Boiron: dal principio attivo al lieto fine

L'intervento originale nei confronti del blogger italiano è stato esagerato: l'ad italiana è intervenuta per diluire la questione, chiedere scusa per eventuali incomprensioni e cercare di chiarire le posizioni della sua azienda
L'intervento originale nei confronti del blogger italiano è stato esagerato: l'ad italiana è intervenuta per diluire la questione, chiedere scusa per eventuali incomprensioni e cercare di chiarire le posizioni della sua azienda

Si è chiusa la vicenda che vedeva la casa farmaceutica omeopatica Boiron contrapposta ad un blogger italiano.

L’amministratore delegato di Boiron Italia Silvia Nencioni ha scritto direttamente all’autore di Blogzero Samuele Riva, dicendosi dispiaciuta delle minacce di querela e cercando di recuperare la situazione: non era nelle intenzioni della sua azienda, scrive adesso, minacciare la libertà di espressione o ricorrere alle vie legali.

L’intervento che ha scatenato la vicenda, spiega insomma, non aveva quell’intento e se così è stato percepito allora l’azienda ha sbagliato.

L’unico intento era quello di chiedere la rimozione di alcune frasi ritenute, anche dagli osservatori, lesive dell’immagine dell’azienda e dei suoi utenti. E non bloccare del tutto il dibattito in materia di omeopatia, rispetto a cui si dice sempre pronta al dialogo. ( C.T. )

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti