Brasile 2014, diritti TV e repressioni mondiali

FIFA, Sony e compagnia più che mai attive nel salvaguardare i propri diritti sulle trasmissioni dei mondiali brasiliani sulle reti di P2P, i social network e anche su Google
FIFA, Sony e compagnia più che mai attive nel salvaguardare i propri diritti sulle trasmissioni dei mondiali brasiliani sulle reti di P2P, i social network e anche su Google

Alle iniziali dichiarazioni di guerra contro gli streamer abusivi di Brasile 2014 fanno in questi giorni seguito le azioni di contrasto e repressione vere e proprie, operazioni avviate da grandi nomi del business che però arrivano a proporre interpretazioni delle leggi che hanno molto in comune con la censura.

L’obiettivo principale delle nuove azioni sono ovviamente i siti di streaming delle partite dei Mondiali di calcio, un tipo di infrazione per cui l’emittente indiana Multi Screen Media (MSM) – TV sussidiaria di Sony – si è rivolta all’Alta Corte di Delhi per bloccare il funzionamento dei server coinvolti. MSM aveva inizialmente richiesto l’inibizione degli accessi a circa 500 siti e servizi Web comprensivi di streaming, portali di torrent (immancabile The Pirate Bay) e persino servizi di Google come Docs, Goo.gl e Google Video, mentre la lista aggiornata fornita alla corte non presenta tracce di siti appartenenti a Mountain View e chiede il blocco di 219 portali.

La lista dei servizi Web da censurare – colpevoli di ritrasmettere i feed video indiani per cui MSM aveva ottenuto l’esclusiva legale dalla FIFA – è stata fornita da Markscan, società anti-pirateria già nota per il tentativo di agire sui siti di informazione colpevoli di aver fornito i link a servizi di streaming mondiale perfettamente legali.

Ma quando si parla di copyright e Mondiali la paranoia non è mai troppa, e la stessa FIFA non si fa scrupoli a censurare l’uso dei loghi ufficiali della manifestazioni sportiva del momento sul network di microblogging di Twitter . L’emittente USA ESPN ha preso invece di mira Vine e altri social network, invocando la censura di spezzoni video che dovrebbero in teoria essere salvaguardati dalla dottrina del fair use.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

08 07 2014
Link copiato negli appunti