Bitcoin: gli USA sono diventati la nuova patria del mining

Bitcoin: gli USA sono la nuova patria del mining

In conseguenza allo stop delle attività in Cina, il mining di Bitcoin ha trovato nuova casa entro i confini del territorio statunitense.
In conseguenza allo stop delle attività in Cina, il mining di Bitcoin ha trovato nuova casa entro i confini del territorio statunitense.

La recente decisione presa da Pechino, che ha portato alla messa al bando di ogni attività legata alle criptovalute in tutto il paese, ha inevitabilmente spinto coloro impegnati nell'attività di mining a cercare nuovi lidi. Come abbiamo già avuto modo di scrivere su queste pagine, non è detto sia un bene dal punto di vista della sostenibilità ambientale, per ragioni legate all'approvvigionamento di energia. Stando a un nuovo report del Cambridge Centre for Alternative Finance, le operazioni si sono spostate principalmente negli Stati Uniti, almeno con riferimento all'asset più popolare di questo ambito, ovviamente Bitcoin.

Fuga dalla Cina, il mining di BTC si sposta negli USA

In Cina, l'hash rate (che in estrema sintesi indica la potenza complessiva a disposizione del network) è sceso dal 44% della quota globale registrato a maggio fino a raggiungere lo zero attuale. Riavvolgendo il nastro del tempo, due anni fa era al 75%. Nel frattempo, negli USA è salito fino a oltre il 35% (dato aggiornato a fine agosto), incrementando di più del 20% da aprile.

Nel momento in cui viene scritto e pubblicato questo articolo, il prezzo di Bitcoin si attesta a 56.365 dollari (fonte CoinDesk), in calo rispetto agli oltre 57.000 dollari di ieri.

Quanta energia consuma BTC? Secondo una recente stima, 91 TWh nel 2021 (erano 67 TWh nel 2020), l'equivalente necessario per soddisfare il fabbisogno di un intero paese come il Pakistan.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti