California, quello non è Steve Jobs

Account verificati e richiesta di trasparenza per le parodie: Twitter accoglie la richiesta di Apple e chiede a un clone del CEO di chiarire la sua falsità

Roma – La legge in materia di e-personification, che punisce chi in Rete si nasconde dietro un nome altrui, è entrata in vigore in California da pochi giorni , ma Twitter è già pronta a seguirne l’impostazione. A dimostrarlo, la protesta (accolta) di Apple per un account che prendeva in prestito senza permesso l’immagine e il nome del suo CEO, Steve Jobs. Con intenti umoristici non evidenti ad un occhio superficiale.

I primi dubbi erano relativi proprio alla manifestazione di satira: quanto esplicita deve essere un'”impersonificazione” per essere perseguibile a norma di legge? Twitter ha, da prima delle disposizioni californiane, stabilito delle linee guida in materia di account verificati.

Dal CEO Apple viene il primo caso: non si tratta del più famoso Fake Steve Jobs del blog “Il diario segreto di Steve Jobs” (salvaguardato dal fatto che già nell’URL è contenuto il suffisso fake in italiano falso , a fare luce sull’identità dell’autore), ma dell’utente che su Twitter si fa chiamare @ceoSteveJobs , già salito agli onori della cronaca per essere stato scambiato per l’originale dal Daily Mail .

Dal momento che neanche nella bio o nello username l’utente chiarisce la persona realmente nascosta dietro l’account, è al centro di una delle prime proteste ufficiali , per dirimere la quale peraltro appaiono sufficienti proprio le linee guida di Twitter in materia: Apple si è rivolta al tecnofringuello per chiedere spiegazioni. Questo ha scritto all’utente, dandogli 48 ore per chiarire l’intento parodistico dell’account (aggiungendo qualcosa tipo “Fake” o “Not” nel nome).

Al momento l’ account risulta attivo , con la spiegazione esplicita che si tratta di una parodia presente solo nella bio.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • mosfet scrive:
    La mia impressione.
    Ci sono utenti che appartengono alla categoria non citata dall'articolo che sono esperti nel smanettare che snelliscono il sistema prima di installarlo.Ritengo per chi non h dimestichezza con il sistema operativo che sia un programma affidabile e utile facendo in piena sicurezza il lavoro che se non è fatto da persone esperti rende il sistema inutilizzabile o nei casi migliori instabile.
Chiudi i commenti