BlackBerry fa pace con Nokia e spera in BB10

Pace tra Finlandia e Canada. Una vittoria per Espoo e e un grattacapo in più per l'azienda del BlackBerry. Che è in crisi di numeri, e spera nel rilancio a gennaio con i nuovi smartphone

Roma – Dopo essere passate nei tribunali per la fine di un accordo di licenza sulle tecnologie wireless proprietarie, Nokia e RIM fanno pace sui brevetti WLAN: la corporation finlandese ha annunciato la stipula di un nuovo license agreement con la produttrice canadese, un accordo che prevede condizioni economiche non proprio positive per una società costretta a fare i conti con i ricavi in caduta libera e un futuro più che mai incerto.

Il nuovo accordo arriva a breve distanza dalla condanna di RIM presso la Camera di Commercio di Stoccolma, e prevede che la società dei BlackBerry stacchi un sostanzioso assegno a Nokia oltre al pagamento per le royalty dovute al nuovo accordo di licenza. I dettagli economici, al momento, restano segreti.

Nokia si dice naturalmente felice di aver risolto i problemi di licensing avuti in passato con RIM, un fatto che permette alla multinazionale europea di difendere la propria abilità di proteggere il suo portfolio “unico” di proprietà intellettuali su hardware, software e design.

RIM, dal canto suo, non sarà certo entusiasta del nuovo esborso economico: l’ultimo rapporto sul trimestre fiscale conclusosi a dicembre 2012 parla di un leggero aumento dei profitti netti, ma su conti e un volume di affari dimezzato rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso – 2,7 miliardi di dollari e 7,4 milioni di BlackBerry commercializzati contro i 5,2 miliardi e i 14,1 milioni di BlackBerry del 2011.

Ora più che mai, le speranza di RIM di ridiventare un protagonista di primo piano del mercato mobile sono riposte in BlackBerry 10 e sui cellulari basati sulla nuova versione del suddetto sistema operativo. Si registra, a tale riguardo, una nuova indiscrezione sul nome commerciale del prodotto: il primo smartphone touch BB10 si dovrebbe chiamare Z10 .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    La sentenza
    È stata depositata oggi. Vediamo se la trovo.
    • Leguleio scrive:
      Re: La sentenza
      La sentenza si può ora leggere qui:http://www.leggioggi.it/wp-content/uploads/2013/02/sentenza-google.pdfstrano che nessun articolo di PI sia ancora comparso.Consiglio: se già conoscete la vicenda, iniziate a leggere da pagina 18 (Capitolo "Il proXXXXX d'appello").
  • basta anarchia scrive:
    basta anarchia
    Basta con l'anarchia in rete!ORDINE E POLIZIA!
    • user_ scrive:
      Re: basta anarchia
      e tu finisci come mussolini
    • tucumcari scrive:
      Re: basta anarchia
      - Scritto da: basta anarchia
      Basta con l'anarchia in rete!

      ORDINE E POLIZIA!Fatti un giro a muir woods![img]http://3.bp.blogspot.com/_-kRCYiy5oUc/S6TkKbwzBoI/AAAAAAAABVU/h8f43atnigc/s400/rosik.jpg[/img]
  • Voice of Reason scrive:
    Male, molto male
    Buonsenso e ragione ancora nulla possono contro il denaro e la potenza di colossi come Google. Peccato, si è sprecata un'occasione perchè la società civile si imponesse sull'anarchia della Rete.Ora dobbiamo domandarci: cosa deve succedere perchè le Autorità si sveglino? Meditiamo.Leggi chiare per internet, subito.
    • Guybrush scrive:
      Re: Male, molto male
      [...]
      Ora dobbiamo domandarci: cosa deve succedere
      perchè le Autorità si sveglino?Che più gente legga il manuale di istruzioni, ecco cosa. Anche i servizi di google ne hanno uno e pure bello completo.
      Meditiamo.Ecco, medita, magari cominci a capire.GT
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Male, molto male
      contenuto non disponibile
      • tucumcari scrive:
        Re: Male, molto male
        - Scritto da: unaDuraLezione
        _
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :@ :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :@ :@ :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :@ :@ :) :) :)
        :) :@ :) :) :) :) :) :) :@ :@ :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :@ :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :@ :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :@ :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :@ :@ :) :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :) :)
        :@ :@ :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :@ :@ :) :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :) :)
        :@ :@ :) :) :) :@ :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :@ :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :) :) :) :) :@ :@ :) :) :) :)
        :) :@ :@ :@ :) :) :@ :@ :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :@ :@ :@ :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        :) :) :@ :@ :) :) :) :) :) :) :) :) :)
        --------------------------------------------------
        Modificato dall' autore il 22 dicembre 2012 19.53
        --------------------------------------------------(rotfl)(rotfl)+1
    • MiniBull scrive:
      Re: Male, molto male
      - Scritto da: Voice of Reason
      Buonsenso e ragione ancora nulla possono contro
      il denaro e la potenza di colossi come Google.
      Peccato, si è sprecata un'occasione perchè la
      società civile si imponesse sull'anarchia della
      Rete.
      Ora dobbiamo domandarci: cosa deve succedere
      perchè le Autorità si sveglino?
      Meditiamo.

      Leggi chiare per internet, subito.Se proprio non riesci a smettere, almeno cambia pusher. Al più presto
    • Joe Tornado scrive:
      Re: Male, molto male
      Non fosse stato per Google, quel disgraziato sarebbe ancora lì, a subire le violenze di quei quattro XXXXXXXXX ...
      • Cobra Reale scrive:
        Re: Male, molto male
        - Scritto da: Joe Tornado
        Non fosse stato per Google, quel disgraziato
        sarebbe ancora lì, a subire le violenze di quei
        quattro XXXXXXXXX
        ...Ti quoto in toto.
      • .... scrive:
        Re: Male, molto male
        - Scritto da: Joe Tornado
        Non fosse stato per Google, quel disgraziato
        sarebbe ancora lì, a subire le violenze di quei
        quattro XXXXXXXXX
        ...Ben detto Joe! :)
    • Burp scrive:
      Re: Male, molto male
      - Scritto da: Voice of Reason
      Buonsenso e ragioneUn giorno smetteranno di sfuggirti e le troverai anche tu :) ... forse
  • tucumcari scrive:
    nessuno aveva capito
    Quali fossero i dati personali (relativi alla parte lesa) trattati da google!E infatti non lo hanno capito neppure i giudici d'appello... :DE hanno deciso di conseguenza...
  • user_ scrive:
    vividown fa schifo come berlusconiii
    vividown fa schifo come berlusconiiivividown fa schifo come berlusconiiivividown fa schifo come berlusconiii
    • thepassenge r scrive:
      Re: vividown fa schifo come berlusconiii
      - Scritto da: user_
      vividown fa schifo come berlusconiii
      vividown fa schifo come berlusconiii
      vividown fa schifo come berlusconiiipiù che altro marciare sui problemi altrui per battere cassa e acquisire notorietà è alquanto merchino, non sono proprio un bell'esempio da seguire.se avessi un figlio down di certo non mi iscriverei mai a nessuna associazione, alla fine non servono a nulla e in questo caso lo si è visto ampiamente.
  • Quelo scrive:
    Ovvio
    L'assoluzione era ovvia e per altro avrebbe obbligato ad una forma di censura preventiva col dubbio di cosa potesse essere passato e di chi potesse offendere, in ogni cosa.Anche perché dopo questi sarebbe arrivato inevitabile come le tasse, il MOIGE che e già troppo ingombrante e alla fine avrebbe veramente spaccato tutto.La questione però effettivamente resta ed è ... al di là della sentenza di appello, come hanno fatto a subire una condanna su un fatto che ora si scopre palesemente non esistente ?
    • user_ scrive:
      Re: Ovvio
      vividown fa schifo come berlusconiii
    • Leguleio scrive:
      Re: Ovvio
      - Scritto da: Quelo
      L'assoluzione era ovvia e per altro avrebbe
      obbligato ad una forma di censura preventiva col
      dubbio di cosa potesse essere passato e di chi
      potesse offendere, in ogni
      cosa.Riformuliamo la frase, perché altrimenti dici il contrario di ciò che intendi: "L'assoluzione era ovvia, e peraltro una condanna avrebbe obbligato ad una forma di censura".
      La questione però effettivamente resta ed è ...
      al di là della sentenza di appello, come hanno
      fatto a subire una condanna su un fatto che ora
      si scopre palesemente non esistente
      ?Bisogna leggere le motivazioni della sentenza d'appello per saperlo. E saranno disponibili fra due mesi. Tieni presente che i motivi di assoluzione ("per non aver commesso il fatto", "perché il fatto non costituisce reato" e altre) servono solo per riassumere in poche parole le ragioni per cui non si è ritenuto di condannare. Sono formule fisse, dei cliché. L'assoluzione per insufficienza di prove, ad esempio, è stato abolito dal codice di procedura penale del 1989, anche se esiste tuttora: il codice di procedura penale vigente, all'art. 530, comma 2, lo prevede espressamente: "Il giudice pronuncia sentenza di assoluzione anche quando manca, è insufficiente o è contraddittoria la prova che il fatto sussiste, che l'imputato lo ha commesso, che il fatto costituisce reato...".
      • Quelo scrive:
        Re: Ovvio


        Riformuliamo la frase, perché altrimenti dici il
        contrario di ciò che intendi: "L'assoluzione era
        ovvia, e peraltro una condanna avrebbe obbligato
        ad una forma di
        censura".
        Si si ... nella fretta ho omesso "L'assoluzione era ovvia e <b
        la condanna </b
        per altro avrebbe ..."
    • Sandro kensan scrive:
      Re: Ovvio
      - Scritto da: Quelo
      La questione però effettivamente resta ed è ...
      al di là della sentenza di appello, come hanno
      fatto a subire una condanna su un fatto che ora
      si scopre palesemente non esistente
      ?Concordo e direi di più, come ha tatto il pubblico ministero a ri-chiedere la conferma della condanno avuta in primo grado quando si parlava del nulla?Comunque i tre gradi di giudizio ci sono ed è bene rimangano perché le persone "strane" sono tante e a tutti i livelli compresa la magistratura.
      • Quelo scrive:
        Re: Ovvio


        Concordo e direi di più, come ha tatto il
        pubblico ministero a ri-chiedere la conferma
        della condanno avuta in primo grado quando si
        parlava del
        nulla?
        Si, cioè io la risposta non l'ho ma ho forti sospetti, perché non è la prima volta che accade in Italia. Prima non a caso ho citato il MOIGE ma potrei anche citare l'articolo 21 della Costituzione Italiana che come al solito, i vai Benigni si dimenticano di citare nell'interezza dei suoi 4 commi e che è l'unico caso nella costituzione di un paese occidentale ad introdurre il reato di espressione contro la morale pubblica (nonché l'appena decaduto "reato di bestemmia").Siccome la morale pubblica in Italia è ciò che in generale decide la chiesa e una certa forma di stato (e non necessariamente il nostro), ecco apparire strane associazioni come appunto il MOIGE che dietro la parvenza di interessi nobili come la tutela dei minori, e con la sapiente opera della Commissione Censura, ci comunicano cosa i Cardinali e il Governo non vogliono che vediamo.Internet e in particolare Youtube per loro sono un vero e proprio pericolo molto più della XXXXXgrafia e soprattutto della vera violenza quotidiana nelle sue varie forme.
  • AxAx scrive:
    Ma non è possibile...
    Scrivere un algoritmo neurale capace di scrivere delle sentenze?Ci potremmo cosi' liberare dell'inutile peso economico di giudici giuristi ed avvocati, che costano un sacco di soldi, e tutto cio' alla fine solo per poter emettere delle sentenze che dicono tutto ed il contrario di tutto e che hanno la stessa probabilità di essere giuste che se ottenute lanciando una monetina?
    • Risposta scrive:
      Re: Ma non è possibile...
      - Scritto da: AxAx
      Scrivere un algoritmo neurale capace di scrivere
      delle
      sentenze?Prova a scriverlo tu genio.
    • bubba scrive:
      Re: Ma non è possibile...
      - Scritto da: AxAx
      Scrivere un algoritmo neurale capace di scrivere
      delle
      sentenze?
      Ci potremmo cosi' liberare dell'inutile peso
      economico di giudici giuristi ed avvocati, che
      costano un sacco di soldi, e tutto cio' alla fine
      solo per poter emettere delle sentenze che dicono
      tutto ed il contrario di tutto e che hanno la
      stessa probabilità di essere giuste che se
      ottenute lanciando una
      monetina?sarebbe un'idea interessante.... ma a parte l'enorme base-dati, i problemi dei coder-giuristi sull'interpretazione (e quindi gli attacchi ai coder comunisti), e i bug, RIMANE sempre il problema che a uno dei due soggetti in giudizio, sembrera' una sentenza ingiusta.PS: ovviamente negli Stati attuali e' pura utopia... niente e' meno deterministico della legge
    • Quelo scrive:
      Re: Ma non è possibile...

      Scrivere un algoritmo neurale capace di scrivere
      delle
      sentenze?Dici come quello del pianeta Chapek 9 di Futurama ?[img]http://theinfosphere.org/images/d/d0/Computer_Judge.png[/img]
  • linux forever scrive:
    secondo me è sbagliato
    Vergognoso in questo modo si incita al bullismo, ma certe cose non possono essere difesa in nome della presunta liberta' della rete e del web.Miei cari anarchici da tastiera che esultate voi siete complici del bullismo contro quel povero ragazzo mongoloide e contro il bullismo in genere. Io una riflessione la farei.
    • Ozymandias scrive:
      Re: secondo me è sbagliato
      - Scritto da: linux forever
      Vergognoso in questo modo si incita al bullismo,
      ma certe cose non possono essere difesa in nome
      della presunta liberta' della rete e del
      web.
      Miei cari anarchici da tastiera che esultate voi
      siete complici del bullismo contro quel povero
      ragazzo mongoloide e contro il bullismo in
      genere. Io una riflessione la farei.Io invece non rinuncio alla mia libertà di esprimermi per colpa di un gruppo di cretini. Si sa chi sono, si beccano e gliela si fa pagare, non vedo cosa c'entri Youtube. E' lo stesso discorso dei rapinatori che scappano in autostrada.
    • panda rossa scrive:
      Re: secondo me è sbagliato
      - Scritto da: linux forever
      Vergognoso in questo modo si incita al bullismo,
      ma certe cose non possono essere difesa in nome
      della presunta liberta' della rete e del
      web.
      Miei cari anarchici da tastiera che esultate voi
      siete complici del bullismo contro quel povero
      ragazzo mongoloide e contro il bullismo in
      genere. Io una riflessione la
      farei.Il risultato della mia riflessione e' che tu sei un troll.Togliti quel linux dal nick.
      • Andrea Ziglioli scrive:
        Re: secondo me è sbagliato
        Secondo te i troll non usano linux?
        • panda rossa scrive:
          Re: secondo me è sbagliato
          - Scritto da: Andrea Ziglioli
          Secondo te i troll non usano linux?Usare linux richiede una intelligenza superiore, come gli stessi winari e macachi hanno piu' volte riconosciuto, direttamente o indirettamente.Quindi e' ben strano che un individuo con intelligenza superiore si metta a trollare.
          • Gianluca70 scrive:
            Re: secondo me è sbagliato
            - Scritto da: panda rossa
            - Scritto da: Andrea Ziglioli

            Secondo te i troll non usano linux?

            Usare linux richiede una intelligenza superiore,
            come gli stessi winari e macachi hanno piu' volte
            riconosciuto, direttamente o
            indirettamente.
            Quindi e' ben strano che un individuo con
            intelligenza superiore si metta a
            trollare.:) non confondere la fatica di imparare ad usarlo con l'intelligenza di chi lo usa, non c'è correlazione provata :)Per alcune versioni di Linux la curva di apprendimento è sicuramente più ripida, ma se parliamo di *Ubuntu, ah beh, a guardare i forum relativi nemmeno voi puristi siete felici del livelli di intelligenza che vi stanno arrivando addosso ;)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: secondo me è sbagliato
      Sei un troll.
    • prova123 scrive:
      Re: secondo me è sbagliato
      Proprio un bel ragionamento: i genitori allevano figli MALEDUCATI e la colpa è di Google e tutti devono farne le spese ... vai a trollare sulla riga di mezzeria in autostrada! :D
    • Sgabbio scrive:
      Re: secondo me è sbagliato
      - Scritto da: linux forever
      Vergognoso in questo modo si incita al bullismo,
      ma certe cose non possono essere difesa in nome
      della presunta liberta' della rete e del
      web.
      Miei cari anarchici da tastiera che esultate voi
      siete complici del bullismo contro quel povero
      ragazzo mongoloide e contro il bullismo in
      genere. Io una riflessione la
      farei.01/10 come trollata.Il ragazzo non era affetto dal sindromi varie ma aveva autismo, che è diverso da essere "mongoloidi".Tra l'altro i responsabili dei trattamenti erano già stati puniti, poi c'è stata l'ennesima onlus mangia soldi di turno, che voleva farsi pubblicità dando colpe che non ci stavano.
    • Guybrush scrive:
      Re: secondo me è sbagliato
      - Scritto da: linux forever
      Vergognoso in questo modo si incita al bullismo,
      ma certe cose non possono essere difesa in nome
      della presunta liberta' della rete e del
      web.
      Miei cari anarchici da tastiera che esultate voi
      siete complici del bullismo contro quel povero
      ragazzo mongoloide e contro il bullismo in
      genere. Io una riflessione la
      farei....dove? Quale riflessione? Qui non trovo scritto nulla.
      • tucumcari scrive:
        Re: secondo me è sbagliato
        - Scritto da: Guybrush
        - Scritto da: linux forever

        Vergognoso in questo modo si incita al bullismo,

        ma certe cose non possono essere difesa in nome

        della presunta liberta' della rete e del

        web.

        Miei cari anarchici da tastiera che esultate voi

        siete complici del bullismo contro quel povero

        ragazzo mongoloide e contro il bullismo in

        genere. Io una riflessione la

        farei.

        ...dove? Quale riflessione? Qui non trovo scritto
        nulla.Forse voleva dire "flessione" ;)
    • Burp scrive:
      Re: secondo me è sbagliato
      - Scritto da: linux forever
      Io una riflessione la farei.Ecco bravo, rileggiti e fatti una riflessione :DSe il tuo scopo era renderti ridicolo con una fallacia grossa come una casa e una trollatina deboluccia, ci sei riuscito *clap clap clap* (rotfl)
    • max59 scrive:
      Re: secondo me è sbagliato
      - Scritto da: linux forever
      Vergognoso in questo modo si incita al bullismo,
      ma certe cose non possono essere difesa in nome
      della presunta liberta' della rete e del
      web.
      Miei cari anarchici da tastiera che esultate voi
      siete complici del bullismo contro quel povero
      ragazzo mongoloide e contro il bullismo in
      genere. Io una riflessione la
      farei.Quindi pensi che qualcuno vedendo il filmato possa copiarli? (newbie)Allora se vediamo un film poliziesco andiamo tutti a fare rapine?(rotfl)Il violento aggredisce per scelta sua, non diamogli giustificazioni che attenuerebbero la giusta punizione. :@
  • Leguleio scrive:
    Due mesi?!?
    Due mesi prima di depositare le motivazioni? E dopo una pausa fra l'ultima udienza e la pronuncia della sentenza di 9 giorni? L'Italia si distingue sempre. Nota per la redazione: non è un "giudice meneghino" (ammesso che la provenienza geografica abbia qualche interesse): la corte d'appello è sempre composta da 3 giudici.
    • Gennarino B scrive:
      Re: Due mesi?!?
      Sembri affranto, cos'é il vostro sgangherato ordinicchio dei giornalisti sperava in una condanna del demone google?Incassate e portate a casa!
    • Gennarino B scrive:
      Re: Due mesi?!?
      Pensa alle tonnellate di caratteri che hai BUTTATO nel tentativo di moralizzare i commentatori di PI .. che spreco di tempo .. forse é ora di darsi al giardinaggio
      • Pasqualino Scognamigl io scrive:
        Re: Due mesi?!?
        - Scritto da: Gennarino B
        Pensa alle tonnellate di caratteri che hai
        BUTTATO nel tentativo di moralizzare i
        commentatori di PI .. che spreco di tempo ..
        forse é ora di darsi al
        giardinaggioBen detto paisà. L'oro di Napoli!
    • 123 scrive:
      Re: Due mesi?!?
      - Scritto da: Leguleio
      Due mesi prima di depositare le motivazioni? E
      dopo una pausa fra l'ultima udienza e la
      pronuncia della sentenza di 9 giorni? L'Italia si
      distingue sempre.


      Nota per la redazione: non è un "giudice
      meneghino" (ammesso che la provenienza geografica
      abbia qualche interesse): la corte d'appello è
      sempre composta da 3
      giudici.di solito sono persone proveninete ida aree ben precise dello Stivale a prendere la strada dell'impiego pubblico: la conseguenza e' che tribunali, scuole, uffici postali etc di tutta italia sono impestate da carrettate di ciccirinella....
  • panda rossa scrive:
    L'estraneità dell'intermediario
    Finalmente anche in italia la magistratura ha sancito con una sentenza esemplare l'estraneita' dell'intermediario.Questo 2012 sta proprio concludendosi in un crescendo trionfale!
    • thebecker scrive:
      Re: L'estraneità dell'intermediario
      - Scritto da: panda rossa
      Finalmente anche in italia la magistratura ha
      sancito con una sentenza esemplare l'estraneita'
      dell'intermediario.

      Questo 2012 sta proprio concludendosi in un
      crescendo
      trionfale!Non solo, leggi questa notizia:http://www.tomshw.it/cont/news/artisti-e-autori-finalmente-liberi-di-non-scegliere-siae/41959/1.htmlSperiamo che sia una svolta epocale per cancellare i parassiti della SIAE!
      • bubba scrive:
        Re: L'estraneità dell'intermediario
        - Scritto da: thebecker
        - Scritto da: panda rossa

        Finalmente anche in italia la magistratura ha

        sancito con una sentenza esemplare l'estraneita'

        dell'intermediario.



        Questo 2012 sta proprio concludendosi in un

        crescendo

        trionfale!

        Non solo, leggi questa notizia:
        http://www.tomshw.it/cont/news/artisti-e-autori-fi
        Speriamo che sia una svolta epocale per
        cancellare i parassiti della
        SIAE!mhh hai capito male mi sa... e' un modo per creare NUOVI parassiti (che ovviamente si dicono meglio della siae.. o, meglio, dell'imaie... ma c'e' poco da fidarsi... )."viva e vibrante soddisfazione" ma ovviamente nessuna parola sui Privilegi Osceni accumulati nei decenni nella legislazione :P
      • Sgabbio scrive:
        Re: L'estraneità dell'intermediario
        la pagina non esiste.
    • ThEnOra scrive:
      Re: L'estraneità dell'intermediario
      Ma Magi ti ha già dato le motivazioni??? Ce le dici?
      • Leguleio scrive:
        Re: L'estraneità dell'intermediario
        - Scritto da: ThEnOra
        Ma Magi ti ha già dato le motivazioni??? Ce le
        dici?Oscar Magi era il giudice monocratico, non c'entra nulla qui. La competenza del proXXXXX d'appello è di tre giudici.
        • ThEnOra scrive:
          Re: L'estraneità dell'intermediario
          - Scritto da: Leguleio
          - Scritto da: ThEnOra

          Ma Magi ti ha già dato le motivazioni??? Ce
          le

          dici?

          Oscar Magi era il giudice monocratico, non
          c'entra nulla qui. La competenza del proXXXXX
          d'appello è di tre
          giudici.Giusto. Ero in sovrappensiero e me ne sono accorto dopo che l'ho riletto... ma non avevo voglia di modificarlo. Bene che mi hai corretto.
      • tucumcari scrive:
        Re: L'estraneità dell'intermediario
        - Scritto da: ThEnOra
        Ma Magi ti ha già dato le motivazioni??? Ce le
        dici?Ma perchè non smetti di fumare pesante?Guarda che le motivazioni di Magi riguardano la prima sentenza non l'appello!Invece che trolleggiare a vanvera vedi se riesci di tanto in tanto a rientrare nel mondo reale!
    • Quelo scrive:
      Re: L'estraneità dell'intermediario
      - Scritto da: panda rossa
      Finalmente anche in italia la magistratura ha
      sancito con una sentenza esemplare l'estraneita'
      dell'intermediario.
      Evvai ... grande passo, ciò significa che nel 2050 o giù di lì, riusciremo (forse) ad ottenere anche la completa libertà di espressione.
Chiudi i commenti