Canada, il camcording rallenta

Quello che una volta era considerato il paese dei balocchi per i camcorder cambia musica. Dopo aver istituito leggi più stringenti

Roma – Leggi più severe avrebbero determinato una lenta ma costante diminuzione del camcording in Canada: il progetto di legge C-59 emanato dal governo canadese nel 2007 starebbe sortendo gli effetti desiderati, ovvero limitare il diffondersi di questa pratica punendo chi si reca al cinema munito di strumenti per catturare video da destinare poi al file sharing.

A sospingere il trend e a dissuadere i cittadini canadesi dal camcording ci sarebbero diverse persone arrestate perché trovate in possesso di cam all’interno di sale cinematografiche.

Tuttavia sono stati registrati anche enormi granchi presi dalle autorità. Una donna di Montreal ha ricevuto dallo stato 10mila dollari di risarcimento dopo che nel 2007 la sua borsa era stata controllata da un impiegato del cinema cui si era recata: credeva vi nascondesse una videocamera. (G.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • NESSUNO scrive:
    NESSUNO
    MEGLIO LO STREAMING!
  • Come e Nognome scrive:
    E se registro da streaming..?
    Diventa reato?Non e' un po' come registrare una VHS? (che e' reato solo per modo di dire)
  • Brown scrive:
    Cosa c'entra il merchandise?
    CIT. [La crescente importanza dello streaming nella vita digitale dei giovani musicofili rappresenta comunque un'ottima notizia per le major discografiche, che possono approfittare delle mutate abitudini per vendere merchandising, biglietti per i concerti live e più in generale tutti quei prodotti collaterali al contenuto musicale vero e proprio.]Non ho capito questo pezzo: le major sono contente perche' la gente non compra piu' i dischi, tanto c'e' youtube, e quindi puo' fare i soldi con tutto il resto, dai concerti alle magliette? E se sostituiamo youtube con p2p qual e' la differenza? Per quale motivo hanno spaccato cosi' tanto i maroni col p2p quando in realta' festeggiano a ostriche e champagne se gli utenti non comprano i dischi?
    • Lord Kap scrive:
      Re: Cosa c'entra il merchandise?
      - Scritto da: Brown
      Non ho capito questo pezzo: le major sono
      contente perche' la gente non compra piu' i
      dischi, tanto c'e' youtube, e quindi puo' fare i
      soldi con tutto il resto, dai concerti alle
      magliette? E se sostituiamo youtube con p2p qual
      e' la differenza? Per quale motivo hanno spaccato
      cosi' tanto i maroni col p2p quando in realta'
      festeggiano a ostriche e champagne se gli utenti
      non comprano i dischi?ROTFL! Infatti! Straquoto il tuo pezzo. ;)-- Saluti, Kap
  • The Punisher scrive:
    Mica solo i teenager.
    Io ad esempio sto usando Spotify da una settimana circa e lo trovo geniale.Il catalogo e' sterminato, la qualita' piu' che buona: sia in cuffia che col computer attaccato allo stereo (Finale Harman Kardon e casse Bose Acoustimass 7 + JBL studio monitor) non si nota la differenza fra una canzone che arriva da Spotify ed un MP3 campionato a 320.
    • eamaxb scrive:
      Re: Mica solo i teenager.
      Ho visto il sito e mi sembra buono. Ma come faccio a sapere se c'è ciò che mi interessa prima di pagare? Esiste un elenco dei titoli?
      • The Punisher scrive:
        Re: Mica solo i teenager.
        Se hai visto il sito avrai anche visto che e' gratis, basta registrarsi, scaricarsi l'applicazione e cominci ad usarlo da subito.Certo ti becchi banner e spot audio ma sono veramente poco invasivi quindi chissene.https://www.spotify.com/en/get-started/Non ti piace, lo disinstalli.Non vuoi i banner e gli spot audio (uno ogni 10/15 canzoni circa)?Con poco meno di una sterlina (ripeto non so se sia disponibile e come siano i prezzi in italia) al giorno te li levi dalle balle per 24 ore, con poco meno di 10 sterline al mese rimuovi la pubblicita definitivamente ed hai i brani ad un bitrate piu' alto (non che io ne senta la necessita' sinceramente).Attenzione che a me che sono in UK funziona senza problemi, in Italia dicono di averlo lanciato ma, ovviamente, da qui io non posso controllare.http://www.spotify.com/en/about/press/2008-10-07-spotify-announces-licensing-deals-and-upcoming-launch/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 15 luglio 2009 19.02-----------------------------------------------------------
        • igliff scrive:
          Re: Mica solo i teenager.
          - Scritto da: The Punisher
          Attenzione che a me che sono in UK funziona senza
          problemi, in Italia dicono di averlo lanciato ma,
          ovviamente, da qui io non posso
          controllare.Lanciato sí, ma solo l'abbonamento premium (9,99 pounds al mese senza pubblicità).
          • The Punisher scrive:
            Re: Mica solo i teenager.
            5 minuti in Google et voila'http://tekw.org/spotify-italia-un-mondo-di-musica-gratis-in-streaming/Lo si prova in quel modo, se piace si sottoscrive l'abbonamento, altrimenti ciccia.
          • eamaxb scrive:
            Re: Mica solo i teenager.
            Ottimo.... e funziona bene con wine.Grazie mille!!
  • DirigenteFi at scrive:
    Re: La verità...
    zikzikzikzik
  • ottomano scrive:
    La verità...
    è che il 70% del traffico P2P è dato dai XXXXX.Dal momento in cui ci sono i vari Youporn e compagnia bella, non ha più senso scaricare un film dalle reti P2P.Nicola
  • Enrico scrive:
    Il futuro del p2p
    E' ora di smettere di pensare al p2p come una manica di ladri di diritti d'autore.Il p2p è voluto (benvoluto!) dalla gente e questo è quanto.Bisogna darsi delle regole come queste per esempiohttp://frivolo.wordpress.com/2008/10/04/peer-2-peer-sicuro/Ricordiamoci che il p2p sicuro è alla base di ogni politica di condivisione legale dei contenuti.
    • iome scrive:
      Re: Il futuro del p2p
      LOL, l'autore è un fetecchioso teen?
    • Andreabont scrive:
      Re: Il futuro del p2p
      Ma il p2p è sempre il benvenuto se fatto legalmente! Il problema è per chi lo usa illegalmente.....Persino certi aggiornamenti di certi videogames usano il protocollo torrent per evitare intasamento dei server (per non parlare delle distribuzioni linux).... ed è un p2p perfettamente legale....
  • Monsieur Duball scrive:
    Stephen Fry ha commesso un reato!
    Vediamo se le major lo porteranno in tribunale come hanno fatto con la povera mamma Jammie!!!
    • Madame Lusel scrive:
      Re: Stephen Fry ha commesso un reato!
      - Scritto da: Monsieur Duball
      Vediamo se le major lo porteranno in tribunale
      come hanno fatto con la povera mamma
      Jammie!!!In Indonesia non è reato.
    • Lamerone scrive:
      Re: Stephen Fry ha commesso un reato!
      - Scritto da: Monsieur Duball
      Vediamo se le major lo porteranno in tribunale
      come hanno fatto con la povera mamma
      Jammie!!!Ma,secondo me questa mamma jammie non esiste,è uno di quegli articoli creati per veicolare il terrore sull uso del P2P...Sai quanta gente dovrebbero multare e citare ogni giorno?
  • A Perfect Circle scrive:
    Bla bla bla bla....
    ...hanno scoperto l'acqua calda....e grande stphen fry che fa' outing e confessa di aver usato addirittura bittorrent per scaricare una puntata del medico zoppo....wow...notizione.
Chiudi i commenti