Blu-ray accoglie i dischi da 128GB

Il consorzio di aziende che sviluppa lo standard Blu-ray ha pubblicato la nuova specifica BDXL, che apre la strada a dischi BD-R e BD-RE con capacità maggiore rispetto a quella attuale

Roma – Come preannunciato lo scorso aprile, Blu-ray Disc Association ( BDA ) ha completato la stesura della nuova specifica BDXL , che estende la capacità massima dei supporti Blu-ray a 128 GB.

Del formato BDXL esistono due versioni: una riscrivibile (RE) a triplo layer, con capacità di 100 GB, e una registrabile (R) a quadruplo layer, con capacità di 128 GB.

“BDA ha lavorato con impegno nel realizzare un’estensione del formato Blu-ray Disc capace di far leva sulla struttura fisica del design del disco per estenderne la capacità di archiviazione” ha affermato Victor Matsuda, del Blu-ray Disc Association Global Promotions Committee. “Utilizzando le tecnologie Blu-ray preesistenti, abbiamo creato una soluzione stabile e a lungo termine per l’archiviazione di grandi quantità di dati sensibili, video e immagini. Dal momento che i dischi da 100 e da 128 GB amplieranno il campo di applicazione delle tecnologie Blu-ray Disc, ci aspettiamo un’ulteriore crescita del relativo mercato”.

BDA ha spiegato che il formato BDXL è stato sviluppato “con in mente specifici segmenti di mercato”, segmenti quasi prettamente professionali e industriali (broadcasting, archiviazione di immagini medicali ecc.). In futuro, tuttavia, il formato BDXL verrà introdotto anche nel segmento mainstream, e l’hardware capace di supportarlo (masterizzatori, lettori ecc.) sarà retrocompatibile con gli attuali dischi da 25 e 50 GB.

BDA sta completando anche un’altra specifica, chiamata IH-BD (Intra-Hybrid Blu-ray), che sposa sullo stesso supporto un layer a sola lettura con uno riscrivibile.

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Furetto scrive:
    Quanti bei commenti!
    Non occorre andare lontano, parlare di gadget hi-tech, cellulari, iPad, internet etc etc.Lo sapete da dove viene fuori l'alluminio degli oggetti più comuni? Il cotone delle nostre magliette? Il legno delle nostre tavole? il cuoio delle vostre scarpe?Purtroppo anche nelle cose più banali e normali della nostra vita di tutti i giorni entra lo sfruttamento in un modo o nell'altro. Questa cosa è così pervasiva che non ce ne accorgiamo neppure.Ed è una cosa che non riusciremo a scrollarci di dosso, a meno di ridurre il livello di comfort del nostro stile di vita.Impossibile.Furetto.
  • Nome e cognome scrive:
    Ma si ormai il congo
    e' roba passata il coltan sta passando di moda... ormai il litio e' il futuro della tecnologia... e la bolivia ne e' piena... menomale che per il momento c'e' l'Evo Morales altrimenti anche qua si vedrebbero guerre...Viva lo stato plurinacional de BoliviaViva Evo Morales
    • jex scrive:
      Re: Ma si ormai il congo
      - Scritto da: Nome e cognome
      e' roba passata il coltan sta passando di moda...
      ormai il litio e' il futuro della tecnologia... e
      la bolivia ne e' piena... menomale che per il
      momento c'e' l'Evo Morales altrimenti anche qua
      si vedrebbero
      guerre...
      Viva lo stato plurinacional de Bolivia
      Viva Evo MoralesSi, appena il litio diventerà davvero importante come dici, il tuo Evo Morales, o si piega alle multinazionali, o si ritrova un tubo pieno di C4 nell'ano...
  • attonito scrive:
    Rinuciare all'iPad? Mai!
    Adesso vedi tu se devo rinunciare all'iPad solo per diminuire le guerre e i morti ammazzati in qualche sperduto villaggio in africa, tze!Tanto quelli sono una marea, uno di piu', uno di meno, chi vuoi che se ne accorga? Scusa ma adesso devo scaricare l'untima app stilosa: pensa, il rifacimento del Tamagochi per iPad, non e' carinissimo?
  • Giorgio scrive:
    Complimenti per il cinismo
    Ci si straccia le vesti per lo stato della giustizia, si indicono manifestazioni per la libertà di intercettazione e poi si cade sul tantalio: vince il più forte, l'unica legge è quella del mercato etc.Per una volta che l'Italia è fuori da questi traffici si inneggia al consumo facile, mentre quando arrivano le sanzioni della Comunità Europea all'Italia allora bisogna pagare e stare zitti, perché noi italiani siamo sempre stati sotto. Perché qualcuno non indaga su come si fanno i soldi sopra le Alpi, la Francia con le ex-colonie, le multinazioni basate in Olanda, Germania, Inghilterra, Irlanda con i loro traffici sporchi ditantalio e altri metalli vedi il coltan? Per tacere del commercio dei diamanti dell'Olanda.
    • jex scrive:
      Re: Complimenti per il cinismo
      - Scritto da: Giorgio
      Ci si straccia le vesti per lo stato della
      giustizia, si indicono manifestazioni per la
      libertà di intercettazione e poi si cade sul
      tantalio: vince il più forte, l'unica legge è
      quella del mercato
      etc.
      Per una volta che l'Italia è fuori da questi
      traffici si inneggia al consumo facile, mentre
      quando arrivano le sanzioni della Comunità
      Europea all'Italia allora bisogna pagare e stare
      zitti, perché noi italiani siamo sempre stati
      sotto. Perché qualcuno non indaga su come si
      fanno i soldi sopra le Alpi, la Francia con le
      ex-colonie, le multinazioni basate in Olanda,
      Germania, Inghilterra, Irlanda con i loro
      traffici sporchi ditantalio e altri metalli vedi
      il coltan? Per tacere del commercio dei diamanti
      dell'Olanda.Esatto. Proprio l'Olanda, che paga il suo stato sociale (tanto osannato da certi XXXXX nostrani) grazie al riciclaggio di denaro mafioso che fa nella sua colonia di Aruba, che esenta dalle tasse le multinazionali che aprono la sede in casa loro, che taglia la metà dei diamanti sporchi di sangue delle guerre africane.
    • ccc scrive:
      Re: Complimenti per il cinismo
      - Scritto da: Giorgio
      Ci si straccia le vesti per lo stato della
      giustizia, si indicono manifestazioni per la
      libertà di intercettazione e poi si cade sul
      tantalio: vince il più forte, l'unica legge è
      quella del mercato
      etc.
      Per una volta che l'Italia è fuori da questi
      traffici si inneggia al consumo facile, mentre
      quando arrivano le sanzioni della Comunità
      Europea all'Italia allora bisogna pagare e stare
      zitti, perché noi italiani siamo sempre stati
      sotto. Perché qualcuno non indaga su come si
      fanno i soldi sopra le Alpi, la Francia con le
      ex-colonie, le multinazioni basate in Olanda,
      Germania, Inghilterra, Irlanda con i loro
      traffici sporchi ditantalio e altri metalli vedi
      il coltan? Per tacere del commercio dei diamanti
      dell'Olanda.e come mai non parli delle armi che -PRIMA NEL MONDO- PRODUCE e VENDE l'italia (mine antiuomo in testa), con il pieno appoggio delle banche nostrane???solo per distrazione?
  • Marrrr scrive:
    tanto tutto si tradurrà
    tanto tutto si tradurrà in un aumento di prezzo...
  • pendolino scrive:
    amen
    E' sempre stato così, fin dall'antica Roma.Il forte si pappa il debole, e c'è poco da fare.Se vogliamo avere internet e i cellulari, e io voglio averceli, c'è chi dovrà subirne le conseguenze, queste sono le leggi di natura.E a me stanno benissimo.
    • MisterEmme scrive:
      Re: amen
      1) Se permetti non tutti sono sostenitori del diritto naturale2) E prima di Roma com'era?- Scritto da: pendolino
      E' sempre stato così, fin dall'antica Roma.
      Il forte si pappa il debole, e c'è poco da fare.
      Se vogliamo avere internet e i cellulari, e io
      voglio averceli, c'è chi dovrà subirne le
      conseguenze, queste sono le leggi di
      natura.
      E a me stanno benissimo.
    • uno ancora scrive:
      Re: amen
      ...e se poi il "debole" irrompe in casa tua e fa scempio della tua gente?Anche questa è una naturale legge di natura che è conseguenza di quella enunciata da te.Non è da stabilire "SE" questo accadrà; è solo il "QUANDO".
    • iRoby scrive:
      Re: amen
      Molto probabilmente tu fai parte di questa nuova classe media sotto i 40 anni, cinica e vile che vive solo per se stessa...Questo è un dato di fatto!
  • iRoby scrive:
    Coltan da vendere
    Tempo fa un tizio italiano, diciamo del nord-est, che ha vari procedimenti giudiziari in corso, di quelli ricchi ma continuamente assetati di denaro, ma talmente stupidi che non puoi non capire che è solo l'avanguardia di intrecci e interessi molto più vasti e sommersi dietro di lui......Spargeva la voce che aveva possibilità di approvvigionamento di Coltan, il famoso minerale per cui si uccidono nel Congo.E a tutti i commerciali d'arrembaggio diceva di dare buone provvigioni se glielo facevano vendere ad aziende della tecnologia possibilmente in Cina. Ma non dovevano fare capire la provenienza del minerale. La provenienza era il Congo ovviamente.Le aziende che producono sanno già della questione Congo, e se possono evitano già l'approvvigionamento da quel paese. Ciò non toglie che aziende minori o giochi di società che fanno perdere le tracce sul reale importatore esistono perché gli affari sono affari...Non c'è dubbio che i guerriglieri, che poi spesso hanno la parola "libertà" nel loro nome, proprio come certi partiti politici nostrani, trovino sempre strade internazionali per poter portare fuori il minerale, spesso anche in combutta coi governi vicini.Il signore di cui sopra ha spesso ospiti africani o centro-americani, figli di ministri di piccoli stati africani da cui comprare a prezzo di realizzo un po' di tutto...Per cui il marcio non è solo nel Congo, ma soprattutto nei paesi dove se ne fregano se in un paese africano donne e bambini vengono fatti a pezzi per prendergli territori ricchi o se restano in vita è solo per obbligarli a spaccare pietre per tutta la vita in cambio della sola sopravvivenza.
    • jex scrive:
      Re: Coltan da vendere

      Per cui il marcio non è solo nel Congo, ma
      soprattutto nei paesi dove se ne fregano se in un
      paese africano donne e bambini vengono fatti a
      pezzi per prendergli territori ricchi o se
      restano in vita è solo per obbligarli a spaccare
      pietre per tutta la vita in cambio della sola
      sopravvivenza.Cioè in tutto il resto del mondo.
  • irolav scrive:
    Quando sei nato non puoi più nasconderti
    Bellissimo articolo, mi auguro che ne seguiranno altri, in fondo questi fatti sono volenti o nolenti intimamente legati con il mondo della tecnologia.Forse non servirà perché stiamo troppo comodi ma almeno nessuno potrà dire "io non sapevo" e magari sparare a zero su immigrati che, scappando da guerre da noi imposte, vengono da noi a cercare lavoro.
    • cinese scrive:
      Re: Quando sei nato non puoi più nasconderti
      - Scritto da: irolav
      Bellissimo articolo, mi auguro che ne seguiranno
      altri, in fondo questi fatti sono volenti o
      nolenti intimamente legati con il mondo della
      tecnologia.
      Forse non servirà perché stiamo troppo comodi ma
      almeno nessuno potrà dire "io non sapevo" e
      magari sparare a zero su immigrati che, scappando
      da guerre da noi imposte, vengono da noi a
      cercare
      lavoro.Io invece so benissimo e me ne frego.E agli immigrati semplicemente sparerei cannonate, già in mezzo al mare.Il mondo è dei forti e di chi ha il coraggio di usare tale forza, non di quattro "piagnoni" con la coscienza sXXXXX e la casa piena di gadget tecnologici (responsabili di tali guerre).Se non vi piace questo mondo imparate a vivere in case di sasso, senza elettricità né riscaldamento, tornate ad usare il cavallo per spostarvi e ad usare filtri e pozioni magiche per curarvi.E non rompete più i XXXXXXXX.
      • irolav scrive:
        Re: Quando sei nato non puoi più nasconderti
        Il fatto che tu abbia avuto il XXXX di nascere dalla parte degli sfruttatori non ti rende superiore agli altri. È l'unica cosa che ti consente di vivere senza porti problemi, dubbi e fregandotene altamente degli altri.Non usare troppo il cervello mi raccomando che ti si sciupa.
        • cinese scrive:
          Re: Quando sei nato non puoi più nasconderti
          - Scritto da: irolav
          Il fatto che tu abbia avuto il XXXX di nascere
          dalla parte degli sfruttatori non ti rende
          superiore agli altri. È l'unica cosa che ti
          consente di vivere senza porti problemi, dubbi e
          fregandotene altamente degli
          altri.
          Non usare troppo il cervello mi raccomando che ti
          si
          sciupa.Lo uso per sfruttare quelli come loro per arricchirmi grazie a quelli come te.
  • MK77 scrive:
    Un piccolo appunto
    Non c'e' proprio nulla da fare. Il mondo, per prima l'Italia, sta andando a rotoli. I colpevoli? Noi ignoranti e stupidi plebei. Il post di Alfonso Maruccia tratta di un argomento serio, spinoso e triste. Fino ad ora si registrano 6 commenti. L'articolo "Ma dove sta andando Apple?" invece fa contare piu' di 200 commenti. Ecco perche' per me Apple se ne puo' andare affanc#$o insieme a tutta la massa di XXXXXXXXX che popola questo mondo del caxxo. Non faccio di tutta l'erba un fascio, sono ottimista e confido ancora nelle coscienze del popolo. Scusate lo sfogo.
    • Gattazzo scrive:
      Re: Un piccolo appunto
      - Scritto da: MK77
      Non c'e' proprio nulla da fare. Il mondo, per
      prima l'Italia, sta andando a rotoli. I
      colpevoli? Noi ignoranti e stupidi plebei. Il
      post di Alfonso Maruccia tratta di un argomento
      serio, spinoso e triste. Fino ad ora si
      registrano 6 commenti. L'articolo "Ma dove sta
      andando Apple?" invece fa contare piu' di 200
      commenti. Ecco perche' per me Apple se ne puo'
      andare affanc#$o insieme a tutta la massa di
      XXXXXXXXX che popola questo mondo del caxxo. Non
      faccio di tutta l'erba un fascio, sono ottimista
      e confido ancora nelle coscienze del popolo.
      Scusate lo
      sfogo.Hai ragione, MK77, re ti quoto completamente perchè condivido il tuo intervento. Purtroppo io, nell'ingenuità ed estraneità ai fatti del mio mondo tecnico matematico scientifico e& c., non sono documentato come dovrei, ma ti assuro che ogni volta che mu sfiora il pensiero di argomenti tipo questo, sto male, e soffro nella mia impotenza e nella rabbia che mi fa un mondo indifferente alle altrui sofferenze e desideroso solo dei prorpi ridicoli vantaggi immediati, Italietta e Italioti per primi... I "gadget tecnologici" di cui i nostri ragazzotti sono tanto fieri, sono composti col sangue di questo poverissimo terzo mondo (che invece come logica dovrebbe essere ricchissimo); e sono questi il futuro "oppio dei popoli", non più la vrcchia Televisione.
  • mah scrive:
    Conflitto d'interessi ?
    A conti fatti ci guadagnano 2 volte..chissà cosa pensano le lobby armiere degli stati uniti riguardo all'emendamento del senatore Sam Brownback. :|
    • Peter McCalliste r Sr. scrive:
      Re: Conflitto d'interessi ?
      E che c'entra Brownback? Milizie e forze armate del Congo sono equipaggiate con armamento in larga parte cinese, russo, francese e sudafricano. Il Congo non ha soldi manco per piangere, figurati per comprare carri, navi e aerei da guerra americani.
      • Ubunto scrive:
        Re: Conflitto d'interessi ?
        Ma tu lo sai che tanti stilisti italiani producono in cina?
      • guast scrive:
        Re: Conflitto d'interessi ?
        Guarda che la guerra in Congo è iniziata quando le aziende minerarie americane canadesi hanno deciso di buttare fuori quelle francesi.Non so che armi gli abbiano dato, ma non mi stupirei se in mezzo ci fossero pure armi americane.
        • contrario scrive:
          Re: Conflitto d'interessi ?
          laggiu è terra di nessuno. E' il governo piu corrotto del mondo, ci sono tutte le nazioni in guerra tra loro e il governo locale fa da intermediario: chi paga di più ottiene informazioni utili per sopraffare l'antagonista.Ma nessuno ne parla, sono notizie che non si devono diffondere.Anzi, non comprate nemmeno i giornali come suggerisce intelligentemente il nostro presidente del "coniglio": guardatevi i culi delle veline e poi andate a letto. Domani dovete ricominciare a produrre, in fabbrica.Cribbio.
        • Francesco scrive:
          Re: Conflitto d'interessi ?
          Mi spiace contraddire, ma i XXXXXX nel Congo sono iniziati al momento dell'indipendenza, all'inizo degli anni '50.Il governo belga del tempo (di destra) aveva fatto un piano di graduale affrancamento della colonia lungo 30 anni, il governo successivo (di sinistra) accelerò tutto in pochi mesi.Il risultato è un bubbone insanabile.bye
          • guast scrive:
            Re: Conflitto d'interessi ?
            La dittatura di Mobutu era pesante, ma non era tanto diversa dalle altre dittaure africane.Si gli oppositori venivano torturati e uccisi. Ma non sarebbero morti tanti milioni di persone.Il problema è che Mobutu stava li sostenuto dai francesi. Americani e Canadesi hanno pensato bene di spodestarli. Come un branco di lupi che si contendono una carcassa l'hanno fatta a brandelli
Chiudi i commenti