BSA: Veneto culla della pirateria informatica

Guardia di Finanza e Business Software Alliance in tre province venete scovano quantità di software illecito. Anche in questo caso i reati sono legati perlopiù all'underlicencing. Prosegue la scansione delle imprese italiane


Roma – Continua senza sosta l’azione di controllo e repressione della pirateria da parte della Business Software Alliance in Italia. In una nota diramata ieri, l’associazione che riunisce i produttori di software proprietario ha reso noto di aver individuato in tre province del Veneto quella che ha definito una “Santa Barbara” della pirateria.

Le indagini in Veneto sono state condotte dalla Guardia di Finanza con il “supporto tecnico” della BSA e hanno portato alla luce più di 1800 software senza licenza, per un valore di mercato di oltre 1.224.000 euro.

Stando a quanto riferito dalla BSA, l’operazione è stata condotta nei confronti di 59 aziende delle province di Venezia, Padova e Vicenza. La percentuale di imprese risultate “fuorilegge” è del 75 per cento, una percentuale molto al di sopra della media nazionale (che BSA stima nel 46 per cento), che colloca l’Italia al terzo posto in Europa nella singolare graduatoria dei paesi a più alto tasso di pirateria informatica.

La pratica illegale più ricorrente riscontrata durante le operazioni è quella nota come underlicencing . I programmi software, cioè, sono stati acquistati dalle aziende e poi caricati sui personal computer in numero superiore rispetto alle relative licenze d’uso. I responsabili delle aziende trovate illegali sono stati indagati per il reato di cui all’articolo 171 bis della legge 248/00 sulla tutela del diritto d’autore e rischiano fino a 3 anni di reclusione e 30 milioni di multa.

Per la prima volta in Italia, in occasione di queste indagini sono state anche comminate le sanzioni amministrative previste dall’articolo 161 bis: i responsabili della duplicazione illegale dovranno pagare una multa complessiva che ammonta a circa mezzo milione di euro. Come previsto dalla legge, infatti, la sanzione viene calcolata applicando, come minimo, il doppio del valore di mercato del software illegale rinvenuto.

Le operazioni della BSA in Italia si moltiplicano. Lo scorso dicembre in Liguria l’operazione “Jolly Roger” ha evidenziato uso di software illegale nel 50 per cento delle aziende del savonese. Nelle settimane precedenti si erano avuti i blitz nelle scuole dell’IT . Per non contare le azioni antipirateria di Microsoft, uno dei più importanti membri della BSA, con i suoi mistery shoppers .

La questione pirateria può essere approfondita a partire dal Canale Pirateria e Copyright di Punto Informatico.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Italia paese di corrotti
    LA realtà è che in Italia vige uno stato di corruzione molto elevato. Basti pensare a infostrada che prima era l'unica a fare concorrenza e adesso è di proprietà dell'ENEL! Potremo parlare degli ospedali, delle ferrovie, del premier mafio... LA corruzione è ovunque....La mafia pure....
  • Anonimo scrive:
    Ma quando impareremo a contare fino a 3?
    In questi giorni sto facendo il contratto con Atlanet per l'ADSL, visto che da ieri VirgilioTin mi ha lasciato a piedi e non ho nenanche il piacere di sapere perché (la richiesta è stata inoltrata, non mi passano più nemmeno l'assistenza tecnica).Adesso apprendo che Atlanet è Fiat e che domani potrebbe essere anche Mediaset. Dall'altra parte c'è Telecom.Oltre questo il mercato non esiste. Chiunque vuole fare affari in questo settore oggi deve chiedere permesso a Telecom. Non mi consola il fatto che domani potrà chiederlo anche ad Agnelli o Confalonieri. Il problema di questo paese non è il conflitto di interessi, ma la totale assenza di mercato e di concorrenza.Volevamo un bipartitismo e ci siamo ritrovati con un duopolio: dal parlamento alla televisione, dalla telefonia fissa a quella mobile. A quando la fusione Tiscali-Tin?
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?
      Mi sembri troppo pessimista :-)Ci sono servizi o tariffe che solo grandi aziende sono in grado di affrontare. Se non ci fossero i grandi provider, per dire, saremmo ancora a dare 250 carte a qualcuno per un anno di abbonamento ad Internet, dovendo poi pagare in piu' anche la telefonata :-)
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?
        Un mio amico che vive a Colonia, in Germania, ha in casa una linea ADSL con 2Mbit in download e 512Kbit in upload.90 marchi al mese.Noi abbiamo la Telecom che ci dice che nel nostro (bel?)Paese non si puo' andare oltre i 640Kbit, con un servizio che copre il ???per cento del territorio e per una cifra quasi doppia.Confermo che l'Italia non esiste.Carlo S.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?
          - Scritto da: Carlo S.
          Un mio amico che vive a Colonia, in
          Germania, ha in casa una linea ADSL con
          2Mbit in download e 512Kbit in upload.
          90 marchi al mese.Un mio amico vive a Milano, in Italia, ha in casa una linea FastWeb com 10Mbit in download e 10Mb in upload.120.000 lire al mese
          Confermo che l'Italia non esiste.Confermo che la Germania non esiste.Colonia è una grande città alla pari di quelle che in Italia sono ben servite. Bisognerebbe chiedere agli abitanti di un paesino della baviera come si collegano, per avere un parametro valido.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?
            - Scritto da: PerAssurdo
            ...ha in
            casa una linea FastWeb com 10Mbit in
            download e 10Mb in upload.C'e' un errore. Vediamo se lo trovi...Cmq, non si parlava SOLO di ADSL?E, in particolar modo, di TARIFFE per ADSL?Carlo S.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?
            - Scritto da: Carlo S.
            - Scritto da: PerAssurdo

            ...ha in

            casa una linea FastWeb com 10Mbit in

            download e 10Mb in upload.

            C'e' un errore. Vediamo se lo trovi...

            Cmq, non si parlava SOLO di ADSL?
            E, in particolar modo, di TARIFFE per ADSL?

            Carlo S.A roma con Colt o Atlanet o Edisontel ti mettono un adsl e il voice over DSL a meno di 200k al mese, senza canone, a 2Mbit.L'ADSL di Colt arrivera' fino al suo limite, ovvero 8 megabit.Il problema e' che la fibra bisogna pure passarla, e l'Italia e' tutto fuorche' pianeggiante, le citta' italiane sono 4 o 5, gli altri sono paesi, per i parametri che hanno ad esempio in Germania.non biasimo le societa' che guardano i costi, ma chi ha permesso e continua a permettere a Telecom di sfruttare i cavi posati con denaro pubblico, per far valere la legge del piu' forte.Ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?

            non biasimo le societa' che guardano i
            costi, ma chi ha permesso e continua a
            permettere a Telecom di sfruttare i cavi
            posati con denaro pubblico, per far valere
            la legge del piu' forte.
            Non è la legge del più forte, ma solo quella del più avvantaggiato: nella giungla di un'economia di mercato (un paradiso rispetto a questa fetida palude) telecom andrebbe a picco nel volgere di pochi mesi (metto da parte una bottiglia champagne: spero di non dovermela portare nella tomba). Purtroppo il nostro paese non ha speranza: siamo passati da Salvi alla destra sociale...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?
        - Scritto da: FruitOfTheNet
        Mi sembri troppo pessimista :-)
        Ci sono servizi o tariffe che solo grandi
        aziende sono in grado di affrontare.Che lo dimostrino sul campo: il servizio che io, da semplice libero professionista (appoggiandomi ad una struttura statunitense), offro in un campo un po' diverso (ma non troppo) come l'hosting è molto più efficiente e non solo in termini di Customer Satisfation. Prova a lavorare con Village, sito di consolidamento e sito di produzione, nessuna possibiltà di utilizzare estensioni FrontPage o UltraDev, nessuna possibilità di conoscere il path fisico del DB (motivi di sicurezza come se il più sfigato degli hacker non fosse in grado di individuarlo). Un aggiornamento di dieci secondi ti costa mezza giornata di lavoro (da consolidamento a produzione non si possono copiare singoli file all'interno di una subdirectory: si parte sempre dalla root!!!). E naturalmente alla prima difficoltà il tecnico del call center è pronto a girarti il siluro nel deretano.
        Se non
        ci fossero i grandi provider, per dire,
        saremmo ancora a dare 250 carte a qualcuno
        per un anno di abbonamento ad Internet,
        dovendo poi pagare in piu' anche la
        telefonata :-)Questo è vero. Ma le grandi strutture dovrebbero occuparsi di grandi cose: cavi, connessioni, centraline, servizi. Qua tutti vogliono accalappiare le aziende per offrirgli un pacchettino bundle con telefonia, dati, hosting, housing e toeletta per il cane!
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?

        Ci sono servizi o tariffe che solo grandi
        aziende sono in grado di affrontare. Se non ci
        fossero i grandi provider, per dire, saremmo
        ancora a dare 250 carte a qualcuno per un anno
        di abbonamento ad Internet, dovendo poi pagare
        in piu' anche la telefonata :-)Tiscali non era una grande azienda eppure è stata la prima a fornire il free internet in Italia...Il problema è nel costo di portare avanti le idee, in Italia è difficile reperire capitali quando le banche sono la concorrenza!Esempio un metro di fibra ottica costa 70.000£, 1m di scavo a Roma costa 300.000£, una concessione qualche miliardo ed a quando i rientri? Il canone se non lo paghi tu lo deve pagare l'operatore che ti fornisce l'ULL e mica lo può fare gratis!Purtroppo per avere servizi serve la concorrenza ed il libero mercato (si come quello delle Assicurazioni!!!!) Tristi realtà del Bel Paese
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?

      Il problema
      di questo paese non è il conflitto di
      interessi, ma la totale assenza di mercato e
      di concorrenza.mica c'hai creduto davvero che il monopolio sarebbe stato eliminato ??? l'unica cosa che e cambiata e stato il proprietario del monopolio (= chi ci mangia sopra)
      A quando la fusione
      Tiscali-Tin?quando soru vorra andare in pensione...
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?


        A quando la fusione

        Tiscali-Tin?
        quando soru vorra andare in pensione...
        Sedcondo me Soru sarà il principale artefice. Ne parliamo tra uno due anni al massimo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma quando impareremo a contare fino a 3?



          A quando la fusione


          Tiscali-Tin?

          quando soru vorra andare in pensione...



          Sedcondo me Soru sarà il principale
          artefice. Ne parliamo tra uno due anni al
          massimo.con l'altro alla telecom ???hahahhahahahaahahahahahhahaha;-0)tu non hai idea di che tipo di gente e quella realmente...e forse e meglio cosi...
Chiudi i commenti