BitTorrent fa il browser P2P

L'azienda statunitense annuncia un nuovo progetto pensato per difendere Internet dai pericoli che ne minacciano la "openness". Navigazione a prova di censura grazie a Maelstrom

Roma – L’ultima iniziativa di BitTorrent Inc. si chiama Project Maelstrom , ed è un browser di nuova concezione in grado di offrire l’accesso a siti e servizi Web attraverso l’uso del popolare protocollo di condivisione Peer-to-Peer. Lo sviluppo di Maelstrom è ancora agli inizi, e BT ha deciso di offrire un assaggio preliminare del software attraverso un test alpha chiuso disponibile su inviti; la corporation parla di obiettivi da raggiungere, ma suggerisce che il progetto potrebbe anche terminare senza aver prodotto nulla di concreto (e di stabile).

I succitati obiettivi sono in ogni caso ambiziosi, visto che con Maelstrom l’azienda vorrebbe salvaguardare la “openness” di Internet, garantire la neutralità di accesso ai contenuti, proteggere i dati privati dall’abuso da parte delle grandi corporation e permettere un utilizzo efficiente della Rete per distribuire quantità di dati sempre crescenti.

Tecnicamente parlando, almeno stando ai pochi dettagli sin qui forniti da BitTorrent, Maelstrom è basato interamente sull’omonimo protocollo P2P: i siti Web vengono distribuiti sotto forma di torrent, i pacchetti di dati condivisi dagli utenti del network e quindi offerti con i vantaggi distributivi garantiti da BitTorrent.

La stessa idea di un browser abbinata al P2P non è del tutto nuova, in ogni caso, visto che tempo addietro anche il team di The Pirate Bay aveva rilasciato una versione “speciale” del browser Firefox: naturalmente si trattava di un’iniziativa del tutto differente, che prevedeva l’integrazione della rete a cipolla di Tor e i proxy per accedere ai siti di file sharing censurati in mezzo mondo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sylvaticus scrive:
    Ho appena scoperto OsmAnd..
    ..open source, basato su openstreetmap e, per i meno filosofici, veloce, stabile e con numerose funzionalità..Testato su un Nancy-
    Torino, non vedo proprio perchè a questo punto dovrei usare il GPS Nokia... come al solito negli ultimi 10 anni arrivano troppo tardi...
    • ottomano scrive:
      Re: Ho appena scoperto OsmAnd..
      Il motivo principale sono i dati sul traffico.Se sei un pendolare è utilissimo sapere se, ad esempio, la strada che stai facendo è interrotta per incidenti o lavori.In questo, però, i dati di Google Maps sono i migliori perchè possono avvantaggiarsi di milioni di utenti android che, anche se non usano il naviatore, danno in background informazioni sulla loro posizione e sulla velocità di spostamento. Mettendo insieme poi tutti i metadati di Maps e Waze, si ottiene un grado di precisione che nelle grandi città è a livello di singolo semaforo!
  • gino postino scrive:
    Perle ai porci
    Per gli androidiensi sono anche troppo le mezze robe che hanno già.Dargli Here è come mettere il talco ai maiali.
  • Paolo T. scrive:
    iOS
    Su iOS c'è già. Lo hanno sospeso dal negozio perché, nonostante le buone mappe, l'app faceva schifo. Speriamo abbiano fatto di meglio.
    • gino postino scrive:
      Re: iOS
      - Scritto da: Paolo T.
      Su iOS c'è già. Lo hanno sospeso dal negozio
      perché, nonostante le buone mappe, l'app faceva
      schifo. Speriamo abbiano fatto di
      meglio.Più schifo di quella Apple che ti mandava a morire nel deserto quando volevi andare al mare?Dubito.
    • vac scrive:
      Re: iOS
      Potresti essere un po' più esplicativo?Cosa significa fare schifo?
      • underground scrive:
        Re: iOS
        - Scritto da: vac
        Potresti essere un po' più esplicativo?
        Cosa significa fare schifo?E' il termine piu' usato dai bimbominkia compulsivi che installano qualunque cosa sul proprio device e, non sapendo a cosa serve o come utilizzarla, scrivono la loro recensione. Di solito il termine e' anche accompagnato da "vergogna!!!" "non installatelo!!!", "maledetti,non si puo' piu' disinstallare!!!!", "non funziona piu', sistemateeeee!!!!!"
Chiudi i commenti