Bill Gates non risparmia critiche a Elon Musk

Bill Gates non risparmia critiche a Elon Musk

Bill Gates pensa di essere un capo migliore rispetto a Elon Musk, che è troppo esigente. E una ricerca gli dà (più o meno) ragione.
Bill Gates non risparmia critiche a Elon Musk
Bill Gates pensa di essere un capo migliore rispetto a Elon Musk, che è troppo esigente. E una ricerca gli dà (più o meno) ragione.

Bill Gates ed Elon Musk sono due dei personaggi più influenti e ricchi del mondo. Entrambi hanno fondato e guidato aziende rivoluzionarie, come Microsoft, Tesla, X (ex Twitter) e SpaceX. Entrambi hanno una visione ambiziosa e innovativa del futuro. Ma hanno anche uno stile di leadership molto diverso, che li ha portati a scontrarsi più volte.

Lo ha rivelato lo stesso Gates durante una conversazione questa settimana all’Economic Club di New York, dove ha ricevuto il Peter G. Peterson Leadership Excellence Award. Gates ha descritto Musk come un manager che “spinge molto, forse troppo”, come riportato da Business Insider. Ha fatto un paragone con Steve Jobs, il cofondatore di Apple, noto per il suo genio, ma anche per il suo carattere difficile. Gates, invece, si è definito molto gentile rispetto a loro.

Gates ha riconosciuto che per gestire un’azienda estremamente innovativa a volte serve una leadership “dura”. Ma ha anche detto di aver moderato i suoi istinti di leader, anche se non è sempre stato così. Infatti, nei primi anni di Microsoft, Gates era famoso per il suo approccio non esattamente dolce. Secondo una biografia del 1993, Gates mandava spesso e-mail critiche e sarcastiche ai suoi dipendenti, tra cui una in cui umiliava un programmatore per aver scritto “il pezzo di codice più stupido mai scritto”.

I dipendenti di allora definirono la Microsoft di Gates come “conflittuale”, “esigente”. Con il tempo Gates si è ammorbidito ed è ora noto per uno stile di leadership che accetta i feedback e i suggerimenti dei dipendenti.

Musk, invece, sembra non aver seguito l’esempio di Gates e rimane fedele a una cultura spietata. L’anno scorso, poco dopo aver comprato l’azienda, Musk ha mandato una famosa e-mail alle 2 di notte a tutti i dipendenti di Twitter, ordinando loro di essere “estremamente rigorosi” e di lavorare “per molte ore ad alta intensità”. In Twitter, gestita da Musk prima dell’X, ha aggiunto che “solo prestazioni eccezionali costituiranno un voto di sufficienza”. Non si tratta solo di parole; lo stesso Musk è un lavoratore instancabile, noto per dormire nelle fabbriche di Tesla.

Gli attacchi personali

Naturalmente, Gates potrebbe avere dei motivi per criticare Musk. Microsoft e Apple sono storici rivali e lui e Musk si sono scambiati parole pesanti in passato. Mentre Gates potrebbe non condividere lo stile di leadership di Musk, Musk è stato molto più aggressivo nei confronti di Gates come persona.

Dopo uno sgarbo commerciale – Gates aveva venduto allo scoperto le sue azioni Tesla – Musk è stato “super cattivo”, ha detto Gates al biografo di Musk Walter Isaacson. Musk, invece, non si è fatto scrupoli di lanciare attacchi personali. Ha insultato l’intelligenza di Gates e ha persino deriso il suo aspetto. L’anno scorso ha twittato una foto di Gates con un’emoji incinta accanto.

Inoltre, secondo Isaacson, Musk avrebbe visto la mancanza di sostegno di Gates a Tesla come un tradimento dei suoi valori. “Come può qualcuno dire di essere appassionato di lotta al cambiamento climatico e poi fare qualcosa che riduce l’investimento complessivo nell’azienda che fa di più?”. Musk si sarebbe domandato a voce alta.

Da allora si è rifiutato di collaborare con Gates, anche su progetti di beneficenza. I due sono in disaccordo anche su una delle principali ambizioni di Musk: La vita su Marte. “Non sono una persona da Marte“, ha detto Gates al biografo di Musk.

La critica di Gates a Musk (e Jobs) per aver “esagerato” trova riscontro nelle ricerche. Lasciare ai lavoratori la libertà e la fiducia di fare il loro lavoro al meglio – scegliendo dove, quando e come farlo – è la strategia migliore per assicurare un’efficienza duratura. Le pressioni eccessive hanno un effetto negativo sul morale e sulle prestazioni: uno studio recente di Slack su 10.000 lavoratori ha mostrato che i lavoratori costretti a lavorare fino a tardi hanno una produttività del 20% inferiore durante il giorno. Una squadra di ricercatori dello Stevens Institute of Technology e dell’Università dell’Illinois di Chicago ha scoperto che i capi tossici e aggressivi fanno scappare per primi i lavoratori più motivati.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 11 dic 2023
Link copiato negli appunti