Brevetti e-reader, Amazon si accorda con Discovery

Appianata la causa che le vedeva contrapposte circa la paternità di una tecnologia legata agli e-reader

Roma – Amazon ha appianato la causa che la vedeva contrapposta a Discovery Communications: quest’ultima l’ aveva denunciata prima a marzo nel 2009 e poi ancora l’estate scorsa per un suo brevetto relativo alla “sicurezza nella distribuzione di contenuti testuali e grafici agli abbonati e sicurezza nell’archiviazione”.

Le due hanno raggiunto un accordo i cui termini rimangono confidenziali, ma secondo il quale sembra che il negozio digitale abbia accettato di pagare royalty al produttore del canale televisivo. (C.T.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Sgabbio scrive:
    che paese evoluto...
    La patria dei MMORPG, che fa dei provvedimenti cosi draconiani.... Mamma mia.Prima l'obbligo dei dati veri sui servizi internet "affolati", poi i mmorpg, adesso anche le console....la vedo brutta.
    • Magenta scrive:
      Re: che paese evoluto...
      - Scritto da: Sgabbio
      La patria dei MMORPG, che fa dei provvedimenti
      cosi draconiani.... Mamma mia.

      Prima l'obbligo dei dati veri sui servizi
      internet "affolati", poi i mmorpg, adesso anche
      le console....la vedo
      brutta.Ti ricordo che la Corea del Sud è ancora formalmente in guerra con la Corea del Nord, anche se non avviene nessun combattimento (il più recente scontro è stato un attacco missilistico dal Nord a delle isole dell'ovest), in genere nessun governo va troppo per il sottile quando ha da seguire delle vicende belliche, insomma il governo ha molto potere, anche se in questo caso i provvedimenti sono più di natura sociale, ovvero lo stato si ritiene in dovere di salvare la gioventù da quello che considera una minaccia.Questo si accorda molto bene con l'atteggiamento asiato che vuole vedere il governo come un padre (beh è l'approccio che vogliono i governi per essere esatti), approccio un po' lontano dal liberalismo illumista europeo, approccio invadente anche se non privo di lati validi perché apporta anche dei miglioramenti sociali. Si comprende così come certe disposizioni siano non di rado dispotiche soprattutto verso i giovani, in Corea ma anche in Giappone, Taiwan, Singapore, Vietnam, ecc.Ci sono anche tanti liberalisti in questi paesi, ma alcune delle forze al governo hanno a cuore di costruire uno stato etico, uno stato dove il governo decide per il bene dei cittadini, indica cosa è giusto e cosa no e prende iniziative morali al posto dei cittadini.A questi governanti di essere la patria dei MMORPG importa poco, piacerebbe di più essere conosciuti e ricordati come protettori della patria, dalle minacce militari e sociali.
Chiudi i commenti