Bluestack arriva su Mac, Ouya in salotto

Il player di app Android rilasciato in beta sui computer con la mela. Mentre la console basata sull'OS di Google inizia le consegne dei kit traslucidi agli sviluppatori

Roma – BlueStacks , il “player di app” Android capace di girare su computer e sistemi operativi Windows, è pronto a colonizzare anche l’ecosistema Mac: la versione OSX del software di emulazione entra in fase beta, arricchendo notevolmente l’offerta per gli utenti.

Su Mac il passaggio dallo stato di alpha a quello di beta coincide con la disponibilità di 750mila app Android: un incremento significativo considerata la manciata di app (casual game) precedentemente offerte tramite il servizio.

Bluestacks si espande su Mac, offre agli sviluppatori Android nuove possibilità di monetizzazione ma resta un progetto focalizzato soprattutto sui PC Windows: grazie alle partnership con AMD e Asus, il software è preinstallato su 100 milioni di sistemi con CPU di Sunnyvale e 22 milioni di macchine commercializzate dal produttore taiwanese.

Passando dai computer al salotto, ci sono novità anche per OUYA: la console androide focalizzata sul casual gaming è quasi pronta al debutto, e gli sviluppatori cominciano già a ricevere i primi kit di sviluppo con tanto di package traslucente, joypad e cavetteria HDMI/USB.

La licenza dell’SDK è open (Apache 2.0), ma la società ci tiene a precisare che open non significa “anarchia” e il servizio avrà un certo controllo esercitato da remoto per poter garantire “la migliore esperienza possibile” per i giocatori e sviluppatori.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • uno qualsiasi scrive:
    Bello in teoria, ma...
    Quanti si prenderanno la briga di cambiarla ogni anno?In Italia molti non allacciano nemmeno la cintura... figurarsi se spenderanno dei soldi per mantenerla efficiente.
    • Quotator Maximus scrive:
      Re: Bello in teoria, ma...
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Quanti si prenderanno la briga di cambiarla ogni
      anno?

      In Italia molti non allacciano nemmeno la
      cintura... figurarsi se spenderanno dei soldi per
      mantenerla
      efficiente.Purtroppo devo proprio quotare. :(
    • paul88 scrive:
      Re: Bello in teoria, ma...
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Quanti si prenderanno la briga di cambiarla ogni
      anno?

      In Italia molti non allacciano nemmeno la
      cintura... figurarsi se spenderanno dei soldi per
      mantenerla
      efficiente.IN ITALIA OLTRE CHE FARE QUESTO NON LASCIANO SUL CONTO BANCARIO NEMMENO I SOLDI PER PAGARSI IL FUNERALE, ALTRO CHE CAMBIARE CINTURA. CHE SIA L'EFFETTO MONTI?
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: Bello in teoria, ma...
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Quanti si prenderanno la briga di cambiarla ogni
      anno?

      In Italia molti non allacciano nemmeno la
      cintura... figurarsi se spenderanno dei soldi per
      mantenerla
      efficiente.A rigor di logica, se il sale si rovina... il fermo non funziona più, quindi va cambiata per forza la pasticca di sale. C'è piuttosto da cheidersi quanto costi quella pasticca o se va cambiato tutto il meccanismo (ed allora è furto). Tra l'altro si può benissimo fare un sistema di sicurezza che funzioni elettricamente (mica sono i giubbotti salvagente) con una spia in caso di guasti.Certo poi..preoccuparsi di far sganciare il blocco della cintura dopo aver messo solo vetri elettrici alle macchine, senza funzione di apertura manuale sembra ipocrita visto che se l'auto è in acqua la pressione tiene bloccato lo sportello e visto che l'impianto elettrico sia la prima cosa che salta in acqua, manco dal finestrino chiuso puoi uscire, non potendolo aprire.
      • krane scrive:
        Re: Bello in teoria, ma...
        - Scritto da: Surak 2.0
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Quanti si prenderanno la briga di cambiarla

        ogni anno?

        In Italia molti non allacciano nemmeno la

        cintura... figurarsi se spenderanno dei

        soldi per mantenerla efficiente.
        A rigor di logica, se il sale si rovina... il
        fermo non funziona più, quindi va cambiata per
        forza la pasticca di sale. C'è piuttosto da
        cheidersi quanto costi quella pasticca o se va
        cambiato tutto il meccanismo (ed allora è furto).
        Tra l'altro si può benissimo fare un sistema di
        sicurezza che funzioni elettricamente (mica sono
        i giubbotti salvagente) con una spia in caso di
        guasti.
        Certo poi..preoccuparsi di far sganciare il
        blocco della cintura dopo aver messo solo vetri
        elettrici alle macchine, senza funzione di
        apertura manuale sembra ipocrita visto che seQuoto e stranquoto !!!
        l'auto è in acqua la pressione tiene bloccato lo
        sportello e visto che l'impianto elettrico sia la
        prima cosa che salta in acqua, manco dal
        finestrino chiuso puoi uscire, non potendolo
        aprire.Senza contare le portiere che se tiri giu' il pirulicchio e si rompe quello NON si aprono tirando l'apertura dall'interno (hyundai atos).
  • Maramao perche sei morto scrive:
    Bella
    Mi sembra una buona invenzione, come si evince da quanto detto nell'oggetto di questo messaggio.
Chiudi i commenti