disposto pagarlo purchè abbia un costo
        ragionevole.Io pagherei anche il closed source con un costo ragionevole.Che mi frega se non posso spataccare il codice di Office 2009, voglio usarlo e basta.
        • Sgabbio scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          - Scritto da: Geez

          Io pagherei anche il closed source con un costo
          ragionevole.

          Che mi frega se non posso spataccare il codice di
          Office 2009, voglio usarlo e
          basta.Il problema è non rimanere legari con i propri dati su una piattaforma chiusa. Se office fosse in una sola edizione e con un prezzo ragionevole è con un supporto ad un formato aperto, i problemi non si porrebbero.
          • Peppe Cotraro e suo fratello scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...
            - Scritto da: Sgabbio
            Il problema è non rimanere legari con i propri
            dati su una piattaforma chiusa. Se office fosse
            in una sola edizione e con un prezzo ragionevole
            è con un supporto ad un formato aperto, i
            problemi non si
            porrebbero.e vabbe'.. da office exporti in doc o rtf e hai gia' bel risolto. Per non dire che anche i docx li posso aprire in altri programmi.Tanta polemica su office.. e allora tutti gli altri programmi del mondo che salvano il loro file in un formato incompatibile con niente non se ne parla mai? Un file di inDesign, finalcutpro, xpress non lo apri con un texteditor. Non capisco cosa volete.
          • advange scrive:
            Re: Tornerete tutti indietro...

            Tanta polemica su office.. e allora tutti gli
            altri programmi del mondo che salvano il loro
            file in un formato incompatibile con niente non
            se ne parla mai?Se vuoi parlane pure: si parla di Office perché tutti si sono trovati ad usarlo. È chiaro che il discorso può essere rivolto a tutti i formati proprietari.
    • darkat scrive:
      Re: Tornerete tutti indietro...
      La sun, che produce openoffice, già produce una fork di questo software a pagamento che si chiama StarOffice, che non costa nemmeno tanto, e dovrebbe essere pienamente compatibile con i formati microsoft
      • Sgabbio scrive:
        Re: Tornerete tutti indietro...
        - Scritto da: darkat
        La sun, che produce openoffice, già produce una
        fork di questo software a pagamento che si chiama
        StarOffice, che non costa nemmeno tanto, e
        dovrebbe essere pienamente compatibile con i
        formati
        microsoftNon è un fork.E' da staroffice che è nata Openoffice.
        • darkat scrive:
          Re: Tornerete tutti indietro...
          vabbè è uguale, il senso è che già esiste un prodotto parallelo a openoffice ma a pagamento prodotto da sun
    • Fabrizio scrive:
      Re: Tornerete tutti indietro...
      - Scritto da: Steve Robinson Hakkabee
      Ma chi sviluppa OOo alla lunga di che vuoi che
      viva?forse di quello che paga sun?
Chiudi i commenti