BlackBerry tra licenziamenti, app e nuovi smartphone

La corporation canadese le prova tutte per tornare alla redditività: licenzia migliaia di impiegati, regala applicazioni per gli OS mobile della concorrenza e presenta il suo più grosso telefonino

Roma – Il destino di BlackBerry Ltd. è in divenire ora più che mai , e nel tentativo di risollevarsi da una posizione di mercato sempre più tendente all’irrilevanza la corporation canadese starebbe al momento valutando l’ennesimo, doloroso licenziamento di massa.

Le nuove indiscrezioni arrivano dal Wall Street Journal e parlano di un taglio a dir poco radicale, uno sfoltimento del 40 per cento della forza lavoro della ex-RIM, il che equivale a dire il licenziamento pianificato di oltre 5mila lavoratori. Questa ennesima “ristrutturazione” verrà messa in pratica a ondate, spiegano le fonti anonime del WSJ , e colpiranno tutti i dipartimenti della corporation.

Interrogata sulla faccenda, BlackBerry non conferma né smentisce, limitandosi a dire di essere impegnata in movimenti “organizzativi” che hanno l’obiettivo di assicurare alla società il posizionamento delle “persone giuste” nei posti giusti per catturare “nuove opportunità nel mobile computing”.

Parlando di queste presunte “nuove opportunità nel mobile computing”, in effetti BlackBerry è impegnata in un cambio di strategia sostanzioso come dimostra l’ormai prossimo lancio del servizio BlackBerry Messenger per ecosistemi Apple e Android. L’app per accedere a BBM sarà disponibile sui due principali sistemi operativi mobile in circolazione entro il week-end, comunica BB , non costerà nemmeno un centesimo e mancherà – almeno inizialmente – dei servizi di chiamata video e audio già disponibile agli utenti di dispositivi BlackBerry.

Tra ristrutturazioni e apparenti “svendite” di quelli che non molto tempo fa rappresentavano i gioielli della corona degli asset di RIM, il produttore canadese trova anche il tempo di annunciare un nuovo smartphone con schermo extra-large con il nome commerciale di BlackBerry Z30 .


Il nuovo gadget è “lo smartphone più grande, veloce, e avanzato” distribuito da BlackBerry, sostiene la corporation, ed è dotato di schermo Super AMOLED da 5 pollici, una CPU quad-core con clock a 1,7GHz, altoparlanti stereo con componente “BlackBerry Natural Sound”, batteria da 2.880mAh per una durata massima di 25 ore prima della necessità di una ricarica.

BlackBerry Z30 verrà naturalmente distribuito con una nuova versione dell’OS proprietario creato da RIM (BlackBerry 10.2), mentre per quanto riguarda la disponibilità concreta sul mercato si parla della prossima settimana per il Regno Unito e il Medioriente, mentre per il resto del mondo di prima delle vacanze natalizie. Il prezzo varierà da regione a regione e secondo le offerte dei carrier.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Penso che il discorso sia banale
    Se una attività conviene farla e si guadagna bene si va avanti, altrimenti (come in tante altre attività) è neglio chiudere e non buttare via altro denaro inutilmente. :)
    • samba scrive:
      Re: Penso che il discorso sia banale
      No! io voglio vendere il ghiaccio, ma i frigoriferi mi rovinano il mercato. Impediamo ai frigoriferi di scendere sotto lo 0 e mettiamo una tassa sull'acquisto che finanzi i venditori di ghiaccio!ecchecavolo!
      • tucumcari scrive:
        Re: Penso che il discorso sia banale
        - Scritto da: samba
        No! io voglio vendere il ghiaccio, ma i
        frigoriferi mi rovinano il mercato. Impediamo ai
        frigoriferi di scendere sotto lo 0 e mettiamo una
        tassa sull'acquisto che finanzi i venditori di
        ghiaccio!

        ecchecavolo!purtroppo c'è un sacco di gente qui in groenlandia che non ne vule sapere lo stesso di comprare il mio giaccio. :(Faremo pressione sul governo Danese per nuclearizzare il tutto e risolvere il problema alla radice! :DDopo tutto in qualche modo bisognerà pagare il mutuo della mia piscina nuova!
      • Papple scrive:
        Re: Penso che il discorso sia banale
        - Scritto da: samba
        No! io voglio vendere il ghiaccio, ma i
        frigoriferi mi rovinano il mercato. Impediamo ai
        frigoriferi di scendere sotto lo 0 e mettiamo una
        tassa sull'acquisto che finanzi i venditori di
        ghiaccio!

        ecchecavolo!Guarda che esistono aziende che producono e vendono ghiaccio per uso sia alimentare che industrialehttp://www.ice-man.it/video_fabbrica_del_ghiaccio.html
        • Donatello scrive:
          Re: Penso che il discorso sia banale


          No! io voglio vendere il ghiaccio, ma i

          frigoriferi mi rovinano il mercato.
          Impediamo
          ai

          frigoriferi di scendere sotto lo 0 e
          mettiamo
          una

          tassa sull'acquisto che finanzi i venditori
          di

          ghiaccio!



          ecchecavolo!

          Guarda che esistono aziende che producono e
          vendono ghiaccio per uso sia alimentare che
          industrialePiccola digressione: gli esempi di quelli che vogliono polemizzare con questo o quel provvedimento si limitano in genere ai venditori di ghiaccio e ai negozi di sviluppo foto su pellicola... ed entrambi esistono ancora. (rotfl). Il fatto che siano diminuiti non significa che in ambito professionale non ci sia ancora bisogno di loro. Le professioni totalmente estinte esistono, ma evidentemente sono al di là delle loro conoscenze.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale
            stai girando intorno.
          • Donatello scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale
            Strano che non sto facendo il dito e la Luna.E come mai non ci sono errori di ortografia? I messaggi di Sg@bbio ne hanno uno per riga. Sicuro che sei tu?
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale
            ottimi argomenti, da premio nobel.
          • Donatello scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale
            Hai visto? C'è chi almeno nelle intenzioni punta al Nobel, e chi punta ad omologare il record nel Guinness dei primati: numero di volte che scrive sui forum "il dito e la Luna".A me la seconda opzione non interessa né punto né poco. :-D
          • Luco, giudice di linea mancato scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale
            - Scritto da: Donatello


            No! io voglio vendere il ghiaccio, ma i


            frigoriferi mi rovinano il mercato.

            Impediamo

            ai


            frigoriferi di scendere sotto lo 0 e

            mettiamo

            una


            tassa sull'acquisto che finanzi i
            venditori

            di


            ghiaccio!





            ecchecavolo!



            Guarda che esistono aziende che producono e

            vendono ghiaccio per uso sia alimentare che

            industriale

            Piccola digressione: gli esempi di quelli che
            vogliono polemizzare con questo o quel
            provvedimento si limitano in genere ai venditori
            di ghiaccio e ai negozi di sviluppo foto su
            pellicola... ed entrambi esistono ancora.
            (rotfl).

            Il fatto che siano diminuiti non significa che in
            ambito professionale non ci sia ancora bisogno di
            loro.


            Le professioni totalmente estinte esistono, ma
            evidentemente sono al di là delle loro
            conoscenze.Anche chi vende biada esiste ancora, ma oggi io trovo assai più facilmente un benzinaio che un venditore di biada.La <b
            *gente comune* </b
            la biada non la vuole, perché non ha più da andare a cavallo o a dorso di mulo...
          • Donatello scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale




            tassa sull'acquisto che finanzi i

            venditori


            di



            ghiaccio!







            ecchecavolo!





            Guarda che esistono aziende che
            producono
            e


            vendono ghiaccio per uso sia alimentare
            che


            industriale



            Piccola digressione: gli esempi di quelli che

            vogliono polemizzare con questo o quel

            provvedimento si limitano in genere ai
            venditori

            di ghiaccio e ai negozi di sviluppo foto su

            pellicola... ed entrambi esistono ancora.

            (rotfl).



            Il fatto che siano diminuiti non significa
            che
            in

            ambito professionale non ci sia ancora
            bisogno
            di

            loro.





            Le professioni totalmente estinte esistono,
            ma

            evidentemente sono al di là delle loro

            conoscenze.

            Anche chi vende biada esiste ancora, ma oggi io
            trovo assai più facilmente un benzinaio che un
            venditore di
            biada.Infatti io parlavo solo della loro esistenza e sopravvivenza al mutare dei tempi, e non di altro. Non consiglierei mai a qualcuno di mettersi a vendere biada; ma se non ci fossero anche loro, dovremmo fare a meno definitivamente dei cavalli, dei maneggi e degli ippodromi.
            La <b
            *gente comune* </b
            la biada
            non la vuole, perché non ha più da andare a
            cavallo o a dorso di
            mulo...E però, finché negozi che la vendono esistono, (http://sicem.gruppocarli.com/pro_linea_cavalli.asp?categoria=Foraggi) usarlo come esempio convince poco. Se proprio dovessi cercare professioni scomparse, io punterei sullo stagnaio, sul monotipista e sul calafato. Alcune professioni nemmeno ci si ricorda più in che consistono. ;-)
          • cicciobello scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale
            Ti propongo un esempio io: venditore di fuoco (prima che inventassero i fiammiferi, se volevi accendere il fuoco dovevi averne uno già acceso, e c'era chi vendeva i tizzoni).Tra l'altro, il fuoco è piratabile: se il mio vicino compra un tizzone da te, ed io, invece di fare altrettanto, aspetto che il mio vicino abbia acceso il caminetto poi arrivo con un pezzo di legno e gli chiedo di farmelo accendere, si può forse dire che ho rubato il fuoco? (in tal caso, Prometeo sarebbe il primo pirata della storia)
          • saverio_ve scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale
            - Scritto da: cicciobello
            Ti propongo un esempio io: venditore di fuoco
            (prima che inventassero i fiammiferi, se volevi
            accendere il fuoco dovevi averne uno già acceso,
            e c'era chi vendeva i
            tizzoni).
            Tra l'altro, il fuoco è piratabile: se il mio
            vicino compra un tizzone da te, ed io, invece di
            fare altrettanto, aspetto che il mio vicino abbia
            acceso il caminetto poi arrivo con un pezzo di
            legno e gli chiedo di farmelo accendere, si può
            forse dire che ho rubato il fuoco? (in tal caso,
            Prometeo sarebbe il primo pirata della
            storia)Il tuo esempio è un tantino scorretto come tutta questa palla dei mestieri in estinzione.Colui che ti vende il tizzone si fa pagare il trasporto, non "il fuoco". Perché lui non ha prodotto "il fuoco". Quindi se te lo trasporti da te (andando dal vicino) è legittimo non pagare nulla.Il venditore di ghiaccio smette di lavorare perché il suo lavoro non è più necessario, il ghiaccio te lo produci da te.Copiando un film non rendi inutile il lavoro della produzione cinematografica, perché senza di essa non avresti nulla da copiare.Ora possiamo discutere in che termini sia corretto far valere il copyright e che prezzi.Ma smettiamo di dire cose che non hanno alcun senso.
          • cicciobello scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale

            Il tuo esempio è un tantino scorretto come tutta
            questa palla dei mestieri in
            estinzione.
            Colui che ti vende il tizzone si fa pagare il
            trasporto, non "il fuoco".Si faceva pagare anche la fatica di aver acceso il fuoco (cosa non molto facile) e di averlo tenuto acceso fino a quel momento lì; significava sorvegliarlo sempre, ed aggiungere combustibile: in epoca romana, le sacerdotesse vestali in pratica si dedicavano solo a quello, ed era un lavoro a tempo pieno
            Perché lui non ha
            prodotto "il fuoco".Dipende da cosa intendi con "produrre".
            Quindi se te lo trasporti da
            te (andando dal vicino) è legittimo non pagare
            nulla.Anche un venditore di dvd allora si fa pagare il trasporto: lui non ha prodotto il dvd. Se ti fai da solo il dvd (masterizzandolo) è legittimo non pagare nulla?
            Il venditore di ghiaccio smette di lavorare
            perché il suo lavoro non è più necessario, il
            ghiaccio te lo produci da
            te.
            Copiando un film non rendi inutile il lavoro
            della produzione cinematografica, perché senza di
            essa non avresti nulla da
            copiare.Anche se il venditore di fuoco non avesse venduto il tizzone al tuo vicino tu non avresti nulla con cui accendere il tuo.Inoltre... quando è avvenuto il lavoro della produzione cinematografica? Quale contratto aveva stipulato, e con chi?
          • saverio_ve scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale
            - Scritto da: cicciobello

            Il tuo esempio è un tantino scorretto come
            tutta

            questa palla dei mestieri in

            estinzione.

            Colui che ti vende il tizzone si fa pagare il

            trasporto, non "il fuoco".

            Si faceva pagare anche la fatica di aver acceso
            il fuoco (cosa non molto facile) e di averlo
            tenuto acceso fino a quel momento lì; significava
            sorvegliarlo sempre, ed aggiungere combustibile:
            in epoca romana, le sacerdotesse vestali in
            pratica si dedicavano solo a quello, ed era un
            lavoro a tempo
            pieno


            Perché lui non ha

            prodotto "il fuoco".

            Dipende da cosa intendi con "produrre". Stai cavillando la discussione per evitare il concetto che invece penso sia chiaro.
            Anche un venditore di dvd allora si fa pagare il
            trasporto: lui non ha prodotto il dvd. Se ti fai
            da solo il dvd (masterizzandolo) è legittimo non
            pagare nulla?Falso! il prezzo del dvd è trasporto (venditore) ma soprattutto casa cinematografica (produttore del bene).Se ti compri il dvd, ti giri il film, lo monti e poi lo masterizzi... ti puoi fare tutte le copie che vuoi!Ma questo l'hai capito e stai facendo lo gnorri.


            Il venditore di ghiaccio smette di lavorare

            perché il suo lavoro non è più necessario, il

            ghiaccio te lo produci da

            te.

            Copiando un film non rendi inutile il lavoro

            della produzione cinematografica, perché
            senza
            di

            essa non avresti nulla da

            copiare.

            Anche se il venditore di fuoco non avesse venduto
            il tizzone al tuo vicino tu non avresti nulla con
            cui accendere il
            tuo.

            Inoltre... quando è avvenuto il lavoro della
            produzione cinematografica? Quale contratto aveva
            stipulato, e con
            chi?Hai fatto finta di non leggere il punto fondamentale... a differenza del produttore di ghiaccio e venditore di tizzoni, se la casa cinematografica chiude il tuo masterizzatore (a differenza di un frigo o di un accendisigari) lo usi come fermaporta.
          • cicciobello scrive:
            Re: Penso che il discorso sia banale

            Falso! il prezzo del dvd è trasporto (venditore)
            ma soprattutto casa cinematografica (produttore
            del
            bene).
            Se ti compri il dvd, ti giri il film, lo monti e
            poi lo masterizzi... ti puoi fare tutte le copie
            che
            vuoi!
            Ma questo l'hai capito e stai facendo lo gnorri.Io ho capito perfettamente. E ti sto dicendo che non c'è nessuna differenza con il venditore di fuoco: il grosso del lavoro non è portare il tizzone a casa tua: è tenere acceso il fuoco da cui hai preso quel tizzone.Ti ricordo che, nell'esempio che ti ho fatto, io non ho l'accendino o i fiammiferi: ho acceso il fuoco con un pezzo di legno acceso nel camino del mio vicino di casa.Se il venditore di tizzoni chiude, non potrò più accendere il fuoco così, perchè anche il mio vicino avrà il fuoco spento e non saprà come accenderlo.
            Hai fatto finta di non leggere il punto
            fondamentale... a differenza del produttore di
            ghiaccio e venditore di tizzoni, se la casa
            cinematografica chiude il tuo masterizzatore (a
            differenza di un frigo o di un accendisigari) lo
            usi come
            fermaporta.Tu hai frainteso quello che ho scritto, leggi sopra. E comunque, il masterizzatore serve in ogni caso per i backup, nel caso tu non lo sapessi.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Penso che il discorso sia banale
          Appunto professionali, non certo per uso domestico.
      • Luco, giudice di linea mancato scrive:
        Re: Penso che il discorso sia banale
        - Scritto da: samba
        No! io voglio vendere il ghiaccio, ma i
        frigoriferi mi rovinano il mercato.Il tuo collega qui si mise a vendere frigoriferi e dopo tanti anni la ditta è ancora in attività.
  • Winaro scrive:
    meno male che
    ... che c'è BING! Di Microsoft Corp-(TM).Io ormai uso solo quello, funziona molto meglio di Google e da un sacco di siti utili.Google ormai non è più nemmeno un motore di ricerca, è una trappola per spiare gli utenti, sia con il suo portale che con i suoi ervizi pubblicitari, ma sopratutto con quell'aborto pieno di virus che è Android.Io consiglio sempre di mettere la home page del browser su BING ed usare solo quello, trova comuqnue di tutto ed è più sicuro che usare google. Purtroppo Google cha fallito nella sua missione di motore di ricerca ed è solo un succube delle case cinematografiche (basta vedere tutti i link che appaiono rimossi, o le limitazioni geografiche imposte su youtube) ed un affiliato dell'NSA.Almeno Microsoft ha un po di dignità e tiene la schiena dritta di fronte a certe arroganti pressioni.Che dire, ancora una volta - nonostante le critiche ingrate - Microsoft si dimostra per quello che è: il paladino della libertà su internet.Parola di Winaro! ;)
    • cicciobello scrive:
      Re: meno male che

      Purtroppo Google cha fallito nella sua
      missione di motore di ricerca ed è solo un
      succube delle case cinematografiche (basta vedere
      tutti i link che appaiono rimossi, o le
      limitazioni geografiche imposte su youtube) ed un
      affiliato
      dell'NSA.
      Almeno Microsoft ha un po di dignità e tiene la
      schiena dritta di fronte a certe arroganti
      pressioni.Quindi con Bing si trovano più film piratati?
      • Winaro scrive:
        Re: meno male che
        - Scritto da: cicciobello

        Purtroppo Google cha fallito nella sua

        missione di motore di ricerca ed è solo un

        succube delle case cinematografiche (basta
        vedere

        tutti i link che appaiono rimossi, o le

        limitazioni geografiche imposte su youtube)
        ed
        un

        affiliato

        dell'NSA.

        Almeno Microsoft ha un po di dignità e tiene
        la

        schiena dritta di fronte a certe arroganti

        pressioni.

        Quindi con Bing si trovano più film piratati?Ovviamente! Basta saper cercare... 8)Parola di Winaro! ;)
        • bubba scrive:
          Re: meno male che
          - Scritto da: Winaro

          Quindi con Bing si trovano più film piratati?

          Ovviamente! Basta saper cercare... 8)

          Parola di Winaro! ;)allora l'MPAA puo castigarla due volte? :)
  • bubba scrive:
    molteplici soluzioni, in effetti
    cari sgherri di hollywood ci sono molteplici facili soluzioni al problema1* comprare google (com'e' gia stato detto)2* creare un nuovo motore di ricerca, farlo bello pulito come piace a voi, e renderlo piu efficiente e noto di google3* comprare i maggiori ISP mondiali, e filtrare l'universo4* uccidere il 50% degli utenti internet del mondo (eh si perche anche chi non ha mai scaricato un film copyrighted ,sicuramente ha sentito almeno un midi o visto una foto non licenziata.. vorremmo mica fargliela passare liscia ?)5* come punto 4, ma s/uccidere/fare causa a/6* pretendere molto meno dal licensing, per favorire la nascita di nuovi e vecchi netflix (... visto che agli utenti -pare- piace... )
  • Skywalkersenior scrive:
    Farò causa a Google...
    ...perché Maps mi ha portato in una strada piena di trans!
    • anverone99 scrive:
      Re: Farò causa a Google...
      - Scritto da: Skywalkersenior
      ...perché Maps mi ha portato in una strada piena
      di
      trans!ehee.. ma devi dimostrare di non averci voluto andare apposta!!!
      • Skywalkersenior scrive:
        Re: Farò causa a Google...
        - Scritto da: anverone99
        - Scritto da: Skywalkersenior

        ...perché Maps mi ha portato in una strada piena

        di

        trans!

        ehee.. ma devi dimostrare di non averci voluto
        andare
        apposta!!!Può bastare il certificato dell'esame della prostata? :-)
  • Free Internet scrive:
    ...
    RIAA:[yt]k4e6x_LucIE[/yt]
  • Vindicator scrive:
    Problema di semplice soluzione
    cara MPAA, compratevi Google, così potrete filtrare tutti i contenuti che vorrete.la pacchia è finita, da tempo, o si adeguano o faranno la fine di tutte le specie che l'evoluzione ha deciso di tagliare.
    • Skywalkersenior scrive:
      Re: Problema di semplice soluzione
      - Scritto da: Vindicator
      cara MPAA, compratevi Google, così potrete
      filtrare tutti i contenuti che
      vorrete.
      Mi sa che in questo momento, neanche mettendosi tutte insieme le majors riuscirebbero a comprarsi Google
  • cicciobello scrive:
    Ricerca del titolo
    Se io inserisco in un motore di ricerca il titolo di un film, cosa dovrebbe restituirmi il motore di ricerca se non i siti con tale film?Se tali siti sono tutti pirata, la colpa non è del motore di ricerca: e non è come nel caso di materiale pedoXXXXXgrafico, dove l'utente ha scritto una query già illegale: scrivere il titolo di un film è una azione normalissima.Se i primi risultati soni quelli pirata, è solo perchè non esistono siti legali che offrano lo stesso servizio. Ma tocca a loro farli, e a nessun altro(altrimenti sarebbero siti pirata anche quelli)
    • The Dude scrive:
      Re: Ricerca del titolo
      - Scritto da: cicciobello
      Se io inserisco in un motore di ricerca il titolo
      di un film, cosa dovrebbe restituirmi il motore
      di ricerca se non i siti con tale
      film?Ad esempio siti che mi dicono il genere o gli attori o il regista o la trama...sbaglio?
      • panda rossa scrive:
        Re: Ricerca del titolo
        - Scritto da: The Dude
        - Scritto da: cicciobello

        Se io inserisco in un motore di ricerca il
        titolo

        di un film, cosa dovrebbe restituirmi il
        motore

        di ricerca se non i siti con tale

        film?

        Ad esempio siti che mi dicono il genere o gli
        attori o il regista o la
        trama...sbaglio?Infatti e' cosi'.Il primo risultato e' sempre la pagina di wikipedia relativa al film, con attori, trama etc...
    • Luco, giudice di linea mancato scrive:
      Re: Ricerca del titolo
      - Scritto da: cicciobello
      e non è come nel caso di
      materiale pedoXXXXXgrafico, dove l'utente ha
      scritto una query già illegaleMa anche no. Dipende dalla query.E comunque, la visione di materiale pedoXXXXXgrafico non è illegale, quindi a maggior ragione non può esserlo la query.
  • Cetto scrive:
    Un consiglio...
    Un consiglio alla MPAA: http://www.youtube.com/watch?v=m-aniywfbz4
  • cicciobello scrive:
    Blocchi su Chrome?
    Chi glielo spiega che Chrome è opensource? Se metti dei blocchi al suo interno, gli utenti li tolgono.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Blocchi su Chrome?
      contenuto non disponibile
    • Dottor Stranamore scrive:
      Re: Blocchi su Chrome?
      - Scritto da: cicciobello
      Chi glielo spiega che Chrome è opensource? Se
      metti dei blocchi al suo interno, gli utenti li
      tolgono.Gli vuoi dire una cosa sbagliata?Chrome non è opensource, è solo freeware. Chromium è opensource.
      • Sg@bbio scrive:
        Re: Blocchi su Chrome?
        Secondo te, su dove si basa Google chrome ?
        • Dottor Stranamore scrive:
          Re: Blocchi su Chrome?
          - Scritto da: Sg@bbio
          Secondo te, su dove si basa Google chrome ?Cosa che non c'entra niente perché poi può fare le sue aggiunte proprietarie e la licenza che usa non è open source. Torna in classe ora.
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Blocchi su Chrome?
            Google manda avanti Chromium, tanto per dirne una e tutte le feature che ha chromium ci stanno pure per google chorme.
  • Sg@bbio scrive:
    Deliri e diffamazione
    Già il fatto nel mettere nello stesso piano la PEDOXXXXXGRAFIA alla pirateria è un insulto bello e buono da parte di un esponente di una categoria più tutelata al mondo.Chiedere ai browser web di "bloccare le pagine pirata" è una cosa cosi impossibile da applicare che fa ridere i polli.
Chiudi i commenti