BitMart, attacco all'exchange: rubati 196 milioni in criptovalute

BitMart, attacco all'exchange: criptovalute rubate

La piattaforma BitMart, exchange specializzato nella compravendita di criptovalute, ha subito una violazione e perso asset per 196 milioni di dollari.
La piattaforma BitMart, exchange specializzato nella compravendita di criptovalute, ha subito una violazione e perso asset per 196 milioni di dollari.

Nel fine settimana, il numero uno della piattaforma BitMart ha confermato via Twitter che l’exchange ha subito un attacco. Rimangono al momento ignoti gli autori, fuggiti con un bottino valutato complessivamente in circa 196 milioni di dollari in criptovalute.

196 milioni in crypto sottratti a BitMart

Il messaggio pubblicato dal CEO fa riferimento a una violazione che ha interessato gli hot wallet di ETH e BSC, trasferendo verso gli indirizzi dei criminali token di SHIB, USDC e altri asset. I fondi sono transitati attraverso i servizi 1inch e Tornado Cash, con quest’ultimo che incrementa la privacy dei movimenti generati nel territorio crypto, di conseguenza rintracciarli non sarà cosa facile. La società ha deciso di sospendere ogni operazione di trading finché l’indagine in corso non avrà fatto luce sull’accaduto.

Secondo gli analisti di PeckShield, si è trattata di un’operazione di tipo transfer-out, swap, and wash, attuata con le modalità ben descritte dal grafico allegato qui sotto.

Non è la prima volta che accade: solo la scorsa settimana la piattaforma Celsius Network che si occupa di erogare prestiti in criptovalute ha reso noto di aver subito un furto con dinamiche del tutto simili (pur non comunicandone l’identità) e nel mese di agosto Poly Network ha visto sparire l’equivalente pari a ben 613 milioni di dollari ad opera di ignoti che, con una plot twist del tutto imprevisto, hanno poi deciso di restituirli quasi per intero ai legittimi proprietari.

Fonte: CNBC
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 6 dic 2021
Link copiato negli appunti