Blade Runner e Star Wars, di nuovo al cinema

La saga di George Lucas tornerà con una versione 3D di tutte e due le trilogie. Il capolavoro di Ridley Scott, invece, è seriamente a rischio di prequel e sequel

Roma – Vedrete cose che voi umani non potreste vorreste immaginare, repliche di replicanti nei cinema, spade laser balenare nel buio in tre dimensioni. Tutto perché i produttori hanno deciso di riportare al cinema Guerre Stellari fregiandolo della nuova tecnologia 3D, e di sfruttare il cult movie Blade Runner con un prequel e/o sequel.

Quello che succederà a Star Wars è chiaro e in parte già prestabilito: fare uscire un film al mese in versione 3D partendo da Episodio I. LucasFilm ha già annunciato che sarà nei cinema il 10 febbraio 2012 . A collaborare con la casa di produzione di George Lucas vi sarà Industrial Light & Magic , famigerata azienda nel campo degli effetti speciali digitali fondata dallo stesso regista proprio per dare vita agli effetti speciali di Star Wars. Per chi non riuscirà a sopportare l’attesa, tutta l’esalogia uscirà in versione rimasterizzata in Blu-ray nel 2011.

Il piano commerciale prevede di mettere mano non solo all’ultima trilogia della saga, ma anche a quella originale e più amata dai fan : prevedibile la bagarre che questo causerà tra gli appassionati più accalorati, e difficile non richiamare alla mente la puntata in cui i Simpson si ritrovano al cinema sottoposti ad un nuovo capitolo della saga svuotato ormai di spirito fiabesco, vivacità e passione. Per i più ottimisti , invece, l’affronto vale la possibilità di vedere se la gara con i pod che il giovane Anakin Skywalker fa su Tatooine reggerà il confronto con il volo dei draghi di Avatar o la corsa con le moto di Tron Legacy.

Oltre a Guerre Stellari, le vene dei polsi degli appassionati di fantascienza tremano anche all’ annuncio di sequel e prequel per un altro cult come Blade Runner : il film che nel nel 1982 Ridley Scott ha tratto dal romanzo di P. K. Dick “Gli androidi sognano pecore elettriche?”.

Ad acquistarne i diritti è stata Alcon Entertainment, una casa di produzione che non ha grandi titoli nella sua filmografia. “Abbiamo qualche idea, ma non possiamo ancora discuterla – ha detto il co-CEO Andrew Kosove – tuttavia posso dire che dal nostro punto di vista il tema centrale del film originale (che significa essere umano?) è oggi ancora più attuale”.

L’altro CEO dell’azienda è poi Bud Yorkin, produttore esecutivo del film di Ridley Scott: non si sa se quest’ultimo farà parte o meno del progetto. Alcon, in ogni caso, conosce il rischio che corre con il titolo che ha nelle mani: “Dobbiamo rendere giustizia alla memoria dell’originale con ognuno dei prequel o dei sequel che abbiamo in programma. Con il franchise, in ogni caso, abbiamo obiettivi di lungo periodo e stiamo esplorando concetti multipiattaforma”. Qualsiasi cosa ciò possa significare.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ninjaverde scrive:
    Risate
    Lo hanno estromesso da FACESCHIF?Ha perso gli "amici"POVERNO!!!!E adesso come fa? :'(No so perchè: mi viene da ridere! (rotfl)
    • ninjaverde scrive:
      Re: Risate
      - Scritto da: ninjaverde
      Lo hanno estromesso da FACESCHIF?
      Ha perso gli "amici"
      POVERNO!!!!
      E adesso come fa? :'(

      No so perchè: mi viene da ridere! (rotfl)Tuttavi la cosa fa pensare, visto che Face sfrutta la stupidità umana.Quindi è di fatto un centro di potere. @^
  • panda rossa scrive:
    Meno male che ha perso!
    Un candidato che affida la propria immagine pubblica a fessbuk e' stato un bene che abbia perso le elezioni.Il mondo intero ci ha guadagnato!
    • sentinel scrive:
      Re: Meno male che ha perso!
      - Scritto da: panda rossa
      Un candidato che affida la propria immagine
      pubblica a fessbuk e' stato un bene che abbia
      perso le
      elezioni.

      Il mondo intero ci ha guadagnato!Quoto++;
  • Francesco scrive:
    Un altro gonzo
    Un altro gonzo che:1) Non ha letto le condizioni al momento della sottoscrizione.2) Pretende che un servizio gratuito sia disponibile ed affidabile come il battito cardiaco.3) Si fida dei computer gestiti da altri.bye
    • Jacopo Monegato scrive:
      Re: Un altro gonzo
      ah tempo fa, verso le ultime elezioni, è capitato che una pagina intitolata "a son fiero de essar veneto" da un giorno all'altro è cambiata in immagini e contenuti per diventare la pagina ufficiale del movimento di indipendenza veneto... la cosa fece incavolare alcuni di noi perché quando abbiamo chiesto spiegazioni tra uno slogan e l'altro dicevano noi abbiamo 16 mila persone (gli iscritti alla pagina) che la pensano come noi solo qui su face state zitti voi... blah blah blah... eppure non è stata chiusa nonostante segnalazioni eccetera... che pacco -.-
      • Mettiuz scrive:
        Re: Un altro gonzo
        Ricordo che ora c'è una segnalazione in caso di cambiamenti al nome della pagina proprio per evitare queste situazioni, se non ti sta bene basta cancellare l'iscrizione...magari da 16 mila passano a 4 gatti e fine della storia, se restano 16 mila e tu non ne fai parte sono affari loro e fine della storia comunque.
Chiudi i commenti