Canone RAI, ADUC all'attacco

L'Associazione torna a chiedere l'abolizione del canone radiotelevisivo, per la quale ha già da tempo avviato una petizione. Secondo il suo presidente il duopolio RAI-Mediaset è abusivo e non si vuole risolvere

Roma – Riceviamo e pubblichiamo una nota diramata ieri alla stampa dal presidente di ADUC , Vincenzo Donvito, con cui si torna sulla questione del canone RAI. Come noto, l’Associazione per i diritti degli utenti e dei consumatori da tempo ne propone l’abolizione con il supporto di una petizione dedicata

Firenze – Dopo la “lectio magistralis” su concorrenza e mercato che Antonio Catricalà, presidente dell’Antitrust, ha tenuto alle commissioni Cultura e Trasporti della Camera sul disegno di legge del ministro delle Comunicazioni, Paolo Gentiloni, difendendo la propria contrarietà ad un tetto percentuale per gli introiti da spot per ciascuna azienda, cosa succederà?

Una domanda che ci poniamo come utenti di un servizio radiotelevisivo – pubblico e privato – che continua ad essere erogato in palese abuso di posizione dominante di mercato da parte della RAI, affiancata (perché le è stato concesso e non c’è altro modo di fare tv non marginale in Italia) da Mediaset. Cioè con la speranza che si apra un mercato oggi sigillato e sia praticabile in libertà il diritto all’informazione.

Non ci facciamo illusioni: il nodo centrale del problema è l’esistenza del canone/tassa che paghiamo alla RAI per il mero possesso di un apparecchio tv, ed è un nodo che le forze politiche (con marginali eccezioni) non hanno mai mostrato interesse a cancellare; tutti ci “inzuppano il proprio biscotto” e, come per il finanziamento pubblico ai partiti, pur di garantirselo sono disposti a stabilire alleanze incredibili dal punto di vista della logica degli schieramenti politici.

Qualcuno vorrebbe inglobare l’ammontare economico del canone/tassa nel tetto RAI di calcolo degli introiti da spot oltre i quali le singole aziende non potrebbero andare (il 45% del ddl Gentiloni), ma, oltre alla bizzarra
valutazione economica di una tassa e il fatto che la RAI non lo farà mai perchè perderebbe una montagna di denaro, comunque resterebbe sempre il problema del duopolio e dell’assenza di mercato.

Catricalà dice che la valutazione sul troppo ingombro nel mercato di un’azienda, la sua Autorità sarebbe meglio la facesse caso per caso… e ci domandiamo cosa ha fatto fino ad oggi di fronte al duopolio che abbiamo da diverse decine d’anni… niente, visto il punto in cui siamo e la bizzarria delle proposte e delle reazioni politiche ed industriali che vengono presentate come il “nuovo”.

Abbiamo l’impressione che tutti girino intorno al problema, facendo finta che non esista e comunque garantendosi il buon posto alla tavola imbandita, anche Catricalà.

Vogliamo cambiare la situazione e aprire al mercato (posti lavoro nuovi e dinamici, più soldi in circolazione, più scelta e più qualità per gli utenti)? Per quanto ci riguarda il punto di partenza è l’abolizione del canone/tassa. Il resto è la solita zuppa.

Vincenzo Donvito
Presidente ADUC”

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Leggendo i post di questi forum...
    Leggendo i post insultanti di questi forum penso proprio che la Commissione Europea faccia bene a tenersi a debita distanza da questi movimenti fanatici open source, mi spiace per chi ha vorrebbe smarcarsi da certi estremismi, ma la strada è ancora lunga prima di un confronto civile e obiettivo.
  • Anonimo scrive:
    Ma che Comissione....
    E' inutile sperare di aprire le menti (Ma ieri, sottolinea ZDNet UK, la Commissione ha anche voluto negare di voler favorire l'open source a livello comunitario :| :| :| )di queste persone, quando le stesse sono, o sono state, dirigenti di multinazionali.....
  • Msdead scrive:
    Diritti venduti...
    I nostri amati "diritti dei consumatori" sono stati venduti dalla stessa Commissione Europea e dalla Commissaria citata nell'articolo.La commissione multa Microsoft, ora fa il doppio gioco!Il DRM è un'ostacolo alla concorrenza, in ogni caso siamo noi che, col mercato, possiamo decidere se sottostare o meno a questo abuso anche di chi detiene il potere.E' questione di tempo e quando la gente impara cos'è il DRM, voglio proprio vedere se la gente starà ferma...ovvio ci sarà chi invece non farà nulla ma di sicuro il mercato sarà in forte ribasso, sopratutto sul software, musicale e cinematografico.Mi dispiace per quello che ho detto nella discussione "COOOOOSA!" riguardo la commissione e il governo ma purtroppo è un segnale molto negativo questo che ho visto.In ogni caso la petizione di Altroconsumo è salita a quasi 8000!Avanti pirati, fate vedere le vostre armi super taglienti!Fate un bel virus con tanto di DRM a propagazione super e poi vediamo come i nostri "amici" la prendono.Sono proprio curioso.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 gennaio 2007 13.04-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Diritti venduti...
      ogni volta che si dice "Sì al DRM" è una nuova sfida ai pirati, che puntualmente non fanno una piega in quanto alle risposte che sono crack del DRM, virus in grado di distruggere Windows Vista come se fosse una formica e altro.In questo caso i pirati li chiamerei "gli agenti per la protezione dei consumatori" e dimostreranno,come meglio ritengono, che qualunque misura è NULLA e che i diritti dei consumatori vanno rispettati e senza restrizioni sui contenuti.La chiave di crittazione del DRM da qualche parte sta sempre e quindi prima o poi viene eluso.Per me il DRM è uno spreco di soldi e di denaro, intanto sono curioso se e quando uscirà un virus drm cosa succede, noi non potremo cancellarlo per legge, quindi voglio proprio vedere la reazione della commissione europea e delle autorità quando vedranno come il DRM sia un'arma letale a doppio taglio.Ora tocca alle major e softwarehouse rifletterci su, sta a loro l'ultima parola.
  • MandarX scrive:
    commissione europea schizofrenica?
    http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1762233
    • Anonimo scrive:
      Re: commissione europea schizofrenica?
      - Scritto da: MandarX
      http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1762233money money money money money money makes the world go round
    • Anonimo scrive:
      Re: commissione europea schizofrenica?
      - Scritto da: MandarX
      http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1762233secondo me sei tu che non capisci ciò che è scritto oppure fai finta di non capire
  • Anonimo scrive:
    Tutti a casa!
    "rapporto secondo cui nel 2010 i contenuti in linea genereranno entrate per 8,3 miliardi di euro in Europa, con una crescita di oltre il 400% in cinque anni .......... tutto questo dipende dalla diffusione dell'accesso a banda larga e, come afferma la Commissione, dalla "adozione generalizzata dei dispositivi digitali..........oggi c'è una opportunità senza precedenti per l'industria dei contenuti. Opportunità che però sarebbe minacciata dal nemico di sempre, la pirateria.""Viviane Reding chiarisce come "lo studio appena pubblicato mi sarà molto utile per la preparazione del pacchetto di misure sui contenuti in linea nel mercato unico, previsto per la seconda metà del 2007"Questo significa:- nuove inutili misure sanzionatorie nei confronti degli utenti (direttiva sull'armonizzazione delle responsabilità penali)- obblighi e responsabilità a carico degli operatori di comunicazione (data retention, monitoraggio, controllo e blocco dei contenuti circolanti in rete, eliminazione delle guarentigie della direttiva e-commerce per gli intermediari)- ulteriori onerosi incentivi a fondo perduto a vantaggio dei produttori di HW (decoder, cellulari/mp3, Tv HD, ecc.) a tutto vantaggio per l'industria HW non europea e senza reale promozione dello sviluppo per quella europea."......Non riveste invece un ruolo centrale nella riflessione di Bruxelles la questione del diritto del consumatore......."Questo significa che la CE farà da sponda unicamente agli interessi dell'industria (tutta, ma con particolare riguardo per quella dei contenuti) senza tenere conto delle istanze del mercato. Una visione senza capo, nè coda, poichè si considera "mercato" esclusivamente la parte a monte (l'industria), non viene considerato lo scenario della domanda (i consumatori) e si demandano in toto all'industria le future politiche dell'industria relative al mercato dei contenuti. "Se tuttavia si teme una mancanza di interoperabilità o di standardizzazione dei sistemi di gestione dei diritti, a lungo termine la diffusione dei servizi e dei dispositivi per i contenuti digitali può risultare frenata"La CE si riserverà di operare eventuali azioni (stile Microsoft) con il consueto ritardo rispetto agli effetti del danno (perciò inutili e costose) e senza garanzia della trasparenza e della tutela della concorrenza (è questa l'idea di mercato liberalizzato a BXL?) "la Commissione ha anche voluto negare di voler favorire l'open source a livello comunitario"Sporchi vigliacchi, pavidi e incapaci! Non hanno il coraggio di portare avanti delle politiche risolute e pretendono di accentrare maggiore potere a BXL (vedi caso della creazione di un'Authority europea).Domanda: allora che ci stà a fare la CE se non svolge i propri compiti di analisi dello scenario, definizione degli obiettivi e indirizzamento? La Reding, dopo questo inutile rapporto e le gravi dichiarazioni di incompetenza, deve andare a casa insieme agli altri tangheri di Bruxelles.Sveglia Reding, il DRM è morto e la CE pure.
    • Anonimo scrive:
      Re: Tutti a casa!

      Domanda: allora che ci stà a fare la CE se non
      svolge i propri compiti di analisi dello
      scenario, definizione degli obiettivi e
      indirizzamento?
      Fa gli interessi dei grandi gruppi economici che generano grandi movimenti di denaro, no? É l'economia che conta, non noi.I $oldi fanno la ragion, non lo sapevi?
  • ilmusico scrive:
    Unione Europea o...oppressione europea?
    Da quel che si legge, non vi è da essere ottimisti ma,lasciarsi fregare, è un altro discorso...Fermo restando il principio che la pirateria va combattuta (si ma senza limitare la libertà di chi adopera correttamente il pc.(pochi, forse, ma ci sono...).Ma quando mai, da che è stata costituita, l' UE è andata incontro al Popolo Europeo, anche Internettiano? Ora , meno che mai.C'è o no, materiale sul quale riflettere e poi decidere ?
    • Msdead scrive:
      Re: Unione Europea o...oppressione europ
      Oppressione Europea...di brutto anche, insieme alla distruzone dei diritti dei consumatori!
      • ilmusico scrive:
        Re: Unione Europea o...oppressione europ
        Ho sentito dire che uno scrittore russo (non rammento il nominativo)ha dato , della UE, questa definizione: Unione Sovietica d' Europa.Se possibile, gradirei una risposta in merito a questa che sembrerebbe una battuta, magari, non troppo spiritosa. Grazie per aver dato il Suo parere. Il Musico Ireneo Gerosa
    • Anonimo scrive:
      Re: Unione Europea o...oppressione europ
      Lo scopo dell'Unione Europea è la prosperità economica, il resto (compresi i vostri preziosi diritti) non conta proprio nulla.
      • Anonimo scrive:
        Re: Unione Europea o...oppressione europ
        [Lo scopo dell'Unione Europea è la prosperità economica, il resto (compresi i vostri preziosi diritti) non conta proprio nulla.]Guarda che ci sei anche tu dentro quindi MUTO!Inoltre sono sicuro che non ti sta bene manco a te quindi non fare l'indiffiderente, perchè quando ci avrai a che fare vedrai che ripenserai a quelle tue paroline da santo.
        • Anonimo scrive:
          Re: Unione Europea o...oppressione europ

          [Lo scopo dell'Unione Europea è la prosperità
          economica, il resto (compresi i vostri preziosi
          diritti) non conta proprio
          nulla.]

          Guarda che ci sei anche tu dentro quindi MUTO!Chi ti dice che vivo in Europa?
      • ilmusico scrive:
        Re: Unione Europea o...oppressione europ
        Convengo sul fatto che la prosperità economica , costituisca uno scopo di tutto rispetto anche se, non si puo' conseguire in un batter d'occhio. Al tempo stesso, pero' , visto che non si fa che parlare di diritti umani, mi illudevo che anche questo aspetto, fosse incluso nel discorso generale , della vita degli Europei. Probabilmente, sono un idealista: dovro' aggiornarmi. Intanto, La ringrazio per avermi dato un input così realisticodel quale, d'ora in poi, terro' conto. Il Musico Ireneo Gerosa
  • Msdead scrive:
    COOOOSA!
    D'accordo che la pirateria è un danno per chi sviluppa, l'opensource però non può essere negato come ogni altro software!Dall'articolo e anche da come i fatti vengono spiegati, sembra che la nostra CARA COMMISSIONE NON ABBIA TENUTO CONTO DEI DIRITTI DEI CONSUMATORI e chi si dichiara neutrale è in realtà un pagliaccio!Il DRM e tutto quello che porta è un potere ostruso ai detentori del diritto d'autore e portarlo avanti significa che qualcuno può abusarne, basta vedere la pratica di APPLE per capire come e in che modo possiamo essere incatenati con uno schiocco di dita.Mi dispiace dirlo ma il DRM non viene visto come un "paracadute" dei contenuti protetti, gli utenti in gran parte sanno già le sue grosse limitazioni e il suo mercato è molto basso e che poi venga usato per scovare i software pirata o meno, questo non giustifica l'uso del DRM!La Commissione Europea è una traditrice dei diritti dei consumatori, questo articolo mi ha fatto riflettere sul mondo di oggi, noi consumatori siamo vittime di chi ha il potere, le nostre opinioni non contano, non ci danno la possibilità di scegliere, la pirateria c'è per questo e ed altri motivi, la Commissione ha deluso L'INTERA EUROPA E I SUOI UTENTI INFORMATICI tanto che sicuramente ci saranno grosse ripercussioni.Questa volta mi trovo col dire che sono a favore della pirateria, dell'opensource!I diritti dei consumatori vanno rispettati tanto quelli che detengono i diritti d'autore!UE SEI UNA DELUSIONE IMMENSA, UN CANCRO DEI TUOI UTENTI, CITTADINI E PAESI COMPRESI NELL'UE!ABBASSO IL DRM!ABBASSO LA COMMISSIONE EUROPEA!Spero che la Commissione ci rifletta ma...nutro dei dubbi.La risposta della pirateria non si farà attendere, vedrete come i pirati si faranno vivi...ogni volta che il DRM viene menzionato ci espongono sempre di più a rischi e NON LO CAPISCONO!Mi dispiace delle cose che ho detto, mi dispiace elogiare una cosa a cui non sono a favore ma quando ci sono di mezzo i diritti del consumatore, CHE IL DRM CANCELLA DEL TUTTO, è giusto mostrare la rabbia e la delusione.Ragazzi siete pronti ad andare in prigione?Spero di sì perchè presto ci finiremo tutti, onesti o meno.Se dovessi votare per la fiducia di qualcuno, tipo del governo o della commissione, non voterei nessuno dei due perchè a nessuno dei due protegge i diritti dei consumatori!Le ricariche telefoniche sono un piccolo passo ma ora per convincerci ci vuole ben altro!DRM DOWN!DRM DOWN!UP RIGHTS OF THE USERS AND OPENSOURCE!Se un giorno compare un virus con DRM, starò bello fermo e guardare il pc mentre viene sputtanato da un cazzo di trojan perchè se faccio qualcosa che cancella il drm è illegale e quindi potrei finire in prigione!Capito il concetto ragazzuoli?Però dopo avrò l'onore di dire di chi è la colpa!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 gennaio 2007 09.47-----------------------------------------------------------
    • Msdead scrive:
      Re: COOOOSA!
      Inoltre se qualcuno dice "Finalmente" o "vi sta bene" o qualunque cosa che favorisca l'argomento, gli sottolineo che il tutto sarà esteso non solo al computer ma a tutto (televisione, stereo, cellulare ecc) e scommetto perfino che colui che dice quelle cose ha almeno un MP3 o qualcosa di scaricato!Per cui non fate gli innocenti perchè non lo siete.
  • alfridus scrive:
    Finalmente...
    ... abbiamo alla porta il libro mono-uso, che si autodistrugge pagina dopo pagina, mentre lo si legge.Mission Impossible docet...Passi il brevetto di un prodotto fisico riproducibile (e ci voglio mettere dentro anche la 'cacca di Artista', perchè la riproduzione da parte di un terzo potrebbe - a stretto rigor di termini - configurare un plagio), ma evitiamo di coinvolgere in queste strettoie i cosidetti 'frutti dell'ingegno' - quelli che non hanno nulla a che vedere con l'ingegneria.E smettiamo di chiamare produttori coloro che producono COPIE di creazioni artistiche, o presunte tali.O si modifica radicalmente il concetto stesso di Diritto d'Autore, o si finisce per parlare soltanto di monetizzazione commerciale di TUTTE le creazioni originate dall'intelletto umano, con le catastrofice conseguenze che, forse, non sono sotto gli occhi di tutti, ma sarebbe bene che lo fossero.Valga per tutti l'esempio dei transistor, il cui brevetto d'invenzione, acquistato dalla Philips nei lontani anni quaranta, fu secretato rallentandone lo sviluppo per almento un decennio o due.La fiera opposizione del pubblico, nei confronti dei diritti vantati sulle opere intellettuali, sembra indicare una presa di coscienza del fatto che tali opere sono patrimonio comune dell'umanità, oltre che della circostanza che i loro autori traggano ben pochi benefici dal loro sfruttamento commerciale.
  • aghost scrive:
    Dopo "Mucca Pazza" il DRM pazzo?
    perché mai il governo UE dovrebbe essere migliore dei governi nazionali? La democrazia rappresentativa funziona già male a livello nazionale, non si vede perché dovrebbe funzionare meglio su una scala più grande. E' vero l'opposto: perché il principio di rappresentaza possa in qualche modo funzionare è necessario il controllo da vicino. L'elettore deve poter "marcare a uomo" chi è stato eletto. Questo può funzionare con l'assesore comunale, o provinciale. Quando il deputato va a Roma chi lo vede più, figuriamoci poi quando va a fare l'eurodeputato.Le oligarchie che fatalmente comandano a Roma rappresentano poi sè stesse in Europa. I poteri forti decidono poi, sovranazionalmente, come difendere i loro interessi, non certo quello dei cittadini. E le oligarchie si difendono dall'elettore con le leggi elettorali "porcata", dove tolgono la possiblità di votare il candidato.Le "mafie" nazionali si saldano a quelle extranazionali in nome del profitto. Tanto per dire, "mucca pazza", con la contaminazione di milioni di europei, è un tipico prodotto UE.http://www.aghost.wordpress.com/
  • Anonimo scrive:
    ma vendiamo o non vendiamo?
    se non vendiamo aumentano i prezzi e si creano problemi agli acquirentise vendiamo aumentano i blocchi che poi creano problemi anche gli acquirentima allora che cavolo bisogna fare secondo l'unione europea, che ci si strozzino con il loro drm e con i diritti
  • Anonimo scrive:
    Di questa EU
    Di questa EU della lobbies della MAJOR......non ce ne fotte meno di un caXXo.
    • Anonimo scrive:
      Re: Di questa EU
      - Scritto da:
      Di questa EU della lobbies della MAJOR......non
      ce ne fotte meno di un
      caXXo.Finché il mulo funziona...
    • Anonimo scrive:
      Re: Di questa EU
      E' l'unica che esiste, fattela piacere perchè dominerà il tuo futuro.La tua "libertà" è NIENTE in confronto al destino dell'EUROPA!
  • Crazy scrive:
    i DRM sono una causa della Prateria
    CIAO A TUTTIla gente onesta, come il sottoscritto, una volta acquistava i CD, poi, una volta arrivato a casa, la prima cosa che facevo, er aprendere il CD, metterlo nel Computer, e farne 2 copie.Poi, mettevo l'originale nello scaffale in esposizione con tutti gli altri CD, una copia me la mettevo in Auto e l'altra me la mettevo in mezzo a tutti i CD che utilizzo nei vari Stereo o Computer di casa.Se uno dei CD utilizzati, ossia le copie, si rovinava, riesumavo il buon vecchio originale, e ne facevo un'altra copia, poi con l'avvento del Ripping e dei lettori Mp3, mi rippai tutti i CD, fui uno dei primi in Italia ad avere un lettore Mp3, il Creative Nomad, preso in America quando in Italia non era ancora in commercio, e mi rippavo i CD originali mettendo i brani che mi piacevano nella memoria da 32Mb che il vecchio Nomad aveva.Il CD originale, rimane nello scaffale conservato bello come uscito dalla fabbrica.Poi, i prezzi sono Aumentati vertiginosamente, sono arrivati i sistemi di protezione, e mi sono rotto le scatole, e cosi`, dal 2002 non ho piu` comperato un CD, ma siccome sono onesto, non ho mai scaricato selvaggiamente, non nego, qualcosa lo ho scaricato, ma tranquilli, si tratta di poche canzoni, che si contano sulla punta delle dita, altra ragione che mi faceva incavolare sullo spendere piu` di 20 Euro per un CD di cui mi piacevano 3 canzoni du 20...Mi sono accontentato della Radio, e dello Streaming, fino a che mi e` stato possibile.Oramai, lo Streaming mi e` stato precluso perche` non ho mai installato nulla che gestisca DRM... insomma, ho boicottato in toto tutto cio` che ledeva i miei diritti, ossia i DRM.Ma molta gente, non e` come me, molti, si incavolano dei sistemi anti-copia e per ripicca scaricano alla grande.No, io ho boicottato il DRm e tutti i suoi surrogati.Se i DRM fossero gestiti in maniera che permettessero all'acquirente onesto di farsi infinite copie di BackUp del CD nonche` Ripping su Computer, i DRM mi andrebbe bene.Siccome questo non mi viene garantito, Io non acquisto nulla, e se l'Europa insiste con i DRM, puo` stare tranquilla che da me, su questo campo, non avra` un centesimo, e se facessimo tutti cosi`, forse, smetterebbero di mettersi le fette di prosciutto sugli occhi e capirebbero che la gente non compra a causa dei prezzi oltraggiosi del moderni CD e per via dei DRM che non garantiscono all'utente di farsi una copia a garanzia della spesa effettuata.DISTINTI SALUTI
    • Anonimo scrive:
      Re: i DRM sono una causa della Prateria
      - Scritto da: Crazy.... prateria?Credevo che la "causa" della prateria fossero le condizioni geologico-climatiche che consentono il proliferare di un certo tipo di vegetazione....A' Crazy, scusa 'a bbattua ma me l'hai servita su un piatto d'oro e diamanti!!!
      • Anonimo scrive:
        [OT] Causa nella Prateria
        Si,la "Causa nella Prateria" noto telefilm realizzato negli USA negli anni '70 e trasmesso da noi all'inizio degli '80.
        • Anonimo scrive:
          Re: [OT] Causa nella Prateria
          - Scritto da:
          Si,la "Causa nella Prateria" noto telefilm
          realizzato negli USA negli anni '70 e trasmesso
          da noi all'inizio degli
          '80. (rotfl) (rotfl) (rotfl)
      • Crazy scrive:
        Re: i DRM sono una causa della Pirateria
        - Scritto da:
        - Scritto da: Crazy
        .... prateria?

        Credevo che la "causa" della prateria fossero le
        condizioni geologico-climatiche che consentono il
        proliferare di un certo tipo di
        vegetazione....

        A' Crazy, scusa 'a bbattua ma me l'hai servita su
        un piatto d'oro e
        diamanti!!!CIAOmi sto scompisciando dalle risate per il mio stesso errore, ho pure le lacrime agli occhi... o well, potrei fare l'Edit... ma fa troppo ridere... lo lascio la`, chissa` che magari qualcun altro si faccia una risata...CORDIALI SALUTI
        • Anonimo scrive:
          Re: i DRM sono una causa della Pirateria
          - Scritto da: Crazy

          - Scritto da:

          - Scritto da: Crazy

          .... prateria?



          Credevo che la "causa" della prateria fossero le

          condizioni geologico-climatiche che consentono
          il

          proliferare di un certo tipo di

          vegetazione....



          A' Crazy, scusa 'a bbattua ma me l'hai servita
          su

          un piatto d'oro e

          diamanti!!!

          CIAO
          mi sto scompisciando dalle risate per il mio
          stesso errore, ho pure le lacrime agli occhi... o
          well, potrei fare l'Edit... ma fa troppo
          ridere... lo lascio la`, chissa` che magari
          qualcun altro si faccia una
          risata...
          CORDIALI SALUTIEh be, se non si sdrammatizza un poco...tra Drm, Vista, Pedo, TC, UE, DMCA, Patriot act, GrandeFratello e la Defilippi una goccia di umorismo anche involontario non può che far bene.
          • Anonimo scrive:
            Re: i DRM sono una causa della Pirateria
            - Scritto da:

            - Scritto da: Crazy



            - Scritto da:


            - Scritto da: Crazy


            .... prateria?





            Credevo che la "causa" della prateria fossero
            le


            condizioni geologico-climatiche che consentono

            il


            proliferare di un certo tipo di


            vegetazione....





            A' Crazy, scusa 'a bbattua ma me l'hai servita

            su


            un piatto d'oro e


            diamanti!!!



            CIAO

            mi sto scompisciando dalle risate per il mio

            stesso errore, ho pure le lacrime agli occhi...
            o

            well, potrei fare l'Edit... ma fa troppo

            ridere... lo lascio la`, chissa` che magari

            qualcun altro si faccia una

            risata...

            CORDIALI SALUTI

            Eh be, se non si sdrammatizza un poco...
            tra Drm, Vista, Pedo, TC, UE, DMCA, Patriot act,
            GrandeFratello e la Defilippi una goccia di
            umorismo anche involontario non può che far
            bene.e allora ridiamo fino in fondo....:http://www.youtube.com/watch?v=QL_mLvOnm3M&mode=related&search=
    • Anonimo scrive:
      Re: i DRM sono una causa della Prateria
      Beh qui c'è qualcuno che si sente in colpa per avere scaricato 2-3 canzoni da internet...Pensate che pochi giorni fa ho festeggiato il mezzo terabyte di download... :$ :D
      • Anonimo scrive:
        Re: i DRM sono una causa della Prateria
        Mezzo tera eh? Pisellino.. :D..mezzo tera me lo sparo in quattro mesi!
      • Anonimo scrive:
        Re: i DRM sono una causa della Prateria
        Ma che m*****a fate??? Mi sa che scaricate per il SOLO gusto di farlo voi... Come cacchio si può "usufruire" di mezzo tera in un mese di tempo? Che siano film, mp3, programmi, quel che vi pare, in un mese non ne guardi/senti/utilizzi nemmeno un decimo!!!
        • Hiei3600 scrive:
          Re: i DRM sono una causa della Prateria
          - Scritto da:
          Ma che m*****a fate??? Mi sa che scaricate per il
          SOLO gusto di farlo voi... Come cacchio si può
          "usufruire" di mezzo tera in un mese di tempo?
          Che siano film, mp3, programmi, quel che vi pare,
          in un mese non ne guardi/senti/utilizzi nemmeno
          un
          decimo!!!Se ti riferisci a me guarda che io ci ho messo più di un anno a scaricare tutta quella roba.E ti assicuro che sento e guardo tutto quello che mi scarico,lo catalogo anche.(geek)
  • Anonimo scrive:
    Chi le spiega che il DRM uccide il ...
    (spazio per il titolo troppo corto)Chi le spiega che il DRM uccide il mercato, tant'è che già si iniziano a registrare le prime defezioni da parte di alcune major (vedi EMI) e si iniziano a sentire gli scricchiolii di un mercato che porta l'utente a venir "fregato" solo una volta (la successiva col piffero che acquista di nuovo qualcosa con lucchetti vari)?Perché i politici (da qualunque Paese provengano) sembrano vivere in un mondo tutto loro, totalmente distaccato dalla nuda e cruda realtà?E poi, soprattutto perché i politici devono sempre mettere becco in settori di cui ignorano assolutamente tutto, rispondendo soltanto a becere logiche di clientelismo, interessi privati, e tornaconti personali?Va bene che in Italia ci meritiamo quello che abbiamo, ma anche in Europa non c'era di meglio?
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi le spiega che il DRM uccide il .
      - Scritto da:
      E poi, soprattutto perché i politici devono
      sempre mettere becco in settori di cui ignorano
      assolutamente tutto, rispondendo soltanto a
      becere logiche di clientelismo, interessi
      privati, e tornaconti
      personali?
      Perchè quello è uno dei principali ruoli della politica parlamentare...alla faccia della loro bocca piena di "democrazia".Bisogna rendersena conto...Non è colpa dell'Europa, l'europa è solo estensione continentale della pratica parlamentare che è analoga in tutti i suoi singoli Stati.
    • ishitawa scrive:
      Re: Chi le spiega che il DRM uccide il .

      Va bene che in Italia ci meritiamo quello che
      abbiamo, ma anche in Europa non c'era di
      meglio?purtroppo sempre più spesso l'europa dimostra di voler legiferare solo ad interesse unico il sistema delle commissioni ha esautorato il parlamento ed è troppo spesso asservito a questa o quella lobby
  • Anonimo scrive:
    Ma in pratica questo cosa significa?
    Divieto di rimozione dei DRM? C'è già.Standard DRM unico? Meno fatica per gli hacker, ne basterà crackare uno. Oppure... DRM obbligatorio? Nel senso che TUTTI i contenuti devono avere un qualche drm? E il software libero? e i contenuti Creative Commons? Qualcuno glielo ha spiegato a quella che quel tipo di contenuti NON HA BISOGNO del drm?Ma per piacere, va!
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma in pratica questo cosa significa?
      Significa che le lobby fanno il loro lavoro e lo fanno bene,Fintanto che in ballo ci sono cifre di miliardi, la politica stará sempre dalla parte del capitale.Noi consumatori, ribadisco "consumatori", non abbiamo niente da dire, dobbiamo solo comsumare e.......pagare
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma in pratica questo cosa significa?
        - Scritto da:
        Significa che le lobby fanno il loro lavoro e lo
        fanno
        bene,
        Fintanto che in ballo ci sono cifre di miliardi,
        la politica stará sempre dalla parte del
        capitale.
        Noi consumatori, ribadisco "consumatori", non
        abbiamo niente da dire, dobbiamo solo comsumare
        e.......pagareQuoto! Tra l'altro il DRM non è la soluzione, e vorrei anche far notare che uno che si scarica un DivX molto probabilmente lo fa perchè non è disposto a pagare 20 il film in questione, e se non avesse a disposizione la pirateria in molti casi eviterebbe semplicemente di guardare tale film. Quindi non è detto che i guadagni aumenterebbero abbattendo la pirateria.
  • Anonimo scrive:
    Open sorci, la UE non vi ca.. fila
    Che si fa adesso ?6 mesi di rosik ad inveire contro il draga o cominciate seriamente a creare degli standard commercialmente sfruttabili visto che la UE è un'organizzazione economica e non una onlus ?
    • Anonimo scrive:
      Re: Open sorci, la UE non vi ca.. fila
      - Scritto da:
      Che si fa adesso ?
      6 mesi di rosik ad inveire contro il draga o
      cominciate seriamente a creare degli standard
      commercialmente sfruttabili visto che la UE è
      un'organizzazione economica e non una onlus
      ?Non s'e' capito un cazzo di cio' che vuoi dire.
      • Anonimo scrive:
        Re: Open sorci, la UE non vi ca.. fila
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Che si fa adesso ?

        6 mesi di rosik ad inveire contro il draga o

        cominciate seriamente a creare degli standard

        commercialmente sfruttabili visto che la UE è

        un'organizzazione economica e non una onlus

        ?

        Non s'e' capito un cazzo di cio' che vuoi dire.No... dai... una cosa si è capita, è cioè che la UE sarebbe un'organizzazione economica... Insomma l'unica cosa chiara è una cazzata.
      • Anonimo scrive:
        Re: Open sorci, la UE non vi ca.. fila
        Ehhh... le patate... si mangiano le patate... non si riempiono di coca per sniffarle...
        • Anonimo scrive:
          Re: Open sorci, la UE non vi ca.. fila
          - Scritto da:
          Ehhh... le patate... si mangiano le patate... non
          si riempiono di coca per
          sniffarle...Complimenti, non dev'essere facile usare la tastiera con addosso una camicia di forza.
          • Alucard scrive:
            Re: Open sorci, la UE non vi ca.. fila
            - Scritto da:
            - Scritto da:


            Ehhh... le patate... si mangiano le patate...
            non

            si riempiono di coca per

            sniffarle...

            Complimenti, non dev'essere facile usare la
            tastiera con addosso una camicia di
            forza.Dopo poco ci si fa l'abitudine. :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Open sorci, la UE non vi ca.. fila
      - Scritto da:
      Che si fa adesso ?
      6 mesi di rosik ad inveire contro il draga o
      cominciate seriamente a creare degli standard
      commercialmente sfruttabili visto che la UE è
      un'organizzazione economica e non una onlus
      ?Il tuo traduttore Kilingoniano-Italiano non funziona mica tanto bene, sai ?Fai un respiro profondo, conta fino a 10 e prova a riscrivere il messaggio :)
  • Anonimo scrive:
    Insomma, decidetevi
    Insomma un giorno dite che è contro, il giorno dopo che è pro, il giorno dopo ancora che è contro... decidetevi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Insomma, decidetevi
      - Scritto da:
      Insomma un giorno dite che è contro, il giorno
      dopo che è pro, il giorno dopo ancora che è
      contro...
      decidetevi!La norvegia non sta nella UE, loro sono contro.Possimo andare tutti a Oslo, se non fosse una delle città più care del mondo.
Chiudi i commenti