Bolzano, sequestri di PC e di supporti

Operazione anti-pirateria

Bolzano – Sono 250 i computer portatili che nelle scorse ore la Guardia di Finanza di Bolzano ha posto sotto sequestro assieme a qualche decina di supporti ottici sui quali si trovava software riprodotto illegalmente. Si tratta di materiali tutti riconducibili ad una società che li rivendeva via Internet.

Sono questi alcuni dei numeri collegati ad una operazione antipirateria che si snoderà anche nei prossimi giorni: sono mille gli acquirenti di PC e sistemi operativi illecitamente riprodotti che sono stati individuati dalle Fiamme Gialle.

La Guardia di Finanza ha spiegato che il gestore dell’azienda sarà perseguito penalmente come previsto dalle attuali normative sul diritto d’autore ma ad essere perseguito sarà anche chi ha comprato questi dispositivi: per loro la legge prevede una di 154 euro per ogni violazione.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Angelone scrive:
    ESTORSIONE
    bella e buonahttp://it.wikipedia.org/wiki/Estorsione
  • Anonimo scrive:
    Dov'e' il problema?
    http://phoenixlabs.org/pg2/
  • Msdead scrive:
    Pirati contro RIAA!
    Credo che sia ora che i pirati inizino ad andare addosso alla RIAA e a chi vuole costringere noi utenti ha fare quello che vogliono loro.I provider non sono stupidi e non accetteranno mai di fornire i nominativi se non dietro denuncia.Il fatto è che la RIAA sente il sapore della sconfitta sulle tecnologie DRM e anticopia ma vuole imporre una cosa che nessuno accetta.RIAA rassegnati!HAI PERSO!!I provider perdono clienti se sbandierano all'aria tutto, lo fanno sì ma con una regolare denuncia e ordine di un magistrato!La RIAA infrange i nostri diritti e vuole controllarci tutti, ora è giunto il momento di farla tacere, senza contare che poi per chissà quanto tempo ha denunciato utenti senza uno straccio di prove!IL P2P NON DANNEGGIA IL MERCATO MA PERMETTE A TUTTI DI USARE LE ULTIME TECNOLOGIE!Spero che cambi da sola ovviamente, non appoggio la pirateria ma stanno esagerando.
  • Anonimo scrive:
    Mafia legalizzata
    Cosè se non questo? Intimidazioni e richiesta di cifre folli...
  • Anonimo scrive:
    vogliono solo fare soldi
    dei diritti non gliene frega una mazza.ormai il mondo si sta imbarbarendo e cio' che conta e' racimolare il piu' denaro possibile senza sforzo alcuno, solo con le minacce, solo facendo causa.e l'america e' un esempio in questo. riescono a fare causa anche se si scottano con il caffe' (successa piu' di qualche anno fa a new york).il problema e' che il sistema tende a derivare verso il suo limite estremo, che e' proprio quello di fare soldi senza produrre altro che carte legali.capite bene che siamo alle premesse del collasso totale (o della stasi eterna che e' la stessa cosa).purtroppo non vedo soluzioni considerando lo stato attuale del sistema e ogni speranza che "dal basso" possa cambiare qualcosa mi lascia molto perplesso, visto che finora non e' mai realmente successo.ma, come si dice, finche' c'e' vita c'e' speranza e, nel frattempo, credo sia opportuno cercare di alimentare questa flebile speranza capendo che, se il fine ultimo resta il mero denaro, non sara' un bel futuro.credo che le domande chiave siano "a cosa serve?", "che senso ha?". se un'azione serve a progredire, imparare, crescere, godere, ... (a ciascuno secondo i suoi gusti) allora, e solo allora, dovrebbe valer la pena di essere compiuta. il denaro ed il benessere, poi, arrivano lo stesso.
    • Anonimo scrive:
      Re: vogliono solo fare soldi
      - Scritto da:
      il problema e' che il sistema tende a derivare
      verso il suo limite estremo, che e' proprio
      quello di fare soldi senza produrre altro che
      carte
      legali.Carta in cambio di altra carta, insomma... viviamo in un mondo di carta (suona proprio bene).
      capite bene che siamo alle premesse del collasso
      totale (o della stasi eterna che e' la stessa
      cosa).
      purtroppo non vedo soluzioni considerando lo
      stato attuale del sistema e ogni speranza che
      "dal basso" possa cambiare qualcosa mi lascia
      molto perplesso, visto che finora non e' mai
      realmente
      successo.Veramente tutte le rivoluzioni fin qui sono arrivate dal basso. E ciclicamente. Vedremo quanto manca al prossimo ciclo.
  • TBJ61898 scrive:
    oibo'
    certo svegliassi e leggere ste news... c'è da farsi venire i bachi!
  • Anonimo scrive:
    MA va...
    Qui i provider gia ci spennano come polli, figuriamoci a dar loro diritto di chiererci danaro per le majorNon comprate cd dvd etc, nessun accordo, devono chiudere, sparire per sempre.
  • Anonimo scrive:
    denuncie automatiche
    ne parlavamo 5 anni fa al webbit con un avvocato, che me l'ha data come tutt'altro che impossibile ...
    • Anonimo scrive:
      Re: denuncie automatiche
      - Scritto da:
      ne parlavamo 5 anni fa al webbit con un avvocato,
      che me l'ha data come tutt'altro che impossibile
      ...
      Non esiste ancora un marchingeno che abbia la sensibilità umana per scopprire in automatico se una sequenza di bit è relativa ad un contenuto protetto piuttosto che ad un media di produzione privata. Salvo introduzione di appositi Tag di riconoscimento che però, inevitabilmente, sono manipolabili ed inseribili o eliminabili a seconda della bisogna.
      • Anonimo scrive:
        Re: denuncie automatiche
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        ne parlavamo 5 anni fa al webbit con un
        avvocato,

        che me l'ha data come tutt'altro che impossibile

        ...


        Non esiste ancora un marchingeno che abbia la
        sensibilità umana per scopprire in automatico se
        una sequenza di bit è relativa ad un contenuto
        protetto piuttosto che ad un media di produzione
        privata. Salvo introduzione di appositi Tag di
        riconoscimento che però, inevitabilmente, sono
        manipolabili ed inseribili o eliminabili a
        seconda della
        bisogna.quando hai il potere , puoi sparare nel mucchio e poi chiedere - se vuoi - scusa a quelli sbagliati.e così pare che si stia andando in direzioni simili
  • Anonimo scrive:
    fuorilegge
    chi scarica linux....infrange i brevetti
  • Anonimo scrive:
    Ultimo miglio...
    rischia di essere l'unica soluzione, anche se molto costosa.In soldoni: ci si può collegare direttamente al backbone? tagliar fuori i provider? diventare provider di se stessi?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ultimo miglio...
      - Scritto da:
      rischia di essere l'unica soluzione, anche se
      molto
      costosa.
      In soldoni: ci si può collegare direttamente al
      backbone? tagliar fuori i provider? diventare
      provider di se
      stessi?Ovvero fare da provider ad una cerchia di amici? Certo, tecnicamente, se te lo lasciassero fare; anzi te lo lasciano fare, ma devi essere un ISP a tutti gli effetti, e quindi soggiacere alle regole del gioco.
      • Anonimo scrive:
        Re: Ultimo miglio...
        come al solito basta la palanca.se ce l'hai puoi fare tutto.sembra che le cose stiano cosi' da queste parti...
    • Anonimo scrive:
      Re: Ultimo miglio...
      - Scritto da:
      rischia di essere l'unica soluzione, anche se
      molto
      costosa.
      In soldoni: ci si può collegare direttamente al
      backbone? tagliar fuori i provider? diventare
      provider di se
      stessi?1) Si puoi fare il provider2) di quale backbone vai cianciando?
  • Anonimo scrive:
    Delatori, spie e polizia privata
    La RIAA vorrebbe trasformare una società privata in un organismo di polizia in barba a tutti i diritti costituzionali. Gli ISP sono tenuti alla segretezza, non possono indagare nelle comunicazioni dei propri clienti e non devono cederne le informazioni private se non dietro richiesta di un giudice che formalizzi l'inchiesta. Le Major stanno solo cercando una scorciatoia per rafforzare la loro strategia fatta di prepotenze e bullismo legale. Che affrontino tutte le conseguenze delle loro azioni rivolgendosi agli organi competenti e non cerchino di trasformare la persecuzione degli utenti in una mafia tra loro e i provider dove far morire tutti i diritti di chi, prima di essere un cybernauta e un utente è prima di tutto un cittadino!
    • Anonimo scrive:
      Re: Delatori, spie e polizia privata
      Chi ha i soldi comanda. Non dubitare neanche per un attimo che possano riuscire nei loro intenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Delatori, spie e polizia privata
      :D @^http://www.freeinfosociety.com/coppermine/displayimage.php?album=15&pos=100
  • Anonimo scrive:
    [OT] problemi provider
    Ma anche a voi fino a 15 minuti fa internet era morto? Manco google mi fungeva -.-'
  • Anonimo scrive:
    Le spese della RIAA
    Ma quanto spendono in avvocati sti scemi??
    • Anonimo scrive:
      Re: Le spese della RIAA
      Ancora non hai capito che le loro richieste di risarcimento danni non sono il compenso per lo scaricamento di brani che non avresti mai comprato ma le spese della parcella dei loro studi legali? E' tutto funzionale ad una strategia del terrore e del controllo, non c'è niente che abbia a che vedere con il diritto, tantomeno con l'arte.
    • non autenticat o scrive:
      Re: Le spese della RIAA
      Sicuramente meno di ciò che guadagnano dalle cause. Parliamo di centinaia di milioni di dollari/euro
  • Anonimo scrive:
    VANNO A CACCIA DI SPIE
    Ridicoli. Gli ISP non sono come la TELECOM.I caXXi loro se li smazzino da soli i pitocchi della RIAA.
    • Anonimo scrive:
      Re: VANNO A CACCIA DI SPIE
      se fosse sfuggito,un provider in italia ha fatto un qualcosa di simile.ha ricevuto comunicazione da parte di questi signori che il nr. ip tizio e caio condivide file illegali.il provider non ha comunicatogli estremi dell'interessato(questo e' giusto dirlo)ma ha mandatouna mail all'interessato dicendogli di smettere di condividere e comunicando che in caso di seconda segnalazione sul suo ip,gli avrebbe bloccato l'accesso alla rete.da un lato il providernon ha buttato in pasto ai pescecani il cliente e questo epositivo dall'altro pero'l'ha minacciato di distacco dalla rete,senza che ci fosse uno straccio di prova a conferma di quanto affermato dalla riaa.
Chiudi i commenti