Canada, la verità sui link diffamatori

E' da considerarsi diffamatorio o no un collegamento ipertestuale? La Corte Suprema dovrà tra pochi giorni sentenziare sulla questione. La decisione rappresenta un passo fondamentale per la libertà di espressione in Rete

Roma – “Se perdo non esisterà più Internet in Canada”. Sono le parole di Jon Newton, editore di p2pnet , che in questi giorni dovrà presentarsi davanti alla Corte Suprema Canadese che avrà da esaminare una questione cruciale per la libertà di espressione in Rete: può un collegamento ipertestuale essere considerato diffamatorio?

La vicenda che vede implicato Newton risale al 2008 , quando un esponente del Green Party canadese, Wayne Crookes, aveva accusato alcuni siti internet, tra i quali MySPpace , Wikipedia , Yahoo! e infine di p2pnet per aver inserito alcuni collegamenti ipertestuali ritenuti diffamatori nei confronti di sé e della sua immagine pubblica. In particolare Crookes aveva additato l’ editor di p2pnet come responsabile della diffamazione nei suoi riguardi, per aver pubblicato un articolo, un pezzo letto da poco meno di 2000 persone, nel quale si facevano dei richiami ipertestuali ad articoli provenienti dal sito openpolitic.ca .

Il politico aveva invitato il giornalista a rimuovere il collegamento ipertestuale ma Newton si era rifiutato di farlo. Scrivendo da anni su argomenti inerenti la libertà di espressione, il rifiuto ad eliminare il link era – come più volte dichiarato da Newton – l’unica cosa che poteva fare. Il disobbedire di Newton ha fatto scatenare un intensa battaglia legale che nei mesi a seguire ha destato l’attenzione di cittadini, giornali, professionisti del settore editoriale, esperti di politica e internet. Il giudice chiamato a decidere in merito alla questione aveva sentenziato che un link era da “considerarsi alla stregua di una nota a piè di pagina o come un consiglio per approfondire alcuni aspetti dell’argomento di cui si stava parlando”. Dunque, non avendo il giornalista espresso una propria opinione sull’argomento o nei confronti della personalità del politico, non si poteva considerare come atto diffamatorio.

Non soddisfatto, Crookes aveva deciso di contestare la sentenza del giudice e ha sottoposto la vicenda all’attenzione della Corte Suprema . In particolare, “l’avvento di Internet – per usare le parole degli avvocati di Crookers – ha facilitato la manifestazione di un pensiero e la comunicazione su una scala senza precedenti, e di conseguenza il potenziale e la facilità con la quale la reputazione di una persona può essere danneggiato è esponenzialmente cresciuto”. Di contro, il giornalista, nel corso di questi anni, si è sempre difeso dichiarando che “la capacità di riferirsi a qualcosa, collegandolo, è fondamentale per Internet in quanto senza di essa la Rete diventerebbe un vuoto, un buco nero nel cyberspazio”.

I giudici della Corte Suprema sono chiamati a pronunciarsi , per la prima volta, sulla responsabilità che gli utenti della Rete hanno nell’inserire collegamenti ipertestuali . Successivamente, sono stati numerosi gli interrogativi riguardanti come valutare i link agli articoli. Il dilemma sta nel capire se essi debbano considerarsi come suggerimenti per andare a leggere il pezzo in questione o se si tratta semplicemente di note bibliografiche. In merito a ciò è intervenuta la Canadian Internet Policy and Public Interest Clinic (CIPPIC), che ha sostenuto che un collegamento ipertestuale serve semplicemente per “identificare la posizione della fonte dell’informazione che si trova in una posizione diversa e indipendente da quella che si sta leggendo. Non si tratta di un invito a leggere il pezzo linkato”.
La vicenda è molto delicata e il compito dei giudici sarà molto arduo in quanto una ipotetica decisione in favore di Crookes potrebbe avere effetti potenzialmente disastrosi sugli interessi commerciali delle numerose aziende in gioco.

È di certo molto importante da valutare, così come ha sottolineato la Corte d’Appello della British Columbia , una serie di fattori: l’importanza del collegamento, le parole antecedenti al collegamento usate dal giornalista per invitare a leggerlo, il tipo di informazione trovata nei link, e altro ancora.

Raffaella Gargiulo

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Art of Noize scrive:
    Non accettiamo intimidazioni
    Non le accettiamo dall'organizzazione criminale MPAA la cui "autorità" non riconosciamo.La risposta sarà dura e inequivocabile.Intanto annunciamo che oggi, entro le ore 1830, un "ispettore" SIAE sarà giustiziato per i suoi crimini contro i Cittadini della Rete.Il Popolo Armato di Internet prevarrà.
  • uno qualsiasi scrive:
    Opportunità professionali distrutte
    "Inoltre - si continua nella lettera - il furto virtuale uccide le opportunità professionali e riduce le possibilità di lavoro per i laureati delle vostre università che intendano crearsi una carriera nei settori della creatività". Ottimo! I produttori non devono avere lavoro: piattole come loro, che vogliono chiedere soldi senza fare nulla, devono restare disoccupate!
    • Guybrush Fuorisede scrive:
      Re: Opportunità professionali distrutte
      - Scritto da: uno qualsiasi
      "Inoltre - si continua nella lettera - il
      furto virtuale uccide le opportunità
      professionali e riduce le possibilità di lavoro
      per i laureati delle vostre università che
      intendano crearsi una carriera nei settori della
      creatività".

      Ottimo! I produttori non devono avere lavoro:
      piattole come loro, che vogliono chiedere soldi
      senza fare nulla, devono restare
      disoccupate!A chi sta per rispondere che "in questo modo non si fanno più film" ricordo che il film deve essere ricompensato, se valido, dai cinema.Se un film fa flop al botteghino "ha da morì", non esiste che il rischio di impresa venga scaricato comunque sul pubblico.GTFS
      • gnugnolo scrive:
        Re: Opportunità professionali distrutte
        Il rischio d'impresa ormai (tranne per le piccole realtà) è più raro dei quadrifogli... ormai sono tutti paraculati tra incentivi statali, bailout, investimenti dei soldi degli altri e chi più ne ha più ne metta...Mi devono ancora spiegare i signori dell'MPAA com'è che sono tanti ma tanti anni che piangono e sbraitano di crisi ecc. e continuano a fare film con budget spaventosi e a incassare come pazzi... i casi sono 2: o negli anni precedenti hanno incassato fuori maniera prendendoci per i fondelli con prezzi allucinanti e ora investono i risparmi o ci stanno prendendo per i fondelli ora...Se c'è crisi chiudi e vai a casa e i cinema ti mostrano il cinegiornale come negli anni 40... com'è che invece esce sempre qualcosa?
  • panda rossa scrive:
    Sai che svolta!
    Proprio una bella svolta nell'atteggiamento di questi parassiti.Sono passati dalle minacce dirette, alle minacce di stampo mafioso.
    • bubba scrive:
      Re: Sai che svolta!
      - Scritto da: panda rossa
      Proprio una bella svolta nell'atteggiamento di
      questi
      parassiti.

      Sono passati dalle minacce dirette, alle minacce
      di stampo
      mafioso.l'ipocrisia regna incontrastata.Usano metodi 'gentili' riferendosi al rispetto della legge (in astratto principio giusto) citando la Higher Education Opportunity Act ... che ovviamente NON si occupa granche di 'education opportunity' ..non nel senso comune delle parole (manipolazione) ma di ben altro. Legge ovviamente spinta dai MEDESIMI lobbysti, che poi 'gentilmente' ti chiedono di rispettarla.Ovviamente in questo comportamento 'amorevole' NESSUNO ha deciso di toccare i sacri punti che trasformano un 'comportamento normale' in 'comportamento criminale'... cioe' idiozie come la detenzione del diritto d'autore per 70 anni e oltre... la demolizione del fair use e altri dettagli irrilevanti per i markettari dell MPAA
Chiudi i commenti