Boeing, un brevetto per il campo di forza

Il contractor della difesa americano si è appena guadagnato un brevetto che sa di fantascienza: un campo di forza capace di difendere cose e persone dagli effetti delle onde d'urto di un'esplosione. Almeno sulla carta

Roma – L’USPTO americano ha approvato un nuovo brevetto di Boeing, costruttore e contractor governativo che ora possiede legalmente la proprietà intellettuale inerente uno scudo energetico pensato per deflettere o assorbire le onde d’urto. Tutta teoria, almeno per il momento.

Il titolo riconosciuto a Boeing descrive “un metodo e un sistema per l’attenuazione di un’onda d’urto attraverso un arco elettromagnetico”, ed è quindi pensato per difendere edifici, veicoli e potenzialmente persone dagli effetti secondari di un’esplosione dal notevole potenziale distruttivo.
Il sistema di “attenuazione”, non difende dall’impatto diretto con detriti, proiettili o frammenti dei suddetti, “limitandosi” a creare una zona cuscinetto tra l’area sicura e l’esplosione attraverso l’utilizzo di raggi laser, elettricità e microonde. Un sensore riconosce l’esplosione e fa scattare la generazione dello scudo di aria altamente ionizzata.

La differenza di temperatura, densità e composizione tra lo scudo di “plasma” e l’aria circostante dovrebbe servire ad attenuare il livello di energia di un’onda d’urto prima che questa raggiunga ciò che va protetto, sostiene il brevetto di Boeing, un sistema difensivo in teoria non molto diverso da quello già visto più e più volte in celebri saghe fantascientifiche al cinema (Star Wars) o in televisione (Star Trek).

Passando dalla teoria alla pratica, invece, gli ingegneri di Boeing avranno sicuramente un bel po’ da fare per dimostrare concretamente la reale efficacia – o anche solo la realizzabilità – della tecnologia descritta nel nuovo brevetto.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leonida scrive:
    Re: QUESTO E' SPARTAN
    Io invece sono sicuro che non lo è. ;)
  • ... scrive:
    Re: QUESTO E' SPARTAN
    mbutu
  • capitan farlock scrive:
    microsoft contribuisce all open source
    molto piu della mela di cupertino checche ne dicano i macachi invidiosicon la nuova unita guidata da rabellino mostreranno al mondo cosa significa vera innovazione, e con il nuvo browser spartan si potrenno fare cose pazzesche, supporta il digital ink,ovvero annotare una pagina con ua stilo e spedire il tutto a chi vuoi, eheh con queste e le altre soprese in serbo temo proprio che gli altri browser mangerrano tanta tanta polvere
    • Storia... scrive:
      Re: microsoft contribuisce all open source
      - Scritto da: capitan farlock
      molto piu della mela di cupertino checche ne
      dicano i macachi invidiosiCerto certo: http://www.miamammausalinux.org/2015/03/contrordine-microsoft-odia-linux-o-meglio-dice-di-amarlo-ma-secondo-techrights/
      con la nuova unita guidata da rabellino
      mostreranno al mondo cosa significa vera
      innovazione, e con il nuvo browser spartan si
      potrenno fare cose pazzesche, supporta il digital
      ink,ovvero annotare una pagina con ua stilo e
      spedire il tutto a chi vuoi, eheh con queste e le
      altre soprese in serbo temo proprio che gli altri
      browser mangerrano tanta tanta polvereE nuovi bug mai visti prima !!!
      • capitan farlock scrive:
        Re: microsoft contribuisce all open source
        fare un restart di quid ti pialla il disco fisso ?? hahah linari al tappeto !
        • Storia... scrive:
          Re: microsoft contribuisce all open source
          - Scritto da: capitan farlock
          fare un restart di quid ti pialla il disco
          fisso ??

          hahah linari al tappeto ! ???http://it.wikipedia.org/wiki/Quid_pro_quo
        • fork_bomb scrive:
          Re: microsoft contribuisce all open source
          solo se sei un RH (ab)user...
        • Ciccio scrive:
          Re: microsoft contribuisce all open source
          - Scritto da: capitan farlock
          fare un restart di quid ti pialla il disco fisso
          ??

          hahah linari al tappeto !In quella news si sono dimenticati di nominare un particolare importante che è indicato nella descrizione del bug vero e proprio (forse la nota, ben evidente, è stata aggiunta in un secondo tempo, non so...):"At the time of this writing, RHEL 6.7 is still pre-beta and this bug was found in an *UNRELEASED* update to squid."https://bugzilla.redhat.com/show_bug.cgi?id=1202858
    • rockroll scrive:
      Re: microsoft contribuisce all open source
      - Scritto da: capitan farlock
      molto piu della mela di cupertino checche ne
      dicano i macachi
      invidiosi
      con la nuova unita guidata da rabellino
      mostreranno al mondo cosa significa vera
      innovazione, e con il nuvo browser spartan si
      potrenno fare cose pazzesche, supporta il digital
      ink,ovvero annotare una pagina con ua stilo e
      spedire il tutto a chi vuoi, eheh con queste e le
      altre soprese in serbo temo proprio che gli altri
      browser mangerrano tanta tanta
      polvereOh cielo, quali meraviglie ci attendono!
    • AxAx scrive:
      Re: microsoft contribuisce all open source
      Oddio. Ho i peli della mano tutti ritti dopo l'annuncio di questa fantasmagorica novità.
Chiudi i commenti