Ouya esce ad aprile

La console Androidchiude con successo la campagna di raccolta fondi su Kickstarter. 8,5 milioni raccolti dai sostenitori. In pista dal 2013

Roma – La console basata sul sistema operativo Android, Ouya, ha una data di uscita e più di 8 milioni di dollari di budget per rispettarla.

La console disegnata da Yves Béhar punta a portare sui televisori e nei salotti i giochi casual e “free-to-play” e per farlo si è rivolta al sito di crowdfunding Kickstarter: inoltre ha raggiunto un accordo di finanziamento da 6 milioni di dollari con la piattaforma di distribuzione video VEVO.

Di particolare successo si è rivelata la ricerca di fondi sul sito di crowdfunding, che si è chiusa con un totale di 8,5 milioni di dollari che rendono ancora più concrete le prospettive future.

In forza dei fondi e degli accordi raggiunti, dunque, Ouya è pronta a comunicare una data di probabile esordio sul mercato ed un prezzo: ad aprile 2013 il pubblico dovrebbe essere in grado di acquistarla per 109 dollari (o 119 se non si è statunitensi).

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Obbliga Torio scrive:
    A me pare che...
    ...ci stiamo avvicinando ad una Societá controllata dalle corporation.Al di lá che é un modo per dedurre introiti dalle tasse. Quelle tasse che se pagate dovrebbero (ahimé) portare a servizi simili da parte dello Stato.Si stanno sostituendo a un potere costituito.Insomma, a quando una inc. con tanto di esercito? C'era un bel film a riguardo, ma mi sfugge il titolo al momento...
  • iGoogler scrive:
    quanta falsità
    Questi di Google sono veramente buoni, peccato che poi quando c'è da pagare le tasse fanno i "furbi" [ 1] come tutte le altre aziende.[ 1 ] - http://www.helloimpresa.com/index.php?option=com_content&view=article&id=2446:google-evade-le-tasse-in-europa&catid=59:imprese-allestero&Itemid=95
    • painlord2k scrive:
      Re: quanta falsità
      Qual'è il problema? Abbiamo un ministro che gestiva un gruppo bancario che ha accettato di pagare 250 M di euro di multa per aver "sbagliato" a pagare le tasse della banca che gestiva.
      • iGoogler scrive:
        Re: quanta falsità
        painlord2k guarda posso capire che tu difendi Google perche sei un fan o un impiegato perche cosa c'entra il discorso che fai tu ?Ormai siamo arrivati al ridicolo che le aziende licenziano il personale perche non hanno soldi per fare la beneficenza ai poveri di fine anno !!!!Ma la colpa alla fine non è loro... vuol dire che il gioco funziona e ci sono tanti polli che credono al "don't be evil" e altri motti ridicoli di queste multinazionali
        • painlord2k scrive:
          Re: quanta falsità
          Hai parlato di tasse, ecco cosa centra.Dall'altro lato, se Google ha seguito tutte le regole e le leggi alla lettera per pagare il meno possibile non dovrebbe essere penalizzata perché lo ha fatto solo per pagare meno tasse.Come diceva un Lord Inglese in un caso famoso: che l'esattore delle tasse abbia diritto a prendersi il mio fieno non si discute, ma non è mio dovere costruire un fienile che gli faciliti il lavoro.
          • iGoogler scrive:
            Re: quanta falsità

            Hai parlato di tasse, ecco cosa centra.Quindi per te è moralmente giusto che noi morti di fame paghiamo giustamente le tasse e le multinazionali "buone" non pagano le tasse.
            Dall'altro lato, se Google ha seguito tutte le regole e le leggi alla lettera per pagare il meno possibile non dovrebbe essere penalizzataQuindi per te se la legge permette di avvelenare le persone le multinazionali "buone" fanno bene ad avvelenarci ?!?!?Scusa ma la tua amata Google non è nata per migliorare il mondo, non è il "don't be evil" le tasse servono per i servizi del paese dove si va, per aiutare i meno fortunati ? ( che poi in italia ci stanno i ladri che ci mangiano con le tasse è un altro discorso )
          • painlord2k scrive:
            Re: quanta falsità
            Mi sembra ingiusto che noi paghiamo tante tasse.Ma la soluzione non è ammazzare gli altri di tasse (perché sono "ricchi" o perché sono "scapoli" o perché non fanno quello che vuole il politico di turno che comanda).La soluzione è ridurre le tasse a tutti.Se metti una tassa sul lavoro, la gente lavorerà di meno.Se metti una tassa sulla produzione, la gente produrrà di meno.Se lo stato me lo mette nel posteriore, non vado ad argomentare che tutti (per giustizia) devono riceverlo nel posteriore. Argomento che nessuno, me per primo, deve riceverlo nel posteriore.Se la legge permette di avvelenare la gente, vuol dire che i politici che hanno fatto la legge e quelli che non l'hanno cambiata sono da buttare. Vediamo di tagliare le radici e non i rami.Migliorare il mondo non significa cedere il proprio lavoro ad un branco di parassiti che se lo spendono in mignotte, truffe legalizzate (tipo i sussidi per le energie rinnovabili) ed altre amenità varie.Ricordati che i ricchi possono andare ad investire dove gli pare.Ricorda che la gente che lavora non può essere costretta a dare il massimo, neanche con la violenza.Bisogna lasciare libertà alla gente di lavorare e di tenere i frutti del loro lavoro.La crisi in cui siamo è dovuta principalmente a questo:non c'è libertà di lavorare e di tenere il frutto del proprio lavoro e quindi non si lavora, se non il minimo
          • iGoogler scrive:
            Re: quanta falsità
            Guarda sei fuori dal discorso io qui sto parlando del fatto che ancora c'è gente che crede a queste opere di marketing da 4 soldi, se c'è gente che ancora crede nelle "buone" multinazionali è inutile che poi da la colpa della crisi al politico di turno.....
          • painlord2k scrive:
            Re: quanta falsità
            C'è gente che crede ancora nei buoni politici e nei buoni governi.Almeno i privati fanno del bene per tornaconto personale con i loro soldi.Politici e governo dicono di fare del bene perché sono altruisti con i miei soldi.
          • iGoogler scrive:
            Re: quanta falsità
            Non riesco a capire perche vai sempre fuori discussione, qui si parla di Google e delle sue "buone" azioni... tu mi continui a parlare di politici...Sei consapevole che i politici di qualsiasi paese sono "finanziati" in maniera legale e non dalle varie multinazionali "buone"http://www.linkiesta.it/bye-bye-obama-google-adesso-finanzia-l-ultradestraTi continuo a ripetere che queste opere di marketing di Google le trovo tristi, questa ovviamente è una mia opinione tu la puoi pensare come vuoi ma non capisco perche cerchi di sviare il discorso principale parlando di politica etc....
            Almeno i privati fanno del bene per tornaconto personale con i loro soldi.Ma sei sicuro ? Capita spesso che aziende ricevono degli incentivi per aprire in determinate aree con soldi statali, dopo aver preso i soldi scappano e aprono da un altra parte.... prendi ad esempio Nokia in Germania http://www.tomshw.it/cont/news/nokia-chiude-in-germania-e-scatta-il-boicottaggio/12731/1.html
          • Alessandro scrive:
            Re: quanta falsità
            - Scritto da: painlord2k
            Ricordati che i ricchi possono andare ad
            investire dove gli
            pare.
            Ricorda che la gente che lavora non può essere
            costretta a dare il massimo, neanche con la
            violenza.
            Bisogna lasciare libertà alla gente di lavorare e
            di tenere i frutti del loro
            lavoro.
            La crisi in cui siamo è dovuta principalmente a
            questo:
            non c'è libertà di lavorare e di tenere il frutto
            del proprio lavoro e quindi non si lavora, se non
            il minimo
            Se lo stato me lo mette nel posteriore, non vado
            ad argomentare che tutti (per giustizia) devono
            riceverlo nel posteriore. Argomento che nessuno,
            me per primo, deve riceverlo nel
            posteriore.Cè un problema nel tuo ragionamento.Se tutti "lo prendono nel sedere" (tutti rispettano una regola ritenuta non giusta), tutti sono motivati a esigere un cambiamento. Se "sistematicamente qualcuno lo prende nel sedere e molti altri no" dato che è un sacco di tempo che gli altri non lo prendono nel sedere, si disinteressano dall'esigere un cambiamento. Tanto loro il risultato lo hanno raggiunto e probabilmente anche migliore della più rosea delle ipotesi. Probabilmente si opporranno allo stesso cambiamento, perchè porta a un peggioramento della loro situazione, almeno fino al patatrack completo del sistema.non sono inoltre d'accordo sui principi generali del tuo discorso e ti spiego il perchè :1. se le regole ci sono vanno rispettate. Se le regole non si ritengono eque e sensate, si espone il problema, si motiva, si propongono altre soluzioni e si vota per le persone che sostengono e dimostrano di attenersi a quanto promesso. Sentirsi giustificati ad astenersi da una regola perchè non la si ritiene giusta astenendosi da una azione propositiva è deleterio. Non a caso in Italia siamo nella situazione in cui siamo. Per la stessa azienda è deleterio, salvo per un periodo temporaneo (vedi sotto)2. Il non rispetto delle regole da parte delle aziende, crea una concorrenza sleale nei raffronti delle aziende che le regole le rispettano. Quando poi è la stragrande maggioranza a non farlo, una azienda per restare sul mercato può essere costretta al non rispetto delle regole. Si crea cioè un circolo vizioso in cui non ha la meglio l'azienda a maggior valore aggiunto, ma quella che elude/infrange più regole per risparmiare sui costi. Quando tutte le aziende eludono le regole, si trovano comunque ad affrontare il problema di validità del prodotto. E allora cosa cambia ? Che in questo proXXXXX si è creato un enorme danno alla collettività (salute, finanza, condizioni di lavoro, qualità della vita etc etc). Sono le stesse aziende (oltre che il restante dei cittadini) che dovrebbero spingere per le politiche di controllo e per un rispetto delle regole e eventualmente chiedere a gran voce di cambiarle. Quà in Italia invece il costume comune è evadere, far finta di niente e lamentarsi solo quando si viene colti in fragranza di reato (cosa che accade veramente troppo poche volte).3. In Italia generalmente in questi decenni non si è evaso/eluso le tasse per essere più competitivi, per fare sopravvirere la propria azienda (non almeno nella maggioranza dei casi). Ma per il mero motivo di avere di più, per evadere la quota di contribuzione legata all'IRPEF. Se poi si può ottenere di più, non investendo, migliorando e rendendo più efficente la propria azienda, ma enormemente più facilmente evadendo le tasse con un basso rischio di essere sgamato, sai che bell'incentivo alla meritocrazia imprenditoriale.4. L'esistenza di una classe politica italiana che volontariamente fà passare il messaggio di giustificare, non intervenire o adirittura sostenere una evasione/elusione fiscale così diffusa, crea un disinteressamento sempre più marcato alle problematiche del paese da parte di questa ampia fascia di popolazione ("sperperano, mal gestiscono, si intascano direttamente o indirettamente i soldi pubblici ? va beh, che me frega, tanto non sono soldi miei. Sostengo piuttosto chi non viene a rompermi le uova nel mio paniere").Il disinteressamento è tanto più elevato, tanto minore è la contribuzione (relativamente alla sua disponibilità) da parte del cittadino.5. Nella situazione in cui siamo è giusto che contribuisca di più, chi ha maggiori disponibilità, e chi possiede di più.Non per criminalizzare la richezza, ma perchè la richezza è stata prodotta anche grazie al bene comune. Ma sopratutto perchè se togli 100 Euro a chi guadagna 1000 Euro al mese, rischi di farlo andare sotto un ponte. E bada che non stai limitando i danni alla singola persona, ma anche tagliando a 0 l'acquisto di beni di quella persona.Se tolgi 1000 Euro a una persona che ne guadagna 10000 al mese, sotto un ponte o di fame non muore.Andrebbe inoltre tarata la pressione fiscale su chi ha patrimoni che non producono valore aggiunto sul bene comune (possedimenti immobiliari per esempio o la speculazione finanziaria), creando invece incentivi a chi investe in attività produttive o di ricerca.Resta da risolvere il problema di tracciare il vero patrimonio di una persona. Una famiglia con 3 case che ha investito tutti i propri risparmi nel mattone, può essere infinitivamente meno ricca di una persona che di casa non ne ha (e magari vive in affitto in stanze da 10000 Euro al mese di canone)Per concludere non ritengo affatto che siamo nella situazione in cui siamo per "mancanza di libertà". Anzi.Si è data fin troppa libertà di infrangere le regole facendo finta che le conseguenze (finanziarie e sul piano della competitività delle aziende italiante) a medio-lungo termine non esistessero, magari cercando di scaricarle a tempo indeterminato sul futuro nascondendendole temporaneamente agli occhi della popolazione (debito pubblico), fomentando un sempre maggiordisinteresse per il bene pubblico.Il capitalismo ha i suoi aspetti positivi, ma solo posto sotto stretto controllo di regole che vanno costantemente fatte rispettare, volte al conseguimento di un circolo virtuoso che porta il miglioramento delle condizioni della collettività (meritocrazia imprenditoriale e lavorativa, condizioni di lavoro, inquinamento, servizi, potere di acuisto ...).Se poi le regole sono mal congeniate, permettere di infrangerle è tutt'altro che la soluzione (come 150-180 di miliardi di evasione l'anno con un debito di 2000 miliardi, la completa incapacità della stragrande maggioranza delle aziende italiane di essere competitiva su un mercato europeo/mondiale dimostrano).In Italia cè stato un finto capitalismo, non votato alla promozione della meritrocrazia imprenditoriale (ha la meglio il migliore), ma alla erezione di barriere alla libera concorrenza e alla conservazione di interessi e status già raggiunti.Pensate che si arriva all'indecenza di ordini professionali che minacciano l'espulsione di giovani inscritti all'albo che offrono prestazioni a prezzi stracciati rispetto al cartello del restante albo.
          • iGoogler scrive:
            Re: quanta falsità
            Ti quoto in toto
    • rover scrive:
      Re: quanta falsità
      Sono un bel gruppo di banditi senza etica e morale http://www.onecooloffers.com/?p=344
  • Esperrto scrive:
    Okkey non vorevo arivare a kuesto...
    ma sono kostreto dalurgenza dela situazione. Magari i dirigenti di gugol sono interesati al mio curliculim. Sono un espereto di messenger, feisbuc, abbootel, nonche di iaooansuers, ed o una grande esperienza nei videogiochi o anche azzerato stritfaiter e sigarelli in saleta. Ero campione. atualmente posiedo un ipad e mi sto alenando con angriberd, ma sono gia pronto per cautersraic e diversi effepiesse. Vorei colaborare con voi ed avrei diverse bele idee da sotoporvi, ma sia kiaro ke io espongo solo le idee non facio la realizazione perké di skrivere non ne o volia. Limportante e ke mi diate una risposta in fretta ke e urgente, o mio padre mi manda a zapare in campagnia dallo zio ke dice ke non facio un kazzo tutto il giorno, inoltre il kompagnio di mia madre è marokino e mi vuole kostringere a mangiare il cuscus e non scuce i soldi per il mecdonald, sicome voi siete americani non pensate che questo sia un modo per farmi il lavagio del cervelo con ideali anti-amerikani? Non oh forse il dirito pure io di mangiarmi un bel panino italiano dal mecdonald? Almeno un eppimil? Mi rakkomando rispondete?!?!?!? Ma fate presto che o diverse oferte dalla eppol e dalla microsfot, inoltre sto organizando un bisnes locale con una videoteka ed i parenti marokini del kompagnio di mia madre?!?!?!?!?!??!?!
    • zupermario scrive:
      Re: Okkey non vorevo arivare a kuesto...
      Troll alle prime armi.... non lo sai che se esageri vieni scoperto subito?- Scritto da: Esperrto
      ma sono kostreto dalurgenza dela situazione.
      Magari i dirigenti di gugol sono interesati al
    • qunno scrive:
      Re: Okkey non vorevo arivare a kuesto...
      SEI UN GRANDE!!! AHHAHAHAHHA- Scritto da: Esperrto
      ma sono kostreto dalurgenza dela situazione.
      Magari i dirigenti di gugol sono interesati al
      mio curliculim. Sono un espereto di messenger,
      feisbuc, abbootel, nonche di iaooansuers, ed o
      una grande esperienza nei videogiochi o anche
      azzerato stritfaiter e sigarelli in saleta. Ero
      campione. atualmente posiedo un ipad e mi sto
      alenando con angriberd, ma sono gia pronto per
      cautersraic e diversi effepiesse. Vorei
      colaborare con voi ed avrei diverse bele idee da
      sotoporvi, ma sia kiaro ke io espongo solo le
      idee non facio la realizazione perké di skrivere
      non ne o volia. Limportante e ke mi diate una
      risposta in fretta ke e urgente, o mio padre mi
      manda a zapare in campagnia dallo zio ke dice ke
      non facio un kazzo tutto il giorno, inoltre il
      kompagnio di mia madre è marokino e mi vuole
      kostringere a mangiare il cuscus e non scuce i
      soldi per il mecdonald, sicome voi siete
      americani non pensate che questo sia un modo per
      farmi il lavagio del cervelo con ideali
      anti-amerikani? Non oh forse il dirito pure io di
      mangiarmi un bel panino italiano dal mecdonald?
      Almeno un eppimil? Mi rakkomando
      rispondete?!?!?!? Ma fate presto che o diverse
      oferte dalla eppol e dalla microsfot, inoltre sto
      organizando un bisnes locale con una videoteka ed
      i parenti marokini del kompagnio di mia
      madre?!?!?!?!?!??!?!
  • CCd scrive:
    incredibile
    grande società da questo aspetto
    • bubba scrive:
      Re: incredibile
      - Scritto da: CCd
      grande società da questo aspettoeffettivamente e' una mezza follia :) positiva si intende... ma lo faranno proprio per tutti-tutti i dipendenti, o solo per quelli di una certa cerchia?
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: incredibile
        - Scritto da: bubba
        - Scritto da: CCd

        grande società da questo aspetto
        effettivamente e' una mezza follia :) positiva
        si intende... ma lo faranno proprio per
        tutti-tutti i dipendenti, o solo per quelli di
        una certa
        cerchia?Follia "relativa"..quanti dipendenti Google moriranno ogni anno?1? 2? Sono tutti relativamente giovani e di certo non fanno un mestiere pericoloso.Si fanno pubblicità con molto meno diquanto avrebebro speso per lo stesso risultato. Un po' come quelli che pagano il restauro di un'opera.Nulla toglie che comunque è positivo e che ci abbiano pensato a dispetto di tutti quelli che invece vorrebbero dare sempre meno ai lavoratori, però non è folia
        • diego scrive:
          Re: incredibile
          - Scritto da: Surak 2.0
          - Scritto da: bubba

          - Scritto da: CCd


          grande società da questo aspetto

          effettivamente e' una mezza follia :) positiva

          si intende... ma lo faranno proprio per

          tutti-tutti i dipendenti, o solo per quelli di

          una certa

          cerchia?

          Follia "relativa"..quanti dipendenti Google
          moriranno ogni
          anno?
          1? 2? Sono tutti relativamente giovani e di certo
          non fanno un mestiere
          pericoloso.
          Si fanno pubblicità con molto meno diquanto
          avrebebro speso per lo stesso risultato. Un po'
          come quelli che pagano il restauro di
          un'opera.
          Nulla toglie che comunque è positivo e che ci
          abbiano pensato a dispetto di tutti quelli che
          invece vorrebbero dare sempre meno ai lavoratori,
          però non è
          foliaHai ragione, sicuramente una società che vanta milliardi di capitalizzazione se lo può permettere questa cosina, però non voglio vedere sempre del marcio in "Montain View" :DQuesto è un grande incentivo, soprattutto con questa crisi, sapere che mia moglie o i miei figli verranno tutelati, non è poco per il morale, anzi.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: incredibile
            chi risponde a questo messaggio è un XXXXXXXX-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 agosto 2012 19.37-----------------------------------------------------------
          • La tua amica con la falce scrive:
            Re: incredibile
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: diego


            Questo è un grande incentivo

            vero.
            Non vedo l'ora di morire.Speriamo presto visto le ca...ate che spari!!!
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: incredibile
            chi risponde a questo messaggio è un XXXXXXXX-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 agosto 2012 19.38-----------------------------------------------------------
          • zupermario scrive:
            Re: incredibile
            Modificato dall' autore il 11 agosto 2012 13.03
            --------------------------------------------------
        • ciko scrive:
          Re: incredibile


          Follia "relativa"..quanti dipendenti Google
          moriranno ogni
          anno?
          1? 2? Sono tutti relativamente giovani e di certo
          non fanno un mestiere
          pericoloso.
          Si fanno pubblicità con molto meno diquanto
          avrebebro speso per lo stesso risultato. Un po'
          come quelli che pagano il restauro di
          un'opera.
          Nulla toglie che comunque è positivo e che ci
          abbiano pensato a dispetto di tutti quelli che
          invece vorrebbero dare sempre meno ai lavoratori,
          però non è
          foliaGuarda, a mio avviso questi non fanno altro che fare un'assicurazione sulla vita dei dipendenti, che per fascia di età e settore lavorativo probabilmente gli costa 2 lire...avranno valutato che un simile benefit gli portava un ritorno in termini pubblicitari comparabile alla spesa, che poi è il fine ultimo del "don't be evil", ovvero riuscire a creare un circolo virtuoso che faccia bene a tutti, non ultimo - ovviamente - il proprio business.
    • Junior108 scrive:
      Re: incredibile
      In questo batte Apple 10 a 0.
    • Talking Head scrive:
      Re: incredibile
      E pensare che una simile visione innovativa della funzione dell'imprenditore l'avevamo anche noi in Italia e più di 50 anni prima di Apple e Google.Lavoratori come una risorsa (pagati il doppio del contratto nazionale), attenzione al design (Xanti Schawinsky) e controllo maniacale della qualità (firma degli operai dopo ogni pezzo della catena di montaggio!), fanno pensare più alla California 2.0 che all'Italia povera degli anni '50. Se avessimo ora un altro Adriano Olivetti...
      • Thr scrive:
        Re: incredibile

        Se avessimo ora un altro Adriano Olivetti...Parole Sante!
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: incredibile
        - Scritto da: Talking Head
        E pensare che una simile visione innovativa della
        funzione dell'imprenditore l'avevamo anche noi in
        Italia e più di 50 anni prima di Apple e
        Google.

        Lavoratori come una risorsa (pagati il doppio del
        contratto nazionale), attenzione al design (Xanti
        Schawinsky) e controllo maniacale della qualità
        (firma degli operai dopo ogni pezzo della catena
        di montaggio!), fanno pensare più alla California
        2.0 che all'Italia povera degli anni '50.


        Se avessimo ora un altro Adriano Olivetti...Sottoscrivo.Dello stesso periodo ed anche ispiratore ci fu pure Mattei.Mario Tchou fu un capo ingegneri fondamentale.Tutti e tre sono morti prematuramente e tutto a vantaggio degli "alleati" americani. Che gli altri abbiano capito che conveniva adeguarsi?
      • Johnny il fenomeno scrive:
        Re: incredibile
        - Scritto da: Talking Head

        Se avessimo ora un altro Adriano Olivetti...Arriverebbe un altro De Benedetti e distruggerebbe il suo operato (dopo essersi trasferito in Svizzera).
      • Sgabbio scrive:
        Re: incredibile
        - Scritto da: Talking Head
        E pensare che una simile visione innovativa della
        funzione dell'imprenditore l'avevamo anche noi in
        Italia e più di 50 anni prima di Apple e
        Google.

        Lavoratori come una risorsa (pagati il doppio del
        contratto nazionale), attenzione al design (Xanti
        Schawinsky) e controllo maniacale della qualità
        (firma degli operai dopo ogni pezzo della catena
        di montaggio!), fanno pensare più alla California
        2.0 che all'Italia povera degli anni '50.


        Se avessimo ora un altro Adriano Olivetti...In rai fecero un documentari della Olivetti che fu è devo dire che molte delle cose che facevano, erano più o meno le stesse di queste grosse aziende.E paradossale che il paese con il più altro tasso di speculatori distruttori, come gli statiuniti, sa a tenere a bada i geni che ci guadagano a devastar aziende.
        • painlord2k scrive:
          Re: incredibile
          C'è un po' più di libero mercato che qui in Italia.Questo aiuta a tenere sotto controllo i parassiti.Comunque, sono sulla stessa strada dell'Italia (grazie a Obama, ma anche quelli prima non erano molto meglio) e la raggiungeranno presto.Eleggendo Obama hanno praticamente eletto Nichi Vendola. Solo che essendo gli USA un tantinello meglio dell'Italia, gli ci vuole un po' più di tempo per fare bancarotta (di nuovo).
      • painlord2k scrive:
        Re: incredibile
        Poi sono venuti i governi di centro sinistra, i sindacati potenti, le pensioni facili, etc. Tutti a carico dello stato (cioè di chi paga le tasse che sono raddoppiate rispetto ad allora).E quindi i datori di lavoro non hanno avuto più incentivi nel trattare bene i loro lavoratori dato che dovevano competere con un servizio gratuito.La differenza tra lo stato che da le pensioni e l'Olivetti o Google che paga di tasca sua è che le aziende assumono gente che ha voglia di lavorare (e licenziono quelli che non hanno voglia - se lo stato lo permette) e quindi selezionano chi riceve il privilegio. Inoltre, devono competere per il personale. I migliori bisogna pagarli quello che valgono o farne a meno.Lo stato non ha questi problemi:1) può far debiti che non pagherà o addosserà a chi non è ancora nato2) può tassare (derubare) chi lavora se ha bisogno di fare cassa3) se ne frega di assumere i migliori, tanto il servizio che da è in monopolio ed è pagato con le tasse estorte con la forza (vedi punto 2).Sapete qual è il problema? Che lo stato non ha soldi suoi. Ha solo i soldi degli altri. Di chi lavora e produce sul mercato. E adesso siamo alla fine della corsa.Nessuno crede più che gli stati possano pagare il loro debiti: non vale solo per l'Italia, la Spagna e la Grecia, vale anche per USA, UK, Germania, Giappone, etc. Davvero pensate che la Germania possa ripagare un debito pubblico pari all'80% del suo PIL? Che in realtà è del 100% perché non viene conteggiato un 20% fuori bilancio. Idem per gli USA con il 100% del debito federale (più il resto) sul PIL. Idem per il Giappone con il 200% del debito sul PIL.Alla fine, come insegnava Voltaire, ogni fiat money (denaro di carta supportato da niente tranne la buona volontà e il credito del governo) torna al suo valore intrinseco di "zero". Nel caso della cartamoneta, al valore dei coriandoli di carnevale.Oro e argento per tutti. Quelli non li possono creare dal nulla e, non stranamente, quello che si comprava con un'oncia d'oro 50 anni fa lo si compra anche adesso. E se l'oro venisse comunemente usato come moneta, si comprerebbe molta più roba. Il denaro fiat vive, mediamente, 20 anni. Con l'Euro siamo quasi a fine corsa. Il dollaro USA (o meglio la Federal Reserve Note del valore nominale di 1 $)) ha avuto il vantaggio di essere la moneta di riserva mondiale, quindi sta durando di più. Ma non per molto.Alla fine, Google pagherà le pensioni ai sopravvissuti dei suoi lavoratori, perché produce prodotti e servizi che gli permettono di guadagnare e spendere, mente il governo USA smetterà di pagare le pensioni e la sanità ai suoi pensionati perché non produce nulla. Idem per quello Italiano, Spagnolo, Tedesco, etc.
        • Ubunto scrive:
          Re: incredibile
          - Scritto da: painlord2k
          Poi sono venuti i governi di centro sinistra, i
          sindacati potenti, le pensioni facili, etc. Tutti
          a carico dello stato (cioè di chi paga le tasse
          che sono raddoppiate rispetto ad
          allora).I primi governi appoggiati dalla sinistra, quello Maccanico e Dini poi, sono quelli che hanno fatto razzia sul sistema pensionistico e sul mercato del lavoro, introducendo la precarietà come norma dei rapporti contrattuali. Quindi hai scritto una stupidaggine. Inoltre sui sindacati non hai le idee ben chiare: i sindacati - almeno in linea teorica - sono una parte, ed il loro compito è quello di fare gli interessi dei lavoratori. Questo è valido per tutti i sindacati, a parte la Cisl e la Uil. Ovviamente.
          E quindi i datori di lavoro non hanno avuto più
          incentivi nel trattare bene i loro lavoratori
          dato che dovevano competere con un servizio
          gratuito.Incentivi? Ah ah ah ah! Ma la mattina cosa mangi? Pane e XXXXX per dire di queste XXXXXXXte una in fila all'altra? Se tu avessi un antenato che abbia lavorato come contadino, o come operaio, questi vorrebbe sollevarsi dalla tomba per venirti a vomitare in faccia.
          La differenza tra lo stato che da le pensioni e
          l'Olivetti o Google che paga di tasca sua è che
          le aziende assumono gente che ha voglia di
          lavorare (e licenziono quelli che non hanno
          voglia - se lo stato lo permette) e quindi
          selezionano chi riceve il privilegio. Inoltre,
          devono competere per il personale. I migliori
          bisogna pagarli quello che valgono o farne a
          meno.Vivi in italia, dove se un operaio lavora per 6 ore produce tot / pressioni pulsante, se invece lavora 8 ore produce tot + 2 ore / pressioni pulsante. Sta storia delle aziende che premiano il merito poi è una grandissima XXXXXta: non c'è posto più fazioso, servile ed iniquo del lavoro presso le aziende private italiane.Nel tuo mondo immaginario poni sullo stesso piano la mentalità da 1800 degli industriali italiani, nonchè la bassa qualità dei loro investimenti, con uno dei tetti mondiali della tecnologia informatica - peraltro esempio virtuoso rispetto ad altre realtà di pari livello che hanno rapporti ben diversi con i propri dipendenti - , gli assimili un'esperienza italiana che è stata strozzata in culla a favore di altri modelli industriali (da 1800), e ciliegina sulla torta aggiungi lo stato:
          Lo stato non ha questi problemi:
          1) può far debiti che non pagherà o addosserà a
          chi non è ancora
          nato
          2) può tassare (derubare) chi lavora se ha
          bisogno di fare
          cassa
          3) se ne frega di assumere i migliori, tanto il
          servizio che da è in monopolio ed è pagato con le
          tasse estorte con la forza (vedi punto
          2).

          Sapete qual è il problema? Che lo stato non ha
          soldi suoi. Ha solo i soldi degli altri. Di chi
          lavora e produce sul mercato. E adesso siamo alla
          fine della
          corsa.E pure qui: tu non hai "soldi", tu non hai niente, i soldi valgono nella misura in cui sono riconosciuti legalmente e ad essi è attribuito un valore, il riconoscimento è avallato e garantito dallo Stato, in quanto sovrano, il valore è attualmente affidato ai rapporti internazionali ed al mercato economico, inoltre esiste un cancro che si chiama finanza, per alcuni finanza creativa, che attualmente mina la stabilità del valore della moneta.Tu non puoi produrre soldi, puoi solo usare quelli in circolazione. Poiché la moneta in circolazione è una quantità "finita", l'accumulo eccessivo di questa presso pochi soggetti privati, porta all'impoverimento del mercato reale nella sua complessità dato che avvengono meno transazioni, quindi meno vendite, ergo meno produzione.Tutti i soldi sono "dello stato". Tu li hai simbolicamente in uso, non in proprietà. Tant'è vero che come dici tu stesso, lo stato te li prende quando gli pare, tramite le tasse, ma ti do una notizia: lo stato può sottrarti pure i beni, perché nel farlo esercita la sua sovranità. Non so se capisci la differenza fra sovranità e proprietà, ed afferri il concetto che sovrano
          proprietario.Le politiche monetarie non dipendono dalla tua proprietà, o dalla tua opinione, in particolar modo oggi: l'esempio delle tasse ne è dimostrazione. Se lo Stato è costretto a rapinarti con le tasse come unico metodo di finanziamento, allora non è più "sovrano", non nella sovranità fornitagli dalla democrazia. Ti potrai beare o meno della cosa, ma dovresti capire che il passo successivo è la guerra civile, se lo stato non è (più) sovrano, cadono i vincoli alla legalità.
          Nessuno crede più che gli stati possano pagare il
          loro debiti: non vale solo per l'Italia, la
          Spagna e la Grecia, vale anche per USA, UK,
          Germania, Giappone, etc. Davvero pensate che la
          Germania possa ripagare un debito pubblico pari
          all'80% del suo PIL? Che in realtà è del 100%
          perché non viene conteggiato un 20% fuori
          bilancio. Idem per gli USA con il 100% del debito
          federale (più il resto) sul PIL. Idem per il
          Giappone con il 200% del debito sul
          PIL.Il punto è che lo Stato non deve ripagare un bel nulla, deve solo stampare moneta e finanziare l'economia reale fornendole uno strumento, non il fine ultimo. E' il "debito" ad essere l'errore, lo stato non può avere debito perché la sua garanzia è la sovranità.La conseguenza di politiche di questo genere è ovviamente l'inflazione, la causa dei mali attuali invece è una volontà politica di mantenere bassa l'inflazione per avere un vantaggio negli scambi internazionali, accompagnata da assalti speculativi della finanza, il risultato è l'impoverimento dell'economia reale, quella che parte dal produttore, passa dall'intermediario ed arriva al consumatore, che a sua volta è uno dei due precedenti. E' l'accumulo, nonché drenaggio, di enormi capitali in poche mani, senza bilanciamento (tramite la produzione di nuova moneta) nè produzione di beni reali (fare soldi con i soldi: le speculazioni borsistiche) la causa "della crisi".
          Alla fine, Google pagherà le pensioni ai
          sopravvissuti dei suoi lavoratori, perché produce
          prodotti e servizi che gli permettono di
          guadagnare e spendere, mente il governo USA
          smetterà di pagare le pensioni e la sanità ai
          suoi pensionati perché non produce nulla. Idem
          per quello Italiano, Spagnolo, Tedesco,
          etcAlla fine Google, non avendo più "clienti" non potrà pagare un bel nulla ai sopravissuti dei suoi lavoratori, inoltre andando il sistema produttivo verso un crack finanziario, i soldi che Google avrà accumulato varranno come carta igienica, buoni per pulircisi le terga.Quello del denaro è un ecosistema, lo sbilanciamento non è costituito dalla spesa pubblica (distribuzione della ricchezza, quindi circolazione del denaro), ma dall'accumulo improduttivo.
          • painlord2k scrive:
            Re: incredibile
            Le tue parole ti definiscono per quello che sei:uno schiavo volontario dello stato.ed essendo uno schiavo per tua volontà odi e disprezzi chi schiavo non lo è e non lo vuole essere.A te una persona libera fa schifo quanto una donna poco vestita in pubblico fa schifo ad un salafita.Per quello che dici alla fine, guarda:in Somalia, dove uno stato e una banca centrale non esistono, esistono gli operatori di telefonia cellulare, si fanno pagare e le loro tariffe sono tra le più basse dell'Africa.Che dire? Che il libero mercato esiste anche senza stato e funziona senza che gli statalisti come te gli diano il permesso o lo aiutino. Anzi, da quel che si vede, funziona meglio rispetto a dove c'è lo stato.Alla fine, il mercato vince sempre. Non si può abolire il mercato esattamente come non si può abolire la legge di gravità. Lo si può ignorare per un po', come si può ignorare la legge di gravità per un po', ma raramente chi lo fa dura a lungo.
          • Ubunto scrive:
            Re: incredibile
            - Scritto da: painlord2k
            Le tue parole ti definiscono per quello che sei:
            uno schiavo volontario dello stato.
            ed essendo uno schiavo per tua volontà odi e
            disprezzi chi schiavo non lo è e non lo vuole
            essere.Mah, in genere disprezzo gli idioti che parlano senza sapere e non vogliono sapere. E faccio bene. Lo stato democratico è la garanzia più efficiente di libertà, perché nella sua missione di governo, tramite la rappresentanza delle parti tutela, o cerca di tutelare, l'interesse generale. Interesse che è causa di benessere diffuso, di diritti all'assistenza sanitaria, all'istruzione, alla sicurezza tramite la legalità. E tutto questo avviene con giustizia ed, entro certi limiti, in equità. Lo Stato democratico è sovrano, ma poiché è democratico tutela la proprietà privata: questo non significa che rinunci alla sovranità. Poiché ognuno di noi ha la sua "proprietà privata" è nell'interesse comune il suo riconoscimento ad esclusione di casi eccezionali e di comprovata urgenza/necessità.La libertà di cui millanti qua sotto, quella degli individui, è lo scopo dello stato democratico ed è ottenuta da eguale libertà per i cittadini. Altrimenti si chiama prevaricazione/barbarie.
            A te una persona libera fa schifo quanto una
            donna poco vestita in pubblico fa schifo ad un
            salafita.Mah... diciamo che le persone "libere" per come le intendi tu, in maniera meno prosaica credo che andrebbero condannate a morte sotto tortura lenta come nemici dell'umanità.
            Per quello che dici alla fine, guarda:
            in Somalia, dove uno stato e una banca centrale
            non esistono, esistono gli operatori di telefonia
            cellulare, si fanno pagare e le loro tariffe sono
            tra le più basse
            dell'Africa.
            Che dire? Che il libero mercato esiste anche
            senza stato e funziona senza che gli statalisti
            come te gli diano il permesso o lo aiutino. Anzi,
            da quel che si vede, funziona meglio rispetto a
            dove c'è lo stato.LA SOMALIA: guerre civili, miseria, morti per malnutrizione, epidemie cicliche, il paese per eccellenza dell'infibulazione. Bell'esempio! Che conferma andando oltre ogni mia aspettativa lo scenario che avevo descritto.Evidentemente a te piacerebbe un Italia così:[img]http://blog.foreignpolicy.com/files/images/090203_somalia.jpg[/img]e così:[img]http://www.repubblica.it/images/2011/09/12/213225978-775603f1-86fe-4ef9-9994-5f57afaa90ea.jpg[/img][img]http://www.famigliacristiana.it/allegati/2011/9/unicef-1_2027493_2027689.jpg[/img]ma anche così:[img]http://2.bp.blogspot.com/-idLaWK3tL24/TzBo8n2RF1I/AAAAAAAAG7U/98iquOiYfy8/s1600/infibulazione.jpg[/img][img]http://www.maracarfagna.net/wp-content/uploads/infibulazione.jpg[/img]e questa è la tua idea di mercato:[img]http://daorienteaoccidente.com/wp-content/uploads/2011/08/somalia-food-aid_Ed8hV_16105.jpg[/img]Però i telefonini costano poco! Eh allora!Le compagnie telefoniche in Somalia, nonché la costruzione delle infrastrutture, sai come sono state pagate, come vengono finanziate, ed a chi appartengono? No, non avviene col "mercato", dato che li di mercato non ce n'è proprio, e questo mi pare abbastanza evidente. La Somalia è seduta su un mare di petrolio, eppure... sono poverissimi, ma hanno i telefonini!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 12 agosto 2012 01.26-----------------------------------------------------------
        • Talking Head scrive:
          Re: incredibile
          Non ho capito onestamente cosa abbia a che vedere il tuo pistolotto conservatore / complottista con Olivetti. In particolare ho ancora più difficoltà a cogliere il senso di specificare i governi "di centro sinistra", come se la spesa pubblica non sia aumentata sotto i governi di centro destra. E mi sfugge anche come, negli anni '60, abbia davvero senso parlare di centro sinistra e centro destra.Il fatto che una carenza di qualità istituzionale in Italia sia parte del problema è un dato di fatto. Che si possa generalizzare a qualsiasi forma di governo e spesa sociale, è ridicolo: se avessi una conoscenza di base dei modelli economici, esternalità, fallimenti del mercato, beni pubblici e privati, lo sapresti. Puoi provare iniziando a leggere un manuale di macroeconomia invece di laggere i deliri di Ron Paul.Ovviamente è anche OT, ma questo non sembra interessare granché a nessuno.
          • Talking Head scrive:
            Re: incredibile
            - Scritto da: painlord2k
            Bene, rispetto ad Ubuntu (sopra di te) almeno tu
            (Talking Head) sai che esiste un signore chiamato
            Ron Paul che è, forse, l'unico politico onesto
            che capisce qualche cosa di economia a livello di
            paesi occidentali e non ha paura di dire le cose
            come
            stanno.E' un medico che, dopo aver letto e travisato Hayek, pensa di conoscere l'economia. Purtroppo, come ogni scienza (seppur sociale), è complessa ed è facile travisarla. Bisogna studiare, altrimenti si dicono cose fuori dal mondo e dal tempo. E nota una cosa: il fatto che dal tuo post abbia compreso da dove veniva ti fa anche comprendere quanto possa essere isolata la sua posizione. Non dico in ambito accademico, tra gli economisti è considerato quanto i sostenitori della terra piatta sono considerati tra gli astrofisici, ma anche in ambito politico. E' semplicemente un lunatico con un piccolo seguito tra chi non ha mai studiato l'economia.Per "fallimento del mercato", non si intende che "quel che fa non mi piaccia" ma che non sono rispettati gli assiomi su cui si basano i teoremi che ne giustificano l'esistenza. Il libero mercato non porta automaticamente alla concorrenza perfetta, che è ottimale per definizione. Per arrivarci sono necessari dei teoremi basati su assiomi spesso falsi nella realtà. In tutti i mercati l'informazione non è perfetta, accordi tra concorrenti sono possibili mentre non tutti gli scambi sono possibili (per motivi tecnici: prova a convincere l'industria musicale che il suo mercato è in concorrenza perfetta, che può decidere liberamente il prezzo della musica e chi la ascolta).Se la mia fabbrica inquina, e tu respiri peggio, è necessaria una legge per monetizzare l'inquinamento (se abbiamo economisti al potere) o regolamentarlo (se abbiamo politici). In entrambi i casi, è necessario un ingresso dello stato o il risultato non è ottimale: respiriamo peggio. Per tutti i settori in cui vi sono esternalità e beni pubblici non vi sono teoremi economici che spingono contro la gestione centralizzata, anzi.Onestamente la tua risposta mi fa pensare che forse dovresti provare a studiare un po', e non solo i video su internet di un medico americano, ma qualche economista vero. Non è facile, capisco che i complotti delle banche centrali e il ritorno all'oro abbiano più fascino dei modelli matematici, ma è l'unico modo per capire che tutte le teorie estreme che leggiamo in questo periodo sono dovute essenzialmente ad una visione parziale, non di equilibrio generale. Ti posso consigliare di leggere il classico manuale di Blanchard, anche se è una lettura un po' arida. Ma suggerirti il libro di macro di Krugman & Wells temo sia un salto ideologico troppo forte.
          • painlord2k scrive:
            Re: incredibile
            Quando scrivi che l'economia è una scienza sociale, stai sostenendo quello che dice la scuola austriaca. Peccato che gli economisti mainstream (quelli che trattano gli austriaci come lunatici o li ignorano) la trattino come una scienza naturale, usando formule matematiche che vanno bene per descrivere il moto di oggetti inanimati (cioè senza una volontà propria) e non il comportamento di creature senzienti.Se una cosa non rispetta assiomi e teoremi vuol dire che assiomi e teoremi sono errati. L'homo aeconomicus è una invenzione degli economisti classici e dei keynesiani, non degli austriaci.Quando scrivi "In tutti i mercati l'informazione non è perfetta" dovresti sapere che questa è una supposizione che non ha posto nella scuola austriaca. Anzi, la scuola austriaca presume che l'informazione non sia mai perfetta, dato che l'azione umana avviene nel tempo e nonsi può essere certi delle condizionifuture. Il tempo non viene preso in considerazione dalle formulette degli economisti mainstream. Il fatto che la scala delle priorità delle persone non sia formata da numeri cardinali ma ordinali non viene preso in considerazione dagli economisti mainstream. Il fatto che gli scambi avvengano solo in condizioni di disequilibrio è giustificato dalla scuola austriaca con motivazioni logiche mentre viene negato dalle altre scuole.Se una fabbrica inquina non serve lo stato, basta una legge (che non richiede l'esistenza di uno stato) ed un giudice che decida il risarcimento da pagare. La teoria libertaria permette l'esistenza di agenzie di polizia/sicurezza private e la gestione di libero mercato della giustizia. Per smattellare il sistema legale irlandese dei brehons gli inglesi hanno dovuto faticare secoli. Gli stessi inglesi (la gente comune) in Irlanda preferiva rivolgersi ai brehons che alle corti di giustizia inglesi. La produzione privata del diritto nellIsola di Smeraldohttp://vonmises.it/2012/06/14/la-produzione-privata-del-diritto-nellisola-di-smeraldo/Prova a confrontare quello che ha fatto lo stato italiano a Taranto con l'Ilva. Prima a tenuto tutto a tacere (quando era il padrone), poi ha lasciato tutto l'inquinamento passato e scaricato la palla sui privati. E adesso butta sul lastrico proprietà e lavoratori per aderire alla lettera alla legge. Come se fare la fame non facesse male quanto, se non più, di rischiare un tumore.In un sistema come quello dei brehon (o dei giureconsulti romani o lo Xeer dei somali) sarebbero cominciati a volare risarcimenti da pagare decenni fa, governo o non governo, leggi fatte dal governo o meno.
          • Talking Head scrive:
            Re: incredibile
            - Scritto da: painlord2k
            Quando scrivi che l'economia è una scienza
            sociale, stai sostenendo quello che dice la
            scuola austriaca. Peccato che gli economisti
            mainstream (quelli che trattano gli austriaci
            come lunatici o li ignorano) la trattino come una
            scienza naturale, usando formule matematiche che
            vanno bene per descrivere il moto di oggetti
            inanimati (cioè senza una volontà propria) e non
            il comportamento di creature
            senzienti.Ti ripeto: dovresti studiare un po' di economia. Non o austriaca o keynesiana o evoluzionistica, ma economia. Non sono un grande fautore dell'economia neoclassica, ma è uno strumento, una lente per comprendere alcuni punti chiave. Dopo puoi passare a criticarli, a decidere cosa non accetti e cosa accetti, ma un DSGE rimane la più completa analisi del problema macroeconomico sviluppata dall'uomo.Se non vuoi leggere l'economia neoclassica prima di criticarla, è una tua scelta. Ma capirai che sembrerai sempre un lunatico, come Ron Paul, allo stesso modo di un pazzo che critichi il modello Standard di Fisica quantistica senza conoscerlo. L'economia neoclassica è complessa, criticarla per sentito dire non è una buona strategia.
          • painlord2k scrive:
            Re: incredibile
            Guarda che le prescrizioni degli economisti mainstream sono quelle che ci hanno portato in questa situazione.Una scienza che non può essere usata per prevedere il futuro (anche limitatamente) è inutile. Anzi, non è scienza.Se dei pazienti si rivolgono ad un medico e, dopo aver seguito le sue prescrizioni, continuano tutti a stare male o peggiorano, uno comincia a domandarsi "perché?"Dopo 5 anni di crisi, dopo aver abbassato i tassi di interesse a zero, dopo aver pompato quantità inenarrabili di liquidità nell'economia, la situazione è peggiorata, non migliorata. Nonostante le promesse. Quindi, o sono bugiardi o incapaci. Non credo che lo siano perché sono stupidi. Credo piuttosto che aderiscano ad un dogma che non possono denunciare, se volessero, perché ne andrebbe del loro potere e posizione.Come ha detto Peter Schiff nella lezione che ho linkato:"Quello che è buono per l'economia e male per i politici; quello che è buono per i politici è male per l'economia"Nessuno vuole accettare la recessione anche se è necessaria, nessun politico vuole andare a dire "vi hanno/abbiamo promesso più di quello che potevamo dare - bisogna ridurre lo stato sociale". Ne va della sua rielezione. Gli basta trovare un capro espiatorio "gli ebrei", "i capitalisti", "gli speculatori", "i poteri forti", "gli evasori", per giustificare i loro fallimenti e chiedere più potere e essere rieletti per l'ennesima volta.Peccato che il mercato e l'economia non fanno sconti a nessuno. Al massimo rimandano i pagamenti e poi ti fanno pagare gli interessi.
      • adelk scrive:
        Re: incredibile
        Altri tempi...
Chiudi i commenti